Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

LunedÌ, 6 Febbraio 2023 - 23:59

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

04 15 LeNostreTradizioniPasqualiNOCI – Un viaggio intenso e suggestivo quello proposto lo scorso 14 aprile, nella giornata del Giovedì Santo, dall’Associazione RiGenera.
Il percorso, iniziato dal Calvario alle ore 19:30, ha portato i partecipanti lungo le strade del nostro Centro Storico alla scoperta dei riti e delle liturgie popolari che caratterizzavano un tempo la Settimana Santa. Preziosa è stata la collaborazione sia di Antonio Natile, profondo conoscitore del territorio e del grande patrimonio culturale che lo riguarda, sia di Felice Gioia, che per la prima volta ha riproposto alcuni antichi canti databili all’incirca al 1700.

Guarda il Video https://fb.watch/cp8IReSRqc/

04 15 AllascopertadiRitieTradizioniPasqualiIl percorso, naturalmente, non poteva non toccare le Chiese del Carmine e quella dedicata a Sant’Agostino e San Giuseppe, risalente al 1659 e importante perché vi sono custodite le effigi della Desolata e della Pietà, protagoniste della Processione dei Misteri, tanto amata dai nocesi.
Come ha ricordato Antonio Natile, la prima documentazione che la riguardi risale al 1635, ma certamente non dobbiamo immaginare la Processione dei Misteri dell’epoca così come la conosciamo oggi.
All’epoca, la partenza avveniva dalla Chiesa di San Pietro ed era gestita dalla Confraternita del Sacramento. Non va infatti dimenticato il ruolo importantissimo giocato all’epoca dalle molteplici confraternite esistenti sul territorio, che spesso entravano anche in confitto tra di loro per la gestione di eventi e liturgie religiose.

04 15 TradizioniSettimanaSanta

Guarda il Video https://fb.watch/cp8IReSRqc/

Sul finire degli anni ’60, la Processione dei Misteri venne sospesa per diversi decenni. Riprenderà infatti solo nel 1996, ampliata con le processioni del venerdì mattina.
Merita un’attenzione particolare anche la Processione di Cristo Casaboli, che deve il suo nome a un falso storico, una “fake news” ante litteram.
Per lungo tempo si è infatti ritenuto che il Crocifisso portato in processione proprio durante il Venerdì Santo, fosse quello “miracolosamente” salvatosi da un incendio che nel 1400 avrebbe distrutto i casali di Barsento e, appunto, quello di Casaboli. La “leggenda” avrebbe però in questo caso contribuito a mantenere viva la tradizione.
Riguardo alle statue portate in processione, esse dovevano essere necessariamente dotate di grande espressività, dalla quale doveva poi derivare tutto il loro potere comunicativo, rivolto a un popolo per la maggior parte non certo acculturato, che necessitava di “vedere” per meglio intendere. Proprio a questo proposito, una delle maggiori “pecche” della Chiesa dell’epoca era l’esprimersi in latino, una lingua che certamente non era quella in cui potesse identificarsi la gente semplice.
Il popolo, così, quasi per ripicca, iniziò a trasporre in dialetto moltissime preghiere, alcune delle quali poi musicate sulla base dei “canti ufficiali”.
Se vogliamo, queste rielaborazioni in dialetto, la “lingua del cuore”, risultano ancora più toccanti. Non a caso, tra i momenti clou della serata c’è stata proprio l’esibizione del nostro ormai iconico Felice Gioia in due antichi canti popolari databili all’incirca al 1700 e riproposti per la prima volta in assoluto. Al termine delle due intense esibizioni, sia Gioia che Natile hanno evidenziato come non si trattasse di un semplice e “laconico” cantare le lodi, ma quasi di una partecipatissima rappresentazione teatrale, che vedeva le donne calarsi realmente nei panni dell’Addolorata e delle sue consolatrici, che la confortavano ricordandole che solo 3 giorni sarebbero dovuti trascorrere prima che vedesse suo Figlio risorgere. Va sottolineato come, al tempo, l’accento venisse posto prevalentemente sulla Via Crucis, quindi sulla passione e sui dolori sofferti da Cristo, piuttosto che sulla resurrezione, quindi sull’epilogo glorioso del calvario.

04 15 AnticheTradizioniSettimanaSanta

Guarda il Video https://fb.watch/cp8IReSRqc/

Il percorso è terminato presso la “gnostra d’ capegnure”, dove oltre a scambiarsi gli auguri in vista della Pasqua, i presenti hanno potuto degustare i dolci tipici della tradizione del periodo. Protagonisti i classici taralloni ricoperti di glassa di zucchero e i mitici “sòrge mbise”.
Merita una riflessione il nome dialettalmente imposto a quelle che nel resto della Puglia sono meglio conosciute come “scarcelle”.
Se erroneamente molti erano convinti che “sorge mbise” fosse riferibile al fatto che questo dolce tradizionale avesse l’uovo (simbolo della vita) “incastonato” nell’impasto, Antonio Natile ne ha ricordato la definizione letterale che sarebbe appunto “colui che si è alzato in piedi” (quindi che è risorto). E i nostri nonni o genitori, ricorderanno bene come fosse severamente vietato addentare questa prelibatezza prima che suonassero a festa le campane nella domenica di Pasqua.
Ci piace concludere proponendovi qui di seguito il video dell’esibizione di Felice Gioia, in modo che anche i lettori impossibilitati a partecipare all’evento possano ascoltare per la prima volta questo commovente canto popolare che nessuno cantava più da moltissimi anni.

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Necrologi

trovo aziende

 

Pubblicità

 

 

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 504 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 
Pubblicità

FUORI CITTA'

Bari - 9 persone indagate per associazione per delinquere finalizzata al furto, alla ricettazione e…

01-02-2023

BARI - Dalle prime luci dell’alba, i Carabinieri del Comando Provinciale di Bari, coadiuvati dai militari dei Comandi Provinciali di Brindisi...

Capurso – Indagini dei Carabinieri su un’agenzia automobilistica: falsificava atti pubblici per velocizzare e definire…

01-02-2023

CAPURSO - I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa di misura cautelare emessa dal Gip...

GdF Bari: sequestrati numerosi capi di abbigliamento e cuscini contraffatti dei brand “Disney” e “Marvel”

28-01-2023

PUTIGNANO - I Finanzieri della Tenenza di Putignano, nell’ambito di autonoma attività info-investigativa volta alla repressione dei traffici illeciti, con particolare...

Furti con scasso ai self-sevice di tabacchi e stazioni di servizio, quattro arresti

21-01-2023

MODUGNO - I Carabinieri della Compagnia di Modugno supportati da quelli di Palestrina (RM), in esecuzione di ad un’ordinanza di misura...

Altamura - Sequestro di armi e refurtiva in un box condominiale: due arresti

18-01-2023

ALTAMURA - I Carabinieri di Altamura hanno arrestato in flagranza di reato per detenzione illegale di armi e munizioni e ricettazione...

Infermiera presa a calci da una paziente in attesa al pronto soccorso dell’Ospedale Di Venere

15-01-2023

BARI – “Apprendiamo con sdegno dell’aggressione subita ieri da una nostra infermiera in servizio presso il pronto soccorso dell’Ospedale Di...

NECROLOGI

Addio a Rocco Recchia, decano degli artigiani nocesi

18-11-2022

NOCI – Lutto nel mondo dell’artigianato nocese: ci ha lasciati Rocco Recchia, il noto e stimatissimo calzolaio che aveva ereditato...

Lutto nell'imprenditoria locale: addio a Raffaele Putignano

11-10-2022

NOCI - Questa mattina è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari l'imprenditore nocese Raffaele Putignano, all'età di 72 anni, dopo una...

Ci lascia il giovane concittadino Domenico: un lutto inaspettato per Noci

18-08-2022

NOCI – Una settimana di Ferragosto amara per Noci, che ha appreso con dolore la notizia della tragica scomparsa di...

Ci lascia Titina Sansonetti: aveva appena compiuto 104 anni

09-04-2022

NOCI – La comunità nocese perde ancora un baluardo della sua storia. Questa mattina infatti si è conclusa l’esistenza terrena...

Lutto tra i Carabinieri Forestali di Noci

28-02-2022

NOCI - Noci e la Coreggia piangono Nicola Annese, quarantotto anni, Carabiniere Forestale presso la Stazione di Noci da parecchi anni...

Addio a Peppino Longo

31-01-2022

BARI - “Perdiamo un amico, un rappresentante della Puglia, un uomo buono, sempre al servizio della sua terra. Imprenditore di...

LETTERE AL GIORNALE

Natale a Noci: un bilancio positivo

08-01-2023

NOCI - Le sezioni nocesi di Confartigianato, Confcommercio e Coldiretti, insieme all'AIS Puglia esprimono un caloroso ringraziamento ai nocesi per la...

Diversità ed inclusione

17-12-2022

LETTERE AL GIORNALE - Nella cornice delle feste natalizie, in un clima di inclusione e condivisione, gli alunni della 2D della...

Nino Vaccalluzzo e Noci: un tributo al maestro dell’Arte pirotecnica tragicamente scomparso

15-09-2022

Nell'immagine: Antonio Labate e Tonino D'Onghia accompagnati da Nino Vaccalluzzo (a sinistra) durante la visita all'azienda del 25 giugno 2010...

Un Comitato per l'estensione della rete idrico-fognante in Zona H

28-03-2022

LETTERA AL GIORNALE - In data 6/7 marzo 2022 è stata inviata al Comune di Noci e all’Autorità Idrica Pugliese...

Liuzzi "La Gazzetta, una lunga pausa salutare"

24-02-2022

NOCI - Una lunga pausa salutare. E non solo per il giornale e per i giornalisti ma anche, paradossalmente, per i...

IIS "Da Vinci - Agherbino": doverose precisazioni

07-01-2022

COMUNICATO - A seguito di notizie di stampa che rappresentano infedelmente la realtà dei fatti, l’Istituto “Da Vinci – Agherbino”...