Informazione pubblicitaria

Informazione pubblicitaria

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

VenerdÌ, 21 Gennaio 2022 - 02:59

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

12 09 PierNOCI – Venerdì 10 dicembre, alle ore 21:00, presso il cineClub Mu.Ra prenderà il via “Christmas in town”, la rassegna di concerti che avrà per trascinanti protagonisti tre cantautori nocesi che con la loro musica hanno senza dubbio tanto da comunicare, tanta energia da mettere in circolo. E a seguito di un periodo buio come quello post pandemico, ce n’è più che mai bisogno. Noi di Noci24, onorati di rivestire il ruolo di media partner dell’iniziativa, abbiamo pensato di realizzare in esclusiva una serie di interviste ai cantautori protagonisti della rassegna. Si parte con Pierfrancesco Troviso, (artisticamente conosciuto come Pier).

12 09 PierIntervistaPier è una “cara vecchia conoscenza” di Noci24, in quanto più volte abbiamo già avuto il privilegio di intervistarlo circa la sua passione per la musica, che lo accompagna da quando aveva solo 8 anni e ai suoi singoli pieni di sensibilità e introspezione, che trattano temi personali e sociali di spessore. Il singolo “Ippocampo” raccontava la delusione derivante da una storia d’amore da dimenticare, “Karma” era incentrato su una profonda inquietudine esistenziale e invece “Spalle”, l’ultimo progetto musicale, verte sulla profonda indifferenza che la società odierna nutre verso il dolore altrui. E' uscito invece il 24 maggio di quest'anni l'EP intitolato "Essenza", composto da 5 brani. Un cantautore con tanta grinta ma anche con una sensibilità non comune, che intende la musica anche e soprattutto come un mezzo per divulgare messaggi importanti. Messaggi che, accompagnati dalle note, possono centrare in maniera più immediata la mente e il cuore di chi ascolta.
-Pier, innanzitutto ben ritrovato, è sempre un piacere ospitarti sulle nostre pagine online. Ci verrebbe da chiederti cosa si prova a tornare su di un palco dopo un periodo così difficile, in cui certamente la musica ha continuato la sua corsa online, ma certamente “mutilata” del calore che solo il contatto con il pubblico può offrire. Quanto hai atteso questo momento? Come stai vivendo i giorni che ci separano dal concerto?
Non è stato per niente semplice. Ho cercato di adattarmi subito alle circostanze, facendo dirette online sui vari social, anche se non mi è mai piaciuto, proprio perché il contatto vero con il pubblico è la cosa più importante di tutte per un artista. Quando poi le restrizioni si sono affievolite ho cercato di fare ciò che si poteva. Di organizzare serate live nei locali non se ne parlava, così come per eventi dal vivo di varia natura, però non ho mai smesso di portarmi la chitarra appresso, anche nelle semplici serate con amici. Andavo nei parchi o nei locali all’aperto a bere qualcosa e molto spesso c’era sempre un momento musicale, mi sono accontentato così. Poi col nuovo progetto ho sperimentato in più occasioni il busking, ovvero suonare per strada. Devo dire che preferisco di gran lunga suonare per strada tra i passanti rispetto ad un locale o ad un palco: c’è molto più contatto con la gente che si ferma e magari si mette anche a cantare e ballare insieme a te”.
-Cosa bolle in pentola dal punto di vista musicale? C’è un metaforico cantiere in cui si sta costruendo qualcosa di nuovo da proporre al pubblico?
“Non si smette mai, ho molte canzoni in cantiere che aspettano solamente di essere registrate e prodotte per poi essere ascoltate. Prossimamente conto di pubblicare un altro singolo e più in là ancora un altro EP. Per l’evento del 10 farò già ascoltare qualche nuova canzone che ho già riarrangiato col progetto”.
-A detta di molti artisti, la pandemia è stata paradossalmente fonte di ispirazione. Anche per te si è verificata la stessa cosa?
“Risponderei di no, perché non uscendo, non vedendo gente, non facendo nuove esperienze, non ho avuto molti stimoli. Però chissà in futuro, magari potrei buttare giù qualche riga ripensando a quel maledetto periodo”.
-Come vorreste, voi cantautori nocesi, che tanto le istituzioni quanto la cittadinanza vi mostrassero maggior vicinanza, permettendovi di esprimervi appieno?
“Beh, facendoci suonare e basta. Dovrebbero darci molto più spazio, soprattutto d’estate, e non sono certo mancate le occasioni quest’anno però ahimè ci siamo sempre arrangiati. Meno male che ci sono state associazioni giovanili come Agricultura che con i suoi eventi quest’anno ha cercato di dare un po’ più vita a Noci. E sono contentissimo per questa nuova iniziativa della Darf. “Finalmente si smuove qualcosa” ho pensato. Però eventi del genere rimangono comunque di “nicchia”, se il comune nocese aiutasse un po’ di più i ragazzi di queste associazioni, soprattutto per la sponsorizzazione stessa dell’evento, si potrebbero organizzare eventi assai più coinvolgenti e autentici e di conseguenza incentivare la cittadinanza a parteciparvi”.
-Raccontaci una delle più grandi soddisfazioni che la passione per la musica ti ha consentito di raggiungere.
“Ad oggi sinceramente non ho avuto grandissime soddisfazioni, ma riesco benissimo a nutrirmi di quelle piccole. Persone che fanno i complimenti, che esprimono opinioni sulle mie canzoni o sul progetto, gente che lascia la monetina alle esibizioni per strada, o che passando si ferma, sorride, magari si mette anche a ballare e cantare, per me significa davvero tanto perché alla fine l’obiettivo di chi fa musica è quello di accomunare e condividere emozioni. Forse pensandoci la mia più grande soddisfazione è quella di aver messo su un progetto autentico formato sì da strumenti di varia natura (chitarra, violino, violoncello, cajon e percussioni) ma soprattutto da bellissime persone. Voglio infatti prendere un piccolo spazio in questo articolo per ringraziare di cuore Elena, Elisabetta e Roberto, che ormai da tempo mi sopportano con un coraggio e una pazienza ammirevoli. Vi voglio bene ragazzi!”
-Sicuramente, il desiderio di assistere a un’esibizione live da parte del pubblico, è lo nutrito con trepidanza dagli artisti. Lo lanciamo un messaggio al tuo pubblico prima della grande serata?
“Sarò breve e conciso: non fate che non venite!”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Necrologi

Necrologi - Venerdì, 07 Gennaio 2022

Addio al Maestro Ottavio Lopinto

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

Informazione pubblicitaria

La pubblicità

Informazione pubblicitaria

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 584 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 

FUORI CITTA'

Bitonto - Furti di autovetture ad Acquaviva delle Fonti. Eseguite tre misure cautelari

19-01-2022

BITONTO - Nel pomeriggio, a Bitonto, i carabinieri della Stazione di Acquaviva delle Fonti hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa della...

BARI - Sequestrati dai Carabinieri 6 kg di droga e 7.880 €. Due arrestati

13-01-2022

BARI - I Carabinieri della Stazione di Bari Japigia hanno arrestato in flagranza, per detenzione ai fini di spaccio di...

Incidente mortale sulla Castellana-Turi: perde la vita un ventitreenne

10-01-2022

NOCI – A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno, la strada miete una giovane vittima:un ventitreenne residente a Turi ha perso...

Tangenti per appalti Covid: due imprenditori ai domiciliari

27-12-2021

BARI - Resta in carcere l'ex dirigente della Protezione civile regionale (sezione Strategia e governo dell’offerta e, ad interim, sezione...

False residenze per percepire il reddito di cittadinanza: sequestrato 1 milione di euro nei confronti…

17-12-2021

BARI - Dalle prime ore dell’alba, i finanzieri del Comando Provinciale di Bari, coordinati dalla locale Procura della Repubblica, stanno eseguendo...

Cassano delle Murge - Arrestato nella notte per tentato furto di un furgone

01-12-2021

CASSANO DELLE MURGE - I Carabinieri della Stazione di Cassano delle Murge hanno arrestato un 42enne, cittadino marocchino, ritenuto responsabile del...

NECROLOGI

Addio al Maestro Ottavio Lopinto

07-01-2022

NOCI – Una grande perdita per la comunità nocese, per la sua cultura e per la sua musica folk. Ci...

Giovanni Pizzarelli: la famiglia lo ricorderà con una Santa messa in occasione del trigesimo dalla…

14-11-2021

NOCI – Essendo trascorso un mese dalla scomparsa di Giovanni Pizzarelli, ex Appuntato dei Carabinieri, la famiglia lo ricorderà con...

In memoria del prof. Tonio Palattella: uomo colto, generoso e operoso

21-09-2021

NOCI - Qualche giorno fa ci ha lasciati il prof Tonio Palattella, figlio del compianto Don Vito, fondatore del gruppo...

Addio all'avvocato Giancarlo Liuzzi

13-08-2021

NOCI - E' prematuramente mancato oggi l'avvocato Giancarlo Liuzzi, professionista molto conosciuto e stimato in paese. Lascia la moglie e...

Come inviare un necrologio su NOCI24.it

03-02-2021

Invia i tuoi necrologi su NOCI24.it. Registrati sul sito, fai il Login ed invia i tuoi necrologi. Se desideri allegare...

LETTERE AL GIORNALE

IIS "Da Vinci - Agherbino": doverose precisazioni

07-01-2022

COMUNICATO - A seguito di notizie di stampa che rappresentano infedelmente la realtà dei fatti, l’Istituto “Da Vinci – Agherbino”...

Una rete virtuale per il “Green sentiment pubblico”

07-09-2021

LETTERA AL GIORNALE - Sono proprietario di un trullo in agro di Noci in Località Monte Verde dal 2013 -...

Senatrice Liliana Segre, cittadina onoraria di Noci

22-07-2021

Il 15 luglio il Consiglio Comunale di Noci ha deliberato la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre, presidente della Commissione...

Comitato per la cittadinanza onoraria nocese a Liliana Segre: punto di partenza e non di…

01-07-2021

NOCI - Pubblichiamo di seguito un comunicato da parte del Comitato per il conferimento della cittadinanza nocese alla senatrice Liliana Segre a...

Comitato per la cittadinanza onoraria nocese a Liliana Segre: alcune considerazioni

30-05-2021

NOCI - Pubblichiamo du seguito alcune importanti considerazioni ricevute da parte del Comitato per il conferimento della cittadinanza nocese alla...

25 aprile 2021

25-04-2021

NOCI - Il 25 aprile è festa. Lo sanno tutti. Soprattutto gli studenti, perché quasi sempre è un giorno di...