Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

MercoledÌ, 12 Agosto 2020 - 08:19

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

 

temTEMPERAMEMENTE - A chi non è capitato di contemplare in silenzio la realtà circostante ed immaginare storie, personaggi, intrecci, elementi che rappresentano solo una possibilità tra tante? Lo scrittore, si sa, è un osservatore eccellente: dal suo occhio (e dalla sua penna) nascono racconti solo in parte riconducibili alla realtà, che da essa si allontanano per approdare ad altre dimensioni, più o meno lontane.

Vladimir Nabokov questo lo sa bene: dai romanzi dell’esilio berlinese a quelli del periodo americano, la sua opera è percorsa come un filo rosso da specchi e sdoppiamenti esistenziali, riflessioni sulla frammentazione dell’identità individuale che, in definitiva, sembra essere una delle caratteristiche della società contemporanea. L’occhio, scritto nel 1930 e tradotto in inglese nel 1965, è uno degli esempi migliori della narrativa dello scrittore russo, un’opera che, a più di ottant’anni di distanza, non smette di sorprendere per la sua sconcertante modernità. La trama è semplice, con il rischio di risultare banale: un uomo, émigré russo a Berlino, è assunto come istitutore in una casa in cui conosce Matilda, una donna sposata che diviene sua amante. Ben presto, il marito viene a conoscenza della relazione e infligge all’uomo una dura lezione, picchiandolo di fronte allo sguardo impassibile dei due (complici?) pupilli. Disperato e malconcio, l’uomo si suicida nella sua anonima stanzetta, per mettere fine, una volta per tutte, alle sue pene d’amore.

Tutto qui, direte? Ovviamente no. Anzi, è proprio ora che ha inizio la “scommessa” di Vladimir Nabokov, su cui si basa la singolarità di un’opera come L’occhio. Dopo la morte, infatti, il pensiero dell’uomo (il suo “occhio”) continua a vivere e costruisce un romanzo alternativo alla realtà, con la quale finirà incredibilmente per coincidere. In un vertiginoso gioco di specchi (un vero inferno, come lo definisce lo scrittore nella prefazione), ogni personaggio del nuovo romanzo non è nient’altro che un fantasma, riflesso distorto di una realtà altrettanto dubbia, poiché nata dalla fantasia dell’autore e dai suoi ricordi di giovane russo espatriato. Alla fine, non tutto è perduto: gli eccessi a cui conduce l’amore ripagano con nuovi insegnamenti e il delirio onirico lascia spazio a una rinnovata saggezza:

Ho capito che l’unica felicità a questo mondo sta nell’osservare, spiare, sorvegliare, esaminare se stessi e gli altri, nel non essere che un grande occhio fisso, un po’ vitreo, leggermente iniettato di sangue. La felicità è questa, lo giuro.
È davvero questo il più grande insegnamento de L’occhio? O siamo di fronte all’ennesima burla del giocatore di scacchi Nabokov, che, in silenzio, è pronto a scatenare la sua risata nel buio? Impossibile rispondere: non resta che leggere.

Vladimir Nabokov, L’occhio, Adelphi, 1998, pp. 101

Altre recensioni su temperamente.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

La pubblicità
Pubblicità

Pubblicità

Ginevra
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 487 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 

FUORI CITTA'

Operazione “#Cheguaio!”: perquisizioni della GDF di Bari

07-08-2020

BARI - Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari ha eseguito perquisizioni domiciliari in Puglia, Campania...

Bisceglie - Aggressione a minore in piazza: sei arresti

06-08-2020

Bisceglie - Questa mattina i Carabinieri della Tenenza di Bisceglie, in esecuzione di un’ordinanza emessa dal Giudice per le indagini preliminari...

Putignano, spazi alle idee: martedì 4 agosto inaugurazione di Piazza Teatro

04-08-2020

PUTIGNANO - Martedì 4 agosto alle ore 19:00 s’inaugura Piazza Teatro, il nuovo spazio di rigenerazione urbana e sociale ideato...

Da Alberobello a Pescara per “Mister Italia 2020”

01-08-2020

ALBEROBELLO - C’è anche un 20enne di Alberobello (BA) tra i trentadue finalisti che sabato sera 1 agosto a Pescara...

Guardia di Finanza Bari: eseguite tre ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei responsabili di…

17-07-2020

BARI - In data odierna, i Finanzieri del G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari...

Alberobello - Molestie e minacce in un locale pubblico: arrestato dai Carabinieri

16-07-2020

ALBEROBELLO - I Carabinieri della Stazione di Alberobello, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP presso il Tribunale...

NECROLOGI

E' tornato alla casa del Padre Giovanni Novembre

10-06-2020

E' tornato alla casa del Padre all'età di 71 anni Giovanni Novembre. Lo annunciano la moglie Angela, i figli Giuseppe...

Ricordo di Nicola Putignano

22-12-2019

Il 18 dicembre 2019 è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari e dell'intera città il prof. Nicola Putignano, docente...

Muore il 42enne Mirko Quarato: oggi i funerali in Chiesa Madre

24-04-2019

NOCI (Bari) - Non ce l'ha fatta a sopravvivere il giovanissimo Mirko Quarato dopo il pericoloso incidente che lo aveva...

LETTERE AL GIORNALE

Piero Liuzzi: "Zavoli e la sua fame di Sud"

06-08-2020

NOCI - Riceviamo e pubblichiamo questo breve ricordo del sen. Piero Liuzzi sul suo originale rapporto con Sergio ZAVOLI, parlamentare...

Auguri nonna Stella!

04-07-2020

NOCI (Bari) - Il 1 luglio 2020 nonna Stella, per tutti Stella Palattella, per le amiche e vicine di casa "Stellina...

Offese all'ing. Conforti. La replica dei giornalisti Longo e Scagliarini

05-06-2020

Riceviamo e pubblichiamo la replica dei giornalisti Giovanni Longo e Massimiliano Scagliarini al comunicato pubblicato il 23 maggio su NOCI24.it a firma...

Morea replica a Plantone

22-05-2020

NOCI - Il consigliere comunale di minoranza Stanislao Morea (Idea Noci) ha diffuso una nota in replica al comunicato del consigliere...

Per una Scuola silenziosa ed autenticamente operante

27-04-2020

LETTERE AL GIORNALE - Nel mostrare ciò che si fa, si corre sempre il rischio che la volontà di fare...

Vito Plantone: "Andrà tutto bene"

15-03-2020

COMUNICATO - Ci sentivamo invincibili. Pensavamo che il mondo fosse controllabile semplicemente dal nostro salotto di casa e tenendo tra...