ADV

 

210° Anniversario della fondazione dell'Arma dei Carabinieri

carabinieri 42

BARI - Nel pomeriggio di ieri 5 giugno 2024, a Bari, sul tratto del Lungomare Nazario Sauro antistante la Caserma “Bergia” del Comando Legione Carabinieri “Puglia” è stata commemorata, con la cittadinanza e alla presenza di numerose autorità civili, religiose e militari, la ricorrenza annuale della fondazione dell’Arma dei Carabinieri, che festeggia 210 anni di storia.

Anche quest’anno i Carabinieri di Bari hanno voluto celebrare la ricorrenza della propria fondazione tra la gente, per rimarcare la vicinanza alla popolazione, autentico valore e tratto distintivo che da sempre accompagna l’operato di ciascuno di loro al servizio delle rispettive comunità.

Sul Lungomare, un Battaglione di formazione composto da due Compagnie, in rappresentanza delle varie componenti territoriali e speciali dell’Arma, unitamente alla Banda del 13° Reparto Comando Supporti Tattici della Brigata Meccanizzata “Pinerolo” di Bari, ha reso gli onori al Comandante della Legione Carabinieri “Puglia”, Generale di Brigata Ubaldo Del Monaco. Con la Bandiera di Guerra dell’11° Reggimento Carabinieri Puglia, era schierata la prima Compagnia, composta da militari che indossavano la tradizionale Grande Uniforme e una rappresentanza di Comandanti di Stazione e dei reparti territoriali provinciali, anche forestali. La seconda Compagnia era formata da Carabinieri dell’11° Reggimento Carabinieri “Puglia”, da Carabinieri Forestali e dai Carabinieri delle S.O.S. (Squadre Operative di Supporto) e delle A.P.I. (Aliquote di Primo Intervento) nonché da militari delle varie specialità dell’Arma, tra i quali elicotteristi, cinofili, artificieri e “Cacciatori Puglia”. A completare la formazione sono stati schierati alcuni mezzi di pronto intervento dell’Arma, le moto Ducati Multistrada e Yamaha, le autoradio A.R. Giulia, le autovetture da ordine pubblico Gran Cherokee e Nissan Leaf Elettrica nonchè le biciclette a pedalata assistita del Reparto biodiversità “Parco Altamurgia”.

Hanno preso parte alla cerimonia anche i gonfaloni della Regione Puglia, della Città Metropolitana di Bari e dei Comuni di Bari, Altamura, Gioia del Colle, Monopoli, Modugno, Molfetta, Triggiano, nonché i labari dell’Associazione Nazionale Carabinieri e dell’Associazione Nazionale Forestali, delle associazioni combattentistiche e d’Arma di Bari, una rappresentanza delle Associazioni Professionali a Carattere Sindacale tra Militari, le vedove e gli orfani assistiti dall’Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani Militari dell’Arma dei Carabinieri, le “Vittime del Dovere” e i familiari dei Caduti. Ai lati dello schieramento ha trovato posto una rappresentanza di studenti degli istituti “Madre Clelia Merloni” e “Balilla-Imbriani”.

Il Generale Del Monaco, nel corso del suo intervento, ha sottolineato la fiducia riposta dai cittadini nell’Arma dei Carabinieri, testimoniata anche quest’anno dal perseguimento di oltre il 78 percento dei reati denunciati nonché dalle numerose operazioni di servizio che hanno consentito di trarre in arresto circa 4.700 indiziati di delitto, di denunciarne in stato di libertà oltre 20.000 e di sequestrare 15 tonnellate di sostanze stupefacenti. Risultati ottenuti grazie all’impegno corale delle 226 Stazioni e Tenenze territoriali insieme ai 61 Nuclei Forestali e Biodiversità, capillarmente presenti sui 257 comuni di tutta la Regione, attraverso risposte efficaci, qualificate e mai scevre dalla sensibilità umana che rappresenta da sempre la cifra distintiva dell’agire di un Carabiniere.  L’orientamento al cittadino resta il vero metro di valutazione dell’azione di ciascun Carabiniere, che deve sapersi porre in ascolto delle persone che vedono nell’uniforme un argine all’illegalità, ma anche un antidoto alle ansie della modernità.

Diciotto, tra cui 3 Comandanti di Stazione, sono i militari a cui sono stati consegnati alcuni riconoscimenti, perché particolarmente distintisi in importanti e delicate operazioni di servizio e per meriti civili. A queste, oggetto delle ricompense tributate nel corso della cerimonia, se ne sono aggiunte altre, conclusesi più recentemente dai Carabinieri di Bari, finalizzate al contrasto di tutte le varie forme di criminalità. Sul fronte del contrasto alla criminalità organizzata, significative sono state: l’indagine, terminata a Marzo 2024, che ha condotto all’arresto di 56 persone nel quartiere Japigia di Bari disarticolando il Clan Parisi-Palermiti di Bari dedito al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, aggravato dal metodo di tipo mafioso, sequestrando ingenti quantitativi di droga; la confisca di 50 milioni di euro ad un noto esponente della criminalità organizzata del nord barese, ritenuto provento dell’attività illecita pluridecennale del narcotraffico.

L’attività dei Carabinieri, lungi dal limitarsi alla prevenzione e repressione dei reati (a titolo esemplificativo, nell’ultimo anno, nella sola Provincia di Bari, i Carabinieri hanno proiettato sul territorio oltre 50 mila servizi preventivi e gestito quasi 350.000 richieste di intervento giunte) si traduce anche in una costante relazione di vicinanza al cittadino nonché piccoli gesti eroici e di altruismo come il salvataggio di una donna che, lo scorso 25 dicembre, si era affacciata sul ponte di una trafficata arteria stradale barese, nel tentativo di lanciarsi nel vuoto.

Una particolare attenzione è stata dedicata alla tutela delle vittime vulnerabili e, in particolare, alle persone anziane; ne sono esempio i numerosi incontri, organizzati presso parrocchie, circoli e centri di aggregazione, finalizzati a prevenire l’odioso fenomeno delle truffe, durante i quali sono stati forniti consigli pratici su come prevenirle ed evitarle, raccolti in utili volantini dove sono state illustrate anche le principali tecniche messe in atto dai truffatori. L’Arma ha confermato inoltre la sua tradizionale vicinanza ai giovani e, in tale quadro, nell’ambito delle iniziative promosse dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri sui contributi alla formazione della “Cultura della Legalità”, vanno ricordati gli incontri nelle scuole di ogni ordine e grado e le visite degli studenti alle caserme dei Carabinieri. I militari intervenuti, nella loro esposizione, si sono soffermati anche su argomenti fondanti del progetto sulla diffusione della cultura della legalità, quali bullismo e cyber bullismo, internet, violenza di genere, droga, abuso di alcool ed educazione stradale.

In occasione del 210° anniversario i Carabinieri hanno inoltre allestito, dal 3 al 5 giugno, all’interno della Caserma “Bergia”, una mostra di uniformi storiche, nonché stand espositivi delle dotazioni utilizzate dai reparti speciali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

ADV

 

 

Informazione pubblicitaria

tatulli noci24 ok

 

 

Informazione pubblicitaria La pubblicità

 

 

ADV

FUORI CITTA'

Truffa di 12.000 euro in danno di un anziano. I Carabinieri di Modugno arrestano una…

31-05-2024

MODUGNO - Questa mattina, i Carabinieri della Compagnia di Modugno hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare “agli arresti domiciliari”, emessa...

Sigilli ad autodemolitore abusivo: sequestrata area di 11.000 mq

10-05-2024

GIOIA DEL COLLE – Nei giorni scorsi, i militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (NIPAAF) del...

Altamura: rifiuti tombati in cava

30-04-2024

ALTAMURA - I militari coordinati dal Gruppo Carabinieri forestale di Bari, con l’ausilio del Reparto Carabinieri Parco Nazionale dell’Alta Murgia e...

Bari - Scoperto un deposito di sostanze stupefacenti. Arrestato un 24enne

23-04-2024

BARI - I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari San Paolo hanno arrestato in flagranza di reato un 24enne...

Bari e Capurso: custodia cautelare nei confronti di otto persone per i reati di lesioni…

15-04-2024

BARI E CAPURSO - Nella prima mattinata di sabato i Carabinieri della Compagnia di Bari San Paolo e della Stazione CC...

GdF Bari: ordinanza di misure cautelari nei confronti di 7 persone per corruzione, turbata libertà…

10-04-2024

BARI - I finanzieri del Comando Provinciale di Bari stanno dando esecuzione a Bari e provincia a un’ordinanza applicativa di misure...

NECROLOGI

Addio a Nicola Giacovelli: lo “scalpellino" nocese che fu internato nei lager nazifascisti

11-04-2024

NOCI – La comunità nocese dice addio a Nicola Giacovelli, padre del dott. Francesco Giacovelli, uno dei nostri architetti più...

Addio a Oronzo Colucci: aveva dedicato gran parte della sua vita al volontariato

19-08-2023

NOCI – Una gravissima perdita per Noci: ci lascia Oronzo Colucci, amatissimo dalla comunità per le sue virtù di incondizionato...

Addio a Leo Morea: padre coraggio al fianco delle vittime della strada

02-08-2023

  NOCI – Ci ha lasciati il 2 agosto il nostro concittadino Leo Morea, che pur vivendo a Milano, aveva lasciato un...

Addio alla fotografa Marta Attolini: il ricordo della nipote Angela Bianca Saponari

22-07-2023

NOCI - Ci ha lasciati lo scorso 28 giugno la nota fotografa nocese Marta Attolini, figlia dell'apprezzatissimo Giovanni Attolini, da...

Ci ha lasciato Giovanni Miccolis

08-07-2023

NOCI - E' venuto a mancare all'età di 70 anni Giovanni Miccolis, dipendente comunale in quiescenza e da sempre...

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa di Patrizia Nettis

30-06-2023

Alla famiglia il sentito cordoglio della redazione di NOCI24.it. NOCI - E' scomparsa all'impovviso due giorni fa all'età di 41...

LETTERE AL GIORNALE

Appuntamento mensile in biblioteca: come innamorarsi dei libri e dei luoghi che li custodiscono

30-05-2024

NOCI - Riceviamo da parte della maestra Dora Intini (e pubblichiamo con grande entusiasmo) il resoconto di una emozionante e...

Assolti dall’accusa di diffamazione “perché il fatto non sussiste”

27-05-2024

REPLICA DI PAOLO CONFORTI del 29 maggio 2024 Riceviamo e pubblichiamo. Apprendo del comunicato di Scagliarini e Longo ed al fine di...

Associazioni e comitati contro la potatura drastica degli alberi del perimetro urbano

27-02-2024

“Eco Eventi OdV” e “Comitato di quartiere via T. Fiore” hanno incontrato l’assessora Checca Tinella e il responsabile del verde Giuseppe...

Se sarà femmina chiamiamola Crimea!

26-11-2023

LETTERE AL GIORNALE - Ci sono luoghi della terra che per la loro storia, la molteplicità degli accadimenti di cui...

L'occupazione persa, una famiglia a carico e il dover ricominciare da zero dopo la pandemia:…

26-11-2023

LETTERA AL GIORNALE - Antonio (questo il nome di fantasia che gli daremo) ha voluto raccontarci la sua complessa e...

Il centrodestra in salsa nostrana

08-06-2023

LETTERE AL GIORNALE - Egregio Direttore, la ringrazio di cuore preventivamente qualora deciderà, con generosità, di pubblicare questo mio umile e...