Pubblicità pub noci24 01

Pubblicità Assinotar 2017 luglio 1

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

- -
Pubblicità

SPECIALE AMMINISTRATIVE - 10/24 giugno 2018 - NOCI (Ba) Speciale

I candidati sindaci e le liste: - Nisi - Conforti - Gentile - Liuzzi | I ProgrammiI PresidentiGli scrutatoriI risultati del 2013Sindaci di Noci dal 1944 ad oggi |  Risultati primo turno: affluenza -  sindaci e liste - consiglieri comunali Risultati ballottaggio: affluenza -  Liuzzi-Nisi

lamp Dati ufficiali Ministero dell'Interno.

blog tommaso turi

 

 

Il messaggio del Papa per la 49^ Giornata Mondiale della Pace del 1° gennaio 2016

L’8 dicembre 2015 – solennità dell’Immacolata Concezione della Vergine Maria – Papa Francesco ha firmato il Messaggio per la 49^ Giornata Mondiale della Pace, che si celebra il 1° gennaio 2016. Il Messaggio è formato da nove densi paragrafi ed è corredato da ben ventinove note: questi dati, per così dire, estrinseci, sono, però, la spia di un accostamento analitico e puntuale al problema della pace, che viene interpretato con una grande visione teologico-sistematica, che verte sul contesto del cammino planetario della Chiesa universale. 

I due poli interpretativi dell’odiernità globale della vita del genere umano riguardano la piaga macrosociale dell’indifferenza e l’aspirazione delle popolazioni d’interi continenti alla pace sociale: questi due poli vengono investigati, da Papa Bergoglio, con un sano realismo critico e con una profetica fiducia nella speranza cristiana: speranza scolpita con le prime parole del Messaggio dove si dice che Dio non è indifferente! A Dio importa dell’umanità. Dio non l’abbandona (n.1)

Il primo polo della conquista della pace è uscrire dall’indifferenza generalizzata per impegnarsi doverosamente per l’instaurazione della “giustizia sociale”, soprattutto da parte dei fedeli laici e delle aggregazioni laicali (associazioni, movimenti, gruppi, centri, enti, ecc.): fedeli laici che non possono assolutamente abdicare alla responsabile partecipazione alla ‘politica’, ossia alla molteplice e vasta azione economica, sociale, legislativa, amministrativa e culturale, destinata a promuovere organicamente e istituzionalmente il bene comune (cf Christifideles laici n.42). La cosiddetta terza guerra mondiale a pezzi (cf n.2) esprime molto bene il concetto della mancanza di fraternità umana tra le persone di una stessa regione nazionale o mondiale: ciò evidenzia, senza ambiguità che ci sono, oggi nel mondo, miliardi di esseri umani a cui vengono negati i diritti umani, sia da parte di alcune famiglie dispotiche che comandano molte aree africane e asiatiche sia da parte di chi, legittimamente o illegittimamente, detiene il potere politico e pubblico. La deflagrazione delle forme di antiumanesimo che abitano il mondo contemporaneo esige un’inversione di tendenza la cui traduzione spirituale e morale è la conversione del cuore e di mentalità: conversione che soltanto la grazia dello Spirito del Risorto può offrire, attraverso l’annuncio della Parola di Dio e la missione salvifica della Chiesa di Cristo, intesa come popolo di Dio e come mistero di comunione-missionaria. La forza che proviene dai documenti del Concilio Vaticano II (1962-1965) – e segnatamente dalla dichiarazione Nostra aetate (sulle relazioni della Chiesa con le religioni non cristiane) e dalla Costituzione pastorale Gaudium et spes (sulla Chiesa nel mondo contemporaneo) – possono aiutare molto il dialogo interreligioso e il dialogo con le culture moderne: tale dialogo può, inoltre, essere alimentato e favorito dal Giubileo straordinario sulla misericordia, che dovrebbe far aprire il cuore di ogni persona umana ad incontrare gli altri cuori e soprattutto il cuore del Signore, che è mite e umile. La globalizzazione dell’indifferenza (cf n.3) va vinta, quindi, col rispetto della differenza e della diversità di ogni persona umana, che è unica, così come uniche sono le culture autoctone e nazionali: l’indifferenza sociale è la categoria morale che sintetizza l’indifferenza verso Dio, verso gli altri e verso il creato. Si tratta, dice il Santo Padre, di un’indifferenza miscelata dal materialismo pratico, dal relativismo culturale e dal nichilismo filosofico e aprioristico, chiuso alla Trascendenza (cf n.4) e, di conseguenza, chiuso alla speranza affidabile e alla solidarietà creativa. Ciò sta a significare che, per i cristiani – e innanzitutto per i cristiani laici – la Chiesa cattolica  si rende presente e operante nella storia per condurla interiormente e formalmente sui prati verdi, popolati dai fiori profumati. “La prima verità della Chiesa – afferma “il Papa venuto dalla fine del mondo” – è l’amore di Cristo” (n.5): verità che si concretizza nell’amore perché l’amore pasquale o eucaristico riconcilia l’uomo con sé stesso, con gli altri, col creato e con Dio (cf Laudato si’).

Il secondo polo della conquista della pace è, di conseguenza, la promozione di una cultura di solidarietà e di misericordia (cf n.6), di compassione e d’amore (cf n.7). La promozione di una cultura di solidarietà e di misericordia è, in breve, la promozione della cultura della prossimità: essere-con, essere-per, stare-vicino ai poveri, abitare-tra i miserabili, dicono la trasformazione graduale che gli uomini devono fare dall’essere cittadini all’essere fratelli e figli di un unico Padre. Senza fraternità cristiana, senza economia di comunione, senza finanza del dono, senza perdono nazionale e internazionale la pace è un’utopia e basta. Bisogna arrivare, invece, a formare un’educazione integrale e plenaria per inverare un nuovo umanesimo, volto a praticare la giustizia sociale, il bene comune e la carità cristiana. Se a ciascun uomo non viene assicurato ciò che gli è dovuto per il semplice fatto di essere uomo; se il bene comune non viene inteso come estensione del bene morale personale; se la carità non viene intesa come dono sincero di sé per amore di Dio, allora la pace iniziale, intermedia e finale sarà una chimera. La promozione di una cultura di compassione e d’amore è, inoltre e in breve come l’altra, la promozione della cultura della libertà e della liberazione: se nessuno rimuove le cause economiche e sociali che impediscono alle persone e ai fratelli di sviluppare la propria personalità allo scopo di partecipare alla vita familiare e pubblica, la logica conseguenza è che la pace non si potrà costruire o conquistare. La pace è  sì dono di Dio ma è affidato al genere umano e alla Chiesa: la pace, però, ha bisogno delle sue strutture fondative che sono la purificazione dell’interiorità,  dell’edificio del silenzio, dell’ossigeno della vita contemplativa e delle vertigini dell’unione mistica con la Trinità e con Maria, madre della pace. Il Papa argentino è molto fiducioso, comunque, dei giovani e della loro grinta nell’andare controcorrente. Egli così dice e conclude: “[…] vorrei mezionare i giovani che si uniscono per realizzare progetti di solidarietà, e tutti coloro che aprono le loro mani per aiutare il prossimo bisognoso nelle proprie città, nel proprio Paese o in altre regioni del mondo. Voglio ringraziare e incoraggiare tutti coloro che s’impegnano in azioni di questo genere, anche se non vengono pubblicizzate: la loro fame di sete di giustizia sarà saziata, la loro misericordia farà loro trovare misericordia e, in quanto operatori di pace, saranno chiamati figli di Dio (cf Mt 5,6-9)”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

Dalla prima pagina

Necrologi

Necrologi - Lunedì, 11 Giugno 2018

A Liliana

Necrologi - Lunedì, 26 Febbraio 2018

Muore il Cav. Francesco Ferulli

Necrologi - Martedì, 20 Febbraio 2018

Simone Martucci, i funerali

Necrologi - Giovedì, 28 Settembre 2017

Ultimo saluto a Sebastiano D'Onghia

Necrologi - Martedì, 19 Settembre 2017

Addio ad Arturo D'Aprile

Aggiornamenti

Se avete un profilo su Facebook e siete interessati a ricevere gli aggiornamenti di NOCI24.it nella vostra sezione Notizie potete selezionare l’opzione “Mostra per primi”, sulla pagina di NOCI24.it.

Noci24 love

Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

Ginevra
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 485 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 
master-noci24-ballottaggio
promemoria

CONTRATTI DI QUARTIERE II

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 1-4-2004

Avvio lavori P.zza Garibaldi: 11-4-2012

Fine lavori P.zza Garibaldi: 30-4-2013

Approvazione convenzione: 15-07-2014

Avvio lavori per le case: ???

Sono trascorsi:

 

MUSEO DEI RAGAZZI

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 30-11-2005

Primo stralcio: 7-06-2011

Secondo stralcio: 7-04-2014

Avvio Terzo stralcio: 29-12-2015

Conclusione Terzo stralcio: ???

Sono trascorsi:

 

Twitter

PUMS

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 19-12-2014

Affidamento: 8-09-2016

Sito web dedicato al PUMS: 17-09-2016

Chiusura prima fase del PUMS: 22-12-2016

Adozione ed attuazione PUMS: ???

Sono trascorsi:

 

Facebook