ADV

 

Enogastronomia a scuola: Ais Puglia presenta il progetto “Dalla vigna al vino”

02 14 Dallavignalvino 11NOCI (Bari) - Il settore dell’enogastronomia ha saputo conquistare un’importanza sempre crescente ed oggi riveste un ruolo decisamente centrale all’interno dell’economia. Questo vale soprattutto per la Valle d’Itria: una porzione del territorio Pugliese altamente privilegiata per quanto concerne le caratteristiche del clima e del terreno. La gamma di prodotti locali DOP che possiamo vantare è vastissima ed è giusto che sia conosciuta specialmente dai ragazzi. Essi rappresentano infatti il futuro di quel turismo enogastronomico su cui la nostra Puglia investe sempre di più. Per questo motivo, le classi seconde della scuola media Giovanni Pascoli, lo scorso 13 febbraio, hanno aperto le porte al progetto “Dalla vigna al vino”, promosso dall’Ais (Associazione Italiana Sommelier). Vito Sante Cecere, (presidente Ais Puglia), il segretario Giacomo D’Ambruoso e i sommelier Roberto Giangiuseppe, Ciccio Fanto, e Rossana D’Onghia, hanno coinvolto attivamente i ragazzi in una bella lezione che ha toccato proprio tutte le tappe della produzione vinicola.
Il progetto coinvolgerà molto probabilmente altri istituti, e consterà anche di una lezione sulla produzione casearia, in programma per mercoledì 20 febbraio. Previste anche due visite guidate: presso una cantina e presso un caseificio.

 

02 14 Dallavignalvino 8Non è di certo facile abbandonare il linguaggio articolato e strettamente tecnico di cui si avvale l’enologia per adottarne semplice e chiaro, “a misura di ragazzi”. Il somelier Roberto Giangiuseppe c’è però riuscito brillantemente. “E’ indispensabile anzitutto conoscere le specie di uva a bacca bianca e a bacca nera presenti sul nostro territorio e che sono complessivamente 375”- ha esordito Giangiuseppe- “La vite consta di due apparati: quello radicale, di cui fanno parte radici e fusto e quello aereo, comprensivo di frutto, foglie e tralci. La vite necessità di 1.600 ore di sole all’anno: è quindi facile comprendere il perché della qualità della nostra uva. Il clima gioca molto in nostro favore”. Dopo aver brevemente illustrato alcune delle tipologie di uva più diffuse sul nostro territorio, Giangiuseppe ha parlato anche del ciclo annuale (vegetativo e riproduttivo) della vite: “Ad inizio aprile si ha il germogliamento e a fine dello stesso mese inizia già la prefioritura. Solo a maggio il grappolo appare interamente fiorito.

02 14 Dallavignalvino 14Giungo vede invece attiva la fase dell’allegagione e dell’acinellatura. Verso metà luglio- inizi di agosto, c’è l’invaiatura. Nel periodo che va da metà agosto agli inizi di ottobre, l’uva giunge finalmente a maturazione e si può quindi procedere alla vendemmia. Giangiuseppe ha spiegato ai ragazzi che: “Esistono tre tipi di maturazione dell’uva: quella tecnologica, che concerne gli acidi e gli zuccheri; quella fenolica che va ad interessare i tannini e i pigmenti e infine quella aromatica, che come dice la parola stessa, interessa nello specifico il sapore del vino. Dato che è molto difficile che le tre maturazioni avvengano contemporaneamente, l’enologo è spesso costretto a rinunciare ad una di esse, occupandosi, grazie alla sua esperienza, di “correggere” le caratteristiche organolettiche del vino, agendo sul grado zuccherino o di acidità per andare incontro alle esigenze dei consumatori. Un dato interessante è che circa 1/5 della produzione nazionale di vino avviene in Puglia, per un ammontare di nove milioni di ettolitri di vino all’anno traducibili per equivalenza in 900.000.000 di litri”
Si è parlato poi di vendemmia e delle due modalità con cui essa viene effettuata: quella manuale, (metodo antico che sussiste anche oggi) e quella meccanica, che prevede l’uso di una vendemmiatrice.

02 14 Dallavignalvino 9Il macchinario, scuotendo la vigna, fa staccare gli acini dai raspi, raccogliendoli in apposite vasche.
Secondo Giangiuseppe, la raccolta manuale resta ancor oggi il metodo migliore: “E’ vero che richiede maggiore manodopera, ma a differenza della raccolta tramite vendemmiatrice, non comporta perdite di parte del raccolto, occulte o evidenti che siano. Può infatti accadere che alcuni acini esplodano, che alcuni grappoli si frantumino o che la vendemmiatrice induca a staccarsi e raccolga parti della vite che non sono necessarie. Per questo motivo, in molti casi, soprattutto per quanto concerne la produzione di vini DOC, non consentito l’impiego della vendemmiatrice.
A vendemmia ultimata, le fasi successive della produzione del vino, avvengono nelle cantine”-Parliamo di pigiatura (rottura meccanica dell’acino) e diraspatura, che prevede l’allontanamento dei raspi dalla vinaccia. Vinaccia che poi viene sottoposta a pressatura. Attraverso apposite tubatura, il pigiato ottenuto viene inviato quindi a vasca di fermentazione, con l’aggiunta di anidride solforosa in percentuale variabile e congrua al tipo di uva di partenza. Soventemente, vengono aggiunti lieviti selezionati che aiutano la fermentazione, al fine di ottenere un prodotto di maggiore qualità.

02 14 Dallavignalvino 2A carico dell’enologo è la fase di svinatura, (ovvero della correzione delle caratteristiche del vino) da effettuarsi il più possibile in assenza di aria.
Imbottigliamento, conservazione ed eventuale invecchiamento, sono le fasi che precedono l’immissione del vino sul mercato”.
Dalla teoria, si è passati quindi all’esperienza pratica. Non potendo assolutamente degustare il vino, per i ragazzi si è trattato di un’esperienza esclusivamente visiva e olfattiva. I giovani studenti, divisi in piccoli gruppi, hanno osservato attentamente il contenuto del calice quanto a limpidezza e consistenza e ne hanno analizzato il profumo.
L’esperienza gustativa, “off limits” per i minorenni, è stata sostituita dalla presentazione delle varie spezie a cui può essere improntato il sapore di un determinato vino.
A conclusione di due ore di grande valenza didattica, Giacomo D’Ambruoso ci ha rivelato che mercoledì prossimo l’argomento sarà la produzione casearia, altro caposaldo della nostra gastronomia, ed ha aggiunto:

02 14 Dallavignalvino 1“Effettueremo anche due visite guidate: presso una cantina e presso un caseificio, perché i ragazzi possano toccare ancor più con mano.

Conoscere i prodotti del nostro territorio è fondamentale perché ad essi è legato il nostro passato, il nostro presente e soprattutto quel futuro che vogliamo consegnare ai giovanissimi. Chissà che tra i ragazzi che oggi hanno assistito alla lezione, si nasconda qualche futuro sommelier o un enologo di gran fama!"

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

ADV

 

 

Informazione pubblicitaria

tatulli noci24 ok

 

 

Informazione pubblicitaria La pubblicità

 

 

ADV

FUORI CITTA'

Bari - Scoperto un deposito di sostanze stupefacenti. Arrestato un 24enne

23-04-2024

BARI - I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari San Paolo hanno arrestato in flagranza di reato un 24enne...

Bari e Capurso: custodia cautelare nei confronti di otto persone per i reati di lesioni…

15-04-2024

BARI E CAPURSO - Nella prima mattinata di sabato i Carabinieri della Compagnia di Bari San Paolo e della Stazione CC...

GdF Bari: ordinanza di misure cautelari nei confronti di 7 persone per corruzione, turbata libertà…

10-04-2024

BARI - I finanzieri del Comando Provinciale di Bari stanno dando esecuzione a Bari e provincia a un’ordinanza applicativa di misure...

Bari: i Carabinieri scovano centinaia di reperti archeologici nell’abitazione di due pensionati

10-04-2024

BARI - I Carabinieri della Stazione di Bari Carbonara, in collaborazione con militari del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale e del NIPAAF...

Furti di farmaci: un arresto e 20 indagati da parte dei Carabinieri del Nas

10-04-2024

BARI - I Carabinieri del NAS di Bari hanno notificato un Avviso di conclusione delle indagini preliminari nei confronti di 20...

Triggiano e Grumo Appula  - Si assicuravano il voto per 50 euro; i Carabinieri eseguono…

04-04-2024

Agli arresti domiciliari anche il Sindaco di Triggiano BARI - I Carabinieri del Comando  Provinciale di Bari e della Sezione di...

NECROLOGI

Addio a Nicola Giacovelli: lo “scalpellino" nocese che fu internato nei lager nazifascisti

11-04-2024

NOCI – La comunità nocese dice addio a Nicola Giacovelli, padre del dott. Francesco Giacovelli, uno dei nostri architetti più...

Addio a Oronzo Colucci: aveva dedicato gran parte della sua vita al volontariato

19-08-2023

NOCI – Una gravissima perdita per Noci: ci lascia Oronzo Colucci, amatissimo dalla comunità per le sue virtù di incondizionato...

Addio a Leo Morea: padre coraggio al fianco delle vittime della strada

02-08-2023

  NOCI – Ci ha lasciati il 2 agosto il nostro concittadino Leo Morea, che pur vivendo a Milano, aveva lasciato un...

Addio alla fotografa Marta Attolini: il ricordo della nipote Angela Bianca Saponari

22-07-2023

NOCI - Ci ha lasciati lo scorso 28 giugno la nota fotografa nocese Marta Attolini, figlia dell'apprezzatissimo Giovanni Attolini, da...

Ci ha lasciato Giovanni Miccolis

08-07-2023

NOCI - E' venuto a mancare all'età di 70 anni Giovanni Miccolis, dipendente comunale in quiescenza e da sempre...

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa di Patrizia Nettis

30-06-2023

Alla famiglia il sentito cordoglio della redazione di NOCI24.it. NOCI - E' scomparsa all'impovviso due giorni fa all'età di 41...

LETTERE AL GIORNALE

Associazioni e comitati contro la potatura drastica degli alberi del perimetro urbano

27-02-2024

“Eco Eventi OdV” e “Comitato di quartiere via T. Fiore” hanno incontrato l’assessora Checca Tinella e il responsabile del verde Giuseppe...

Se sarà femmina chiamiamola Crimea!

26-11-2023

LETTERE AL GIORNALE - Ci sono luoghi della terra che per la loro storia, la molteplicità degli accadimenti di cui...

L'occupazione persa, una famiglia a carico e il dover ricominciare da zero dopo la pandemia:…

26-11-2023

LETTERA AL GIORNALE - Antonio (questo il nome di fantasia che gli daremo) ha voluto raccontarci la sua complessa e...

Il centrodestra in salsa nostrana

08-06-2023

LETTERE AL GIORNALE - Egregio Direttore, la ringrazio di cuore preventivamente qualora deciderà, con generosità, di pubblicare questo mio umile e...

Alluvione in Emilia-Romagna, il racconto di un nostro concittadino

21-05-2023

FORLÌ - Sono a Forlì, è martedì 16 maggio, sono le 19:00, piove ormai da circa diciotto ore ed il...

1984

19-04-2023

LETTERE AL GIORNALE - Cari concittadini, non era mia intenzione tediarvi nuovamente con le mie elucubrazioni sull'Idra a otto teste che...