ADV

 

Fiore che ssembe: il libro di poesie in nocese di Giovanni Laera

07 7 FiorechessembeGiovanniLaera 3NOCI (Bari) - Lo scorso 5 luglio, presso Largo Torre è stato presentato “Fiore che ssembe”, il primo libro di Giovanni Laera. Si tratta di 27 poesie in dialetto nocese, tutte con traduzione italiana a fronte.
Il poeta ed editore Antonio Lillo della casa editrice Pietre Vive, che ne ha curato la pubblicazione, ha tenuto una breve introduzione sul suo incontro con l’autore e su come è nato il libro.
Dopodichè, il musicista, poeta ed illustratore Vittorino Curci, ha dialogato con Giovanni Laera in merito alla metrica, alla semantica e al significato antropologico delle poesie.
La poesia non ha potuto non abbracciare anche la musica, con la bravura del musicista Giuseppe Liuzzi che ha eseguito con chitarra e voce dei brani in dialetto nocese scritti da Giovanni e da suo fratello.

07 7 FiorechessembeGiovanniLaera 1In copertina spicca una bella illustrazione di Vittorino Curci, scelta da Giovanni tra i numerosi disegni dell’artista (citato peraltro nel libro) che gli sono stati mostrati. Un’illustrazione a tutta pagina, senza né titolo né nome dell’autore:cosa alquanto singolare in una società dove tutti auspicano di vedere il proprio nome stampato in copertina.
In questo caso invece, quello che conta è l’importanza dei messaggi, non chi li veicola.
“Tutto è iniziato all’inizio dello scorso autunno, con una telefonata da parte di Lino Angiulli, uno dei poeti pugliesi più apprezzati”- ha esordito l’editore Antonio Lillo- “Lino mi dice testualmente: “Ho un ragazzo bravissimo che va assolutamente pubblicato: si chiama Giovanni Laera. Lo pubblichi a giugno!”- e ha immediatamente chiuso la comunicazione senza darmi modo di aggiungere nulla. Così mi sono ritrovato a dover pubblicare di lì a poco il libro senza conoscerne l’autore. 07 7 FiorechessembeGiovanniLaera 6Frattanto però, tutti mi parlavano di un poeta residente a Polignano ma nocese di nascita che dovevo assolutamente conoscere perché possedeva davvero un gran talento. Mi facevano tutti il nome di Giovanni. Così ci siamo incontrati, ho visionato il manoscritto e ho pubblicato senza intervenire quasi per nulla con le modifiche!”

Molti avranno sicuramente sentito parlare di Giovanni Laera a proposito del Centro Studi sui Dialetti Apulo-Baresi di cui fa orgogliosamente parte.
La collaborazione con gli altri membri del Centro Studi, lo ha aiutato senz’altro ad addentrarsi più in profondità nel significato e nelle svariate possibilità di utilizzo di una lingua intensa e “malleabile” con cui si può veramente “giocare” come si vuole, veicolando qualsiasi messaggio in maniera più diretta.
“Il dialetto è la lingua della mia infanzia e della mia giovinezza, di mia nonna e di un’intera comunità”- ha puntualizzato l’autore.
Giovanni Laera ha altresì ammesso di essersi rivelato molto puntiglioso per quel che concerne la traduzione: “Quello che volevo assolutamente evitare, era il tentare di “innalzare” il livello del linguaggio nel trasporre dal dialetto all’italiano, quasi togliendo dignità al primo! Sappiamo bene che alcune espressioni tipicamente dialettali risultano fuori luogo, prive di intensità o addirittura ridicole se tradotte forzatamente in un italiano aulico. Meglio utilizzare quindi un “Italiano gergale””.

Vittorino Curci ha rimarcato la differenza tra poesie in dialetto e poesie dialettali: “Una poesia scritta in dialetto può benissimo essere tutt’altro che dialettale, ma rivelarsi invece colta e alta, senza contenere nulla di folkloristico o popolare!”

Un libro oscuro, enigmatico, “criùse”, che esprime un dolore interiore quasi metafisico. Il libro di Giovanni è uno di quelli che continuano a “rùsce” (detto alla nocese) ovvero a sussurrarti all’orecchio una volta ultimata la lettura. Le poesie sono i tasselli di un lungo percorso di ricerca esistenziale, portato a termine non senza sofferenza. Importante anche la dimensione onirica di cui le poesie sono pregne.

Vittorino Curci ha fornito una suggestiva interpretazione per immagini di quella che è l’essenza dell’opera: “Se dovessi rappresentare il libro con una illustrazione, disegnerei l’autore in bilico su uno di quei ponti vacillanti realizzati in corda. Per cadere perdendosi negli abissi dell’oceano sotto di lui, Giovanni si aggrappa al “passamano” della metrica!”
E proprio parlando di metrica, lo stesso autore ha ribadito quanto gli autori da lui maggiormente apprezzati, siano quelli più attenti e capaci in quanto a tecnica: Leopardi, Guido Gozzano, Sandro Penna ed Eugenio Montale.
“Non so perché ma quando penso al dialetto nocese, mi viene automatico associarlo a un poeta del calibro di Wiliam Shakespeare: non siamo forse tutti permeati della stessa materia della poesia?” E non è forse vero che il poeta scrive per capire i suoi stessi versi? Perché siano essi stessi a rivelargli il loro significato- Giovanni Laera ha posto queste domande ben coscio del fatto che la platea avrebbe immediatamente colto la risposta già insita.
Importante ricordare al lettore che con un codice insito in ciascuna copia, è possibile scaricare gratuitamente anche la versione audiolibro. La poesia infatti (specialmente quella scritta in dialetto) più che letta, ha bisogno di essere ascoltata. L’intonazione e il ritmo possono fare una grande differenza. Dal punto di vista interpretativo, l’autore invita il lettore a non ostinarsi a cercare necessariamente significati reconditi, a voler guardare oltre. La poesia va presa alla lettera. I 27 componimenti, in cui predomina l’endecasillabo alternato al settenario, tentano di dare una risposta alla domanda insita nel titolo della celebre poesia di Pier Paolo Pasolini: “Mostro o farfalla?”.
07 7 FiorechessembeGiovanniLaera 7Al lettore il compito di carpire qual è la risposta di Giovanni e di confrontarla con la propria.
Musica e poesia, lo si sa, amano andare a braccetto e così è avvenuto anche durante questa bella serata in quel di Largo Torre, grazie agli intermezzi musicali di Giuseppe Liuzzi, che ha eseguito brani in dialetto nocese di cui sono autori Giovanni Laera e suo fratello.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

ADV

 

 

Informazione pubblicitaria

tatulli noci24 ok

 

 

Informazione pubblicitaria La pubblicità

 

 

ADV

FUORI CITTA'

GdF Bari: evasione fiscale - Sequestri di beni per un valore di circa 5 milioni…

20-02-2024

BARI - I Finanzieri del Comando Provinciale di Bari hanno dato esecuzione a decreti di sequestro preventivo di beni, per un...

Castellana Grotte - Maltrattamenti in famiglia. Notifica di un provvedimento di allontanamento dalla casa familiare…

15-02-2024

CASTELLANA GROTTE - I Carabinieri della Stazione di Castellana Grotte hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare, emessa...

Esecuzione di una ordinanza di misura cautelare personale per detenzione e porto illegale di armi

06-02-2024

MONOPOLI - I Carabinieri della Compagnia di Monopoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale –...

Associazione per delinquere dedita ai furti e rapine in abitazione. 8 misure cautelari eseguite dai…

21-01-2024

BARI - Il 17 gennaio, i Carabinieri del Comando Provinciale di Bari, coadiuvati in fase esecutiva dai militari dei reparti competenti...

GdF Roan Bari: sequestrati circa 3 quintali di oloturie

21-01-2024

BARI - Le Fiamme Gialle della Stazione Navale di Bari, nei giorni scorsi, in località Torre a Mare, nel corso...

GDF Legione Allievi Bari: giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana e di consegna delle fiamme…

12-01-2024

BARI - Nella mattinata odierna, si è svolta presso la Stadio della Vittoria di Bari, alla presenza del Generale di...

NECROLOGI

Addio a Oronzo Colucci: aveva dedicato gran parte della sua vita al volontariato

19-08-2023

NOCI – Una gravissima perdita per Noci: ci lascia Oronzo Colucci, amatissimo dalla comunità per le sue virtù di incondizionato...

Addio a Leo Morea: padre coraggio al fianco delle vittime della strada

02-08-2023

  NOCI – Ci ha lasciati il 2 agosto il nostro concittadino Leo Morea, che pur vivendo a Milano, aveva lasciato un...

Addio alla fotografa Marta Attolini: il ricordo della nipote Angela Bianca Saponari

22-07-2023

NOCI - Ci ha lasciati lo scorso 28 giugno la nota fotografa nocese Marta Attolini, figlia dell'apprezzatissimo Giovanni Attolini, da...

Ci ha lasciato Giovanni Miccolis

08-07-2023

NOCI - E' venuto a mancare all'età di 70 anni Giovanni Miccolis, dipendente comunale in quiescenza e da sempre...

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa di Patrizia Nettis

30-06-2023

Alla famiglia il sentito cordoglio della redazione di NOCI24.it. NOCI - E' scomparsa all'impovviso due giorni fa all'età di 41...

Ci lascia il diacono Pinuccio Carucci

16-03-2023

NOCI - E' venuto a mancare questa mattina dopo una lunga malattia il diacono permanente Pinuccio Carucci all'età di 67...

LETTERE AL GIORNALE

Associazioni e comitati contro la potatura drastica degli alberi del perimetro urbano

27-02-2024

“Eco Eventi OdV” e “Comitato di quartiere via T. Fiore” hanno incontrato l’assessora Checca Tinella e il responsabile del verde Giuseppe...

Se sarà femmina chiamiamola Crimea!

26-11-2023

LETTERE AL GIORNALE - Ci sono luoghi della terra che per la loro storia, la molteplicità degli accadimenti di cui...

L'occupazione persa, una famiglia a carico e il dover ricominciare da zero dopo la pandemia:…

26-11-2023

LETTERA AL GIORNALE - Antonio (questo il nome di fantasia che gli daremo) ha voluto raccontarci la sua complessa e...

Il centrodestra in salsa nostrana

08-06-2023

LETTERE AL GIORNALE - Egregio Direttore, la ringrazio di cuore preventivamente qualora deciderà, con generosità, di pubblicare questo mio umile e...

Alluvione in Emilia-Romagna, il racconto di un nostro concittadino

21-05-2023

FORLÌ - Sono a Forlì, è martedì 16 maggio, sono le 19:00, piove ormai da circa diciotto ore ed il...

1984

19-04-2023

LETTERE AL GIORNALE - Cari concittadini, non era mia intenzione tediarvi nuovamente con le mie elucubrazioni sull'Idra a otto teste che...