Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

GiovedÌ, 26 Novembre 2020 - 19:57

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 
Presentato il libro “Poesie del tempo stretto”

11 16 SpilloverFrancescoCarofiglio

NOCI - Ha preso ufficialmente il via lo scorso 15 novembre “Spillover, il contagio delle parole”, la rassegna letteraria virtuale organizzata dall’Associazione “Vivere d’arte Eventi” in collaborazione con “Pugliè”.

Il covid19 ha impedito che gli eventi si svolgessero in presenza, ma la cultura non si può e non si deve fermare. Pertanto, esattamente come avverrà per i successivi, anche il primo degli appuntamenti in programma si è svolto in diretta sulla pagina social dell’associazione, a partire dalle ore 18:00. L’autore, Francesco Carofiglio, e i suoi due interlocutori, Gabriele Zanini e Dora Intini, collegati ognuno dallo studio della propria abitazione, hanno eviscerato la genesi e le tematiche del libro, che fa camminare a braccetto poesie e disegno.

Francesco Carofiglio, con in tasca una laurea in architettura, ha sempre coltivato la passione per la scrittura, oltre naturalmente a quella per la recitazione, in qualità di attore teatrale e di regista. Frutto della sua penna sono romanzi di grande bellezza e di forte impatto emotivo, come ad esempio “L’estate dell’incanto” che si è addirittura aggiudicato il Premio Selezione Bancarella. Se quindi il volto del romanziere è ampiamente conosciuto e amato dai lettori, a restare fino ad ora un po’ più nell’ombra è stato invece quello del poeta e dell’illustratore. Carofiglio non ha avuto remore nel confessare di aver sempre scritto poesie, anche in concomitanza con la stesura di un romanzo, ispirandosi magari ai personaggi e alle emozioni della prosa, che venivano ulteriormente sintetizzate per mezzo della poesia. Versi mai pubblicati, appallottolati in fondo ad un cassetto. Ora, in questo tempo per tutti difficile, dilatato ma al tempo stesso stretto come una fastidiosa ganascia sui nostri progetti e sulla nostra voglia di libertà, emerge il Carofiglio poeta. Un poeta che ha recuperato il maggior numero possibile di questi versi latenti. Cento poesie per cento versi che non raccontano la stessa cosa, non si descrivono l’un l’altro, ma raccontano storie parallele che abbiano “Lo stesso suono”, per dirla con parole dell’autore, e che siano quindi simili senza combaciare. Se molti autori, dato il protrarsi della situazione pandemica, hanno preferito rinviare le loro pubblicazioni in programma, Carofiglio compie una scelta diversa e senz’altro coraggiosa. “In questo tempo stretto, o si rimane completamente fermi e improduttivi, come in una bolla di vetro, oppure si prova a cogliere le opportunità che ci vengono comunque offerte. Il tempo giusto per questi versi era proprio quello dell’oggi. Non li avrei concepiti assolutamente al di fuori di questo spazio temporale” - ha dichiarato Carofiglio. Dora Intini, nell’interloquire con l’autore, non ha potuto non evidenziare un grande e lampante collegamento tra il libro recentemente uscito e un romanzo pubblicato tempo fa dallo stesso Carofiglio. Si tratta de “Il maestro”, che ha per protagonista Corrado Lazzari, il più grande attore del Novecento ormai ritiratosi dalle scene e isolatosi in questa sua grande villa. Compie due azioni fondamentali: mettere ordine attorno a sé e dentro di sé e guardare il mondo esterno dalla finestra. Le stesse azioni che ci sono diventate familiari ora che siamo per forza di cose costretti a passare molto più tempo in casa. Ma che funzione ha oggigiorno la poesia?
E qual è il ruolo del poeta? Carofiglio lo ha spiegato chiaramente nel rispondere non solo a Gabriele Zanini e a Dora Intini, ma anche al pubblico che ha commentato in tempo reale durante la diretta.
“Innanzitutto, non dobbiamo pensare al poeta come a un “vate”. Questo può essere valido per Dante e per pochi altri grandi dell’antichità. Il poeta moderno invece è semplicemente una persona che in quel momento sta trasmettendo suoni e parole. Sta a chi legge interpretare a proprio piacimento. E’ quanto mai veritiera la frase tratta dal capolavoro del grande Troisi “Il postino”. La poesia non è di chi la scrive ma di chi se ne serve, come del resto ogni opera artistica in genere, anche quelle al di fuori del contesto letterario. Nel momento in cui sono compiute, appartengono anche a chi le legge, le ascolta o le contempla”- ha precisato l’autore.
Carofiglio è stato chiarissimo anche in merito alla funzione della poesia: “Essa nasce semplicemente da un’urgenza spirituale di chi scrive. Perché ostinarsi ad attribuirle una funzione necessariamente curativa, terapeutica? Personalmente ritengo di non dover essere il medico di nessuno, non ho credenziali per arrogarmi questo diritto e diffido dagli autori che invece salgono in cattedra pretendendo di dover divulgare necessariamente messaggi. Ciò non toglie io diventi l’uomo più felice del mondo se chi legge una mia poesia prova un senso di benessere”. A chi gli ha chiesto se questo “abbracciare” la poesia implichi l’abbandonare la prosa e la stesura di romanzi, l’autore ha risposto: “Assolutamente no, non abbandono proprio nulla. Sono sempre stato abituato a lavorare su più tavoli”.

E poesia e romanzo si equivalgono in termini di emozioni? O tra le due cose ce n'è una che arriva più "diretta" al cuore del lettore? Cosa si è rivelato per lui più stimolante? Carofiglio ha risposto così: “Direi che dal punto di vista delle emozioni le due cose si equivalgano, ponendomi dalla parte di chi scrive. Certo, il romanzo ha tempi più dilatati, mentre il tempo della poesia è ristretto. E proprio perché si tratta di un “concentrato” richiede più “concentrazione” Per mia natura però, sono abituato a dare il giusto peso alle parole anche quando si tratta di romanzi. Cosa regali al lettore una maggior dose di emozioni? Questo è strettamente soggettivo per ciascuno!”
Non solo le parole hanno però un peso, ma ne ha anche il silenzio, che al giorno d’oggi può essere definito “il grande assente”. In un mondo che ci bombarda di continui messaggi, alcuni utili dal punto di vista informativo o emozionale, altri del tutto futili, il silenzio ci consente anche di soffermarci con più attenzione sulla parole, e di trovare quelle giuste.
Le chiese, tanto per chi è credente quanto per l’ateo o per l’agnostico, rappresentano spesso il luogo ideale per fare in modo che il silenzio ci faccia appunto da “suggeritore” di parole. Ci piace dunque concludere con una frase dello stesso Carofiglio: “Il mondo della poesia è un mondo realmente meraviglioso: chi vi si accosta, non può non restarne affascinato!”. Vi ricordiamo che il prossimo appuntamento con “Spillover, il contagio delle parole, è fissato per il 22 novembre, sempre in diretta alle 18:00 sulla pagina social di “Vivere d’arte eventi”. L’ospite sarà Bruno Morchio, con il suo libro “Voci nel silenzio”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

La pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 515 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 

FUORI CITTA'

Covid19 - Monopoli: 161 positivi

21-11-2020

MONOPOLI - In Sindaco di Monopoli Angelo Annese questa sera ha comunicato i dati aggiornati sui contagi da Sar-Cov2 a Monopoli:...

Covid19 - Putignano: 99 positivi

21-11-2020

PUTIGNANO - Nel pomeriggio la sindaca Luciana Laera ha comunicato i dati, aggiornati ad oggi, dei putignanesi positivi al Coronavirus. Sono...

Modugno - Sorpresi quattro minorenni che posizionavano sassi lungo la linea ferroviaria

17-11-2020

MODUGNO - I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Modugno hanno denunciato in stato di libertà i genitori di...

Castellana Grotte - Sospesa l’attività didattica da domani in due istituti scolastici

15-11-2020

CASTELLANA GROTTE - Sospesa l’attività didattica da domani in due istituti scolastici per casi accertati di Covid-19 tra i docenti a...

Bari - Minore denunciato per rapina sul Lungomare

14-11-2020

BARI - I Carabinieri della Stazione di Bari Principale, al termine di attività investigativa, hanno deferito in stato di libertà...

Castellana grotte - Evade dai domiciliari per rubare in chiesa, arrestato dai carabinieri

14-11-2020

CASTELLANA GROTTE - I Carabinieri della Stazione di Castellana Grotte hanno tratto in arresto, in esecuzione di ordinanza di custodia...

NECROLOGI

E' tornato alla casa del Padre Giovanni Novembre

10-06-2020

E' tornato alla casa del Padre all'età di 71 anni Giovanni Novembre. Lo annunciano la moglie Angela, i figli Giuseppe...

Ricordo di Nicola Putignano

22-12-2019

Il 18 dicembre 2019 è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari e dell'intera città il prof. Nicola Putignano, docente...

Muore il 42enne Mirko Quarato: oggi i funerali in Chiesa Madre

24-04-2019

NOCI (Bari) - Non ce l'ha fatta a sopravvivere il giovanissimo Mirko Quarato dopo il pericoloso incidente che lo aveva...

LETTERE AL GIORNALE

DS Chiara d’Aloja: lettera aperta alla Comunità Educante

28-08-2020

LETTERE AL GIORNALE - Il nuovo anno scolastico è alle porte anche per l’Istituto Comprensivo Gallo-Positano e sarà un anno speciale...

Piero Liuzzi: "Zavoli e la sua fame di Sud"

06-08-2020

NOCI - Riceviamo e pubblichiamo questo breve ricordo del sen. Piero Liuzzi sul suo originale rapporto con Sergio ZAVOLI, parlamentare...

Auguri nonna Stella!

04-07-2020

NOCI (Bari) - Il 1 luglio 2020 nonna Stella, per tutti Stella Palattella, per le amiche e vicine di casa "Stellina...

Offese all'ing. Conforti. La replica dei giornalisti Longo e Scagliarini

05-06-2020

Riceviamo e pubblichiamo la replica dei giornalisti Giovanni Longo e Massimiliano Scagliarini al comunicato pubblicato il 23 maggio su NOCI24.it a firma...

Morea replica a Plantone

22-05-2020

NOCI - Il consigliere comunale di minoranza Stanislao Morea (Idea Noci) ha diffuso una nota in replica al comunicato del consigliere...

Per una Scuola silenziosa ed autenticamente operante

27-04-2020

LETTERE AL GIORNALE - Nel mostrare ciò che si fa, si corre sempre il rischio che la volontà di fare...