NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

MercoledÌ, 23 Ottobre 2019 - 02:21
Pubblicità

trovo aziende

logo partitocomunistaCOMUNICATO - Oggi più che in altri giorni assistiamo ad uno annientamento generalizzato della figura femminile, soffermiamoci a riflettere sulle condizioni della donna e degli uomini nella società e ci renderemo conto di quanto insensato sia festeggiare un giorno che già per sua natura è discriminante.

Più che festeggiare è necessario lottare ancora, perché quello che è stato conquistato fin ora con decenni di lotte e rivendicazioni sta letteralmente svanendo, viviamo in una società basata sullo sfruttamento dell’uomo sull’ uomo, imbruttita nei rapporti umani che costantemente fanno riferimento ad atteggiamenti prevaricatori e violenti. Immediato è il ritorno alle concezioni patriarcali e semplice il pensiero che tutto ciò porta a conseguenze disastrose a danno delle donne, ecco che sentiamo parlare di maltrattamenti, sfruttamenti, licenziamenti illeciti e femminicidio.

Lottiamo perché le donne sono costrette a lasciare il mondo del lavoro per prime a causa del modello familistico e del carico di lavoro domestico, svolgendo compiti gravosi e gratuiti per sopperire alle mancanze e ai disservizi della società, vengono sottopagate a parità di impiego, si stancano di cercare lavoro per le tante umiliazioni e i tanti rifiuti, rinunciano all’istruzione.

Inaccettabile è: non poter più abortire in strutture pubbliche senza il vaglio di una commissione di obiettori di coscienza, subire maltrattamenti in famiglia e non poter esternare queste sofferenze in quanto donna, non essere cosciente dei propri diritti o ancor peggio esserne e fingere che non esistano per una accettazione in una società malsana che pensa sempre di mettere un cerotto su una voragine profonda.

In un mondo paritario sono stati istituiti diritti e servizi a tutela di donne di madri e di famiglia, mondo differente dal nostro dove ciò che abbiamo è solo frutto di arrancamenti e buona facciata, dove ci sono ancora donne che muoiono di stenti lavorando in campagna per 2 € l’ora. Il nostro mondo è stato riempito di teorie pseudo paritarie e di lotte di genere distorte, si sono persi i principi fondamentali di tali lotte contro il patriarcato e contro i padroni.

Il vero problema della lotta ancora da intraprendere è il cambiamento culturale, difficile sarà riportare gli uomini e le donne verso un unico fronte comune che è causa scatenante di ogni malcontento: la lotta al capitalismo; non è necessario esaltare la conquista di un non obbligo a truccarsi per fare le hostess di volo ma sarà importante festeggiare quando si percepirà lo stesso stipendio di uno stuart e quindi la conquista di una tutela maggiore e una retribuzione paritaria e giusta. Porre l’accento sulla violenza fisica subita dalle donne è diventato un mascherare problematiche più ampie identificate nella violenza generalizzata che le società capitalistiche esercitano su di loro, l’imbruttimento dei rapporti umani è determinato dal decadimento di principi che le società capitalistiche offrono sia sul piano morale sia sul piano organicistico ed economico.

Piccola, grande parentesi di incitamento alla lotta va fatta sul DDL Pillon, pensato da “luminari pro-vita e pro-famiglia” che aumenterebbero gli stipendi solo agli uomini per poter permettere alle donne di vivere meglio in casa sfornando figli e accudendoli, è impossibile accettare passivamente disparità di trattamento infondate, è impensabile rinunciare ai diritti conquistati con lotta e rivendicazione, è vergognoso tornare a dialettiche ormai superate.

Il ddl pone limitazioni importanti alle libertà di scelta di ogni donna, smantella ogni possibilità di divorzio in caso di figli minori a carico, obbliga alla mediazione familiare, che perde il suo aspetto puramente volontaristico, anche in casi di violenza domestica, va contro ogni principio etico, è specchio luccicante di una società che retrocede. Riprende e rielabora goffamente concetti passati tipo l’alienazione parentale che letteralmente fa passare le mamme e quindi le donne come isteriche invasate che con il loro troppo amore mettono il minore contro il padre fino a diventare minaccia, svilisce e annienta i diritti dei minori, toglie ogni possibilità di ascolto e accentua una sterile differenziazione tra uomo e donna che appaga il senso comune e allontana dalle reali problematiche.

Lottiamo perché l’otto marzo sia giornata di mobilitazione e di conquista, di determinazione e riconquista di ciò che ci è stato calpestato e ignorato, l’otto marzo deve essere presa di coscienza dei diritti che abbiamo e che ancora non facciamo valere, deve essere un giorno di riconquista di diritti delle donne e degli uomini per un mondo libero dallo sfruttamento economico, sociale, lavorativo e morale.

Le donne lavoratrici aderiscono al partito comunista, l'unico dove le donne contano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

Altri hanno letto anche:

 

Dalla prima pagina

Necrologi

Necrologi - Sabato, 23 Febbraio 2019

Cordoglio

Necrologi - Lunedì, 11 Giugno 2018

A Liliana

Necrologi - Lunedì, 26 Febbraio 2018

Muore il Cav. Francesco Ferulli

Necrologi - Martedì, 20 Febbraio 2018

Simone Martucci, i funerali

Auguri

Auguri - Domenica, 15 Luglio 2018

Congratulazioni a Sabrina Silvestri

Auguri - Venerdì, 15 Novembre 2013

I tuoi auguri a...

Auguri - Martedì, 03 Gennaio 2012

Buon anno con il calendario di NOCI24.it

Pubblicità

Cerca nel sito

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

Ginevra

FOTO24

Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 382 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

Pubblicità
 
 

CONTRATTI DI QUARTIERE II

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 1-4-2004

Avvio lavori P.zza Garibaldi: 11-4-2012

Fine lavori P.zza Garibaldi: 30-4-2013

Approvazione convenzione: 15-07-2014

Avvio lavori per le case: ???

Sono trascorsi:

 

FUORI CITTA'

Putignano, operazione antidroga: arrestati due pusher in un’abitazione del centro storico

12-10-2019

PUTIGNANO (Bari) - I militari della Stazione Carabinieri di Putignano hanno arrestato due giovani, un 21enne e un 22enne del luogo...

Putignano - Deteneva illegalmente armi. Arrestato censurato del luogo.

11-08-2019

PUTIGNANO (Bari) - I Carabinieri della Stazione di Putignano in collaborazione con i militari del dipendente Nucleo Operativo e Radiomobile...

Assenteismo presso l'Ospedale San Giacomo di Monopoli: 13 arresti e decine di indagati

18-07-2019

MONOPOLI (Bari) - Nella giornata di oggi militari della Stazione Carabinieri di Monopoli e della Compagnia Carabinieri di Monopoli hanno...

Triggiano – Fermato il 6° componente della banda della BMW

06-07-2019

TRIGGIANO (Bari) - Solo 4 giorni or sono i Carabinieri della compagnia di Triggiano avevano notificato a 5  suoi congiunti...

Bari - Tre borseggiatori seriali arrestati dai carabinieri

05-07-2019

BARI - I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari Centro, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in...

Triggiano - Arrestati i componenti della banda della Bmw

02-07-2019

I Carabinieri eseguono 5 fermi di indiziato di delitto per associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti, ricettazione e...

MUSEO DEI RAGAZZI

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 30-11-2005

Primo stralcio: 7-06-2011

Secondo stralcio: 7-04-2014

Avvio Terzo stralcio: 29-12-2015

Conclusione Terzo stralcio: ???

Sono trascorsi:

 

PUMS

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 19-12-2014

Affidamento: 8-09-2016

Sito web dedicato al PUMS: 17-09-2016

Chiusura prima fase del PUMS: 22-12-2016

Adozione ed attuazione PUMS: ???

Sono trascorsi:

 

Facebook