Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

LunedÌ, 28 Settembre 2020 - 13:16
 

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

12-27-gianluca intiniNOCI (Bari) – A vent'anni tutto può apparire semplice, anche superare un momento come quello che la generazione dei giovani di oggi sta vivendo. Eppure partire, trasferirsi, lasciare famiglia e amici, ricominciare tutto in un nuovo scenario, tutto questo non è mai semplice neanche per chi cerca insistentemente la sua strada. Gianluca Intini è un ragazzo che tre mesi fa ha deciso di partire per potersi affermare, consapevole che qui, oggi, non c'è abbastanza posto per tutti.

Al quinto anno di liceo, ad un passo dalla fine, hai deciso di abbandonare gli studi e di dedicarti completamente al lavoro. Cosa ti ha spinto a prendere questa decisione?

Ho preso questa decisione quasi per caso. Appena terminato il quinto anno dell'Istituto professionale e subito dopo aver appreso di non aver superato l'anno, mi si è presentata l'opportunità di iniziare a lavorare. Ho così deciso di accettare e di abbandonare almeno momentaneamente i miei studi. In quegli anni ho così iniziato a svolgere diverse attività professionali: ho fatto il commesso, sono diventato rappresentante per la Folletto, fino a dedicarmi al settore della ristorazione e lavorare come cameriere presso il ristorante "il Marsupio".

Nel corso di questi anni hai svolto diverse attività lavorative, dal commesso al settore della ristorazione. Ora a distanza di tempo, credi di aver trovato la tua strada?

Effettivamente ho da sempre seguito diverse strade, lavorando in settori con grandi differenze tra loro. Nonostante questo, però, conservo un bel ricordo di tutte le attività svolte in questi anni. Ciascuna di queste mi ha dato l'opportunità di crescere e di imparare continuamente nuove cose. Non so se quella che ho da poco intrapreso sarà la strada che continuerò a percorrere anche nei prossimi anni. L'unica cosa di cui sono certo adesso è che ancora una volta ho avuto la fortuna di fare qualcosa che mi piace davvero e che mi sta insegnando tanto.

Lo scorso anno hai deciso di riprendere gli studi e hai conseguito il diploma di tecnico elettrico. Nonostante questa tua scelta, definisci questo titolo come "inutile". Per quale motivo hai quindi voluto riprendere gli studi?

Nel momento in cui lo scorso anno ho deciso di riprendere gli studi, conseguendo il titolo di tecnico elettrico, l'ho fatto principalmente per una questione di principio. Non accettavo l'idea di non aver portato a termine qualcosa che avevo voluto io stesso iniziare e che avevo interrotto. Se definisco "inutile" il diploma che ho ottenuto è principalmente perché si discosta molto dal mio attuale lavoro. Infondo ciò che faccio oggi, lo facevo anche prima di decidere di tornare a studiare.

La tua è una generazione che attualmente non vive uno dei momenti migliori nel panorama italiano. Ogni giorno, infatti, si parla del continuo aumento della percentuale di disoccupazione giovanile. Questo ti ha spinto a decidere di lasciare Noci e, più in generale, l'Italia?

Ci sono diverse ragioni che mi hanno indotto a prendere la decisione di trasferirmi qui a Bruxelles: volevo vivere un'esperienza all'estero, consapevole di quanto questo mi avrebbe aiutato a crescere. Ma più di ogni altra cosa la mia decisione è stata motivata dal momento in cui viviamo. In Italia non c'è spazio pee noi giovani che non solo abbiamo bisogno di lavorare, ma abbiamo anche la volontà di farlo e soprattutto di crescere.

Da tre mesi vivi a Bruxelles, dove lavori come barman in un ristorante italiano, decidendo in questo modo di seguire la strada intrapresa già a Noci. Ritieni che Bruxelles possa offrirti un futuro più stabile di quello che avresti potuto costruirti a Noci?

Sicuramente anche a Noci sarei riuscito a costruire il mio futuro. Questo però avrebbe richiesto sforzi maggiori, che qui a Bruxelles non ho dovuto affrontare. Infatti, appena arrivato ho trovato un lavoro che mi ha garantito uno stipendio che difficilmente avrei avuto lavorando a Noci. La mia fortuna è stata anche quella di trovare un lavoro che mi piace fare.

Pensi che si tratti di un trasferimento definitivo o non escludi la possibilità di poter tornare a vivere a Noci?

Non so ancora se questo sarà un trasferimento definitivo o se un giorno tornerò a Noci. Ho deciso di iniziare questa esperienza non solo per esigenze lavorative, ma anche perchè spinto da una forte voglia di crescere, di cambiare e di provare un'esperienza di vita lontana da casa, da amici e da vecchie abitudini. Per il momento qui mi trovo benissimo, anche se spesso e volentieri mi manca tutto quello che ho lasciato a Noci e diventa grande la voglia di tornare a casa tra la mia famiglia e i miei amici.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

La pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 536 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 

FUORI CITTA'

Bari, cambio al vertice del Comando Legione Carabinieri “Puglia”

13-09-2020

BARI - Nella Caserma “Chiaffredo Bergia” si è tenuta giovedì sera, alla presenza del Comandante Interregionale Carabinieri “Ogaden”, Generale di...

Operazione “Prometeo”: truffa aggravata per il conseguimento di incentivi statali al fotovoltaico

13-09-2020

BARI - I Finanzieri del Comando Provinciale e del Reparto Operativo Aeronavale di Bari hanno dato esecuzione al provvedimento emesso...

Scoperto laboratorio di amfetamine: due arresti

25-08-2020

CONVERSANO - I Carabinieri della Tenenza di Mola di Bari hanno arrestato in flagranza di reato G.A., di anni 45 e...

Toritto - I Carabinieri arrestano un pluripregiudicato 42enne per resistenza a P.U. e sequestrano apparecchiature…

14-08-2020

Toritto - Nella tarda mattinata di ieri i militari della Sezione Radiomobile di Modugno hanno rintracciato e tratto in arresto F...

Spinazzola - Operazione anti-caporalato: arrestati 3 imprenditori

14-08-2020

Spinazzola - I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari e del Nucleo Ispettorato del Lavoro, da diversi giorni impegnati sul territorio...

Operazione “#Cheguaio!”: perquisizioni della GDF di Bari

07-08-2020

BARI - Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari ha eseguito perquisizioni domiciliari in Puglia, Campania...

NECROLOGI

E' tornato alla casa del Padre Giovanni Novembre

10-06-2020

E' tornato alla casa del Padre all'età di 71 anni Giovanni Novembre. Lo annunciano la moglie Angela, i figli Giuseppe...

Ricordo di Nicola Putignano

22-12-2019

Il 18 dicembre 2019 è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari e dell'intera città il prof. Nicola Putignano, docente...

Muore il 42enne Mirko Quarato: oggi i funerali in Chiesa Madre

24-04-2019

NOCI (Bari) - Non ce l'ha fatta a sopravvivere il giovanissimo Mirko Quarato dopo il pericoloso incidente che lo aveva...

LETTERE AL GIORNALE

DS Chiara d’Aloja: lettera aperta alla Comunità Educante

28-08-2020

LETTERE AL GIORNALE - Il nuovo anno scolastico è alle porte anche per l’Istituto Comprensivo Gallo-Positano e sarà un anno speciale...

Piero Liuzzi: "Zavoli e la sua fame di Sud"

06-08-2020

NOCI - Riceviamo e pubblichiamo questo breve ricordo del sen. Piero Liuzzi sul suo originale rapporto con Sergio ZAVOLI, parlamentare...

Auguri nonna Stella!

04-07-2020

NOCI (Bari) - Il 1 luglio 2020 nonna Stella, per tutti Stella Palattella, per le amiche e vicine di casa "Stellina...

Offese all'ing. Conforti. La replica dei giornalisti Longo e Scagliarini

05-06-2020

Riceviamo e pubblichiamo la replica dei giornalisti Giovanni Longo e Massimiliano Scagliarini al comunicato pubblicato il 23 maggio su NOCI24.it a firma...

Morea replica a Plantone

22-05-2020

NOCI - Il consigliere comunale di minoranza Stanislao Morea (Idea Noci) ha diffuso una nota in replica al comunicato del consigliere...

Per una Scuola silenziosa ed autenticamente operante

27-04-2020

LETTERE AL GIORNALE - Nel mostrare ciò che si fa, si corre sempre il rischio che la volontà di fare...