Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

MartedÌ, 31 Gennaio 2023 - 11:27

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

10 08 MediazioneFamiliareNOCI – Mediazione familiare: sicuramente molti di voi lettori avranno già sentito questa definizione. Ma siamo certi di sapere davvero in cosa consista? Spesso e volentieri, infatti si tende ad averne un’idea totalmente distorta. E’ facile pensare che si tratti di un tentativo di far tornare a tutti i costi assieme una coppia tra cui ormai qualcosa si sia irrimediabilmente rotto. Non è affatto così, e ce lo spiega chiaramente la Dott.ssa Dora Tinelli, che a seguito di un percorso formativo e personale ha scelto di lasciare l’avvocatura per dedicarsi alla mediazione familiare, penale e scolastica oltre che al life designer.

“C'è sempre un punto di contatto, anche quando sembra improbabile. Nel mio modo di sentire entrambe le professioni, fra l'avvocatura e la mediazione, il punto di contatto è la parola conflitto”- esordisce la Tinelli a cui chiediamo esattamente in cosa consista la mediazione familiare anche per sfatare certe errate convinzioni instaurate nella gente.
“Significa trasformare il conflitto in un’opportunità, lasciare da parte il suo potere distruttivo e coglierne l’energia costruttiva. Non è detto che una coppia debba necessariamente riunirsi, anche se (ci mancherebbe altro) siamo felici quando accade. La mediazione familiare è un percorso che aiuta a vivere la separazione come una scelta consapevole presa con la massima serenità possibile, e non come una reazione avventata. I mediandi, tra l’altro, possono sperimentare nuove modalità di comunicazione grazie alle quali essi saranno pronti ad affrontare pacificamente gli aspetti che riguardano la separazione e le scelte relative ai propri figli. Accompagnati dal mediatore familiare, che è un professista neutro, imparziale ed equi-vicino rispetto ai mediandi, essi potranno trovare accordi liberi e condivisi per il benessere proprio e dei propri figli. Ovviamente si tratta di un percorso che è opportuno intraprendere soprattutto quando ci sono figli minori. Perché se pur si sceglie di non essere più una coppia, il “noi genitoriale” non può mai cessare di esistere. E se gli ex coniugi arrivano a maturare un rapporto disteso e civile, senza farsi eterna guerra, anche i figli cresceranno in un clima più sereno”
A questo punto, incuriositi, abbiamo chiesto alla Dott.ssa Dora Tinelli cosa abbia fatto scattare quella molla che l’ha portata ad abbandonare l’avvocatura, a dire addio alla toga e alle aule di tribunali, a trasformare anche l’arredo del suo studio legale. Non ci è sfuggita la presenza di un tavolo rotondo, privo di quegli spigoli che possono far mare. Rotondo come ciò che alla fine risulta compiuto. Uno studio che è ancora in fase di trasformazione, e non mancano al suo interno stralci di scritti che incitano alla pace e al “Per-dono”, come lo definisce la Tinelli. 

"Sceglievo di fare l'avvocato un po' di anni fa, perché conoscevo una sola strada per "trattare" il conflitto: avere ragione; quindi lottare per averne. Lottare per la tutela dei diritti violati; per avere giustizia. In quella prospettiva, c'è sempre un torto ed una ragione; c'è anche qualcuno contro cui lottare, in genere fuori. Attraverso quella stessa strada, ho incontrato la mediazione familiare. Essa mi ha accompagnata VERSO il conflitto; insegnandomi a guardarlo, dapprima da lontano e, passo dopo passo, sempre più da vicino, fino a cercare di comprenderlo, per poi vederlo come alleato. In questo passaggio, cambiava anche il mio vocabolario. I termini "contro", "controparte" (proprio dell’avvocatura), erano sempre più distanti da me. Il "contro" (essere contro l'altro), si trasformava in "con" (siamo insieme per...). La parola "giudizio" presupponeva un essere giudicato, mentre lavoravo su di me per imparare a non giudicarmi e a non giudicare”- ci dice la Dott.ssa Tinelli, in maniera ancora più sentita, prosegue spiegandoci perché la mediazione sia diventata ad oggi la sua missione.
“Mi sono resa libera, quindi, di attraversare il ponte che mi spostava verso la mediazione, riconoscente e grata alla strada percorsa, con un altra prospettiva negli occhi, un'altra visione, un'altra missione. Scelgo la Mediazione perché credo fortemente nel valore e nel potere di ogni conflitto (Che come ogni potere, può essere distruttivo o costruttivo) e credo fortemente nel potere di ogni essere umano di trasformare tutto ciò che vive nella più grande opportunità. Siamo ponti e possibilità infinite. Oggi sono roba anche del Per-dono, che si manifesta in me e attraverso me. La mediazione ed il perdono lavorano insieme, dentro di me, per "liberarmi" da me e ricondurmi a me. E da me, procedere verso destinazioni infinite. Il Perdono è un percorso di liberazione. Ed è per dono che io oggi scelgo di percorrermi ancora e rendermi dono per chi è e sarà nella stanza di mediazione con me, per chi incontrerò nelle carceri, nelle scuole o per strada. Non si può trattenere per sé un dono, così scelgo di dare ad altri ciò che io ho ricevuto, perché sia onorato e non si fermi. Sono semi di pace nel caos del conflitto”. Alla Dott.ssa Dora Tinelli auguriamo il meglio nel continuare a svolgere questa sua nuova professione-missione.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Necrologi

trovo aziende

 

Pubblicità

 

 

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 325 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 
Pubblicità

FUORI CITTA'

GdF Bari: sequestrati numerosi capi di abbigliamento e cuscini contraffatti dei brand “Disney” e “Marvel”

28-01-2023

PUTIGNANO - I Finanzieri della Tenenza di Putignano, nell’ambito di autonoma attività info-investigativa volta alla repressione dei traffici illeciti, con particolare...

Furti con scasso ai self-sevice di tabacchi e stazioni di servizio, quattro arresti

21-01-2023

MODUGNO - I Carabinieri della Compagnia di Modugno supportati da quelli di Palestrina (RM), in esecuzione di ad un’ordinanza di misura...

Altamura - Sequestro di armi e refurtiva in un box condominiale: due arresti

18-01-2023

ALTAMURA - I Carabinieri di Altamura hanno arrestato in flagranza di reato per detenzione illegale di armi e munizioni e ricettazione...

Infermiera presa a calci da una paziente in attesa al pronto soccorso dell’Ospedale Di Venere

15-01-2023

BARI – “Apprendiamo con sdegno dell’aggressione subita ieri da una nostra infermiera in servizio presso il pronto soccorso dell’Ospedale Di...

Grumo Appula - Eseguito ordine di carcerazione nei confronti di una 35enne per concorso in…

28-12-2022

GRUMO APPULA - I Carabinieri della Compagnia di Modugno hanno eseguito un ordine di carcerazione, emesso dalla Procura Generale presso la...

Bari, Casamassima, Turi e Locorotondo. Estorsioni ai cantieri edilizi e traffico di stupefacenti, aggravati dal…

23-12-2022

BARI - I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari hanno eseguito sei ordini di carcerazione, emessi dalla Procura Generale presso la...

NECROLOGI

Addio a Rocco Recchia, decano degli artigiani nocesi

18-11-2022

NOCI – Lutto nel mondo dell’artigianato nocese: ci ha lasciati Rocco Recchia, il noto e stimatissimo calzolaio che aveva ereditato...

Lutto nell'imprenditoria locale: addio a Raffaele Putignano

11-10-2022

NOCI - Questa mattina è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari l'imprenditore nocese Raffaele Putignano, all'età di 72 anni, dopo una...

Ci lascia il giovane concittadino Domenico: un lutto inaspettato per Noci

18-08-2022

NOCI – Una settimana di Ferragosto amara per Noci, che ha appreso con dolore la notizia della tragica scomparsa di...

Ci lascia Titina Sansonetti: aveva appena compiuto 104 anni

09-04-2022

NOCI – La comunità nocese perde ancora un baluardo della sua storia. Questa mattina infatti si è conclusa l’esistenza terrena...

Lutto tra i Carabinieri Forestali di Noci

28-02-2022

NOCI - Noci e la Coreggia piangono Nicola Annese, quarantotto anni, Carabiniere Forestale presso la Stazione di Noci da parecchi anni...

Addio a Peppino Longo

31-01-2022

BARI - “Perdiamo un amico, un rappresentante della Puglia, un uomo buono, sempre al servizio della sua terra. Imprenditore di...

LETTERE AL GIORNALE

Natale a Noci: un bilancio positivo

08-01-2023

NOCI - Le sezioni nocesi di Confartigianato, Confcommercio e Coldiretti, insieme all'AIS Puglia esprimono un caloroso ringraziamento ai nocesi per la...

Diversità ed inclusione

17-12-2022

LETTERE AL GIORNALE - Nella cornice delle feste natalizie, in un clima di inclusione e condivisione, gli alunni della 2D della...

Nino Vaccalluzzo e Noci: un tributo al maestro dell’Arte pirotecnica tragicamente scomparso

15-09-2022

Nell'immagine: Antonio Labate e Tonino D'Onghia accompagnati da Nino Vaccalluzzo (a sinistra) durante la visita all'azienda del 25 giugno 2010...

Un Comitato per l'estensione della rete idrico-fognante in Zona H

28-03-2022

LETTERA AL GIORNALE - In data 6/7 marzo 2022 è stata inviata al Comune di Noci e all’Autorità Idrica Pugliese...

Liuzzi "La Gazzetta, una lunga pausa salutare"

24-02-2022

NOCI - Una lunga pausa salutare. E non solo per il giornale e per i giornalisti ma anche, paradossalmente, per i...

IIS "Da Vinci - Agherbino": doverose precisazioni

07-01-2022

COMUNICATO - A seguito di notizie di stampa che rappresentano infedelmente la realtà dei fatti, l’Istituto “Da Vinci – Agherbino”...