Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

VenerdÌ, 2 Dicembre 2022 - 06:48

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

10 09marcocortestimaramoschiniNOCI (Bari) - Non era la prima volta che assistevamo ad uno spettacolo di Marco Cortesi e Mara Moschini, autori e interpreti forlivesi, eppure la scorsa domenica 7 ottobre, a Masseria Torre Abbondanza a Noci, ci è sembrato di ricominciare tutto di nuovo. Perché lo spettacolo proposto era diverso; perché il duo ci poneva difronte a verità vissute da uomini e donne che hanno vissuto la storia del secolo scorso; perché questa volta, al centro di tutto, c’era il simbolo della guerra fredda, ovvero il famoso muro di Berlino.

Se nel 2014 Marco e Mara portavano in scena, nella palestra scoperta della scuola Positano lo spettacolo “Rwanda: Dio è qui”, una storia vera che viene dalle pagine del genocidio rwandese (1994), oggi, a distanza di 4 anni sono ritornati per sottoporre all’attenzione storie di vite umane vissute o tristemente finite durante gli anni del muro di Berlino, nonostante – dimezzo- ci fosse stata anche l’interpretazione de “La Scelta. E tu cosa avresti fatto?” (narrazione di storie di uomini e donne vissute durante le atrocità del conflitto in ex-Jugoslavia e la pulizia etnica di quegli anni).

10 09mirkolavianoDie Mauer. Il Muro, fortemente voluto dal nocese Mirko Laviano, è stato articolato da quattro appassionanti e incredibili storie che tengono con il fiato sospeso: storie di persone che avevano il loro amore al di là del Muro e che hanno fatto di tutto per rincontrarlo anche a costo della propria vita, di chi attraverso la passione per la fotografia voleva far vedere al mondo intero cosa succedeva a Berlino Est e di chi ha contribuito in modo decisivo, in veste di giornalista come Riccardo Ehrman, a far cadere il muro che ha tolto la libertà ai berlinesi per 28 lunghi anni.

Lo spettacolo è stato intenso e coinvolgente, anche grazie all’attenzione che è stata riservata per i particolari, come le tracce sonore che accompagnano la voce dei due attori, registrate proprio nei posti in cui ebbero luogo le vicende raccontate durante lo spettacolo. O alla puntigliosa ricerca storiografica che i due attori hanno fatto per ricostruire le vicende, intervistando 43 testimoni, diretti e indiretti, e avvalendosi dell’aiuto del Liceo Linguistico di Forlì per la traduzione dei documenti in lingua tedesca. Ed è proprio questa ricostruzione fedele degli ambienti della fredda Berlino Est, e la bravura degli attori nel raccontare e coinvolgere attraverso queste storie incredibili, che immergono completamente lo spettatore dentro le vicende narrate e lo riportano indietro nel tempo, agli anni della guerra fredda.

Ad essere raccontate: 1) l’epica fuga da Berlino est di Hans Weidner, autista invalido di guerra che non voleva collaborare con la polizia segreta nonostante le ripetute minacce della Stasi: con l’aiuto di un amico Hans decide infatti di corazzare il suo Vomag (Vogtländische Maschinenfabrik AG), un autobus che, come si vantava l’azienda tedesca, non si fermava mai. E non si fermava veramente mai, tanto da sfondare il muro e portare la sua famiglia e quella dell’amico nella Berlino occidentale.

2) La storia di una ragazza berlinese appassionata di fotografia e dei Pink Floyd che, in occasione del concerto del gruppo britannico a Berlino Ovest, decide di ascoltarlo dall’altra parte del muro. Ma nella DDR la musica dei Pink Floyd non era ben vista, e gli appassionati che seguivano il concerto vengono caricati dalla polizia e malmenati: La ragazza berlinese scatta delle foto del massacro e questo la porterà a dover sopportare insieme al suo compagno Matias torture e violenze psicologiche nelle carceri della Stasi per non consegnare quelle foto che rimarranno nascoste sotto il sellino della sua bicicletta rossa e finalmente pubblicate tanti anni dopo.

Lo spettacolo, oltre ad appassionare e divertire il pubblico, dona anche due riflessioni profonde. La prima, si collega all’importanza della memoria. Dopo la caduta del Muro di Berlino, il 9 Novembre 1989, si festeggiò e si gridò la fine della storia: “the wind of change” soffiava forte e liberava Berlino e l’Europa, facendo presagire un futuro di libertà e pace. Tuttavia, i muri, secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite, sono oggi 73 e proprio quei paesi dell’Europa centro-orientale che avevano spinto e guidato il cambiamento, polacchi e ungheresi in primis, stanno diventando democrazie illiberali, come scrive Timothy Garton Ash su Repubblica di venerdì 11 maggio.

E poi la seconda riflessione, quella che riguarda ognuno di noi come individui. Perché le storie raccontate dai due attori non sono solamente storie di chi ha provato a superare il muro, quello fatto di cemento armato e checkpoint, ma anche di chi ha seguito un sogno abbattendo i propri muri interiori, vincendo la paura. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Necrologi

trovo aziende

 

Pubblicità

 

 

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 656 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 
Pubblicità

FUORI CITTA'

Evaso dal Belgio arrestato dai Carabinieri di Monopoli

17-11-2022

Monopoli - I militari della Stazione di Monopoli hanno dato esecuzione a un Mandato d’arresto Europeo, emesso dalla Corte d’Appello di...

Esecuzione di 9 provvedimenti cautelari nei confronti di agenti della Polizia Penitenziaria

09-11-2022

BARI - Alle prime ore dell’alba personale della Sezione P.G. – Aliquota CC della Procura della Repubblica presso Tribunale di...

Castellana Grotte - Migliaia di articoli per contenere alimenti sequestrati dai Carabinieri del NAS

06-11-2022

CASTELLANA GROTTE - I Carabinieri del N.A.S. di Bari, nell’ambito dei servizi di controllo per la tutela della salute dei consumatori...

Ruvo di Puglia - 5 arresti. Estorsione, danneggiamento e lesioni ai danni di un 47nne…

22-10-2022

Ruvo di Puglia - I Carabinieri della Stazione Carabinieri di Ruvo di Puglia, hanno dato esecuzione ad un provvedimento restrittivo, nel...

Guardia di Finanza Bari - Sequestrati 900.000 prodotti e una fabbrica dedita alla illecita produzione…

18-10-2022

BARI - Continua incessante l’azione di contrasto alla commercializzazione di prodotti contraffatti e non sicuri per i consumatori posta in essere...

Carabinieri eseguono un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un ventiquattrenne

16-10-2022

BARI - I militari della Compagnia Carabinieri di Bari Centro hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa di misura cautelare in carcere...

NECROLOGI

Addio a Rocco Recchia, decano degli artigiani nocesi

18-11-2022

NOCI – Lutto nel mondo dell’artigianato nocese: ci ha lasciati Rocco Recchia, il noto e stimatissimo calzolaio che aveva ereditato...

Lutto nell'imprenditoria locale: addio a Raffaele Putignano

11-10-2022

NOCI - Questa mattina è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari l'imprenditore nocese Raffaele Putignano, all'età di 72 anni, dopo una...

Ci lascia il giovane concittadino Domenico: un lutto inaspettato per Noci

18-08-2022

NOCI – Una settimana di Ferragosto amara per Noci, che ha appreso con dolore la notizia della tragica scomparsa di...

Ci lascia Titina Sansonetti: aveva appena compiuto 104 anni

09-04-2022

NOCI – La comunità nocese perde ancora un baluardo della sua storia. Questa mattina infatti si è conclusa l’esistenza terrena...

Lutto tra i Carabinieri Forestali di Noci

28-02-2022

NOCI - Noci e la Coreggia piangono Nicola Annese, quarantotto anni, Carabiniere Forestale presso la Stazione di Noci da parecchi anni...

Addio a Peppino Longo

31-01-2022

BARI - “Perdiamo un amico, un rappresentante della Puglia, un uomo buono, sempre al servizio della sua terra. Imprenditore di...

LETTERE AL GIORNALE

Nino Vaccalluzzo e Noci: un tributo al maestro dell’Arte pirotecnica tragicamente scomparso

15-09-2022

Nell'immagine: Antonio Labate e Tonino D'Onghia accompagnati da Nino Vaccalluzzo (a sinistra) durante la visita all'azienda del 25 giugno 2010...

Un Comitato per l'estensione della rete idrico-fognante in Zona H

28-03-2022

LETTERA AL GIORNALE - In data 6/7 marzo 2022 è stata inviata al Comune di Noci e all’Autorità Idrica Pugliese...

Liuzzi "La Gazzetta, una lunga pausa salutare"

24-02-2022

NOCI - Una lunga pausa salutare. E non solo per il giornale e per i giornalisti ma anche, paradossalmente, per i...

IIS "Da Vinci - Agherbino": doverose precisazioni

07-01-2022

COMUNICATO - A seguito di notizie di stampa che rappresentano infedelmente la realtà dei fatti, l’Istituto “Da Vinci – Agherbino”...

Una rete virtuale per il “Green sentiment pubblico”

07-09-2021

LETTERA AL GIORNALE - Sono proprietario di un trullo in agro di Noci in Località Monte Verde dal 2013 -...

Senatrice Liliana Segre, cittadina onoraria di Noci

22-07-2021

Il 15 luglio il Consiglio Comunale di Noci ha deliberato la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre, presidente della Commissione...