ADV

 

Lettera aperta al Presidente Michele Emiliano da RSU e Iscritti Filctem CGIL BARI Acquedotto Pugliese

07 17 filctemBARI - Egregio Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, le scriviamo ben consapevoli che la “scelta” che a breve dovrà fare circa il futuro dell’Acquedotto Pugliese S.p.A è al centro dell’attenzione di svariati soggetti, osservatori attenti e di orientamenti disparati, che tuttavia sintetizzano il dibattito che c’è sempre stato intorno alla nostra azienda (a tratti sopito) e che riguarda la sua forma giuridica: spa ancora pubblica, ma regolamentata secondo il diritto privato, oppure azienda speciale e quindi sotto l’egida del diritto pubblico?


Caro Presidente, per noi lavoratori della Filctem di Bari non ci sono dubbi, né ombre. Il suo predecessore Nichi Vendola ci ha visti al suo fianco nel sostenere la campagna di ri-pubblicizzazione, che nonostante la “bocciatura” della Consulta, a noi sembra ancora oggi praticabile - sulla scorta delle proposte emerse al tavolo tecnico appositamente istituito che ha fatto seguito alla deliberazione di Giunta regionale (n. 370/2017) e alla mozione consiliare del 21 marzo 2017.
Spiace dirlo, ma il silenzio della Regione Puglia, in esito a quegli incontri e rispetto all’imminente scadenza della concessione ad Aqp della gestione del Servizio Idrico Integrato, ancora oggi è assordante. Così come spiace dover concludere che, probabilmente, quello svolto a quel tavolo è stato un confronto inefficace - sono emerse posizioni precostituite e cristallizzate - tenuto esclusivamente sotto il “patrocinio” del confronto istituzionale necessario, ma in estrema sintesi solo formale.

I cittadini che hanno votato i referendum a favore dell’acqua pubblica e contro la remunerazione del capitale investito, ma soprattutto i lavoratori di Aqp, nonostante ancora si attenda una legge che ossequi la volontà popolare emersa dalla consultazione, vedono i Governi continuare a testa bassa nel perseguire le politiche di industrializzazione del Servizio Idrico Integrato e le politiche di liberalizzazione/privatizzazione in tema di acqua. Poiché siamo convinti assertori del ruolo “pubblico” che Aqp finora ha svolto, anche e soprattutto quando pubblico era anche il suo status giuridico, pensiamo che a causa della desertificazione sempre più aggressiva e devastante, soprattutto all’interno dei paesi che si affaccino sul Mediterraneo (Italia e Puglia in primis), Aqp non possa delegare ad altri protagonisti il proprio compito di propulsore e volano dello sviluppo in Puglia.

Ci permettiamo, di conseguenza, di porre alla sua attenzione le considerazioni che seguono: 
- Aqp è una grande realtà “industriale” del meridione che ha dimostrato oggi come ieri di essere valente nello svolgere la sua funzione “sociale”, nonostante le avversità idrografiche e geologiche e che merita, per questo, più attenzione,valorizzazione e centralità nel dibattito del governo della Regione Puglia, delle forze politiche e del sindacato;
- sulla scadenza della concessione, deve aprirsi un confronto più ampio e di maggior respiro, che deve essere condotto e governato nello scenario della determinazione di un riordino normativo in tema di beni comuni e di diritto pubblico;
- Aqp è a un nuovo snodo della sua lunga storia, che continua ad essere la storia stessa della Puglia, di questa nostra bella Regione che con fatica si sta avviando verso la valorizzazione del proprio territorio e delle sue tradizioni.
In estrema sintesi, venendo ai fatti che ci accomunano, noi lavoratori Aqp della Filctem Cgil di Bari sentiamo di condividere la lettera appello che Riccardo Petrella le ha inviato qualche giorno fa e ripresa dalla stampa, nella quale si ribadisce il valore profondo dei “beni comuni” e di Acquedotto Pugliese come fulcro e baluardo della storia del Mezzogiorno e della necessità di salvaguardarlo dagli “imperativi della competitività tecno-industriale e del rendimento finanziario”.

Egregio Presidente Emiliano, aggiungiamo la nostra voce di cittadini del territorio pugliese e di lavoratrici/lavoratori di Aqp, chiedendole di impedire che la Puglia perda un pezzo della propria identità, quella che da un secolo la contraddistingue come ospitante il più grande Acquedotto Pubblico d’Europa.
Bari, 17/07/2017

La RSU Filctem CGIL Bari
Il Comitato degli Iscritti Filctem CGIL Bari

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

ADV

 

 

Informazione pubblicitaria

tatulli noci24 ok

 

 

Informazione pubblicitaria La pubblicità

 

 

ADV

FUORI CITTA'

Truffa di 12.000 euro in danno di un anziano. I Carabinieri di Modugno arrestano una…

31-05-2024

MODUGNO - Questa mattina, i Carabinieri della Compagnia di Modugno hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare “agli arresti domiciliari”, emessa...

Sigilli ad autodemolitore abusivo: sequestrata area di 11.000 mq

10-05-2024

GIOIA DEL COLLE – Nei giorni scorsi, i militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (NIPAAF) del...

Altamura: rifiuti tombati in cava

30-04-2024

ALTAMURA - I militari coordinati dal Gruppo Carabinieri forestale di Bari, con l’ausilio del Reparto Carabinieri Parco Nazionale dell’Alta Murgia e...

Bari - Scoperto un deposito di sostanze stupefacenti. Arrestato un 24enne

23-04-2024

BARI - I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari San Paolo hanno arrestato in flagranza di reato un 24enne...

Bari e Capurso: custodia cautelare nei confronti di otto persone per i reati di lesioni…

15-04-2024

BARI E CAPURSO - Nella prima mattinata di sabato i Carabinieri della Compagnia di Bari San Paolo e della Stazione CC...

GdF Bari: ordinanza di misure cautelari nei confronti di 7 persone per corruzione, turbata libertà…

10-04-2024

BARI - I finanzieri del Comando Provinciale di Bari stanno dando esecuzione a Bari e provincia a un’ordinanza applicativa di misure...

NECROLOGI

Addio a Nicola Giacovelli: lo “scalpellino" nocese che fu internato nei lager nazifascisti

11-04-2024

NOCI – La comunità nocese dice addio a Nicola Giacovelli, padre del dott. Francesco Giacovelli, uno dei nostri architetti più...

Addio a Oronzo Colucci: aveva dedicato gran parte della sua vita al volontariato

19-08-2023

NOCI – Una gravissima perdita per Noci: ci lascia Oronzo Colucci, amatissimo dalla comunità per le sue virtù di incondizionato...

Addio a Leo Morea: padre coraggio al fianco delle vittime della strada

02-08-2023

  NOCI – Ci ha lasciati il 2 agosto il nostro concittadino Leo Morea, che pur vivendo a Milano, aveva lasciato un...

Addio alla fotografa Marta Attolini: il ricordo della nipote Angela Bianca Saponari

22-07-2023

NOCI - Ci ha lasciati lo scorso 28 giugno la nota fotografa nocese Marta Attolini, figlia dell'apprezzatissimo Giovanni Attolini, da...

Ci ha lasciato Giovanni Miccolis

08-07-2023

NOCI - E' venuto a mancare all'età di 70 anni Giovanni Miccolis, dipendente comunale in quiescenza e da sempre...

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa di Patrizia Nettis

30-06-2023

Alla famiglia il sentito cordoglio della redazione di NOCI24.it. NOCI - E' scomparsa all'impovviso due giorni fa all'età di 41...

LETTERE AL GIORNALE

"Contratti di Quartiere", l'opposizione contraria all'aumento del prezzo degli alloggi di edilizia convenzionata

15-06-2024

LETTERE AL GIORNALE - Riceviamo e pubblichiamo una nota politica dell'opposizione in merito all'aumento del prezzo di vendita degli alloggi...

Appuntamento mensile in biblioteca: come innamorarsi dei libri e dei luoghi che li custodiscono

30-05-2024

NOCI - Riceviamo da parte della maestra Dora Intini (e pubblichiamo con grande entusiasmo) il resoconto di una emozionante e...

Assolti dall’accusa di diffamazione “perché il fatto non sussiste”

27-05-2024

REPLICA DI PAOLO CONFORTI del 29 maggio 2024 Riceviamo e pubblichiamo. Apprendo del comunicato di Scagliarini e Longo ed al fine di...

Associazioni e comitati contro la potatura drastica degli alberi del perimetro urbano

27-02-2024

“Eco Eventi OdV” e “Comitato di quartiere via T. Fiore” hanno incontrato l’assessora Checca Tinella e il responsabile del verde Giuseppe...

Se sarà femmina chiamiamola Crimea!

26-11-2023

LETTERE AL GIORNALE - Ci sono luoghi della terra che per la loro storia, la molteplicità degli accadimenti di cui...

L'occupazione persa, una famiglia a carico e il dover ricominciare da zero dopo la pandemia:…

26-11-2023

LETTERA AL GIORNALE - Antonio (questo il nome di fantasia che gli daremo) ha voluto raccontarci la sua complessa e...