Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

LunedÌ, 28 Settembre 2020 - 02:35
 

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

0 lettera al giornale noci24LETTERE AL GIORNALE - Sabato 4 agosto quattro braccianti agricoli di origine africana hanno perso la vita in un drammatico incidente stradale avvenuto sulla SP 105 tra Ascoli Satriano e Castelluccio dei Sauri, al termine di una lunga giornata di lavoro nei campi in Capitanata. Viaggiavano assieme ad altri braccianti a bordo di un furgone bianco che si è schiantato contro un tir carico di pomodori.

Lunedì 6 agosto intorno alle 15:15 sulla Statale 16 tra Lesina e San Severo un furgone sul quale viaggiavano quattordici braccianti agricoli africani si è schiantato contro un camion che trasportava farinacei. Dodici uomini hanno trovato la morte ancora una volta dopo una dura e lunga giornata di lavoro, sotto il sole rovente di questa ennesima sanguinaria stagione di raccolta. Queste tragedie e il sangue dei lavoratori non possono ridursi a un trafiletto di cronaca estiva. Nessuna fatalità ha ucciso sedici braccianti in tre giorni: questa mattanza giungerà al termine solo debellando la piaga sociale, tutt’altro che sommersa, dello sfruttamento lavorativo e garantendo sicurezza ai braccianti che raggiungono i luoghi di lavoro. L’Osservatorio Placido Rizzotto della Flai Cgil nel suo quarto rapporto “Agromafie e caporalato” denuncia che “il lavoro non contrattualizzato insieme al caporalato rappresentano un business che, in Italia, vale ben 4,8 miliardi di euro, mentre 1,8 miliardi vengono dall’evasione contributiva.” 

Il sistema di trasporto dei braccianti è frequentemente affidato nelle mani dei caporali, mettendo a repentaglio quotidianamente la vita e la sicurezza di migliaia di lavoratori. I braccianti reclutati dal caporale pagano in media 5 euro per raggiungere il luogo di lavoro e per acquistare i beni di prima necessità. In alternativa, ai braccianti non resta che organizzarsi con altrettanto fatiscenti mezzi di fortuna. Sovente i braccianti lavorano a cottimo o a giornata con retribuzione nettamente inferiore a quella sindacale, spesso in condizioni lavorative disumane. I rapporti evidenziano che il salario delle donne è inferiore del 20% circa rispetto ai colleghi.

Il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (Crea) dichiara che “i lavoratori stranieri in agricoltura (tra regolari e irregolari) sarebbero 405 mila, di cui il 16,5% ha un rapporto di lavoro informale (67 mila unità) e il 38,7% ha una retribuzione non sindacale (157 mila unità)”. Il 30% dei lavoratori agricoli, inoltre, risulta lavorare meno di 50 giornate all’anno (spesso le giornate lavorative registrate risultano essere meno di quelle effettive) ed è quindi costretto a rinunciare al sussidio di disoccupazione. Riteniamo che sia opportuno liberare la filiera alimentare dalla morsa della grande distribuzione organizzata che strozza ogni anello.  I braccianti pagano il conto più salato: costituiscono la parte finale, la più fragile ma indispensabile della filiera.

Sfruttamento, marginalità sociale e degrado delle condizioni di lavoro alimentano una profonda e mortifera ingiustizia sociale. Dopo aver favorito la distorsione della percezione della realtà su temi quali immigrazioni e “sicurezza”, il Governo sposti finalmente l’attenzione sulla Sicurezza richiesta a gran voce sia dai lavoratori che esigono rispetto rivendicando dignità, sia dal sangue delle vittime, rosso come i quintali di pomodori riversi sulla SP 105 pochi giorni fa. Durante il consiglio comunale del 7 agosto, in qualità di rappresentate del gruppo La Sinistra, il consigliere comunale Mariano Lippolis (Segretario del circolo nocese del Partito della Rifondazione Comunista “P. Pace”) ha posto all’attenzione dell’assise cittadina l’inaccettabile strage di braccianti, invitando ad osservare un minuto di silenzio. 

Lavoratori e organizzazioni sindacali hanno proclamato uno sciopero per l’intera giornata di mercoledì 8 agosto contro un sistema economico che schiavizza i lavoratori in nome del profitto. Nel giorno del sessantaduesimo anniversario della tragedia di Marcinelle in cui persero la vita 262 minatori tra cui 136  italiani, Rifondazione Comunista ha partecipato alla mobilitazione per rivendicare diritti e dignità, gli stessi per cui lottava Soumalia Sacko, ucciso nella piana di Gioia Tauro il 2 giugno.  

 

 

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

La pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 613 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 

FUORI CITTA'

Bari, cambio al vertice del Comando Legione Carabinieri “Puglia”

13-09-2020

BARI - Nella Caserma “Chiaffredo Bergia” si è tenuta giovedì sera, alla presenza del Comandante Interregionale Carabinieri “Ogaden”, Generale di...

Operazione “Prometeo”: truffa aggravata per il conseguimento di incentivi statali al fotovoltaico

13-09-2020

BARI - I Finanzieri del Comando Provinciale e del Reparto Operativo Aeronavale di Bari hanno dato esecuzione al provvedimento emesso...

Scoperto laboratorio di amfetamine: due arresti

25-08-2020

CONVERSANO - I Carabinieri della Tenenza di Mola di Bari hanno arrestato in flagranza di reato G.A., di anni 45 e...

Toritto - I Carabinieri arrestano un pluripregiudicato 42enne per resistenza a P.U. e sequestrano apparecchiature…

14-08-2020

Toritto - Nella tarda mattinata di ieri i militari della Sezione Radiomobile di Modugno hanno rintracciato e tratto in arresto F...

Spinazzola - Operazione anti-caporalato: arrestati 3 imprenditori

14-08-2020

Spinazzola - I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari e del Nucleo Ispettorato del Lavoro, da diversi giorni impegnati sul territorio...

Operazione “#Cheguaio!”: perquisizioni della GDF di Bari

07-08-2020

BARI - Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari ha eseguito perquisizioni domiciliari in Puglia, Campania...

NECROLOGI

E' tornato alla casa del Padre Giovanni Novembre

10-06-2020

E' tornato alla casa del Padre all'età di 71 anni Giovanni Novembre. Lo annunciano la moglie Angela, i figli Giuseppe...

Ricordo di Nicola Putignano

22-12-2019

Il 18 dicembre 2019 è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari e dell'intera città il prof. Nicola Putignano, docente...

Muore il 42enne Mirko Quarato: oggi i funerali in Chiesa Madre

24-04-2019

NOCI (Bari) - Non ce l'ha fatta a sopravvivere il giovanissimo Mirko Quarato dopo il pericoloso incidente che lo aveva...

LETTERE AL GIORNALE

DS Chiara d’Aloja: lettera aperta alla Comunità Educante

28-08-2020

LETTERE AL GIORNALE - Il nuovo anno scolastico è alle porte anche per l’Istituto Comprensivo Gallo-Positano e sarà un anno speciale...

Piero Liuzzi: "Zavoli e la sua fame di Sud"

06-08-2020

NOCI - Riceviamo e pubblichiamo questo breve ricordo del sen. Piero Liuzzi sul suo originale rapporto con Sergio ZAVOLI, parlamentare...

Auguri nonna Stella!

04-07-2020

NOCI (Bari) - Il 1 luglio 2020 nonna Stella, per tutti Stella Palattella, per le amiche e vicine di casa "Stellina...

Offese all'ing. Conforti. La replica dei giornalisti Longo e Scagliarini

05-06-2020

Riceviamo e pubblichiamo la replica dei giornalisti Giovanni Longo e Massimiliano Scagliarini al comunicato pubblicato il 23 maggio su NOCI24.it a firma...

Morea replica a Plantone

22-05-2020

NOCI - Il consigliere comunale di minoranza Stanislao Morea (Idea Noci) ha diffuso una nota in replica al comunicato del consigliere...

Per una Scuola silenziosa ed autenticamente operante

27-04-2020

LETTERE AL GIORNALE - Nel mostrare ciò che si fa, si corre sempre il rischio che la volontà di fare...