Informazione pubblicitaria

Informazione pubblicitaria

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

Domenica, 14 Agosto 2022 - 06:18

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

11 27 GentileStoriadelleClarisseNOCI – Lo scorso 25 novembre, presso la Chiesa di Santa Chiara, a partire dalle ore 18:00 si è tenuto il primo degli incontri storici organizzati dall’Uten (Università della Terza Età) relativi ai tre conventi un tempo presenti a Noci. La serata non poteva che avere per relatore il Dott. Pasquale Gentile, studioso di storia locale, e questo primo incontro ha ricostruito la storia del convento delle Clarisse, la vita delle monache al suo interno, le regole in vigore per potersi monacare e la ricchezza del monastero. 

Sfidato da un’insegnante e sua cara amica a dare all’incontro un’impronta femminista, nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne, Pasquale Gentile ha sottolineato la forma di violenza spirituale che spesso veniva esercitata sulle giovani donzelle costrette dai genitori a monacarsi, in modo che l’erede maschio potesse mantenere interamente l’eredità.
C’è anche però il rovescio della medaglia: fanciulle desiderose di entrare in convento per reale vocazione, a cui i genitori tentavano in tutti i modi e con ogni mezzo di impedire questa scelta, ritenendo economicamente più proficua e quindi allettante l’ipotesi di dare la ragazza in sposa a un giovane di facoltosa famiglia. Ma c’erano anche delle consorelle “furbette” che con arguzia raggiravano appunto un’intera comunità. Gentile ha raccontato infatti di una suora che pur di non effettuare gli esercizi spirituali, come imposto a tutte all’interno del monastero, arrivò a fingersi moribonda, quasi in stato comatoso per più giorni. Fu scoperta quando le consorelle, allertate da rumori sospetti, s’avvidero che ella, nelle ore notturne sgattaiolava in refettorio per fare incetta di quelle vivande che non aveva toccato durante il giorno. Ma torniamo al 1600, quando venne costruito e inaugurato il convento. All’epoca, la Confraternita del Santissimo Sacramento era una delle più potenti, e raccoglieva tantissime offerte da parte delle famiglie più agiate che con queste donazioni miravano a “comprarsi” un posto in Paradiso.
La confraternita arrivò a raccogliere quindi ben 1500 ducati dell’epoca, che furono destinati all’edificazione di un monastero. Fu Papa Urbano VIII ad autorizzare l’apertura del Convento delle Clarisse che annovera inizialmente 20 coriste (fanciulle di famiglia nobile) e 4 converse (novizie di umile origine  a cui all’interno del Monastero erano riservati i lavori più umili). Sbagliato però pensare che entrare in monastero fosse così semplice. Anche per il “matrimonio” con il Signore era richiesta infatti una dote, con tariffe se vogliamo ancora più rigide: 250 ducati per le coriste e 120 per le converse, cui andavano aggiunti altri 20 ducati.
Inizialmente, viene data la preferenza alla cittadine, e successivamente alle giovani dei paesi limitrofi. Il Monastero riscuote un grande successo: arrivano diverse ragazze anche da fuori Noci e, ovviamente, più aumentano le richieste, più si arrotondano le cifre della dote richiesta.
Il voto di povertà, assieme a quello di castità, era d’obbligo per le monache, ma il  Monastero diviene ricchissimo. Le suore hanno l’obbligo di investire il denaro accumulato, proprio in virtù dei voti formulati, ed ecco che iniziano ad acquistare beni come diverse masserie (un tipico esempio è appunto la masseria “Le Monache”). Non solo: il monastero diviene di fatto una banca, concedendo prestiti in denaro. E ad usufruirne per primi ci sono anche diversi sindaci, nel momento in cui il Comune, fortemente in crisi non può adempiere ai suoi obblighi. Pian piano, si decide di abbellire anche la Chiesa di Santa Chiara, un gioellino che Noci può vantare, con pregiati marmi colorati, affreschi e perfino le finte finestre. E tra le figure di spicco che si sono mosse tra le mura del convento delle Clarisse, c’è Agata Leone, sette volte Badessa e morta in odore di santità. Una Santa che Gentile colloca tra quelli “senza aureola”, ma la cui fama è arrivata sino a noi, e alla quale vengono attribuiti anche dei miracoli. Altra figura controversa e peculiare è quella di Modesto Notarnicola, che preso dalla rabbia in seguito all’aver scoperto la moglie tra le braccia del suo amante, uccide quest’ultimo. All’epoca, rifugiandosi in convento si scongiurava il rischio di venire arrestati. Notarnicola però ha una reale conversione e conduce una vita davvero santa per espiare quella sua grave colpa. Storie di Noci e di Nocesi che affascinano sempre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

 

Informazione pubblicitaria

 

Informazione pubblicitaria

La pubblicità

Informazione pubblicitaria

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 720 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 
Informazione pubblicitaria

FUORI CITTA'

Parco Nazionale dell'Alta Murgia: primi dati sugli incendi boschivi

12-08-2022

ALTAMURA - È già tempo dei primi bilanci per i Carabinieri Forestali nella campagna di prevenzione e repressione degli incendi...

Conversano - Arrestato responsabile di un furto all’interno della Cattedrale di Conversano

08-08-2022

I Carabinieri gli trovano in casa anche Marijuana e Hashish CONVERSANO - I Carabinieri del Comando Stazione di Conversano hanno tratto...

Identificati i presunti autori di una truffa consumata ai danni di una vittima ultraottantenne

30-07-2022

BARI - Ieri mattina, in Messina i Carabinieri delle Stazione di Acquaviva delle Fonti con il supporto dei colleghi della Compagnia...

Recuperato e rimpatriato dall’Austria eccezionale dipinto seicentesco di Artemisia Gentileschi

21-07-2022

L'opera era pertinente all’eredità del Conte Giangirolamo II Acquaviva di Conversano BARI - Le persone indagate, secondo l’impostazione accusatoria,  avevano presentato...

I risultati dell’attività operativa 2021 dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari

18-07-2022

BARI - Il Nucleo Carabinieri TPC di Bari, nell'ambito delle numerosissime attività investigative avviate in Puglia, Basilicata e all’estero nell’anno 2021...

Bari - Servizi dei Carabinieri anti droga e contro i furti nelle piazze e in…

15-07-2022

BARI - A seguito delle intese raggiunte in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica e nell’ambito dei...

NECROLOGI

Ci lascia Titina Sansonetti: aveva appena compiuto 104 anni

09-04-2022

NOCI – La comunità nocese perde ancora un baluardo della sua storia. Questa mattina infatti si è conclusa l’esistenza terrena...

Lutto tra i Carabinieri Forestali di Noci

28-02-2022

NOCI - Noci e la Coreggia piangono Nicola Annese, quarantotto anni, Carabiniere Forestale presso la Stazione di Noci da parecchi anni...

Addio a Peppino Longo

31-01-2022

BARI - “Perdiamo un amico, un rappresentante della Puglia, un uomo buono, sempre al servizio della sua terra. Imprenditore di...

Addio al Maestro Ottavio Lopinto

07-01-2022

NOCI – Una grande perdita per la comunità nocese, per la sua cultura e per la sua musica folk. Ci...

Giovanni Pizzarelli: la famiglia lo ricorderà con una Santa messa in occasione del trigesimo dalla…

14-11-2021

NOCI – Essendo trascorso un mese dalla scomparsa di Giovanni Pizzarelli, ex Appuntato dei Carabinieri, la famiglia lo ricorderà con...

In memoria del prof. Tonio Palattella: uomo colto, generoso e operoso

21-09-2021

NOCI - Qualche giorno fa ci ha lasciati il prof Tonio Palattella, figlio del compianto Don Vito, fondatore del gruppo...

LETTERE AL GIORNALE

Un Comitato per l'estensione della rete idrico-fognante in Zona H

28-03-2022

LETTERA AL GIORNALE - In data 6/7 marzo 2022 è stata inviata al Comune di Noci e all’Autorità Idrica Pugliese...

Liuzzi "La Gazzetta, una lunga pausa salutare"

24-02-2022

NOCI - Una lunga pausa salutare. E non solo per il giornale e per i giornalisti ma anche, paradossalmente, per i...

IIS "Da Vinci - Agherbino": doverose precisazioni

07-01-2022

COMUNICATO - A seguito di notizie di stampa che rappresentano infedelmente la realtà dei fatti, l’Istituto “Da Vinci – Agherbino”...

Una rete virtuale per il “Green sentiment pubblico”

07-09-2021

LETTERA AL GIORNALE - Sono proprietario di un trullo in agro di Noci in Località Monte Verde dal 2013 -...

Senatrice Liliana Segre, cittadina onoraria di Noci

22-07-2021

Il 15 luglio il Consiglio Comunale di Noci ha deliberato la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre, presidente della Commissione...

Comitato per la cittadinanza onoraria nocese a Liliana Segre: punto di partenza e non di…

01-07-2021

NOCI - Pubblichiamo di seguito un comunicato da parte del Comitato per il conferimento della cittadinanza nocese alla senatrice Liliana Segre a...