Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

VenerdÌ, 27 Gennaio 2023 - 15:57

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

GianvitoPutignano1NOCI - La comunità nocese dice addio all’imprenditore edile Gianvito Putignano. Se n’è andato sabato scorso, in silenzio, con la delicatezza e la signorilità che lo hanno sempre contraddistinto, all’età di 85 anni. Con lui va via l’ultimo imprenditore edile appartenente a una generazione avvezza a costruire oltre che con reale impegno, anche con amore e passione. Tanti sono stati i messaggi di cordoglio pervenuti alla famiglia dai suoi ex dipendenti e di chi lo ha conosciuto, di chi da lui è stato silenziosamente aiutato.

GianvitoPutignano2Secondo di 6 fratelli, Gianvito Putignano era nato a Noci il 13/02/1936 con l’edilizia in un certo senso già insita nel DNA. Era infatti nipote di Nicola Putignano, conosciuto per aver realizzato l’Abbazia della Madonna della Scala, alla fine degli anni ’20. Fa subito i conti con il primo grande dolore della sua vita: la perdita del fratello maggiore a causa di un incidente sul cantiere. Una cicatrice che lo segnerà per l’intera esistenza.
Giovanissimo, inizia a collaborare prima con la ditta del padre Giuseppe (anch’egli costruttore edile) e successivamente con ditte della Lombardia.
Ventitreenne, sposa Edda Tassani, Figlia di Fulvio, il giardiniere a cui si deve la rinascita della villa comunale, ancora oggi indimenticato dai nocesi. Coronato il sogno d’amore, Gianvito realizza anche quello imprenditoriale, aprendo una sua impresa edile. Impresa che, da subito, inizia a operare in tutta la regione da Mesagne a Taranto, realizzando opere e infrastrutture importanti.
E’ proprio nella città Ionica che l’impresa nocese diventa una delle più importanti della città, costruendo chiese (Santi Medici e San Roberto Bellarmino), scuole , impianti sportivi ed industriali, ospedali ed abitazioni. Molti dei grattacieli ad uso abitativo su viale Magna Grecia sono state realizzate da maestranze nocesi sotto la guida del titolare Putignano Gianvito. Oltre Noci, vi sono opere realizzate da lui sparse per la Puglia a Bari, Triggiano, Palagiano, Mottola, Manduria, Ceglie, Lecce e anti altri posti.
Alla fine degli anni ottanta la sua impresa contava oltre 70 dipendenti diretti dando contestualmente molto lavoro all’esterno ad artigiani e maestranze locali (fabbri, falegnami, idraulici etc..)
All’inizio degli anni novanta oltre ad essere una delle imprese leader nel settore delle costruzioni della regione, ottiene tutte le certificazioni di qualità ed attestazioni di qualificazione a gareggiare per la realizzazione di opere pubbliche per tutte le categorie di lavori dal Restauro agli impianti .
Supportato dai figli ed in società con il fratello Mario, l’impresa con il suo nome prosegue la sua attività in tutta Italia in particolar modo Lombardia, Emilia Romagna e Marche, realizzando importanti strutture sanitarie, edifici scolastici, universitarie, terziario e residenziale di edilizia pubblica e privata. Sempre in quegli anni apre una prestigiosa sede a Milano nei pressi di Corso Buenos Aires .
Gianvito lascia ai suoi quattro figli, Giuseppe, Paola, Walter e Graziano (e ai suoi otto nipoti) il ricordo di una persona di un uomo di grande forza, generosità e lungimiranza. Tantissimi i messaggi di cordoglio e soprattutto di vivo e autentico affetto che sono pervenuti in questi giorni ai famigliari, malgrado essi, fedeli alla loro estrema riservatezza, non avessero fatto menzione sui social della loro perdita e del dolore derivatone.
Gli ex dipendenti, incanutiti hanno voluto manifestare la propria vicinanza alla famiglia Putignano, ricordando non solo le capacità imprenditoriali e la lungimiranza di Gianvito, ma anche e soprattutto la sua umanità e generosità. Neanche gli stessi famigliari sapevano quanto egli avesse fatto per aiutare divere persone in difficoltà. Lo hanno scoperto solo dopo la sua dipartita, perché Gianvito aveva fatto tutto con silenziosa discrezione. Addirittura c’è chi ricorda ancora il suo profumo, che avvolgeva tutto quando si entrava nel suo ufficio. Una ulteriore nota di signorilità che rimane nell’animo e nelle narici, a testimonianza del fatto che il profumo delle belle persone non si estingua mai. C’è chi ringrazia Gianvito per “aver dato la possibilità alla propria famiglia, così come a tante altre, la possibilità di mettere un piatto in tavola” chi lo ricorda come un galantuomo.
Il figlio, l’architetto Walter Putignano, contattato, si dice commosso da tante manifestazioni di vicinanza “Vedere i suoi ex dipendenti con le lacrime agli occhi, mi ha fatto pensare che i loro sforzi e quelli di mio padre non dovessero essere dimenticati e di quanto è importante in un’attività di successo il gioco di squadra. E la consolazione più grande, nel momento in cui una persona cara va via, sta nel constatare quanto vivo sia ancora il ricordo che ha lasciato negli altri”.
Se solo guardiamo alla realtà di oggi, dove tanti imprenditori si impoveriscono di umanità, man mano che le loro aziende crescono in importanza e i loro portafogli si riempiono, se solo guardiamo a tutti quegli imprenditori che considerano i dipendenti non come una seconda famiglia ma come mere macchine da lavoro, quasi come limoni da spremere, quanto diversa e luminosa appare la figura di “Mest Vit” come tutti lo chiamavano in cantiere. Viene da chiedersi se davvero si possa permettere che quella generazione di imprenditori con scarpe grosse, cervello fino e soprattutto grande cuore, sia davvero destinata a morire. No, crediamo che Gianvito non lo vorrebbe, e che auspicherebbe piuttosto a continuare a edificare negli animi degli imprenditori di oggi, consigliando loro che i primi mezzi da mettere in campo sono la passione e l’umanità, che la chiave di un’azienda dev’essere sempre il cuore. Buon viaggio, Gianvito e grazie perché quelle fondamenta le hai costruite davvero con materiali solidi.
La redazione tutta si associa al dolore della famiglia Putignano, dolore che la forza e la bellezza del ricordo sapranno tramutare in orgoglio e dolcezza.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Necrologi

trovo aziende

 

Pubblicità

 

 

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 252 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 
Pubblicità

FUORI CITTA'

Furti con scasso ai self-sevice di tabacchi e stazioni di servizio, quattro arresti

21-01-2023

MODUGNO - I Carabinieri della Compagnia di Modugno supportati da quelli di Palestrina (RM), in esecuzione di ad un’ordinanza di misura...

Altamura - Sequestro di armi e refurtiva in un box condominiale: due arresti

18-01-2023

ALTAMURA - I Carabinieri di Altamura hanno arrestato in flagranza di reato per detenzione illegale di armi e munizioni e ricettazione...

Infermiera presa a calci da una paziente in attesa al pronto soccorso dell’Ospedale Di Venere

15-01-2023

BARI – “Apprendiamo con sdegno dell’aggressione subita ieri da una nostra infermiera in servizio presso il pronto soccorso dell’Ospedale Di...

Grumo Appula - Eseguito ordine di carcerazione nei confronti di una 35enne per concorso in…

28-12-2022

GRUMO APPULA - I Carabinieri della Compagnia di Modugno hanno eseguito un ordine di carcerazione, emesso dalla Procura Generale presso la...

Bari, Casamassima, Turi e Locorotondo. Estorsioni ai cantieri edilizi e traffico di stupefacenti, aggravati dal…

23-12-2022

BARI - I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari hanno eseguito sei ordini di carcerazione, emessi dalla Procura Generale presso la...

Putignano: 8 arresti per tentato omicidio e lesioni personali gravi

05-12-2022

Contestata anche la tentata estorsione, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione abusiva di armi da sparo di illecita provenienza...

NECROLOGI

Addio a Rocco Recchia, decano degli artigiani nocesi

18-11-2022

NOCI – Lutto nel mondo dell’artigianato nocese: ci ha lasciati Rocco Recchia, il noto e stimatissimo calzolaio che aveva ereditato...

Lutto nell'imprenditoria locale: addio a Raffaele Putignano

11-10-2022

NOCI - Questa mattina è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari l'imprenditore nocese Raffaele Putignano, all'età di 72 anni, dopo una...

Ci lascia il giovane concittadino Domenico: un lutto inaspettato per Noci

18-08-2022

NOCI – Una settimana di Ferragosto amara per Noci, che ha appreso con dolore la notizia della tragica scomparsa di...

Ci lascia Titina Sansonetti: aveva appena compiuto 104 anni

09-04-2022

NOCI – La comunità nocese perde ancora un baluardo della sua storia. Questa mattina infatti si è conclusa l’esistenza terrena...

Lutto tra i Carabinieri Forestali di Noci

28-02-2022

NOCI - Noci e la Coreggia piangono Nicola Annese, quarantotto anni, Carabiniere Forestale presso la Stazione di Noci da parecchi anni...

Addio a Peppino Longo

31-01-2022

BARI - “Perdiamo un amico, un rappresentante della Puglia, un uomo buono, sempre al servizio della sua terra. Imprenditore di...

LETTERE AL GIORNALE

Natale a Noci: un bilancio positivo

08-01-2023

NOCI - Le sezioni nocesi di Confartigianato, Confcommercio e Coldiretti, insieme all'AIS Puglia esprimono un caloroso ringraziamento ai nocesi per la...

Diversità ed inclusione

17-12-2022

LETTERE AL GIORNALE - Nella cornice delle feste natalizie, in un clima di inclusione e condivisione, gli alunni della 2D della...

Nino Vaccalluzzo e Noci: un tributo al maestro dell’Arte pirotecnica tragicamente scomparso

15-09-2022

Nell'immagine: Antonio Labate e Tonino D'Onghia accompagnati da Nino Vaccalluzzo (a sinistra) durante la visita all'azienda del 25 giugno 2010...

Un Comitato per l'estensione della rete idrico-fognante in Zona H

28-03-2022

LETTERA AL GIORNALE - In data 6/7 marzo 2022 è stata inviata al Comune di Noci e all’Autorità Idrica Pugliese...

Liuzzi "La Gazzetta, una lunga pausa salutare"

24-02-2022

NOCI - Una lunga pausa salutare. E non solo per il giornale e per i giornalisti ma anche, paradossalmente, per i...

IIS "Da Vinci - Agherbino": doverose precisazioni

07-01-2022

COMUNICATO - A seguito di notizie di stampa che rappresentano infedelmente la realtà dei fatti, l’Istituto “Da Vinci – Agherbino”...