Pubblicità pub noci24 01

Pubblicità Assinotar 2017 luglio 1

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

- -
Pubblicità

lamp Dati ufficiali Ministero dell'Interno.

blog tommaso turi

Messaggio di Papa Francesco al Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace e al “Movimento internazionale Pax Christi”

La misericordia è fonte di gioia, di serenità e di pace: è questo il principio nucleico attorno cui ruota il contenuto dell’intero messaggio inviato da Papa Bergoglio al Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace (1967; 1988) e al “Movimento internazionale Pax Christi” (1945), in occasione di un incontro giubilare dei due organismi, svoltosi a Roma l’11 aprile 2016 (cf L’Osservatore Romano, 13.04.2016, 8).

Il primo punto sottolineato dal Pontefice ha una natura storiografica, connessa all’attuale e drammatica odiernità. “Per cercare vie di soluzione – dice il Papa – alla singolare e terribile ‘guerra mondiale a pezzi’ che, ai nostri giorni, gran parte dell’umanità sta vivendo in modo diretto o indiretto, è necessario riscoprire le ragioni che spinsero nel secolo scorso i figli della civiltà in gran parte ancora cristiana a dare vita al Movimento Pax Christi e al Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace”. Quest’affermazione sta a significare che per combattere la guerra mondiale, in generale, e “la guerra mondiale a pezzi”, in particolare, servono istituzioni di pace e per la pace: le istituzioni che azionano e sviluppano le iniziative per costruire la pace sono, perciò, una necessità storica permanente, in quanto è dalla loro sinergia e dal loro coordinamento che la pace può avere più spazio sociale, nazionale e internazionale. Per la dottrina sociale della Chiesa cattolica urge, pertanto, mettere insieme le istituzioni internazionali e non che lavorano per la pace al fine di eliminare la piaga distruttiva di vite umane e d’intere popolazioni.

Il secondo punto che il Santo Padre mette in luce ha, invece, un fondamento teologico e antropologico, nel contesto della globalizzazione planetaria del genere umano. Egli evidenzia il fatto che “[…] lo scopo ultimo e più degno della persona umana e della comunità è l’abolizione della guerra”. Tale abolizione è in funzione, cioè, non soltanto della costruzione di una pace integrale e solidale ma è in funzione, soprattutto, della stessa consistenza teologica e ontologica del valore della vita della persona umana e della comunità civile: la pace appartiene, di conseguenza, alla struttura costitutiva della vita teologale ed umana di ciascuno e di tutti. Il valore etico-teologico e giuridico-morale della vita umana degrada nella sua pienezza quando non c’è pace  interiore, non c’è pace familiare, sociale e così via. Lavorare per la verità, la giustizia, la libertà e la solidarietà cristiana sta a dire, quindi, che “la pace è possibile” e che per sperimentarla sono indispensabili le energie spirituali, morali, culturali, ecclesiali e diplomatiche dei cattolici e degli uomini di buona volontà.

Il terzo punto che Papa Francesco evidenzia concerne lo specifico cristiano dell’ordine pacifico della società, a tutti i livelli: ordine basato sulla misericordia, il perdono e la fraternità. In specie, “il Papa venuto dalla fine del mondo” precisa che “[…] da cristiani, sappiamo che solamente considerando i nostri simili come fratelli e sorelle potremo superare guerre e conflittualità. La Chiesa non si stanca di ripetere che ciò vale non solo a livello individuale ma anche a livello dei popoli e delle nazioni, tanto che essa considera Comunità internazionale come ‘Famiglia delle Nazioni’”. Senza misericordia, perdono e fraternità, la pace nazionale e universale è una dolce chimera, è un sogno che non si vive e, soprattutto, non si pratica: la fraternità è, inoltre, la “forma umana più autentica e profonda” che accende le scintille multiple della pace nel mondo. La pace, infatti, è dono di Dio affidato agli uomini a condizione che gli uomini e le donne che abitano il mondo instaurono, tra di loro, relazioni fraterne, d’uguaglianza sostanziale e di rispetto reciproco; la struttura familiare e naturale, fondata sul matrimonio, è altresì la cifra microscopica dell’ordine morale e pacifico della società nazionale e internazionale. La soggettività sociale della famiglia cristiana offre alla società il contributo gratuito dei propri abiti virtuosi ovvero dell’unione, della coesione e della comunione. La comunione globale, anche di beni materiali, è effetto e causa della pace universale e della libertà piena, di diritto e di fatto.

Il quarto punto che il Papa pone all’attenzione dei partecipanti all’incontro, promosso dai due organismi internazionali, riguarda l’impresa culturale dell’impegno responsabile, soprattutto dei fedeli laici e delle loro organizzazioni internazionali. “Come cristiani – continua il Vescovo di Roma -, sappiamo anche che il grande ostacolo da rimuovere…è quello eretto dal muro dell’indifferenza. La cronaca dei tempi recenti ci dimostra che se parlo di muro non è solo per usare un linguaggio figurato, ma perché si tratta della triste realtà”. L’impegno culturale dei cristiani nelle società del nostro tempo d’essere un impegno finalizzato a costruire ponti e non muri: nessun uomo è un’isola poiché ogni persona umana è segno del Signore che attraversa le nostre strade e i nostri quartieri. Per non forgiare “le pietre di scarto”, per non alzare muri antropologici, economici, culturali e politici bisogna mettere in campo l’interdipendenza umana e cristiana: chi sta in ozio e chi è indifferente di fronte ai bisogni concreti della vita dei fratelli non è degno di chiamarsi cristiani. I cristiani nel mondo, da salvati devono trasformarsi, così, in salvatori di tutte “le periferie esistenziali” dell’esistenza contemporanea.

         Il quinto – e ultimo – punto che il Pontefice mette a fuoco ha a che fare con “la non violenza” perché la violenza crea nuova violenza. Allora, “Grande è l’impegno…- conclude Papa Francesco -, nel nostro mondo complesso e violento, il compito che attende coloro che operano la pace vivendo la non violenza! Conseguire il disarmo integrale ‘smontando gli spiriti’, creando ponti, combattendo la paura e portando avanti il dialogo aperto e sincero, è veramente arduo”. I cristiani laici sono chiamati, pertanto, a bandire la violenza, ad ogni latitudine e longitudine, ad ogni profondità e quota: testimoniare la pace è, infine, essere profeti della non violenza e testimoni dell’amore fraterno. In sostanza, la costruzione della civiltà dell’amore coincide con la stessa costruzione della civiltà della pace, tra gli uomini e tra gli uomini e Dio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

Dalla prima pagina

Necrologi

Necrologi - Lunedì, 11 Giugno 2018

A Liliana

Necrologi - Lunedì, 26 Febbraio 2018

Muore il Cav. Francesco Ferulli

Necrologi - Martedì, 20 Febbraio 2018

Simone Martucci, i funerali

Necrologi - Giovedì, 28 Settembre 2017

Ultimo saluto a Sebastiano D'Onghia

Necrologi - Martedì, 19 Settembre 2017

Addio ad Arturo D'Aprile

Aggiornamenti

Se avete un profilo su Facebook e siete interessati a ricevere gli aggiornamenti di NOCI24.it nella vostra sezione Notizie potete selezionare l’opzione “Mostra per primi”, sulla pagina di NOCI24.it.

Noci24 love

Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

Ginevra
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 360 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 
master-noci24-ballottaggio
promemoria

CONTRATTI DI QUARTIERE II

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 1-4-2004

Avvio lavori P.zza Garibaldi: 11-4-2012

Fine lavori P.zza Garibaldi: 30-4-2013

Approvazione convenzione: 15-07-2014

Avvio lavori per le case: ???

Sono trascorsi:

 

MUSEO DEI RAGAZZI

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 30-11-2005

Primo stralcio: 7-06-2011

Secondo stralcio: 7-04-2014

Avvio Terzo stralcio: 29-12-2015

Conclusione Terzo stralcio: ???

Sono trascorsi:

 

Twitter

PUMS

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 19-12-2014

Affidamento: 8-09-2016

Sito web dedicato al PUMS: 17-09-2016

Chiusura prima fase del PUMS: 22-12-2016

Adozione ed attuazione PUMS: ???

Sono trascorsi:

 

Facebook