ADV

 

Vita da Gastarbeiter: Lorenzo Annese racconta la sua esperienza e il suo impegno civile di emigrante in Germania

04 30 VitadaGasterbeiterNOCI – Emigrare all’estero in cerca di fortuna negli anni del dopoguerra: una scelta dolorosa che tanti dei nostri avi hanno dovuto compiere pur di sfuggire alla fame e alla povertà, e di riconquistare il proprio diritto a un’esistenza dignitosa. La stessa decisione dovette prendere anche Lorenzo Annese, alberobellese di nascita, che nel 1958 emigrò in Germania per attendere a un destino migliore di quello che gli sarebbe spettato lavorando nei campi. Nel suo libro, intitolato “Vita da Gastarbeiter, l’impegno civile di un emigrante in Germania”, Stilo Editrice, curato dal nipote Pasquale (docente di storia e filosofia nei licei), Annese racconta appunto la sua esperienza. Un vissuto non di certo semplice, ma che grazie all’impegno e ai sacrifici, consentirà al protagonista di ottenere il suo riscatto sociale.

Da lavoratore sfruttato nei campi a impiegato della famosa ditta tedesca Volkswagen, fino all’approdo nel mondo sindacale, dove per anni rappresenterà i diritti della comunità italiana sia in fabbrica che presso il villaggio italiano» di Berliner Brücke. Dulcis in fundo l’elezione a consigliere comunale. Così potremmo sintetizzare, per non sottrarre al lettore il piacere di addentrarsi tra le pagine, quello che è stato il percorso di Lorenzo Annese. E’ vero, messo in questi termini, il discorso potrebbe risultare troppo semplicistico, e si potrebbe affermare con superficialità che “Il signor Annese però è stato fortunato”. No, leggendo attentamente il libro, si avrà modo di scoprire che Lorenzo Annese quella fortuna se l’è costruita e non è certo costata poco in termini di sacrifici. Negli anni del dopoguerra, tanti lavoratori italiani avevano due sole scelte: restarsene chiusi nella loro piccola realtà asfittica e senza sbocchi, una realtà che si limitava a sfruttarli consentendogli a stento di mettere assieme il pranzo con la cena, oppure emigrare all’estero. Per compiere questa seconda scelta, di coraggio bisognava averne davvero tanto. Era necessario lasciare i luoghi e le persone del cuore, partire con pochissimi spicci in tasca, consapevoli di andare incontro a una realtà totalmente diversa, non solo per quel che concernesse la lingua, ma soprattutto la mentalità.
All’estero magari ti avrebbero accolto con rispetto ed educazione, ti avrebbero offerto l’opportunità di lavorare ma…saresti rimasto sempre un gastarbeiter (termine che tradotto dal tedesco significa letteralmente “lavoratore ospite). Saresti stato insomma sempre “lo straniero”. E non era detto che ti andasse bene a migliaia di chilometri di distanza. Le cose avrebbero anche potuto non ingranare, e tu avresti buttato via anche quei pochi spicci con cui eri partito, e che magari avevi racimolato con gran sacrificio. Però bisognava rischiare ugualmente e proprio quel rischio, quel “salto nel buio”, ti rendeva consapevole che di impegno e di sudore avresti dovuto impiegarcene il doppio. Un messaggio importante e attuale anche per i nostri giovani, che in tempo di pandemia, hanno sentito il mondo crollargli sulle spalle. E’ vero, abbiamo vissuto, stiamo vivendo e forse continueremo a vivere per un bel po’ tempi difficili, ma soffermiamoci un attimo a pensare: cosa avrebbero dovuto dire allora i nostri avi, che hanno davvero guardato in faccia la fame, quella vera e più nera? Nessuno potrebbe trovare obiezione alcuna sul fatto che i loro tempi siano stati di gran lunga più duri di quelli che sono toccati a noi, che abbiamo innegabilmente un ventaglio di opportunità più ampio e possiamo far fede su una maggior tutela dei nostri diritti. Eppure, non si sono arresi, non si sono pianti addosso, non hanno perso tempo a lamentarsi. Il loro motto è stato: “Su le maniche e via!”. Tanti dei nostri giovani, invece, vorrebbero tutto ma senza sacrificio alcuno. Eh no, non funziona così: non c’è traguardo o gioia che non presupponga prima una buona dose di sudore e anche di lacrime. La storia di Lorenzo Annese sia d’esempio: quanta soddisfazione nell’arrivare ad essere rappresentante di quei diritti che egli stesso s’era visto negare, e che perciò ha difeso con più convinzione e tenacia. Prima di questo traguardo, però…quanta sofferenza è passata attraverso il cuore!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

ADV

 

 

Informazione pubblicitaria

tatulli noci24 ok

 

 

Informazione pubblicitaria La pubblicità

 

 

ADV

FUORI CITTA'

Truffa di 12.000 euro in danno di un anziano. I Carabinieri di Modugno arrestano una…

31-05-2024

MODUGNO - Questa mattina, i Carabinieri della Compagnia di Modugno hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare “agli arresti domiciliari”, emessa...

Sigilli ad autodemolitore abusivo: sequestrata area di 11.000 mq

10-05-2024

GIOIA DEL COLLE – Nei giorni scorsi, i militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (NIPAAF) del...

Altamura: rifiuti tombati in cava

30-04-2024

ALTAMURA - I militari coordinati dal Gruppo Carabinieri forestale di Bari, con l’ausilio del Reparto Carabinieri Parco Nazionale dell’Alta Murgia e...

Bari - Scoperto un deposito di sostanze stupefacenti. Arrestato un 24enne

23-04-2024

BARI - I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari San Paolo hanno arrestato in flagranza di reato un 24enne...

Bari e Capurso: custodia cautelare nei confronti di otto persone per i reati di lesioni…

15-04-2024

BARI E CAPURSO - Nella prima mattinata di sabato i Carabinieri della Compagnia di Bari San Paolo e della Stazione CC...

GdF Bari: ordinanza di misure cautelari nei confronti di 7 persone per corruzione, turbata libertà…

10-04-2024

BARI - I finanzieri del Comando Provinciale di Bari stanno dando esecuzione a Bari e provincia a un’ordinanza applicativa di misure...

NECROLOGI

Addio a Nicola Giacovelli: lo “scalpellino" nocese che fu internato nei lager nazifascisti

11-04-2024

NOCI – La comunità nocese dice addio a Nicola Giacovelli, padre del dott. Francesco Giacovelli, uno dei nostri architetti più...

Addio a Oronzo Colucci: aveva dedicato gran parte della sua vita al volontariato

19-08-2023

NOCI – Una gravissima perdita per Noci: ci lascia Oronzo Colucci, amatissimo dalla comunità per le sue virtù di incondizionato...

Addio a Leo Morea: padre coraggio al fianco delle vittime della strada

02-08-2023

  NOCI – Ci ha lasciati il 2 agosto il nostro concittadino Leo Morea, che pur vivendo a Milano, aveva lasciato un...

Addio alla fotografa Marta Attolini: il ricordo della nipote Angela Bianca Saponari

22-07-2023

NOCI - Ci ha lasciati lo scorso 28 giugno la nota fotografa nocese Marta Attolini, figlia dell'apprezzatissimo Giovanni Attolini, da...

Ci ha lasciato Giovanni Miccolis

08-07-2023

NOCI - E' venuto a mancare all'età di 70 anni Giovanni Miccolis, dipendente comunale in quiescenza e da sempre...

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa di Patrizia Nettis

30-06-2023

Alla famiglia il sentito cordoglio della redazione di NOCI24.it. NOCI - E' scomparsa all'impovviso due giorni fa all'età di 41...

LETTERE AL GIORNALE

“Buon viaggio, Nonna Annina":  il saluto di Tetta a Nonna Annina Lippolis

19-06-2024

LETTERE AL GIORNALE – Pubblichiamo con grande coinvolgimento emotivo la lettera che la signora Tetta, sua vicina e amica, ha...

"Contratti di Quartiere", l'opposizione contraria all'aumento del prezzo degli alloggi di edilizia convenzionata

15-06-2024

LETTERE AL GIORNALE - Riceviamo e pubblichiamo una nota politica dell'opposizione in merito all'aumento del prezzo di vendita degli alloggi...

Appuntamento mensile in biblioteca: come innamorarsi dei libri e dei luoghi che li custodiscono

30-05-2024

NOCI - Riceviamo da parte della maestra Dora Intini (e pubblichiamo con grande entusiasmo) il resoconto di una emozionante e...

Assolti dall’accusa di diffamazione “perché il fatto non sussiste”

27-05-2024

REPLICA DI PAOLO CONFORTI del 29 maggio 2024 Riceviamo e pubblichiamo. Apprendo del comunicato di Scagliarini e Longo ed al fine di...

Associazioni e comitati contro la potatura drastica degli alberi del perimetro urbano

27-02-2024

“Eco Eventi OdV” e “Comitato di quartiere via T. Fiore” hanno incontrato l’assessora Checca Tinella e il responsabile del verde Giuseppe...

Se sarà femmina chiamiamola Crimea!

26-11-2023

LETTERE AL GIORNALE - Ci sono luoghi della terra che per la loro storia, la molteplicità degli accadimenti di cui...