Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

MartedÌ, 4 Agosto 2020 - 22:22

trovo aziende

 

temTEMPERAMENTE - Come la vedete la globalizzazione, in particolare quella riguardante il campo gastronomico? È una sicurezza quando si viaggia all’estero o quando gli altri ristoranti sono chiusi per via dell’orario, o male assoluto che uccide le tradizioni locali e i le piccole imprese? Di questo parla La piramide del caffè.

L’intreccio principale è molto semplice: il ragazzo ungherese Imi è stato abbandonato dalla madre quando era ancora in fasce e ha quindi sempre vissuto in un orfanotrofio, ma ha sempre sognato di raggiungere e vivere a Londra. Riesce nel suo intento dopo un autentico viaggio della speranza in treno, da Landor, stazione alla fine dell’Ungheria ma all’inizio del resto d’Europa.

Riesce a trovare lavoro in una grande catena di caffetterie, la Proper Coffee, impresa sì fittizia, ma che ammicca palesemente a caffetterie in franchising che tutti noi conosciamo e in cui ci siamo fermati almeno una volta.

Al protagonista viene consegnato un piccolo manuale di istruzioni che detta le linee guida a cui attenersi all’interno della caffetteria, manuale che lui non vede l’ora di imparare per poi mettere in pratica i consigli in esso contenuti.

È proprio in questo libretto d’istruzioni del perfetto dipendente della Proper Coffee che intuiamo il significato del titolo del romanzo: la gerarchia della caffetteria è infatti piramidale, simpaticamente da Imi ribattezzata ‘di stampo faraonico’ . Dopo aver fatto un’ottima impressione dopo il colloquio di assunzione e durante il periodo di prova, la sua carriera decolla molto velocemente, passando dallo stare nelle cucine a lavare i piatti a stare dietro il bancone a preparare caffè e cappuccini. Non per sempre però le cose andranno bene: i supervisori di Imi, Andrew e Victoria, seguono il ‘manuale del caffè’ alla lettera e con troppa riverenza, manco fosse un testo sacro, e questo porta a delle situazioni paradossali, in cui la troppo complicata quotidianità è naturale che non possa essere prevista nella sua totalità da nessun manuale o prontuario all’uso.

Ad Imi, che è un ragazzo semplice e puro, contraddistinto da buonafede e voglia di lavorare, tutto ciò sembra assurdo, e gli pare di perdere tempo davanti a delle inezie quali l’impossibilità di vendere una fetta di torta rottasi durante il trasporto o il preparare il cappuccino con modalità differenti –ma qualitativamente migliori- da quelle previste. C’è una vera e propria crescita del personaggio, il quale perde l’iniziale ingenuità riguardo la magnificenza di Londra e la bontà della catena di caffetteria per la quale lavora, sempre affiancato e sostenuto dai suoi amici Morgan, libraio iraniano, Lynne, spensierata padrona di casa, e Jordi, suo cinico collega spagnolo.

Per fortuna che il prezzo di un libro non è dato (esclusivamente) dalla lunghezza del testo. Infatti quello di Lecca è un libretto breve, semplice, che si legge in pochi giorni, ma cavolo se è profondo. La descrizione delle situazioni in orfanotrofio è davvero sublime, e si capisce come Lecca abbia potuto cogliere e descrivere questo luogo dell’anima proprio grazie ad una sua confessione nelle ultime pagine, riportata sotto la rubrica ‘Per amor di verità’:

“Nell’estate del 2005 sono capitato per caso in un orfanotrofio. In quel luogo che appariva povero e triste, ho trovato nascosta una straordinaria abbondanza di gioia. Da allora ci sono tornato spesso, trascorrendovi circa cinquecento giorni: l’ho fatto perché mi sono reso conto che lì si trovava nascosto il segreto della felicità. E io volevo scoprirlo.” La piramide del caffè è una favola moderna, molto delicata, quasi impalpabile. Mi ha ricordato la prima neve che scende dal cielo verso novembre che non attacca sulle strade e non disturba nessuno. E quest’opera questo fa: non disturba nessuno e, anzi, arricchisce il lettore senza neanche farsene accorgere, con grazia e premura.

Nicola Lecca, La piramide del caffè, Mondadori, 2013, € 17

Altre recensioni su www.temperamente.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

La pubblicità
Pubblicità

Pubblicità

Ginevra
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 425 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 

FUORI CITTA'

Putignano, spazi alle idee: martedì 4 agosto inaugurazione di Piazza Teatro

04-08-2020

PUTIGNANO - Martedì 4 agosto alle ore 19:00 s’inaugura Piazza Teatro, il nuovo spazio di rigenerazione urbana e sociale ideato...

Da Alberobello a Pescara per “Mister Italia 2020”

01-08-2020

ALBEROBELLO - C’è anche un 20enne di Alberobello (BA) tra i trentadue finalisti che sabato sera 1 agosto a Pescara...

Guardia di Finanza Bari: eseguite tre ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei responsabili di…

17-07-2020

BARI - In data odierna, i Finanzieri del G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari...

Alberobello - Molestie e minacce in un locale pubblico: arrestato dai Carabinieri

16-07-2020

ALBEROBELLO - I Carabinieri della Stazione di Alberobello, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP presso il Tribunale...

Gioia del colle - Arrestato imprenditore per sfruttamento del lavoro

09-07-2020

GIOIA DEL COLLE (Bari) - I Carabinieri della “task force” dedicata al contrasto del fenomeno della intermediazione illecita e dello sfruttamento...

Operazione “ECLISSI” dei Carabinieri della Compagnia di Monopoli: 6 arresti

06-07-2020

BARI - Dalle prime ore dell’alba, i Carabinieri della Compagnia di Monopoli, coadiuvati dal Nucleo Cinofili e dallo Squadrone eliportato Cacciatori...

NECROLOGI

E' tornato alla casa del Padre Giovanni Novembre

10-06-2020

E' tornato alla casa del Padre all'età di 71 anni Giovanni Novembre. Lo annunciano la moglie Angela, i figli Giuseppe...

Ricordo di Nicola Putignano

22-12-2019

Il 18 dicembre 2019 è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari e dell'intera città il prof. Nicola Putignano, docente...

Muore il 42enne Mirko Quarato: oggi i funerali in Chiesa Madre

24-04-2019

NOCI (Bari) - Non ce l'ha fatta a sopravvivere il giovanissimo Mirko Quarato dopo il pericoloso incidente che lo aveva...

LETTERE AL GIORNALE

Auguri nonna Stella!

04-07-2020

NOCI (Bari) - Il 1 luglio 2020 nonna Stella, per tutti Stella Palattella, per le amiche e vicine di casa "Stellina...

Offese all'ing. Conforti. La replica dei giornalisti Longo e Scagliarini

05-06-2020

Riceviamo e pubblichiamo la replica dei giornalisti Giovanni Longo e Massimiliano Scagliarini al comunicato pubblicato il 23 maggio su NOCI24.it a firma...

Morea replica a Plantone

22-05-2020

NOCI - Il consigliere comunale di minoranza Stanislao Morea (Idea Noci) ha diffuso una nota in replica al comunicato del consigliere...

Per una Scuola silenziosa ed autenticamente operante

27-04-2020

LETTERE AL GIORNALE - Nel mostrare ciò che si fa, si corre sempre il rischio che la volontà di fare...

Vito Plantone: "Andrà tutto bene"

15-03-2020

COMUNICATO - Ci sentivamo invincibili. Pensavamo che il mondo fosse controllabile semplicemente dal nostro salotto di casa e tenendo tra...

“Ed elli avea del cul fatto trombetta”

13-03-2020

LETTERE AL GIORNALE - "Perché mi serve un nemico?" chiese Paperone a Rockerduck. Il mio è la pigrizia che combatto...