Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

Sabato, 26 Settembre 2020 - 19:09
 

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

05 06 lettera nero su biancoMamma. Mi piace chiamarti così, anche se forse sceglierai tu di non ricoprire questo ruolo in quella che sarebbe potuta essere la mia vita. E a me piace sentirmi tuo figlio. Ho dato uno sguardo al mondo in questi giorni in cui tu stai prendendo la grande decisione e ho capito che su di me esistono diversi pensieri: c’è chi dice che io non sarei un essere vivente fino al giorno in cui vedrò la luce e chi, al contrario, pensa che merito già di essere tuo figlio, o per lo meno ne merito l’appellativo. Perché la vita io non l’ho vista e chissà se potrò mai vederla.

Non voglio rimproverarti mamma, perché, anche se forse non ci credi, ti ho sentita. Ti ho sentita quando piangevi chiusa nella tua stanza, quando alla tua migliore amica hai confidato di volermi con te e quando ti sei pentita l’istante dopo solo di aver pensato una cosa del genere. Ti ho sentita quando hai persino valutato l’ipotesi di non dire al tuo compagno che io sarei stato il frutto di un amore infedele. Io della vita non so niente, non so cosa significhi tradire la persona che si ama e soprattutto non so perché si arrivi a farlo. Alla tua amica hai detto di amare il tuo compagno e che io sarei stato solo il risultato di un enorme errore che hai commesso durante una sera in cui avevi bisogno di evadere dalla tua quotidianità.
Mia cara mamma, se deciderai di mettermi al mondo tu potrai insegnarmi milioni di cose ma forse anche io avrò una piccolissima cosa da insegnarti: anche la quotidianità è amore, riscoprirsi ogni giorno sicuri al fianco di qualcuno non è noia, io piuttosto la chiamerei fortuna. E sull’avermi definito un “errore”, anche su quello forse avrei qualcosa da dire: mamma non sono io l’errore, l’errore può essere il tuo gesto e il non essere in grado di confessarlo, ma non io. Perché io ti darei amore, amore smisurato e incondizionato. Un amore che non si potrebbe mai trasformare in noia o routine. Tu potresti insegnarmi a camminare, a parlare, a leggere o semplicemente mi indicherai il modo migliore per stare al mondo e io, da parte mia, potrei donarti quella leggerezza che tu forse cercavi quella notte.

Hai mai immaginato, anche per un solo istante, la nostra vita insieme? Hai mai pensato a come avresti voluto chiamarmi? Di che colore sarebbero stati i miei occhi e i miei capelli?
Io ho provato ad immaginarlo e ho provato a disegnare la mia vita, pensando a me come un dottore, un astronauta, un attore, un cantante, un calciatore, un falegname, un avvocato, un idraulico, un elettricista. Chissà quale sarebbe la mia grande aspirazione. La cosa che forse rimpiangerò più di tutto, se decidessi di liberarti di me, è la possibilità di sognare. Dicono che sia bello sognare: puoi immaginare la vita così come la vorresti, puoi farlo a occhi chiusi oppure osservando il mare.
Esatto, il mare un’altra cosa meravigliosa – a quanto dicono – che io non potrei mai vedere e neanche conoscerne il profumo e il suono. Quante cose non potrò fare se tu non mi darai la possibilità di far parte della tua vita per poi costruirmi la mia di vita.
Io so che hai paura mamma, hai paura di ammettere ciò che hai fatto, hai paura di dire al tuo compagno che aspetti un figlio che non è il suo. Non posso prometterti o darti la garanzia del suo perdono, però posso dirti che non saresti mai sola se scegliessi di regalarmi la vita. E quando arriverà il momento in cui dovrai raccontarmi la verità sul perché quello che dovrei chiamare papà non vive con noi, ma ha un’altra famiglia e un’altra casa, non preoccuparti mamma. Forse allora sarò un adolescente e l’istinto ribelle tipico di quell’età mi porterà ad arrabbiarmi, ma ti prometto mamma che ti ringrazierò per essere stata così coraggiosa e soprattutto per aver scelto me.

Ora tocca a te mamma. Oggi non puoi sentirmi, non puoi leggere o ascoltare tutto ciò che avrei da dirti e quindi lascia che sia quel piccolo suono che senti a guidarti: è il battito del mio piccolissimo cuore. Potresti tenerlo in una mano, e io quella mano, la tua, oggi vorrei solo avere la possibilità di stringerla.
Tuo (forse) figlio.

 

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

La pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 737 visitatori e un utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 

FUORI CITTA'

Bari, cambio al vertice del Comando Legione Carabinieri “Puglia”

13-09-2020

BARI - Nella Caserma “Chiaffredo Bergia” si è tenuta giovedì sera, alla presenza del Comandante Interregionale Carabinieri “Ogaden”, Generale di...

Operazione “Prometeo”: truffa aggravata per il conseguimento di incentivi statali al fotovoltaico

13-09-2020

BARI - I Finanzieri del Comando Provinciale e del Reparto Operativo Aeronavale di Bari hanno dato esecuzione al provvedimento emesso...

Scoperto laboratorio di amfetamine: due arresti

25-08-2020

CONVERSANO - I Carabinieri della Tenenza di Mola di Bari hanno arrestato in flagranza di reato G.A., di anni 45 e...

Toritto - I Carabinieri arrestano un pluripregiudicato 42enne per resistenza a P.U. e sequestrano apparecchiature…

14-08-2020

Toritto - Nella tarda mattinata di ieri i militari della Sezione Radiomobile di Modugno hanno rintracciato e tratto in arresto F...

Spinazzola - Operazione anti-caporalato: arrestati 3 imprenditori

14-08-2020

Spinazzola - I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari e del Nucleo Ispettorato del Lavoro, da diversi giorni impegnati sul territorio...

Operazione “#Cheguaio!”: perquisizioni della GDF di Bari

07-08-2020

BARI - Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari ha eseguito perquisizioni domiciliari in Puglia, Campania...

NECROLOGI

E' tornato alla casa del Padre Giovanni Novembre

10-06-2020

E' tornato alla casa del Padre all'età di 71 anni Giovanni Novembre. Lo annunciano la moglie Angela, i figli Giuseppe...

Ricordo di Nicola Putignano

22-12-2019

Il 18 dicembre 2019 è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari e dell'intera città il prof. Nicola Putignano, docente...

Muore il 42enne Mirko Quarato: oggi i funerali in Chiesa Madre

24-04-2019

NOCI (Bari) - Non ce l'ha fatta a sopravvivere il giovanissimo Mirko Quarato dopo il pericoloso incidente che lo aveva...

LETTERE AL GIORNALE

DS Chiara d’Aloja: lettera aperta alla Comunità Educante

28-08-2020

LETTERE AL GIORNALE - Il nuovo anno scolastico è alle porte anche per l’Istituto Comprensivo Gallo-Positano e sarà un anno speciale...

Piero Liuzzi: "Zavoli e la sua fame di Sud"

06-08-2020

NOCI - Riceviamo e pubblichiamo questo breve ricordo del sen. Piero Liuzzi sul suo originale rapporto con Sergio ZAVOLI, parlamentare...

Auguri nonna Stella!

04-07-2020

NOCI (Bari) - Il 1 luglio 2020 nonna Stella, per tutti Stella Palattella, per le amiche e vicine di casa "Stellina...

Offese all'ing. Conforti. La replica dei giornalisti Longo e Scagliarini

05-06-2020

Riceviamo e pubblichiamo la replica dei giornalisti Giovanni Longo e Massimiliano Scagliarini al comunicato pubblicato il 23 maggio su NOCI24.it a firma...

Morea replica a Plantone

22-05-2020

NOCI - Il consigliere comunale di minoranza Stanislao Morea (Idea Noci) ha diffuso una nota in replica al comunicato del consigliere...

Per una Scuola silenziosa ed autenticamente operante

27-04-2020

LETTERE AL GIORNALE - Nel mostrare ciò che si fa, si corre sempre il rischio che la volontà di fare...