Pubblicità

Pubblicità pub noci24 01

Pubblicità Assinotar 2017 luglio 1

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

- -
Pubblicità dolcepuglia2017

Con una impaginazione fluida, impeccabile ed elegante vediamo il nascere dell'amore tra l'amante del critico e il giovane e alquanto inesperto artista.

 

palco0804"La terra" segnò la svolta di Sergio Rubini verso un cinema interessato a indagare il Male, ma è il successivo "Colpo d'occhio", al Formiche di Puglia, a rappresentare meglio per Rubini ciò che "Match Point" fu per Woody Allen. L'attore-regista conserva la stessa maschera, ispida e grifagna, che già aveva in "La terra": lì rappresentava l'Avidità qui la Gelosia (la Lussuria), ma se la gretta Avarizia (Cupidigia) poteva avere come sfondo Mesagne, la vendetta ha bisogno di uno scenario più consono, più "glamour": Roma, Venezia e Berlino.

 

Gira le spalle al Sud Rubini e al connubio di folklore, superstizione e magia e conferisce ai suoi film risonanze "alte" per cui se il personaggio di "La terra" discendeva da Shylock, l'altro si rifà a Iago. La triplice definizione che troviamo sui giornali (giallo/noir/thriller) va adoperata se aggiungiamo l'aggettivo "morale" perché si vuole trascendere una dimensione parziale (contingente) e alludere a una realtà più generale (il Male, appunto, con la maiuscola). A un secondo livello l'autore pugliese si cimenta con una realtà non molto conosciuta (almeno cinematograficamente): il mondo dell'arte contemporanea con le sue mostre, gallerie, quotazioni e bassezze ("l'abiezione morale che può consumarsi in ambienti ricchi e confortevoli", come dice "Ciak"). E' molto efficace la descrizione del corrompimento del giovane scultore (Riccardo Scamarcio) a cui viene prospettata la fama.

Il diabolico machiavellismo del potentissimo critico, capace di fare e disfare carriere, persuade e soggioga lo spettatore avvolgendolo in una "suspense" che paradossalmente si dissolve alla fine quando si ode la detonazione della pistola e vediamo il sangue arrossare la camicia della vittima. Proprio perché si era scelto un registro alto (Male e Vendetta), il dato cronachistico della sparatoria annulla e smorza il discorso morale (qui il giallo spicciolo vuole la sua parte con l'indagine e l'interrogatorio condotti da Giorgio Colangeli in una breve apparizione). Ma torniamo ai pregi del film che sono altri: con una impaginazione fluida, impeccabile ed elegante (dati anche gli ambienti descritti) vediamo il nascere dell'amore tra l'amante del critico e il giovane e alquanto inesperto artista. D'altro canto veniamo a sapere del dolore dell'uomo più anziano che assiste agli amplessi dei due nascosto, come Polonio, dietro una tenda (la lacrima che gli riga il volto è l'unico suo segno d'umanità). Poi assistiamo al modo subdolo dell'abbandonato (dopo l'incidente-tentato suicidio) con cui viene tessuta la tela della vendetta.

L'uomo, di soppiatto, entra nella vita della giovane coppia pagando, all'insaputa degli interessati, parte del fitto della bellissima casa degli amanti, la stessa che lui aveva destinata per sé e per la donna che ha perso. Risaltano la forza del possesso e della passione, del tradimento, della rabbia e la volontà di rivalsa e distruzione favorita dal potere e dal carattere dispotico, da un lato, e dalla vulnerabilità delle vittime, dall'altro. Il critico Lulli è circondato da gente succube al suo servizio come l'ex artista diventato autista (alla von Stroheim di "Viale del tramonto") o come l'assistente-amante interpretata da una sgusciante e invadente Paola Barale. Vittoria Puccini è la soave silfide intrappolata nella rete dell'uomo a cui il padre, morente, l'affidò sedicenne.

Il trio funziona bene e la sceneggiatura di Rubini, Angelo Pasquini e Carla Cavalluzzi è convincente (escluso il finale). Alexandra Prusa è l'algida e prensile gallerista tedesca e Flavio Parenti il giovane onesto alla mercé della droga e della ripulsa dell'amico e collega arricchito (un personaggio simile s'incontra in "Parlami d'amore" che ha fra gli interpreti lo stesso Parenti). Gianni Dessì, che ha contribuito alla scenografia, è l'artista che ha fornito le opere attribuite ad Adrian. Tra le opere d'arte visibili nel film v'è anche una scultura di Pino Pascali. "Colpo d'occhio", che allude alla perspicacia del critico e dell'intenditore, è nel film la rivista diretta dall'onnipotente Lulli nonché, nella realtà, la rubrica d'Arte che il critico Pietro Marino tiene su "La Gazzetta del Mezzogiorno".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

Dalla prima pagina

Pubblicità

Pubblicità

Dulciar Natale 2017

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

Ginevra
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 265 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 
master-noci24-ballottaggio
promemoria

CONTRATTI DI QUARTIERE II

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 1-4-2004

Avvio lavori P.zza Garibaldi: 11-4-2012

Fine lavori P.zza Garibaldi: 30-4-2013

Approvazione convenzione: 15-07-2014

Avvio lavori per le case: ???

Sono trascorsi:

 

MUSEO DEI RAGAZZI

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 30-11-2005

Primo stralcio: 7-06-2011

Secondo stralcio: 7-04-2014

Avvio Terzo stralcio: 29-12-2015

Conclusione Terzo stralcio: ???

Sono trascorsi:

 

Twitter

PUMS

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 19-12-2014

Affidamento: 8-09-2016

Sito web dedicato al PUMS: 17-09-2016

Chiusura prima fase del PUMS: 22-12-2016

Adozione ed attuazione PUMS: ???

Sono trascorsi:

 

Facebook