Informazione pubblicitaria

Informazione pubblicitaria

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

LunedÌ, 17 Maggio 2021 - 22:11

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

04 30 VitadaGasterbeiterNOCI – Emigrare all’estero in cerca di fortuna negli anni del dopoguerra: una scelta dolorosa che tanti dei nostri avi hanno dovuto compiere pur di sfuggire alla fame e alla povertà, e di riconquistare il proprio diritto a un’esistenza dignitosa. La stessa decisione dovette prendere anche Lorenzo Annese, alberobellese di nascita, che nel 1958 emigrò in Germania per attendere a un destino migliore di quello che gli sarebbe spettato lavorando nei campi. Nel suo libro, intitolato “Vita da Gastarbeiter, l’impegno civile di un emigrante in Germania”, Stilo Editrice, curato dal nipote Pasquale (docente di storia e filosofia nei licei), Annese racconta appunto la sua esperienza. Un vissuto non di certo semplice, ma che grazie all’impegno e ai sacrifici, consentirà al protagonista di ottenere il suo riscatto sociale.

Da lavoratore sfruttato nei campi a impiegato della famosa ditta tedesca Volkswagen, fino all’approdo nel mondo sindacale, dove per anni rappresenterà i diritti della comunità italiana sia in fabbrica che presso il villaggio italiano» di Berliner Brücke. Dulcis in fundo l’elezione a consigliere comunale. Così potremmo sintetizzare, per non sottrarre al lettore il piacere di addentrarsi tra le pagine, quello che è stato il percorso di Lorenzo Annese. E’ vero, messo in questi termini, il discorso potrebbe risultare troppo semplicistico, e si potrebbe affermare con superficialità che “Il signor Annese però è stato fortunato”. No, leggendo attentamente il libro, si avrà modo di scoprire che Lorenzo Annese quella fortuna se l’è costruita e non è certo costata poco in termini di sacrifici. Negli anni del dopoguerra, tanti lavoratori italiani avevano due sole scelte: restarsene chiusi nella loro piccola realtà asfittica e senza sbocchi, una realtà che si limitava a sfruttarli consentendogli a stento di mettere assieme il pranzo con la cena, oppure emigrare all’estero. Per compiere questa seconda scelta, di coraggio bisognava averne davvero tanto. Era necessario lasciare i luoghi e le persone del cuore, partire con pochissimi spicci in tasca, consapevoli di andare incontro a una realtà totalmente diversa, non solo per quel che concernesse la lingua, ma soprattutto la mentalità.
All’estero magari ti avrebbero accolto con rispetto ed educazione, ti avrebbero offerto l’opportunità di lavorare ma…saresti rimasto sempre un gastarbeiter (termine che tradotto dal tedesco significa letteralmente “lavoratore ospite). Saresti stato insomma sempre “lo straniero”. E non era detto che ti andasse bene a migliaia di chilometri di distanza. Le cose avrebbero anche potuto non ingranare, e tu avresti buttato via anche quei pochi spicci con cui eri partito, e che magari avevi racimolato con gran sacrificio. Però bisognava rischiare ugualmente e proprio quel rischio, quel “salto nel buio”, ti rendeva consapevole che di impegno e di sudore avresti dovuto impiegarcene il doppio. Un messaggio importante e attuale anche per i nostri giovani, che in tempo di pandemia, hanno sentito il mondo crollargli sulle spalle. E’ vero, abbiamo vissuto, stiamo vivendo e forse continueremo a vivere per un bel po’ tempi difficili, ma soffermiamoci un attimo a pensare: cosa avrebbero dovuto dire allora i nostri avi, che hanno davvero guardato in faccia la fame, quella vera e più nera? Nessuno potrebbe trovare obiezione alcuna sul fatto che i loro tempi siano stati di gran lunga più duri di quelli che sono toccati a noi, che abbiamo innegabilmente un ventaglio di opportunità più ampio e possiamo far fede su una maggior tutela dei nostri diritti. Eppure, non si sono arresi, non si sono pianti addosso, non hanno perso tempo a lamentarsi. Il loro motto è stato: “Su le maniche e via!”. Tanti dei nostri giovani, invece, vorrebbero tutto ma senza sacrificio alcuno. Eh no, non funziona così: non c’è traguardo o gioia che non presupponga prima una buona dose di sudore e anche di lacrime. La storia di Lorenzo Annese sia d’esempio: quanta soddisfazione nell’arrivare ad essere rappresentante di quei diritti che egli stesso s’era visto negare, e che perciò ha difeso con più convinzione e tenacia. Prima di questo traguardo, però…quanta sofferenza è passata attraverso il cuore!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

Informazione pubblicitaria

La pubblicità

Informazione pubblicitaria

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 564 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 

FUORI CITTA'

Nuovo comandante Comando Stazione Carabinieri di Locorotondo

16-05-2021

BARI - Il 3 maggio scorso, si è insediato, quale Comandante della Stazione Carabinieri di Locorotondo, il Maresciallo Capo SEMERANO...

I Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari presentano i risultati dell’attività operativa del…

13-05-2021

BARI - Il Nucleo Carabinieri TPC di Bari, nell'ambito delle numerosissime attività investigative avviate sui territori di Puglia e Basilicata...

Monopoli - Operazione “lock down”, 5 arresti per furti d'auto e ricettazione

06-05-2021

MONOPOLI - Ieri alle prime ore dell’alba, nelle provincie di Bari, Foggia e Lecce, i Carabinieri della Compagnia di Monopoli...

Contromano sulla Statale, incidente mortale a Fasano

01-05-2021

FASANO - Grave incidente ieri mattina sulla Strada Statale 16, in zona Fasano. Un'auto, una Huyndai I20 condotta da due...

Direzione Distrettuale Antimafia e Direzione Nazionale Antimafia insieme nella maxi operazione “Vortice - Maestrale”

26-04-2021

Esecuzione congiunta di 99 misure cautelari da parte di Carabinieri e Polizia BARI - Nella notte appena trascorsa, un’imponente operazione antimafia...

Ordinanza di misura cautelare in carcere per un magistrato in servizio presso l'ufficio Gip Bari…

24-04-2021

È opinione di questa Procura della Repubblica che la collettività  possa trovare motivo di sollievo nella circostanza che proprio l’Istituzione...

NECROLOGI

Come inviare un necrologio su NOCI24.it

03-02-2021

Invia i tuoi necrologi su NOCI24.it. Registrati sul sito, fai il Login ed invia i tuoi necrologi. Se desideri allegare...

LETTERE AL GIORNALE

25 aprile 2021

25-04-2021

NOCI - Il 25 aprile è festa. Lo sanno tutti. Soprattutto gli studenti, perché quasi sempre è un giorno di...

Liuzzi: "Anche a Noci il sogno magnogreco di Rossana Di Bello"

11-04-2021

NOCI - Piero Liuzzi ricorda Rossana Di Bello, ex sindaco di Taranto dal  2000 al 2006 e assessore regionale al...

Pensieri e parole di una giovane allevatrice

26-01-2021

LETTERA AL GIORNALE - Eppure tempo fa la mungitura rappresentava, per noi allevatori, un momento gioioso, con la quale si...

DS Chiara d’Aloja: lettera aperta alla Comunità Educante

28-08-2020

LETTERE AL GIORNALE - Il nuovo anno scolastico è alle porte anche per l’Istituto Comprensivo Gallo-Positano e sarà un anno speciale...

Piero Liuzzi: "Zavoli e la sua fame di Sud"

06-08-2020

NOCI - Riceviamo e pubblichiamo questo breve ricordo del sen. Piero Liuzzi sul suo originale rapporto con Sergio ZAVOLI, parlamentare...

Auguri nonna Stella!

04-07-2020

NOCI (Bari) - Il 1 luglio 2020 nonna Stella, per tutti Stella Palattella, per le amiche e vicine di casa "Stellina...