ADV

 

Siamo tutti Sardine

Movimento sardineCOMUNICATO - Roberto Morotti, Giulia Trappoloni, Andrea Garreffa.
Tre ragazzi di trentanni che invece di dormire, una notte pensano a come “salvare il mondo”.
Può sembrare il soggetto di un film di Spielbergh, invece è la genesi delle sardine, di quel movimento NON politico che sta dando filo da torcere a Matteo Salvini.

Ma perché “sardine”? Sono gli stessi autori a spiegarlo, perché volevano silenziosamente, come pesci, stare stretti stretti a dimostrare che la piazza non è leghista. Hanno iniziato con la loro piazza, quella di Bologna contestualmente alla manifestazione della Bergonzoni, candidata leghista alla prossime regionali in Emilia. Pian piano il movimento si è allargato e sempre più piazze d’Italia sono invase da migliaia di sardine.

"Nessuna bandiera, nessun partito, nessun insulto. Crea la tua sardina e partecipa alla prima rivoluzione ittica della storia", questo era il loro invito.
Ma era necessario oggi il movimento delle sardine?
“L’Italia è l’unico paese al mondo in cui si scende in piazza a protestare contro l’opposizione” si legge oggi su facebook. Forse è vero, di solito si manifesta contro il governo, non contro le opposizioni. Ma siamo sicuri che la Lega sia all’opposizione?
Stando alla stanza dei comandi si direbbe di sì, Salvini stesso ad ottobre ha fatto cadere il governo, anche se ad oggi non se n’è ancora reso conto o per lo meno capacitato.

Dopo il governo Giallo/Verde siamo passati dal governo Giallo/Rosso, già un governo dai toni più caldi rispetto al primo.
Ma Salvini non è scomparso, a parte la presenza costante sui tutti i social, compreso il nuovissimo TikTok, gode ancora di una fortissima stima da parte di molti italiani. Matteo Salvini ha lasciato dietro di se una scia populista molto forte.

Ecco qual è lo scopo delle Sardine: risvegliare una coscienza politica anti-populista.
Il messaggio delle sardine è chiaro: sfidare con la partecipazione civile, l’impegno in prima persona e la coscienza critica la retorica della comunicazione vuota. Senza insulti, né violenza.
Tornare a fare politica con la P maiuscola. Cioè quell’insieme di cose, di azioni, di pensieri che appartengono alla dimensione della vita comune, dello Stato del Cittadino insieme. Non ci dimentichiamo che ogni nostro gesto è “fare politica”. Gettare una carta nell’apposito contenitore è fare politica per l’ambiente, aiutare un vicino è fare politica sociale, insegnare ad essere liberi è fare politica.

Questo è l’obiettivo delle Sardine, tornare a fare politica dal basso. Criticare in maniera educata senza offese, ragionare.
Ed è proprio quest’aspetto che spaventa Salvini e la destra tutta, la capacità del popolo di tornare a ragionare.
Ne sono esempi la professoressa di Palermo sospesa per due settimane dall’ufficio scolastico provinciale per non aver «vigilato» sul lavoro di alcuni suoi studenti di 14 anni che, durante la Giornata della memoria, avevano presentato un video nel quale accostavano la promulgazione delle leggi razziali del 1938 al “decreto sicurezza” dell’allora ministro dell’Interno Matteo Salvini, e il professore di Fiorenzuolo D’Arda che minaccia di mettere l’insufficienza agli alunni che manifestano contro Salvini.

Per chi ha studiato un po’ di storia, basterà ricordare che durante il ventennio fascista ai giornali era proibito scrivere la verità circa la situazione politica e militare italiana, tutto doveva apparire rose e fiori. Tutto pur di non mettere in cattiva luce il governo.

A questo punto io direi SI, rispondendo alla prima domanda, le Sardine sono necessarie. Se servono a risvegliarci dal torpore in cui tutti eravamo caduti. SI, se con garbo ed educazione ci riportano sulla via del ragionamento.  Si, se ci ricordano che per fare politica occorre scendere nelle piazze a manifestare pacificamente, camminare tra la gente per ascoltarla. Siamo sempre più nascosti dietro le tastiere, incapaci di parlarci faccia a faccia. Facciamo politica con un post su facebook ma non ascoltiamo quello che pensano gli altri.

Si, sono necessarie se silenziosamente ci ricordano che nulla è perduto, che occorre resistere e che la rivoluzione si può ancora fare.
Si, in un paese libero e democratico sono indispensabili per ricordarci che abbiamo una coscienza critica ed ora di rimetterla in moto, per noi e per il nostro futuro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

ADV

 

 

Informazione pubblicitaria

tatulli noci24 ok

 

 

Informazione pubblicitaria La pubblicità

 

 

ADV

FUORI CITTA'

Truffa di 12.000 euro in danno di un anziano. I Carabinieri di Modugno arrestano una…

31-05-2024

MODUGNO - Questa mattina, i Carabinieri della Compagnia di Modugno hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare “agli arresti domiciliari”, emessa...

Sigilli ad autodemolitore abusivo: sequestrata area di 11.000 mq

10-05-2024

GIOIA DEL COLLE – Nei giorni scorsi, i militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (NIPAAF) del...

Altamura: rifiuti tombati in cava

30-04-2024

ALTAMURA - I militari coordinati dal Gruppo Carabinieri forestale di Bari, con l’ausilio del Reparto Carabinieri Parco Nazionale dell’Alta Murgia e...

Bari - Scoperto un deposito di sostanze stupefacenti. Arrestato un 24enne

23-04-2024

BARI - I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari San Paolo hanno arrestato in flagranza di reato un 24enne...

Bari e Capurso: custodia cautelare nei confronti di otto persone per i reati di lesioni…

15-04-2024

BARI E CAPURSO - Nella prima mattinata di sabato i Carabinieri della Compagnia di Bari San Paolo e della Stazione CC...

GdF Bari: ordinanza di misure cautelari nei confronti di 7 persone per corruzione, turbata libertà…

10-04-2024

BARI - I finanzieri del Comando Provinciale di Bari stanno dando esecuzione a Bari e provincia a un’ordinanza applicativa di misure...

NECROLOGI

Addio a Nicola Giacovelli: lo “scalpellino" nocese che fu internato nei lager nazifascisti

11-04-2024

NOCI – La comunità nocese dice addio a Nicola Giacovelli, padre del dott. Francesco Giacovelli, uno dei nostri architetti più...

Addio a Oronzo Colucci: aveva dedicato gran parte della sua vita al volontariato

19-08-2023

NOCI – Una gravissima perdita per Noci: ci lascia Oronzo Colucci, amatissimo dalla comunità per le sue virtù di incondizionato...

Addio a Leo Morea: padre coraggio al fianco delle vittime della strada

02-08-2023

  NOCI – Ci ha lasciati il 2 agosto il nostro concittadino Leo Morea, che pur vivendo a Milano, aveva lasciato un...

Addio alla fotografa Marta Attolini: il ricordo della nipote Angela Bianca Saponari

22-07-2023

NOCI - Ci ha lasciati lo scorso 28 giugno la nota fotografa nocese Marta Attolini, figlia dell'apprezzatissimo Giovanni Attolini, da...

Ci ha lasciato Giovanni Miccolis

08-07-2023

NOCI - E' venuto a mancare all'età di 70 anni Giovanni Miccolis, dipendente comunale in quiescenza e da sempre...

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa di Patrizia Nettis

30-06-2023

Alla famiglia il sentito cordoglio della redazione di NOCI24.it. NOCI - E' scomparsa all'impovviso due giorni fa all'età di 41...

LETTERE AL GIORNALE

"Contratti di Quartiere", l'opposizione contraria all'aumento del prezzo degli alloggi di edilizia convenzionata

15-06-2024

LETTERE AL GIORNALE - Riceviamo e pubblichiamo una nota politica dell'opposizione in merito all'aumento del prezzo di vendita degli alloggi...

Appuntamento mensile in biblioteca: come innamorarsi dei libri e dei luoghi che li custodiscono

30-05-2024

NOCI - Riceviamo da parte della maestra Dora Intini (e pubblichiamo con grande entusiasmo) il resoconto di una emozionante e...

Assolti dall’accusa di diffamazione “perché il fatto non sussiste”

27-05-2024

REPLICA DI PAOLO CONFORTI del 29 maggio 2024 Riceviamo e pubblichiamo. Apprendo del comunicato di Scagliarini e Longo ed al fine di...

Associazioni e comitati contro la potatura drastica degli alberi del perimetro urbano

27-02-2024

“Eco Eventi OdV” e “Comitato di quartiere via T. Fiore” hanno incontrato l’assessora Checca Tinella e il responsabile del verde Giuseppe...

Se sarà femmina chiamiamola Crimea!

26-11-2023

LETTERE AL GIORNALE - Ci sono luoghi della terra che per la loro storia, la molteplicità degli accadimenti di cui...

L'occupazione persa, una famiglia a carico e il dover ricominciare da zero dopo la pandemia:…

26-11-2023

LETTERA AL GIORNALE - Antonio (questo il nome di fantasia che gli daremo) ha voluto raccontarci la sua complessa e...