Informazione pubblicitaria

Informazione pubblicitaria

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

VenerdÌ, 19 Agosto 2022 - 07:18

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

02 15 SpilloverMicaelaPalnieriNOCI - Lo scorso 14 febbraio, in diretta social sulla pagina dell’associazione “Vivere d’arte eventi” si è tenuto un nuovo appuntamento con la rassegna letteraria “Spillover, il contagio delle parole”. Ospite della serata è stata la giornalista di Raiuno Micaela Palmieri, che ha discusso del suo libro inchiesta “Next-stop Rogoredo” assieme a Gabriele Zanini e a Giovanna De Crescenzo, volto e voce di Telenorba.

02 15 SpilloverMicaelaPalnieri.jpg2Il bosco può assumere un duplice significato: luogo dove riappropriarsi del proprio equilibrio psicologico e della propria pace interiore, o divenire un posto dove perdersi completamente, andando incontro alle paure peggiori, proprio come nelle favole. E’ questo ciò che sostanzialmente ha fatto la giornalista Micaela Palmieri nell’ambito del suo lavoro di inchiesta giornalistica: inoltrarsi nel bosco di notte. Il bosco in questione è quello di Rogoredo, tradizionale ritrovo per i giovani dediti al consumo delle sostanze stupefacenti e per quanti ne spacciano. Un bosco così vicino all’imponente e armoniosa città di Milano eppure così ricco di degradazione e soprattutto di sofferenza.
Micaela Palmieri ci si è addentrata assieme ad un volontario, Antonio, che costantemente portava a questi ragazzi del cibo, non disdegnando ascoltare le loro storie. “Nel libro ho voluto lasciare il suo nome anagrafico, perché era giusto che tutti conoscessero il coraggio di questa persona e perché Antonio è riuscito a farmi sentire veramente protetta!”- ha dichiarato la Palmieri. L’organizzazione di quel bosco (veramente immenso) è di tipo militaresco. Le varie “sentinelle”, nel momento in cui scorgono in lontananza qualcuno che non conoscono, perché non è un “acquirente abituale”, segnalano la sua presenza al “capobosco”, mediante l’uso dei loro fischietti. La droga può così essere prontamente nascosta. Il ragazzo che fa da “cicerone” alla Palmieri all’interno di questa vera e propria anticamera dell’ìnferno è Carlo, che ella descrive come “Un giovane intelligente e sveglio come pochi, di quelli che non riesci davvero a comprendere come sia potuto finire in un posto simile”.
Carlo non ha nulla da perdere nel fare quattro chiacchiere con una giornalista: si sente egli stesso uno “sporco rifiuto della società”.
Si sente sporco a tal punto da evitare il contatto fisico con la giornalista, glissando con un “Non ti do la mano perché tanto so che ti farebbe schifo”.
E insieme a Carlo c’è Regina, una ragazza stupenda la cui bellezza è deturpata dagli evidenti segni che la droga lascia sul fisico. Come lei, tante ragazze giovanissime, molte delle quali rimaste incinte. In quel lerciume, tra le siringhe usate, una di loro partorisce addirittura un bimbo già in astinenza. Quelle raccolte nel libro non sono altro che una minima parte delle storie che la Palmieri ha ascoltato, cercando di porsi sempre in maniera empatica nei confronti di questa gente consumata dalla sofferenza. La frase più ricorrente, pronunciata dai giovanissimi è “Ci hanno rubato i sogni e io aspetto la morte. Lo so che lentamente arriverà e non mi importa nulla!”
Una frase a dir poco agghiacciante, se proferita da ragazzi che dovrebbero mordere la vita. Ecco che spesso e volentieri la tossicodipendenza diviene un modo per stordirsi e per non pensare, e anche chi sostiene di poter smettere in qualsiasi momento, alla fine non riesce a liberarsi giogo. Si arriva al punto di non provare neanche più piacere nel drogarsi, ma si continua a farlo perché altrimenti si sta male.
C’è un bosco di Rogoredo in ogni città, per quanto si preferisca far finta di non vedere e di non sentire. Il quesito che però a questo punto si pone è: come evitare che tutti questi “cappuccetto rosso”, giovani e meno giovani, si perdano nell’oscurità del bosco, e siano prede di quel lupo travestito da agnello che è la droga? La risposta della Palmieri è chiara ed esaustiva: bisogna fare innanzitutto in modo che i ragazzi tornino a sentirsi vivi, utili alla società. Bisogna creare per loro degli interessi che diventino vere e proprie passioni e quindi obiettivi da raggiungere.
Se ai ragazzi vengono restituiti i sogni propri dell’età, se si è capaci di creare per loro una serie di sane alternative alla droga, non ci pensano minimamente ad avvicinarsi a un posto come il bosco di Rogoredo”- ha puntualizzato l’autrice. Altra cosa fondamentale è adottare un atteggiamento che sia sì empatico e che preveda una grande capacità di ascolto, ma che non sia allo stesso tempo troppo “morbido”, perché bisogna pur sempre far capire ai ragazzi che stanno sbagliando. Mai però puntare il dito accusatore, facendoli sentire sbagliati e colpevoli, perché sbagliati ci si sentono già da soli, e magari il loro desiderio intrinseco è di “essere tirati fuori”.
“Non dovrebbero essere i media a puntare i riflettori sul problema della droga, che anche quando sembra scomparire, resta terribilmente attuale. Dovrebbero essere le istituzioni a muoversi, dovrebbe essere la società ad aiutarli a ritrovare il loro posto nel mondo”- ha concluso la Palmieri. Molti di questi ragazzi hanno scelto la strada della salvezza, affidandosi alle comunità e alla competenza del loro personale. Le storie a lieto fine esistono anche in quest’ambito. I lettori interessati, potrebbero intanto segnarsi già la data del prossimo appuntamento con “Spillover”, previsto per domenica 21 febbraio con Valentina Nuccio e il libro “Terra d’ombra bruciata”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

 

Informazione pubblicitaria

 

Informazione pubblicitaria

La pubblicità

Informazione pubblicitaria

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 567 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 
Informazione pubblicitaria

FUORI CITTA'

Polignano a Mare - Rinvenuti circa 100 gr di cocaina: eseguiti due arresti dai Carabinieri

17-08-2022

POLIGNANO A MARE - In queste giornate di ferragosto, i Carabinieri del Comando Provinciale di Bari, impegnati su tutto il territorio...

Gravina in Puglia -  Avrebbe minacciato i Carabinieri con una pistola e poi si sarebbe…

15-08-2022

Gravina in Puglia - I Carabinieri di Gravina in Puglia, coordinati dal Comando Compagnia di Altamura, hanno arrestato un pregiudicato...

Attività ispettiva nell'ambito dell'operazione "Estate tranquilla 2022"

15-08-2022

BARI - Nell’ambito di servizi predisposti in campo nazionale, i Carabinieri del NAS di Bari hanno svolto complessivamente 68 attività...

Parco Nazionale dell'Alta Murgia: primi dati sugli incendi boschivi

12-08-2022

ALTAMURA - È già tempo dei primi bilanci per i Carabinieri Forestali nella campagna di prevenzione e repressione degli incendi...

Conversano - Arrestato responsabile di un furto all’interno della Cattedrale di Conversano

08-08-2022

I Carabinieri gli trovano in casa anche Marijuana e Hashish CONVERSANO - I Carabinieri del Comando Stazione di Conversano hanno tratto...

Identificati i presunti autori di una truffa consumata ai danni di una vittima ultraottantenne

30-07-2022

BARI - Ieri mattina, in Messina i Carabinieri delle Stazione di Acquaviva delle Fonti con il supporto dei colleghi della Compagnia...

NECROLOGI

Ci lascia il giovane concittadino Domenico: un lutto inaspettato per Noci

18-08-2022

NOCI – Una settimana di Ferragosto amara per Noci, che ha appreso con dolore la notizia della tragica scomparsa di...

Ci lascia Titina Sansonetti: aveva appena compiuto 104 anni

09-04-2022

NOCI – La comunità nocese perde ancora un baluardo della sua storia. Questa mattina infatti si è conclusa l’esistenza terrena...

Lutto tra i Carabinieri Forestali di Noci

28-02-2022

NOCI - Noci e la Coreggia piangono Nicola Annese, quarantotto anni, Carabiniere Forestale presso la Stazione di Noci da parecchi anni...

Addio a Peppino Longo

31-01-2022

BARI - “Perdiamo un amico, un rappresentante della Puglia, un uomo buono, sempre al servizio della sua terra. Imprenditore di...

Addio al Maestro Ottavio Lopinto

07-01-2022

NOCI – Una grande perdita per la comunità nocese, per la sua cultura e per la sua musica folk. Ci...

Giovanni Pizzarelli: la famiglia lo ricorderà con una Santa messa in occasione del trigesimo dalla…

14-11-2021

NOCI – Essendo trascorso un mese dalla scomparsa di Giovanni Pizzarelli, ex Appuntato dei Carabinieri, la famiglia lo ricorderà con...

LETTERE AL GIORNALE

Un Comitato per l'estensione della rete idrico-fognante in Zona H

28-03-2022

LETTERA AL GIORNALE - In data 6/7 marzo 2022 è stata inviata al Comune di Noci e all’Autorità Idrica Pugliese...

Liuzzi "La Gazzetta, una lunga pausa salutare"

24-02-2022

NOCI - Una lunga pausa salutare. E non solo per il giornale e per i giornalisti ma anche, paradossalmente, per i...

IIS "Da Vinci - Agherbino": doverose precisazioni

07-01-2022

COMUNICATO - A seguito di notizie di stampa che rappresentano infedelmente la realtà dei fatti, l’Istituto “Da Vinci – Agherbino”...

Una rete virtuale per il “Green sentiment pubblico”

07-09-2021

LETTERA AL GIORNALE - Sono proprietario di un trullo in agro di Noci in Località Monte Verde dal 2013 -...

Senatrice Liliana Segre, cittadina onoraria di Noci

22-07-2021

Il 15 luglio il Consiglio Comunale di Noci ha deliberato la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre, presidente della Commissione...

Comitato per la cittadinanza onoraria nocese a Liliana Segre: punto di partenza e non di…

01-07-2021

NOCI - Pubblichiamo di seguito un comunicato da parte del Comitato per il conferimento della cittadinanza nocese alla senatrice Liliana Segre a...