Informazione pubblicitaria

Informazione pubblicitaria

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

GiovedÌ, 21 Ottobre 2021 - 17:32

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

06 19esamimaturitaNOCI (Bari) - Attesa di liberare le giovani spalle da questo pesante fardello, un velo di angoscia e ansia: tanta ansia. Un’ansia che fa vacillare anche chi ostentava totale sicurezza di se fino a poco prima dell’entrata in aula. Queste le emozioni che hanno contraddistinto questo mercoledì 19 giugno per i 92 studenti nocesi in attesa della prima prova dell’esame di maturità ai cancelli dell’Istituto Agherbino e del Liceo Leonardo Da Vici.

Sette le belle e articolate tracce: ci sono Ungaretti, Sciascia e poi Stajano, Montanari e Fernbach. Per l’attualità una traccia è dedicata a Carlo Alberto Dalla Chiesa e una a  Gino Bartali.

Alle 8:00 in punto, i 92 maturanti nocesi, si radunano rispettivamente presso i cancelli dell’Istituto Agherbino e del Liceo Leonardo Da Vinci. Portano sul volto ancora i segni della loro “notte prima degli esami” che per tutti è sempre stata “di lacrime e preghiere”.
La mezz’ora che li separa dallo scoprire le tracce della prima prova scritta, si consuma tra un mix di emozioni ed espressioni diverse.

C’è chi fuma, sfottendo un po’ il migliore amico o la migliore amica per allentare quella tensione che in fondo sente anche lui; chi scatta un selfie per immortalare questo giorno che, comunque vada, sarà da ricordare. Tanto tra poco ci si dovrà separare dai fedeli amici sempre a portata di mano: gli smartphone. Anche se i più “furbetti” dovessero riuscire ad introdurli, gli amici elettronici non potrebbero essere di alcun aiuto, dato che il Wifi è schermato in tutti gli istituti.

Qualcuno, vedendo arrivare il prof “beniamino”, quello con cui si è instaurato un maggior affiatamento, ne invoca l’aiuto: “Prof, aiutaci tu!”. Sul volto di qualcuno si legge un’espressione di totale indifferenza: vale la regola del “vada come vada”. Tanto è risaputo che alla fine se ne esce indenni. Alcuni studenti si dicono profondamente sicuri di se e del lavoro svolto durante tutto l’anno, che non intendono far rovinare completamente dall’ansia. Ma l’ansia è una brutta bestia che si insinua anche in chi appare “incrollabile”fino a poco prima dell’entrata in aula.
“Coraggio, appena saremo entrati che paura vuoi più avere?”- incoraggia qualcuno. Al “Da Vinci” si punta maggiormente sull’attualità: si pensa che tra le tracce potrebbero esserci Anna Frank e l’Olocausto oppure Greta Thunberg e l’ambiente. All’Agherbino invece, c’è chi sceglierebbe ad occhi chiusi il saggio poetico, poiché si è a lungo esercitato e non dovrà metterci troppo del suo. Il caro vecchio Giacomo Leopardi, amatissimo dagli studenti è anche quest’anno il più gettonato dalle previsioni.
La prova durerà 6 ore e gli studenti intendono sfruttarle con tutta la calma del caso ai fini della stesura di un buon testo.
I ragazzi dell’Agherbino confessano di temere maggiormente gli orali, dove è più facile incorrere in qualche defaiance o in un blocco improvviso.

Va ricordato che quest’anno, la modalità d'esame è diversa rispetto agli quelli precedenti. Tre prove anziché quattro articolate in tre giorni distinti: italiano, materia di settore e prova orale. Leggermente temuta è la terza prova che non vede più protagonista la buona, vecchia e cara e rassicurante tesina. Si è affidati infatti alla sorte di alcune buste chiuse contenenti argomenti studiati nel corso dell'intero anno.
Ore 8:30: Appena entrati in aula, ogni possibile previsione a cui ci si era affidati (come sempre accade in questi casi) viene sovvertita.
I protagonisti sono Ungaretti, con l’analisi della sua poesia “L’Allegria” tratta dalla raccolta “Il porto sepolto”, Leonardo Sciascia con un brano tratto dal suo romanzo “Il giorno della civetta” e Stajano con la sua “Eredità del Novecento”. Tra le tracce anche un brano di Tomaso Montanari sull'uso del futuro e uno dello scrittore Philip Fernbach sull'illusione della conoscenza. Per quanto concerne l’attualità, i protagonisti sono Gino Bartali e Carlo Alberto Dalla Chiesa.
Il primo, oltre che campione di ciclismo, lo fu anche di umanità, essendosi attivato in prima persona per salvare la vita a numerosi ebrei. Il Generale Dalla Chiesa è invece uno dei più famosi “martiri della mafia”; realtà purtroppo non ancora completamente estirpata. Anche quest’anno di materiale stimolante su cui lavorare ce n’è e siamo certi che i maturandi daranno il meglio. In bocca al lupo ragazzi: per la maturità e per qualsiasi sogno a cui desiderate che essa apra le porte.

Fotogallery

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

Informazione pubblicitaria

La pubblicità

Informazione pubblicitaria

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 553 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 

FUORI CITTA'

Bari - I Carabinieri arrestano detenuto domiciliare due volte in 24 ore

12-10-2021

BARI - I Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Bari, lo scorso pomeriggio, hanno tratto in arresto per evasione...

Terlizzi e Valenzano - Interdittive antimafia su due aziende insospettabili

10-10-2021

Terlizzi e Valenzano - I Carabinieri del Nucleo Informativo del Comando Provinciale di Bari hanno dato esecuzione a due interdittive antimafia...

Putignano: in giro nei supermercati della provincia per fare la spesa, senza pagare

08-10-2021

PUTIGNANO - I Carabinieri della Stazione Carabinieri di Putignano hanno tratto in arresto un pregiudicato del posto, di 47 anni, responsabile...

Francesco Zaccaria è il nuovo sindaco di Fasano

06-10-2021

FASANO – Francesco Zaccaria è il nuovo sindaco di Fasano. Con il 52.48% dei consensi e 12032 voti l’ex primo...

Arrestati tre bitontini in trasferta per furto d'auto

24-09-2021

Gioia del Colle - È ormai da diverso tempo che i militari della Compagnia di Gioia del Colle hanno incrementato i...

Santeramo in colle - Un arresto per detenzione di droga e armi

21-09-2021

SANTERAMO IN COLLE - I Carabinieri di Santeramo in Colle, con l’ausilio di una unità del Nucleo Cinofili Carabinieri di Bari...

NECROLOGI

In memoria del prof. Tonio Palattella: uomo colto, generoso e operoso

21-09-2021

NOCI - Qualche giorno fa ci ha lasciati il prof Tonio Palattella, figlio del compianto Don Vito, fondatore del gruppo...

Addio all'avvocato Giancarlo Liuzzi

13-08-2021

NOCI - E' prematuramente mancato oggi l'avvocato Giancarlo Liuzzi, professionista molto conosciuto e stimato in paese. Lascia la moglie e...

Come inviare un necrologio su NOCI24.it

03-02-2021

Invia i tuoi necrologi su NOCI24.it. Registrati sul sito, fai il Login ed invia i tuoi necrologi. Se desideri allegare...

LETTERE AL GIORNALE

Una rete virtuale per il “Green sentiment pubblico”

07-09-2021

LETTERA AL GIORNALE - Sono proprietario di un trullo in agro di Noci in Località Monte Verde dal 2013 -...

Senatrice Liliana Segre, cittadina onoraria di Noci

22-07-2021

Il 15 luglio il Consiglio Comunale di Noci ha deliberato la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre, presidente della Commissione...

Comitato per la cittadinanza onoraria nocese a Liliana Segre: punto di partenza e non di…

01-07-2021

NOCI - Pubblichiamo di seguito un comunicato da parte del Comitato per il conferimento della cittadinanza nocese alla senatrice Liliana Segre a...

Comitato per la cittadinanza onoraria nocese a Liliana Segre: alcune considerazioni

30-05-2021

NOCI - Pubblichiamo du seguito alcune importanti considerazioni ricevute da parte del Comitato per il conferimento della cittadinanza nocese alla...

25 aprile 2021

25-04-2021

NOCI - Il 25 aprile è festa. Lo sanno tutti. Soprattutto gli studenti, perché quasi sempre è un giorno di...

Liuzzi: "Anche a Noci il sogno magnogreco di Rossana Di Bello"

11-04-2021

NOCI - Piero Liuzzi ricorda Rossana Di Bello, ex sindaco di Taranto dal  2000 al 2006 e assessore regionale al...