Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

Domenica, 5 Luglio 2020 - 02:54

trovo aziende

 

11 09 lettera di un padreNOCI (Bari) – Mi chiamo Maria. Ho poco più di 30 anni e faccio parte della categoria “cervelli in fuga”. Ma faccio anche parte di quelli che io chiamo “cervelli in fuga involontaria".
Qualche mese fa vi ho raccontato la mia storia. Vi ho parlato della mia difficoltà – che alcuni chiamano coraggio – a lasciare casa, famiglia e amici per trasferirmi in una città dove l’unica cosa che mi era chiesta era quella di ripartire da zero. Così ho fatto, ho sradicato le mie radici per costruirmi una nuova vita, una realtà su misura. Sono passati ormai anni da quel giorno, tanti i cambiamenti di cui sono stata protagonista e persino la mia carta d’identità ha un nuovo indirizzo. Eppure qualcosa è rimasto invariato e a ricordarmelo è stato lui, la persona che anche se spesso in silenzio, questa volta ha preferito scrivere piuttosto che parlare, colui che anche se da lontano continua a guidarmi senza lasciare la mia mano: mio padre.

“Figlia mia,
ti scrivo da qui, dal tuo piccolo mondo, quello in cui raramente ci era permesso entrare. La tua stanza, la stessa in cui ti chiudevi per ore: io e la mamma ci siamo sempre chiesti quale fosse il tormento che portavi dentro di te. Studiavi e scrivevi. Scrivevi e studiavi. Poi un giorno, prima ancora che noi ce ne rendessimo conto, sei diventata una donna. Hai aperto le ali e ti sei affacciata sul mondo; non sapevi volare ma hai imparato a farlo.
Oggi hai la tua vita, il tuo lavoro, la tua casa, i tuoi hobby, i tuoi sogni e a noi non resta che guardarti mentre ti fai spazio in un mondo che non sempre sa essere così gentile. C’è una cosa che oggi voglio dirti: nonostante tu abbia ragione nel dire che la distanza ha i suoi rischi, tieni sempre a mente che i legami, quelli veri, non conoscono nemici e ostacoli che non possano essere vinti. Sono tuo padre e oggi voglio dirti tutte quelle cose che non avresti comunque imparato se te le avessi dette anni fa. I migliori insegnamenti, figlia mia, sono quelli che ti da la vita.
Qualunque genitore vorrebbe per il proprio figlio una vita tutta rose e fiori e per quanto ci si possa impegnare a far sì che questo sogno possa tramutarsi in realtà, non è mai possibile.
Incontrerai sul tuo cammino persone che cercheranno di abbatterti, lasciandoti credere di valere meno di ciò che realmente sei. Persone che ti porteranno a mettere in discussione i tuoi sogni, che tenteranno di vanificare i tuoi sacrifici. Altri che ti spezzeranno il cuore. Qualcuno ti tradirà, qualcuno avrà il potere di farti sentire grande quanto una formica e nessuno potrà evitare che tu soffra; ma tu, per quanto possa sembrarti assurdo quello che sto per dirti, fanne tesoro. È dalle tempeste peggiori che nasce sempre l’arcobaleno più bello. Ricorda: prima di correre bisogna imparare a camminare. Tu non smettere mai di fidarti delle persone, perché esiste sempre qualcuno che quel sorriso imparerà ad amarlo. È un rischio, ma i rischi sono fatti per essere affrontati e quando ne avrai un esito positivo, ti renderai conto che non esisteva cosa migliore che tu potessi fare; e se, invece, ti ritroverai a rimproverarti ancora una volta, ricorda: fanne tesoro perché la serenità, prima di essere vissuta, va conquistata.
Non renderci partecipi dei tuoi dolori, piccoli o grandi che siano, non significa proteggerci, perché che tu possa vivere sotto il nostro tetto o dall’altra parte del mondo ciò che lega un genitore a un figlio sa andare oltre qualsiasi parola. La tua carta d’identità può riportare un nuovo indirizzo e noi possiamo avere la gioia di vederti poche volte durante l’anno, ma gli occhi che tu hai, quelli con cui oggi guardi il mondo, assomigliano ai miei e questo niente e nessuno potrà mai cambiarlo.
Oggi ci vedi invecchiare, ci osservi da lontano e spesso rimproveri a te stessa la scelta che hai fatto anni fa: non farlo. La vita non va osservata da lontano, dall’esterno, la vita va vissuta e tu stai vivendo la tua. Conserva sempre un po’ di quella nostalgia che senti dentro di te, ma ricorda che mentre vai avanti per la tua strada quella nostalgia che senti in realtà non è altro che la certezza di un riparo sicuro, il nostro.

Il tuo papà”

 

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

La pubblicità

Pubblicità

hubberia 1
Pubblicità

Pubblicità

Ginevra
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 670 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 

FUORI CITTA'

Corato - Sfruttamento della prostituzione: arrestate due donne

04-07-2020

Corato (Bari) - Sono due le donne arrestate nei giorni scorsi dalla Stazione Carabinieri di Corato, un’italiana 45enne e una marocchina...

False polizze fideiussorie e assunzioni in cambio di voti

01-07-2020

La Guardia di Finanza esegue perquisizioni disposte dalla Procura della Repubblica di Bari BARI - Nella mattinata odierna i Finanzieri del...

Triggiano - Un arresto per rapina

01-07-2020

TRIGGIANO (Bari) - I Carabinieri del Sezione Radiomobile della Compagnia di Triggiano (BA), hanno arrestato, in flagranza di reato, un noto...

Putignano - Carabinieri sequestrano armi e droga, 2 arresti

30-06-2020

PUTIGNANO (Bari) - I carabinieri del Comando Provinciale di Bari, coadiuvati da unità cinofili, dai militari dello Squadrone Eliportato Cacciatori Puglia...

GIOIA DEL COLLE - Sequestro di circa 2,5 milioni di euro nei confronti di imprenditore…

23-06-2020

GIOIA DEL COLLE - Finanzieri della Tenenza di Gioia del Colle hanno eseguito a Bari, Gioia del Colle, Policoro (PZ)...

Altamura, Parco Nazionale dell’alta Murgia: nuovamente sequestrata una cava abusiva dai Carabinieri Forestali

23-06-2020

ALTAMURA - I carabinieri della Stazione “Parco” di Altamura sono intervenuti, in agro di Altamura, per mettere fine all’utilizzo abusivo...

NECROLOGI

E' tornato alla casa del Padre Giovanni Novembre

10-06-2020

E' tornato alla casa del Padre all'età di 71 anni Giovanni Novembre. Lo annunciano la moglie Angela, i figli Giuseppe...

Ricordo di Nicola Putignano

22-12-2019

Il 18 dicembre 2019 è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari e dell'intera città il prof. Nicola Putignano, docente...

Muore il 42enne Mirko Quarato: oggi i funerali in Chiesa Madre

24-04-2019

NOCI (Bari) - Non ce l'ha fatta a sopravvivere il giovanissimo Mirko Quarato dopo il pericoloso incidente che lo aveva...

LETTERE AL GIORNALE

Auguri nonna Stella!

04-07-2020

NOCI (Bari) - Il 1 luglio 2020 nonna Stella, per tutti Stella Palattella, per le amiche e vicine di casa "Stellina...

Offese all'ing. Conforti. La replica dei giornalisti Longo e Scagliarini

05-06-2020

Riceviamo e pubblichiamo la replica dei giornalisti Giovanni Longo e Massimiliano Scagliarini al comunicato pubblicato il 23 maggio su NOCI24.it a firma...

Morea replica a Plantone

22-05-2020

NOCI - Il consigliere comunale di minoranza Stanislao Morea (Idea Noci) ha diffuso una nota in replica al comunicato del consigliere...

Per una Scuola silenziosa ed autenticamente operante

27-04-2020

LETTERE AL GIORNALE - Nel mostrare ciò che si fa, si corre sempre il rischio che la volontà di fare...

Vito Plantone: "Andrà tutto bene"

15-03-2020

COMUNICATO - Ci sentivamo invincibili. Pensavamo che il mondo fosse controllabile semplicemente dal nostro salotto di casa e tenendo tra...

“Ed elli avea del cul fatto trombetta”

13-03-2020

LETTERE AL GIORNALE - "Perché mi serve un nemico?" chiese Paperone a Rockerduck. Il mio è la pigrizia che combatto...