ADV

 

92enne muore dopo una caduta. Il figlio: "Ho denunciato tutto perché cose così non capitino di nuovo"

 Ambulanza

NOCI – “Abbiamo chiamato il 118 6 volte. Poi abbiamo provato anche con il 113. E di nuovo con il 118. Otto telefonate a cui non ha mai risposto nessuno e che forse avrebbero evitato la morte di mio padre”. Comincia così il racconto di Umberto Fiorelli, figlio di Domenico, il 92enne nocese da anni residente a Bolzano che è deceduto lo scorso 4 agosto scivolando su una scala esterna del suo trullo in campagna.

Il signor Domenico era un anziano come tanti: “Tornava a Noci ogni estate – ci racconta Umberto - lo accompagnavo a maggio e lo venivo a riprendere a ottobre. Trascorreva le giornate con i parenti, curava i suoi fiori e si dedicava alla campagna. Poi il martedì andava al mercato e faceva la spesa per la settimana”. Quel venerdì mattina è inciampato, ferendosi la testa, ed è rimasto incastrato per terra, fuori dal suo trullo. Lo hanno trovato i vicini che lo aspettavano per il pranzo e, non vedendolo arrivare, si sono preoccupati e sono andati a cercarlo. Lui era cosciente, ferito alla testa e leggermente sanguinante. Così hanno subito chiamato i soccorsi, ma - come detto - non hanno ricevuto nessuna risposta. A quel punto sono corsi in ospedale, sperando che qualcuno potesse aiutarli e andare a soccorrere l’anziano. E lì, di fronte al medico che per spostarsi aveva bisogno di un’autorizzazione, richiamano ancora il 118, a vuoto. Così ci ha provato lo stesso medico che è subito riuscito a mettersi in contatto con il centro operativo. L’ambulanza è partita praticamente subito dopo, ma intanto erano trascorsi circa quaranta minuti dalla caduta. “È assurdo – dice Umberto. – Quando sono arrivati al trullo mio papà era ancora vivo ma nel momento in cui lo hanno sollevato per metterlo sulla lettiga ha avuto un infarto. E il medico non ha neanche fatto una manovra di rianimazione come credo che si debba fare in questi casi. Solo un elettrocardiogramma, per poi dirci che era deceduto. Mio papà è morto così”. Una volta tornato a Bolzano, il figlio ha denunciato quanto accaduto alla Procura; il caso adesso verrà preso in gestione dalla Magistratura di Bari. Nel frattempo il centro operativo sta cercando di ricostruire l’accaduto e capire di chi sono le responsabilità di questo tragico avvenimento. “Io ho denunciato tutto perché cose così non capitino di nuovo – conclude Umberto. – Se invece di un anziano si fosse trattato di un pullman pieno di bambini caduti in una scarpata?”

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

ADV

 

 

Informazione pubblicitaria

tatulli noci24 ok

 

 

Informazione pubblicitaria La pubblicità

 

 

ADV

FUORI CITTA'

Sigilli ad autodemolitore abusivo: sequestrata area di 11.000 mq

10-05-2024

GIOIA DEL COLLE – Nei giorni scorsi, i militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (NIPAAF) del...

Altamura: rifiuti tombati in cava

30-04-2024

ALTAMURA - I militari coordinati dal Gruppo Carabinieri forestale di Bari, con l’ausilio del Reparto Carabinieri Parco Nazionale dell’Alta Murgia e...

Bari - Scoperto un deposito di sostanze stupefacenti. Arrestato un 24enne

23-04-2024

BARI - I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari San Paolo hanno arrestato in flagranza di reato un 24enne...

Bari e Capurso: custodia cautelare nei confronti di otto persone per i reati di lesioni…

15-04-2024

BARI E CAPURSO - Nella prima mattinata di sabato i Carabinieri della Compagnia di Bari San Paolo e della Stazione CC...

GdF Bari: ordinanza di misure cautelari nei confronti di 7 persone per corruzione, turbata libertà…

10-04-2024

BARI - I finanzieri del Comando Provinciale di Bari stanno dando esecuzione a Bari e provincia a un’ordinanza applicativa di misure...

Bari: i Carabinieri scovano centinaia di reperti archeologici nell’abitazione di due pensionati

10-04-2024

BARI - I Carabinieri della Stazione di Bari Carbonara, in collaborazione con militari del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale e del NIPAAF...

NECROLOGI

Addio a Nicola Giacovelli: lo “scalpellino" nocese che fu internato nei lager nazifascisti

11-04-2024

NOCI – La comunità nocese dice addio a Nicola Giacovelli, padre del dott. Francesco Giacovelli, uno dei nostri architetti più...

Addio a Oronzo Colucci: aveva dedicato gran parte della sua vita al volontariato

19-08-2023

NOCI – Una gravissima perdita per Noci: ci lascia Oronzo Colucci, amatissimo dalla comunità per le sue virtù di incondizionato...

Addio a Leo Morea: padre coraggio al fianco delle vittime della strada

02-08-2023

  NOCI – Ci ha lasciati il 2 agosto il nostro concittadino Leo Morea, che pur vivendo a Milano, aveva lasciato un...

Addio alla fotografa Marta Attolini: il ricordo della nipote Angela Bianca Saponari

22-07-2023

NOCI - Ci ha lasciati lo scorso 28 giugno la nota fotografa nocese Marta Attolini, figlia dell'apprezzatissimo Giovanni Attolini, da...

Ci ha lasciato Giovanni Miccolis

08-07-2023

NOCI - E' venuto a mancare all'età di 70 anni Giovanni Miccolis, dipendente comunale in quiescenza e da sempre...

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa di Patrizia Nettis

30-06-2023

Alla famiglia il sentito cordoglio della redazione di NOCI24.it. NOCI - E' scomparsa all'impovviso due giorni fa all'età di 41...

LETTERE AL GIORNALE

Associazioni e comitati contro la potatura drastica degli alberi del perimetro urbano

27-02-2024

“Eco Eventi OdV” e “Comitato di quartiere via T. Fiore” hanno incontrato l’assessora Checca Tinella e il responsabile del verde Giuseppe...

Se sarà femmina chiamiamola Crimea!

26-11-2023

LETTERE AL GIORNALE - Ci sono luoghi della terra che per la loro storia, la molteplicità degli accadimenti di cui...

L'occupazione persa, una famiglia a carico e il dover ricominciare da zero dopo la pandemia:…

26-11-2023

LETTERA AL GIORNALE - Antonio (questo il nome di fantasia che gli daremo) ha voluto raccontarci la sua complessa e...

Il centrodestra in salsa nostrana

08-06-2023

LETTERE AL GIORNALE - Egregio Direttore, la ringrazio di cuore preventivamente qualora deciderà, con generosità, di pubblicare questo mio umile e...

Alluvione in Emilia-Romagna, il racconto di un nostro concittadino

21-05-2023

FORLÌ - Sono a Forlì, è martedì 16 maggio, sono le 19:00, piove ormai da circa diciotto ore ed il...

1984

19-04-2023

LETTERE AL GIORNALE - Cari concittadini, non era mia intenzione tediarvi nuovamente con le mie elucubrazioni sull'Idra a otto teste che...