ADV

 

Giovanna De Crescenzo presenta “A un passo da te”

12 09 AunpassodateGiovannaDeCrescenzo 2NOCI (Bari) - Si è tenuto lo scorso 7 dicembre, presso il Chiostro delle Clarisse, il primo dei sei incontri previsti nell’ambito dell’iniziativa: “Io leggo, tu leggi, noi leggiamo”, promossa dall’Associazione “Vivere D’Arte Eventi”, con il patrocinio del Comune di Noci e in collaborazione con la libreria “Mondadori Point” e Noci Gazzettino. Come ha ricordato il direttore artistico Gabriele Zanini, gli incontri letterari con gli autori termineranno a marzo 2020. Ospite della serata che ha preso il via a partire dalle 18:30, la nota ed apprezzata scrittrice e conduttrice del TgNorba24, Giovanna De Crescenzo, che ha presentato il suo romanzo intitolato “A un passo da te”. A dialogare con l’autrice è stata Viviana Miccolis, mentre dalla voce di Rosanna Buonfrate, la platea ha potuto ascoltare alcuni degli stralci più significativi del romanzo.

12 09 AunpassodateGiovannaDeCrescenzo 1Il titolo, “A un passo da te” è già molto eloquente: tutti siamo costantemente ad un passo da qualcosa: dal baratro o dalla rinascita, dalla delusione cocente o dal trovare il vero amore, dal fallimento o dall’occasione della nostra vita. Come ha rivelato l’autrice, la stesura del romanzo ha richiesto nove mesi: le esatte tempistiche di una vera e propria gestazione. Spesso può accadere (e chi ama la scrittura lo so benissimo) di aver ben chiara in mente una storia da raccontare ma di non sapere da dove iniziare.

12 09 AunpassodateGiovannaDeCrescenzo 3“Un pomeriggio ero a casa da sola e in un lampo mi si è presentata l’immagine di questa ragazza a bordo di una sgangherata Fiat Panda” - ha confessato la De Crescenzo. La sua protagonista, Nina, è una donna piena di debiti e con parecchi grattacapi, in possesso però di un grande coraggio e di spirito battagliero. Odia ogni forma di ingiustizia sociale, i “lecchini” e quelli che li stimano. Nina ha cambiato un’infinità di lavori per sbarcare il lunario, ma non è mai andata come avrebbe desiderato. Le si presenta l’occasione di lavorare come ghost writer e “cercastorie” per conto di una casa editrice. A bordo della sua Fiat Panda non certo fiammante (che tuttavia non la abbandonerà mai per strada) Nina gira l’Italia a caccia di storie interessanti da raccontare. Sarà proprio il viaggio il filo che legherà le molteplici ed importanti tematiche che fanno rientrare il libro nella categoria dei romanzi di formazione. Sono presenti il tema del razzismo, frutto di una mentalità chiusa e retrograda, dell’immigrazione, del mobbing e dell’ingresso nel mondo del lavoro che risulta tutt’oggi difficile per molte donne. Donne che spesso sono anche oggetto di violenza fisica e psicologica e a cui viene chiesto sempre più frequentemente di scendere a compromessi. Nina è la donna che tutte vorremmo essere: la vita  le infligge diverse “batoste”, ma lei si piega senza tuttavia  spezzarsi, resistendo stoicamente e non perdendo mai la speranza. Durante il suo viaggio, ella incontrerà moltissima gente e il lettore si imbatterà quindi in diverse tipologie caratteriali sia maschili che femminili. Sarà dunque impossibile non trovare un personaggio in cui identificarsi profondamente. Bello sarà il rapporto che si instaurerà tra Nina e la sua dirimpettaia novantenne (Galatea) che vive con Tabata, la sua amata gatta. La sua coinquilina Blanca invece, nasconde un segreto sconvolgente, e Nina si chiederà come mai, lei che ha ascoltato tante storie lontane, non abbia prestato maggior ascolto a chi le era più vicina.

Sullo sfondo, c’è una bella ed inaspettata storia d’amore: quella che sboccia tra Nina e Alxander, uomo galante e affascinante capace di rubarle il cuore. Una storia non smielata ma autentica, pulita, fatta di complicità e di gesti, senza che si scada mai in scene palesemente “hot”. Quasi una storia d’altri tempi, fatta di quella sensibilità e quella capacità d’ascolto che oggi mancano. Non vorremmo rischiare di spoilerare oltre, ma vi diciamo soltanto che si tratta di un romanzo positivo, che incita alla speranza, al credere che proprio quando meno ce lo aspettiamo, qualcosa ribalta completamente la nostra vita in senso positivo. Particolarmente consigliato a chi magari si trovi a vivere un momento particolarmente buio, in cui predominano lo sconforto e una visione pessimista di tutto ciò che lo circonda. Potrebbe accadere come per Nina: il destino potrebbe agitare la sua bacchetta magica e tutto potrebbe cambiare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

ADV

 

 

Informazione pubblicitaria

tatulli noci24 ok

 

 

Informazione pubblicitaria La pubblicità

 

 

ADV

FUORI CITTA'

Truffa di 12.000 euro in danno di un anziano. I Carabinieri di Modugno arrestano una…

31-05-2024

MODUGNO - Questa mattina, i Carabinieri della Compagnia di Modugno hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare “agli arresti domiciliari”, emessa...

Sigilli ad autodemolitore abusivo: sequestrata area di 11.000 mq

10-05-2024

GIOIA DEL COLLE – Nei giorni scorsi, i militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (NIPAAF) del...

Altamura: rifiuti tombati in cava

30-04-2024

ALTAMURA - I militari coordinati dal Gruppo Carabinieri forestale di Bari, con l’ausilio del Reparto Carabinieri Parco Nazionale dell’Alta Murgia e...

Bari - Scoperto un deposito di sostanze stupefacenti. Arrestato un 24enne

23-04-2024

BARI - I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari San Paolo hanno arrestato in flagranza di reato un 24enne...

Bari e Capurso: custodia cautelare nei confronti di otto persone per i reati di lesioni…

15-04-2024

BARI E CAPURSO - Nella prima mattinata di sabato i Carabinieri della Compagnia di Bari San Paolo e della Stazione CC...

GdF Bari: ordinanza di misure cautelari nei confronti di 7 persone per corruzione, turbata libertà…

10-04-2024

BARI - I finanzieri del Comando Provinciale di Bari stanno dando esecuzione a Bari e provincia a un’ordinanza applicativa di misure...

NECROLOGI

Addio a Nicola Giacovelli: lo “scalpellino" nocese che fu internato nei lager nazifascisti

11-04-2024

NOCI – La comunità nocese dice addio a Nicola Giacovelli, padre del dott. Francesco Giacovelli, uno dei nostri architetti più...

Addio a Oronzo Colucci: aveva dedicato gran parte della sua vita al volontariato

19-08-2023

NOCI – Una gravissima perdita per Noci: ci lascia Oronzo Colucci, amatissimo dalla comunità per le sue virtù di incondizionato...

Addio a Leo Morea: padre coraggio al fianco delle vittime della strada

02-08-2023

  NOCI – Ci ha lasciati il 2 agosto il nostro concittadino Leo Morea, che pur vivendo a Milano, aveva lasciato un...

Addio alla fotografa Marta Attolini: il ricordo della nipote Angela Bianca Saponari

22-07-2023

NOCI - Ci ha lasciati lo scorso 28 giugno la nota fotografa nocese Marta Attolini, figlia dell'apprezzatissimo Giovanni Attolini, da...

Ci ha lasciato Giovanni Miccolis

08-07-2023

NOCI - E' venuto a mancare all'età di 70 anni Giovanni Miccolis, dipendente comunale in quiescenza e da sempre...

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa di Patrizia Nettis

30-06-2023

Alla famiglia il sentito cordoglio della redazione di NOCI24.it. NOCI - E' scomparsa all'impovviso due giorni fa all'età di 41...

LETTERE AL GIORNALE

"Contratti di Quartiere", l'opposizione contraria all'aumento del prezzo degli alloggi di edilizia convenzionata

15-06-2024

LETTERE AL GIORNALE - Riceviamo e pubblichiamo una nota politica dell'opposizione in merito all'aumento del prezzo di vendita degli alloggi...

Appuntamento mensile in biblioteca: come innamorarsi dei libri e dei luoghi che li custodiscono

30-05-2024

NOCI - Riceviamo da parte della maestra Dora Intini (e pubblichiamo con grande entusiasmo) il resoconto di una emozionante e...

Assolti dall’accusa di diffamazione “perché il fatto non sussiste”

27-05-2024

REPLICA DI PAOLO CONFORTI del 29 maggio 2024 Riceviamo e pubblichiamo. Apprendo del comunicato di Scagliarini e Longo ed al fine di...

Associazioni e comitati contro la potatura drastica degli alberi del perimetro urbano

27-02-2024

“Eco Eventi OdV” e “Comitato di quartiere via T. Fiore” hanno incontrato l’assessora Checca Tinella e il responsabile del verde Giuseppe...

Se sarà femmina chiamiamola Crimea!

26-11-2023

LETTERE AL GIORNALE - Ci sono luoghi della terra che per la loro storia, la molteplicità degli accadimenti di cui...

L'occupazione persa, una famiglia a carico e il dover ricominciare da zero dopo la pandemia:…

26-11-2023

LETTERA AL GIORNALE - Antonio (questo il nome di fantasia che gli daremo) ha voluto raccontarci la sua complessa e...