Informazione pubblicitaria

Informazione pubblicitaria

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

MercoledÌ, 1 Dicembre 2021 - 03:56

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

05 25 disturbi alimentariNERO SU BIANCO - Avevo 16 anni e credevo di essere una ragazza come tante, forse solo un po’ più introversa, ma per il resto ho sempre pensato di non essere diversa dalle mie coetanee. Al liceo ero circondata da amiche, ragazze che mi volevano bene per quella che ero o che mi sentivo di essere; la mia migliore amica non mi ha mai fatto pesare il mio essere così “imperfetta”. Camminava accanto a me orgogliosa. Eppure non per tutti era così.

Gli anni del liceo possono improvvisamente rivelarsi gli anni più duri. A scuola me la cavavo abbastanza bene, studiare mi piaceva e da quel punto di vista non ero la fonte della preoccupazione dei miei genitori. Qualcosa è andato storto quando ho iniziato a non sentirmi parte del mio stesso corpo, nello stesso momento in cui qualcuno, o forse più di uno, ha iniziato a farmelo notare. Ero in sovrappeso, ma ho sempre creduto che se mi fossi nascosta dietro maglioni e jeans più larghi nessuno se ne sarebbe mai accorto. Mi sbagliavo. Se ne accorgevano eccome e qualcuno non perdeva occasione per farmelo notare.
Quel giorno è iniziato il mio calvario. Sono tornata a casa e ho rifiutato il pranzo, poi ho saltato la merenda e a cena ho preferito un’insalata a una pizza. Così per tutti i giorni a seguire, fino a che mele e yogurt erano diventati i miei alleati perfetti e la bilancia la mia più fedele compagna. I numeri scendevano, prima 2 kg, poi 5, poi 10 e in un attimo quasi 30 kg. Non mi importava quanto mi sentissi debole, cercavo di nasconderlo agli altri, la mia vita agli occhi di tutti non era cambiata. Ma io si che ero cambiata, a scuola aumentavano gli apprezzamenti, a quelli che fino a quel momento mi avevano “snobbata”, improvvisamente sembrava importarne qualcosa di più. Alcuni mi guardavano con ammirazione, ma chi mi conosceva e mi voleva davvero bene aveva lo sguardo di chi aveva capito che c’era ben poco da ammirare in me in quel momento. E forse è stato quello uno dei miei primi errori: dare poca importanza a chi mi amava e troppa a chi mi aveva reso ancora più fragile di quanto già lo fossi. A chi mi tendeva la mano, rispondevo che ero in grado di farcela da sola, che non avevo bisogno di nessun aiuto perché ero padrona del mio corpo. Ed era vero, il mio corpo lo comandavo io. La mia testa no. Avevo completamente perso il controllo e la gestione dei miei pensieri. Nulla era mai abbastanza e tutto era troppo. Frasi come “sei troppo magra” mi esaltavano e chi mi diceva “inizi a stare meglio” mi spingeva a tornare sui miei vecchi passi. Non ho chiesto aiuto, sono risalita da sola, ma sono quasi certa che questo sia stato l’errore più grande che abbia mai potuto commettere.

Sono passati anni da quel periodo e tutto quello che c’è stato in mezzo può paragonarsi ad un’altalena. Sul mio corpo restano incisi i segni di quel periodo e nella mia testa forte è la consapevolezza di quanto vissuto e di quanto non vorrei mai più vivere.
È una molla pronta a saltare in ogni momento. Una parola detta in un contesto sbagliato, un apprezzamento espresso con leggerezza e inconsapevolmente, un tempo mi ferivano, oggi mi fortificano. Ho abbandonato da anni l’idea della perfezione, imparando a convivere con la convinzione che il vero traguardo è sentirsi in pace con se stessi e quando questo non accade, l’ultima cosa da fare è combattere da soli, mentre la prima è chiedere aiuto.

Non ho mai amato raccontare la mia storia, perché farlo mi faceva sentire come uno di quei modellini in plastica trasparente dal quale riesci a distinguere perfettamente ogni organo. Non potevo raccontarla perché io per prima so che non si possono esprimere a parole tutti quei minuscoli meccanismi che scattano nel cervello di chi vive una situazione del genere. Sono innumerevoli, talmente piccoli che si fa persino fatica a riconoscerli e ad assecondarli. Tanti e involontari i pensieri che ti portano a sentirsi estranea nel proprio corpo.
Sono Elena, la stessa ragazza che anni fa era in sovrappeso, ma sono quella persona che oggi ha imparato una cosa importante: se quando avevo 16 anni qualcuno mi avesse detto come poter evitare tutto quello, qualcuno che lo aveva passato prima di me, forse oggi lo avrei ascoltato con il cuore aperto. Perché quel calvario potrebbe anche portarti a sentirti migliore, ma in un modo o nell’altro ti condiziona il resto della vita facendoti sentire spesso incompresa dagli altri e a volte persino da stessa.


Se oggi potessi tornare indietro nel tempo, quella mano tesa l’avrei stretta, forte, fortissimo.

 

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

Informazione pubblicitaria

La pubblicità

Informazione pubblicitaria

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 671 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

Pubblicità
 
 

FUORI CITTA'

Conducente ubriaco al volante, i carabinieri scoprono che poco prima aveva picchiato la moglie. Arrestato…

26-11-2021

Bitetto - I Carabinieri della Compagnia di Modugno hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un 47enne pluripregiudicato, accusato di...

Sammichele di Bari - Arrestati dai carabinieri tre topi d'appartamento

26-11-2021

SAMMICHELE DI BARI - Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Compagnia di Monopoli avevano ricevuto alcune segnalazioni per un’autovettura sospetta che...

Ladro aggredisce con un cacciavite i proprietari di casa. Arrestato dai Carabinieri

18-11-2021

PUTIGNANO - Sono rientrati in casa e hanno sorpreso due ladri che stavano cercando di svaligiare la propria abitazione. I...

Sequestrato deposito clandestino di alcool di contrabbando: due persone denunciate

12-11-2021

BARI - I Finanzieri della Tenenza di Bitonto - coordinati dal I Gruppo Bari – nell’ambito di un’operazione di polizia...

Concussione, corruzione e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche

12-11-2021

BARI - Ieri dalle prime luci dell’alba, il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari ha dato...

Modugno - Furto in pieno giorno: arrestata banda di ladri

03-11-2021

Modugno - Mattinata movimentata per i Carabinieri della Compagnia di Modugno che hanno sorpreso e arrestato in flagranza di reato quattro...

NECROLOGI

Giovanni Pizzarelli: la famiglia lo ricorderà con una Santa messa in occasione del trigesimo dalla…

14-11-2021

NOCI – Essendo trascorso un mese dalla scomparsa di Giovanni Pizzarelli, ex Appuntato dei Carabinieri, la famiglia lo ricorderà con...

In memoria del prof. Tonio Palattella: uomo colto, generoso e operoso

21-09-2021

NOCI - Qualche giorno fa ci ha lasciati il prof Tonio Palattella, figlio del compianto Don Vito, fondatore del gruppo...

Addio all'avvocato Giancarlo Liuzzi

13-08-2021

NOCI - E' prematuramente mancato oggi l'avvocato Giancarlo Liuzzi, professionista molto conosciuto e stimato in paese. Lascia la moglie e...

Come inviare un necrologio su NOCI24.it

03-02-2021

Invia i tuoi necrologi su NOCI24.it. Registrati sul sito, fai il Login ed invia i tuoi necrologi. Se desideri allegare...

LETTERE AL GIORNALE

Una rete virtuale per il “Green sentiment pubblico”

07-09-2021

LETTERA AL GIORNALE - Sono proprietario di un trullo in agro di Noci in Località Monte Verde dal 2013 -...

Senatrice Liliana Segre, cittadina onoraria di Noci

22-07-2021

Il 15 luglio il Consiglio Comunale di Noci ha deliberato la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre, presidente della Commissione...

Comitato per la cittadinanza onoraria nocese a Liliana Segre: punto di partenza e non di…

01-07-2021

NOCI - Pubblichiamo di seguito un comunicato da parte del Comitato per il conferimento della cittadinanza nocese alla senatrice Liliana Segre a...

Comitato per la cittadinanza onoraria nocese a Liliana Segre: alcune considerazioni

30-05-2021

NOCI - Pubblichiamo du seguito alcune importanti considerazioni ricevute da parte del Comitato per il conferimento della cittadinanza nocese alla...

25 aprile 2021

25-04-2021

NOCI - Il 25 aprile è festa. Lo sanno tutti. Soprattutto gli studenti, perché quasi sempre è un giorno di...

Liuzzi: "Anche a Noci il sogno magnogreco di Rossana Di Bello"

11-04-2021

NOCI - Piero Liuzzi ricorda Rossana Di Bello, ex sindaco di Taranto dal  2000 al 2006 e assessore regionale al...