Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

MartedÌ, 31 Marzo 2020 - 18:10

trovo aziende

 

12 31personaleroccocolucciNOCI (Bari)-  E' stata inaugurata lo scorso 29 dicembre nel chiostro delle clarisse la prima mostra personale di Rocco Colucci, artista già conosciuto dai nocesi e che aveva già partecipato a diverse mostre collettive vincendo numerosi premi. Tecnico del restauro e restauratore di beni culturali, Colucci si occupa da sempre e con impegno delle finiture in edilizia artistica, curando contemporaneamente il recupero e la conservazione di manufatti artistici. Dopo i saluti istituzionali del sindaco Domenico Nisi, il regista cinematografico Domenico De Orsi ha introdotto il percorso espositivo e l’installazione. Grande protagonista della serata? La luce!

Il titolo della mostra allestita ed intitolata “Il gioco dell’arte” non deve fuorviare lo spettatore: l’intento non è affatto quello di declassare l’arte alla stregua di un qualcosa di puramente ludico. La lingua italiana ci insegna che si può “giocare” anche con i molteplici significati che le parole assumono a seconda del contesto in cui le usiamo e della sfumatura che vogliamo prediligere. In questo caso, “gioco” significa sperimentare attraverso l’uso di materie e tecniche differenti, creare con impegno, passione e perché no, anche divertendosi nel vedere in quali e quanti risultati la creatività si concretizza. Allo spettatore risulterà immediatamente chiaro il legame inscindibile tra l’arte di Rocco Colucci e la sua attività di artigiano. Cosa significa etimologicamente la parola “artigiano” se non “colui che crea arte”? La vera arte, in tutte le sue forme, è sempre germogliata all’interno delle botteghe di artigiani. “Una mostra fatta non di oggetti ma di concetti” hanno ricordato unanimemente Colucci e De Orsi.

12 31fotografieroccocolucciMolteplici sono le materie dell’artigianato locale con cui sono realizzate le opere: legno, vetro, terracotta, parti di apparecchiature elettroniche e parti elettriche ma anche tele, china e colori. Il percorso della mostra è costellato anche di fotografie (la fotografia infatti è un’altra grande passione di Colucci) sulle quali egli ama sperimentare in formato sia analogico che digitale. L’opera più cara all’artista è “Terza età”, uno scatto realizzato nel 1979 che ha per protagonista suo nonno materno. Al 2003 risale invece “Voyeur”, il disegno china su carta che vuol rappresentare il senso di smarrimento e di alienazione in un mondo che marcia sempre più verso la digitalizzazione e dove si fatica a tracciare la linea di demarcazione tra virtuale e reale.

12 31opereroccocolucci

Al termine del percorso espositivo, lo spettatore si imbatte nell’opera principale: “Macchina di luce”, un totem luminoso che ha per base la ruota di un trattore e che compendiando materiali diversi, rappresenta una sorta di “calendario evolutivo” dell’arte nel corso dei secoli: dalle pitture rupestri all’interno delle grotte, primissima espressione artistica dell’uomo, passando per i geroglifici egizi e per l’uomo di Leonardo da Vinci, fino ad arrivare alle stampe digitali. In cima a questa originale e suggestiva “piramide” un cavo di fibra ottica luminoso, modellato sulla forma di un neurone, microscopica ma vera ed importante sede dell’intelligenza e della creatività umana, da cui tutto parte. L’opera è stata realizzata in maniera sinergica con diverse figure dell’artigianato locale, che hanno dato ciascuno un contributo concreto all’idea partita da Colucci: Natale Conforti (Opera in ferro); Michael Dogali (relizzazione modelli 3D); Mario Simone (apparecchiature elettroniche e parti elettriche) ; Fabio Basile e Margherita Calefati (bassorilievi in terracotta); Fabio Calicchio (verniciatura e modellazione opera); Leonardo D’Onghia (opere in legno); Rocco Pertoldi (opere in vetro). Questa compartecipazione rivoluziona in un certo senso il concetto di arte, che non è più egoisticamente chiusa nel suo individuale narcisismo, ma diventa un vero e proprio gioco sinergico, in cui la collaborazione si rende sempre più necessaria per la realizzazione di opere che abbiano realmente un forte significato e un grande impatto empatico ed emotivo. La mostra sarà visitabile fino al 7 gennaio, quindi consigliamo a tutti questa bella immersione nell’arte che è anche soggettiva interpretazione ed emozione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

Necrologi

Necrologi - Domenica, 22 Dicembre 2019

Ricordo di Nicola Putignano

Necrologi - Sabato, 23 Febbraio 2019

Cordoglio

Auguri

Auguri - Domenica, 15 Luglio 2018

Congratulazioni a Sabrina Silvestri

Auguri - Venerdì, 15 Novembre 2013

I tuoi auguri a...

Auguri - Martedì, 03 Gennaio 2012

Buon anno con il calendario di NOCI24.it

Pubblicità

La pubblicità
Pubblicità

Pubblicità

Ginevra
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 583 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 

FUORI CITTA'

Giovanni Paolo II di Putignano: 24 casi positivi al Coronavirus

29-03-2020

PUTIGNANO (Bari) - E' di pochi minuti fa la notizia della conferma dei 24 casi risultati positivi al Coronavirus in quel...

Provincia di Bari Bat, emergenza COVID-19: tante persone denunciate per violazioni all’art.650 c.p., furto…

20-03-2020

COMUNICATO - In questi ultimi giorni molteplici sono state le violazioni ai sensi dell’art. 650 del C.P. rilevate dai Carabinieri...

Sequestro di cocaina e marijuana grazie al fiuto del cane delle Fiamme Gialle Lady

05-03-2020

BARI - Nell’ambito del costante controllo del territorio volto alla repressione dei traffici illeciti - coordinato dal I Gruppo della...

Cala il sipario sul Carnevale di Putignano: sospesa la festa della pentolaccia

29-02-2020

PUTIGNANO (Bari) - «A causa dei recenti avvenimenti che stanno interessando il nostro Paese – dichiara la sindaca di Putignano...

Andria - Sequestrati reperti archeologici

27-02-2020

Andria (Bat) - I Carabinieri della Compagnia di Andria hanno conseguito un importante risultato nel contrasto al mercato illecito dei beni...

Carnevale di Putignano: il programma di questo weekend

22-02-2020

NOCI (Bari) - Dopo il successo dell’ultima parata mascherata, che ha visto la presenza di circa 20mila spettatori, l’allegria e...

NECROLOGI

Ricordo di Nicola Putignano

22-12-2019

Il 18 dicembre 2019 è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari e dell'intera città il prof. Nicola Putignano, docente...

Muore il 42enne Mirko Quarato: oggi i funerali in Chiesa Madre

24-04-2019

NOCI (Bari) - Non ce l'ha fatta a sopravvivere il giovanissimo Mirko Quarato dopo il pericoloso incidente che lo aveva...

Cordoglio

23-02-2019

La Dirigente Scolastica, prof.ssa Rosa Roberto, con l’intera comunità scolastica dell’IIS “Da Vinci – Agherbino”, partecipa al dolore della professoressa...

LETTERE AL GIORNALE

Vito Plantone: "Andrà tutto bene"

15-03-2020

COMUNICATO - Ci sentivamo invincibili. Pensavamo che il mondo fosse controllabile semplicemente dal nostro salotto di casa e tenendo tra...

“Ed elli avea del cul fatto trombetta”

13-03-2020

LETTERE AL GIORNALE - "Perché mi serve un nemico?" chiese Paperone a Rockerduck. Il mio è la pigrizia che combatto...

8 Marzo, Giulia Basile: "Anche questa volta le donne saranno capaci di aiutare"

08-03-2020

NOCI (Bari) - Quest'anno il rumore dell'8 Marzo ha il rumore del pianto: piove. La prima cosa che ho pensato...

Mottola "Noci conceda la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre"

10-11-2019

LETTERE AL GIORNALE - In una nota stampa l'avvocato e saggista storico, Josè Mottola, riflettendo su quanto accaduto nelle scorse...

Nisi "Da una periferia, ai dirigenti del Partito Democratico"

13-08-2019

LETTERE AL GIORNALE - È il mio partito. E lo è soprattutto perché è democratico. C’è, nel PD - come, ad...

Cani randagi tra via Ortolani e via Roma: lettera di segnalazione

05-08-2019

NOCI (Bari) - Riceviamo e pubblichiamo la lettera che un lettore di Noci24.it ha voluto inviare al Sindaco di Noci...