Informazione pubblicitaria WoomItalia
Informazione pubblicitaria

 

Informazione pubblicitariaWoom Italia

 

 

Il dott. Antonello D’Attoma spiega come vincere l’ansia, pericolosa alleata del Covid-19

04 8 DattomaCoronavirusNOCI (Bari) - Soffermiamoci un po’ su quello che è il nostro “vocabolario quotidiano” in questo periodo: ci accorgeremo che, oltre a “Coronavirus”, vi ricorrono costantemente termini come “ansia” e “stress”. E’ possibile vincere anche questi insidiosi nemici, alleati del Covid-19, che potrebbero sfociare in pericolose psicosi? La parola al Dott. Antonello D’Attoma, neurologo e dirigente presso la Asl di Bari, nonché scrittore e giornalista.

Non ha certo bisogno di presentazioni il Dott. Antonello D’Attoma, che con una grandissima esperienza in campo neurologico, fornisce preziosi consigli su come affrontare al meglio, dal punto di vista psicologico, questa situazione che inizia a diventare per tutti esasperante.
“E’ chiaro che ci troviamo di fronte ad una condizione mondiale mai vissuta prima; una condizione che non sta risparmiando nessun angolo della Terra e nessuna fascia d’età. Nessuno può dirsi immune, ed è questo che fa ovviamente crescere il senso di disagio”- afferma D’Attoma, convinto che la reclusione forzata in casa, il distanziamento sociale e il cambio drastico delle abitudini debbano costituire la spinta necessaria per trovare dentro di sé le energie necessarie a reagire. Pur in tutta la sua criticità, questo momento storico può costituire una possibilità di cambiare in meglio. D’Attoma spiega quali sono le categorie di persone che possono risentire maggiormente della permanenza forzata in casa: “Si tratta senza dubbio delle persone più “iperattive” (quelle abituate a ritmi di lavoro frenetici) ad avvertire maggiormente il peso di questa reclusione. A loro si aggiungono tutti coloro che sono purtroppo affetti da disturbi comportamentali derivanti da malattie psichiatriche o da demenza che non riescono a stare fermi anche per pochi secondi e per i quali muoversi, uscire di casa e girovagare rappresenta quasi una necessità vitale. E’ con loro che si incontreranno maggiori difficoltà nello spiegare la gravità della situazione, e quanto sia importante restare a casa. Vanno considerati poi anche quei soggetti affetti da patologie nervose di base, che mal sopportano la quotidianità in abitazioni piccole e scomode, situate magari in strade poco illuminate. Non vanno dimenticate poi quelle persone che vivono particolari situazioni familiari non proprio serene, dove il litigio è all’ordine del giorno. Per loro, uscire significa scappare momentaneamente dai problemi legati alla convivenza!"

Ma veniamo alla questione più importante: la gestione dell’ansia, una pericolosissima alleata del Covid-19. La strada che ci riporterà a riappropriarci della nostra normalità appare ancora in salita, e l’ansia può facilmente allungare i suoi artigli stringendoci nella sua morsa. Insonnia, irritabilità e depressione sono le manifestazioni cliniche più ricorrenti.
Secondo il Dott. D’Attoma, le risposte all’ansia possono essere individuali o farmacologiche. Quelle individuali sembrano essere le più efficaci, nonostante comportino il notevole sforzo di tirar fuori le risorse mentali e psichiche che ognuno ha dentro di sé. Si può farlo sfruttando la gran quantità di tempo a disposizione per dare sfogo ad una creatività che l’accavallarsi di impegni e la freneticità della vita quotidiana, avevano fino ad ora soffocato. Si possono rispolverare vecchie passioni come la lettura, la scrittura, la visione di nuovi e vecchi film, il ricamo, l’arte culinaria o il giardinaggio. Anche la religione e la fede rappresentano un valido aiuto nella gestione dell’ansia. Ciò che conta è far diventare proficuo un tempo che potrebbe apparire morto. Riguardo alla terapia farmacologica, D’Attoma è molto chiaro: “Si può ricorrere alla medicina naturale, con tisane o integratori che se opportunamente scelti, si rivelano efficaci. Là dove la situazione si presentasse più complicata dal punto di vista clinico, sarebbe opportuno ricorrere ad una vera e propria terapia farmacologica, che deve però opportunamente essere prescritta da un medico. Importante è scegliere sempre e comunque di curarsi, una volta acquisita la consapevolezza della gravità della situazione. La scelta contraria, potrebbe rivelarsi molto pericolosa!”. Messo psicologicamente a dura prova anche il personale medico, infermieristico e sociosanitario, da settimane in prima linea nelle corsie. Anche su questo punto, il Dott. D’Attoma è categorico, affermando che medici, infermieri e operatori sociosanitari tutti, potranno esprimersi al meglio solo quando saranno forniti tutti i dispositivi di protezione indispensabili per svolgere questo lavoro e quando non si sentiranno abbandonati dalla società e dalle istituzioni. A scatenare maggiormente l’ansia, è la costante paura del contagio da Covid-19. Secondo D’Attoma, il problema si pone maggiormente per quel che concerne le persone già affette da fobie o ipocondria già prima del dilagare della pandemia, e le cui condizioni sono notevolmente peggiorate. Il neurologo consiglia anche in questo caso di puntare sulle proprie risorse interiori o su tecniche di rilassamento e training autogeno (anche sulla base di diversi ed esaustivi tutorial recuperabili in rete). Solo se strettamente necessario e sotto prescrizione medica si può ricorrere ai farmaci. Per il resto, basta solo comportarsi da “bravi cittadini”, attenendosi scrupolosamente alle regole. Per quanto concerne il ritorno alla normalità, le tempistiche entro cui ciò avverrà e gli aspetti a cui si dovrà prestare maggior attenzione, il neurologo ritiene opportuno specificare cosa davvero si intende per normalità. Una graduale abolizione delle misure restrittive potrebbe già verificarsi entro 1 o 2 mesi, ma per il ritorno ai ritmi che scandivano la vita prima della pandemia, occorrerà molto più tempo. “Non è possibile fornire una risposta univoca riguardo al “come” ne verremo fuori. I modi e i tempi saranno infatti soggettivi. Conviene sin d’ora accettare l’idea di dover modificare molte cose per quel che concerne il nostro stile di vita. Le persone più motivate, che meglio sanno gestire le proprie risorse interiori, saranno immediatamente capaci di cogliere il buono in questa drammatica situazione che nessuno si aspettava, ma che purtroppo ci ha travolti, e che richiede di reagire nel modo migliore possibile”- spiega D’Attoma. Ci permettiamo di aggiungere che sarebbe bello e soprattutto utile se chi fosse in possesso di maggiore positività, di maggiori energie psichiche e mentali, ne facesse dono, sia pur a distanza, alle persone più fragili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

Pubblicità

 

 

Informazione pubblicitaria

tatulli noci24 ok

 

 

Informazione pubblicitaria La pubblicità

 

 

Informazione pubblicitaria

FUORI CITTA'

Il Comandante Interregionale “Ogaden” Antonio de Vita visita il Comando Legione “Puglia”

04-12-2023

BARI - Nella mattinata, il Comandante Interregionale “Ogaden” di Napoli, Generale di Corpo d’Armata Antonio DE VITA, ha visitato il Comando...

Bari - Controlli sulla circolazione delle armi nel barese: un arresto e 3 pistole sequestrate

15-11-2023

BARI - Continuano i controlli dei Carabinieri del Comando Provinciale di Bari in materia di detenzione abusiva di armi da sparo...

Bari: assenteismo, dieci denunciati e tre misure cautelari eseguite dai Carabinieri

14-11-2023

BARI - I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare interdittiva del divieto di...

Furti in abitazione scoperti dai Carabinieri: tre arresti fra Monopoli ed Acquaviva delle Fonti

10-11-2023

MONOPOLI - I Carabinieri della Stazione di Monopoli hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misura cautelare, emessa dal Giudice...

Pratica dell’uccellagione con trappole per cardellini

09-11-2023

Torre a mare: Carabinieri forestali liberano i volatili catturati BARI – Nei giorni scorsi, i militari del Nucleo Carabinieri Forestale di...

GdF Bari: in esecuzione un’ordinanza applicativa di misure cautelari nei confronti di 11 soggetti per…

07-11-2023

BARI - Nella mattinata odierna, i finanzieri del Comando Provinciale di Bari - con il supporto di personale del Servizio...

NECROLOGI

Addio a Oronzo Colucci: aveva dedicato gran parte della sua vita al volontariato

19-08-2023

NOCI – Una gravissima perdita per Noci: ci lascia Oronzo Colucci, amatissimo dalla comunità per le sue virtù di incondizionato...

Addio a Leo Morea: padre coraggio al fianco delle vittime della strada

02-08-2023

  NOCI – Ci ha lasciati il 2 agosto il nostro concittadino Leo Morea, che pur vivendo a Milano, aveva lasciato un...

Addio alla fotografa Marta Attolini: il ricordo della nipote Angela Bianca Saponari

22-07-2023

NOCI - Ci ha lasciati lo scorso 28 giugno la nota fotografa nocese Marta Attolini, figlia dell'apprezzatissimo Giovanni Attolini, da...

Ci ha lasciato Giovanni Miccolis

08-07-2023

NOCI - E' venuto a mancare all'età di 70 anni Giovanni Miccolis, dipendente comunale in quiescenza e da sempre...

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa di Patrizia Nettis

30-06-2023

Alla famiglia il sentito cordoglio della redazione di NOCI24.it. NOCI - E' scomparsa all'impovviso due giorni fa all'età di 41...

Ci lascia il diacono Pinuccio Carucci

16-03-2023

NOCI - E' venuto a mancare questa mattina dopo una lunga malattia il diacono permanente Pinuccio Carucci all'età di 67...

LETTERE AL GIORNALE

Se sarà femmina chiamiamola Crimea!

26-11-2023

LETTERE AL GIORNALE - Ci sono luoghi della terra che per la loro storia, la molteplicità degli accadimenti di cui...

L'occupazione persa, una famiglia a carico e il dover ricominciare da zero dopo la pandemia:…

26-11-2023

LETTERA AL GIORNALE - Antonio (questo il nome di fantasia che gli daremo) ha voluto raccontarci la sua complessa e...

Il centrodestra in salsa nostrana

08-06-2023

LETTERE AL GIORNALE - Egregio Direttore, la ringrazio di cuore preventivamente qualora deciderà, con generosità, di pubblicare questo mio umile e...

Alluvione in Emilia-Romagna, il racconto di un nostro concittadino

21-05-2023

FORLÌ - Sono a Forlì, è martedì 16 maggio, sono le 19:00, piove ormai da circa diciotto ore ed il...

1984

19-04-2023

LETTERE AL GIORNALE - Cari concittadini, non era mia intenzione tediarvi nuovamente con le mie elucubrazioni sull'Idra a otto teste che...

Non si può dividere ciò che è già diviso, non si può unire ciò che…

13-04-2023

LETTERE AL GIORNALE - Cari concittadini, gli ultimi avvenimenti relativi all’adesione di alcune liste afferenti all’area Nisi al progetto del candidato Intini...