ADV

 

Pasquale De Cataldo, patriottismo, disincanto ed eroismo nella Grande Guerra

06 29 Jose Mottola De CataldoNOCI – E’ di recente pubblicazione il libro “Pasquale De Cataldo, disincanto ed eroismo nella Grande Guerra” edito da Adda Edizioni e scritto da Josè Mottola, Avvocato lavorista del Foro di Bari con una innata e fervente passione per la storia contemporanea e per il debunking di narrazioni antistoriche (in particolar modo pseudomeridionaliste).

Il nome del Maggiore De Cataldo, nostro eroico concittadino adottivo, non sarà certamente nuovo a tanti lettori. In questo articolo, infatti, vi parlavamo dettagliatamente del corposo volume “Voci dalla Grande Guera”, pubblicato dalla Società di Storia Patria per la Puglia e scritto a più mani da Pasquale Corsi, Giovanni Paparella e Filippo Perna (nipote del Maggiore de Cataldo). Il volume è una preziosissima testimonianza storica, in quanto contiene l’epistolario intercorso tra De Cataldo e i suoi cari ma soprattutto il “diario di guerra” vergato di suo pugno. Il libro ha catturato in toto l’interesse dell’Avvocato Josè Mottola, che partendo dalla mole di materiale in esso contenuto, ha voluto scavare ancora più in profondità, tentando di rispondere a molteplici interrogativi rimasti aperti. Per cominciare, va fatta una importante riflessione su cosa realmente significasse Patriottismo. Non certo un termine dal significato univoco, ma che si prestava a molteplici accezioni. Dio, Patria e famiglia erano i tre pilastri su cui tanti italiani fondavano le loro vite. Se Dio e famiglia sono però perni più saldi, il concetto di Patria si mostra spesso un ipocrita inganno. Un concetto eccessivamente edulcorato: a tal punto che la guerra viene prospettata ai giovani uomini del tempo perfino come un qualcosa di “giusto e di santo”, specialmente quando si trattava di liberare i compatrioti da dominazioni straniere. Anche per il Maggiore De Cataldo la Patria è Santa e Sacra, e se la Patria avesse richiesto la vita, lui gliel’avrebbe data. Ben presto, però il Maggiore avrà modo di accorgersi di quanta ipocrisia e ingiustizia si celassero dietro gli Alti Comandi. Scopre un ideale di Patria del tutto difforme da quello che gli infiammava il petto di amore e di coraggio. Il fulgido castello crolla miseramente, e il Maggiore non riesce a impedire alla delusione di impossessarsi di lui, tanto da indurlo a interrompere il diario di guerra nel giugno del 1917. Righe che vennero lasciate in bianco non solo per carità di patria, ma per prevenire una eventuale distruzione del documento da parte di qualche superiore suscettibile. In quelle righe, infatti, De Cataldo avrebbe descritto le pesanti colpe e responsabilità degli alti vertici relativamente alla disastrosa situazione sul campo. Quella Patria, De Cataldo l’aveva amata così tanto che dopo una valorosa azione compiuta il 22 luglio del 1915, compiuta per sua espressa volontà e che gli costò gravi ferite, si batte strenuamente per tornare al fronte, mentre avrebbe potuto cogliere l’occasione per starsene nelle retrovie a occuparsi di amministrazione. Nessuna onorificenza gli viene però riconosciuta. E l’amarezza per la delusione cresce. Per meglio evidenziare l’ipocrisia della Patria, scrive Josè Mottola: “Da morto ricevette una benemerenza per un’azione che era stato obbligato a fare, mentre in vita gli era stato negato il riconoscimento per la valorosa azione del 22 luglio 1915, costatagli gravi ferite e compiuta per sua scelta precisa sul campo”.
E in riferimento a quel 16 giugno del 1918, a Capo D’Argine (sul Piave) che fu fatale al Maggiore De Cataldo, Josè Mottola prosegue: “Morì da eroe per forza piuttosto che per scelta, obbedendo ad un ordine scriteriato per motivi non incompatibili tra di loro: il rispetto della sua religione laica del dovere e la certezza della fucilazione sul campo se non avesse obbedito. Insomma, dovendo morire scelse di morire da eroe anziché da vile, sapendo che questa taccia gli sarebbe toccata in caso di disobbedienza a un ordine, pur ingiusto”. Una delle domande cruciali che Josè Mottola si pone e pone ai suoi lettori è “Pasquale De Cataldo può essere considerato un Eroe? Se da tale morì perché non gli fu lasciata altra scelta, è pur vero che da Eroe visse per tutto il suo tempo terreno, quanto a purezza e altezza di ideali

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

ADV

 

 

Informazione pubblicitaria

tatulli noci24 ok

 

 

Informazione pubblicitaria La pubblicità

 

 

ADV

FUORI CITTA'

Truffa di 12.000 euro in danno di un anziano. I Carabinieri di Modugno arrestano una…

31-05-2024

MODUGNO - Questa mattina, i Carabinieri della Compagnia di Modugno hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare “agli arresti domiciliari”, emessa...

Sigilli ad autodemolitore abusivo: sequestrata area di 11.000 mq

10-05-2024

GIOIA DEL COLLE – Nei giorni scorsi, i militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (NIPAAF) del...

Altamura: rifiuti tombati in cava

30-04-2024

ALTAMURA - I militari coordinati dal Gruppo Carabinieri forestale di Bari, con l’ausilio del Reparto Carabinieri Parco Nazionale dell’Alta Murgia e...

Bari - Scoperto un deposito di sostanze stupefacenti. Arrestato un 24enne

23-04-2024

BARI - I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari San Paolo hanno arrestato in flagranza di reato un 24enne...

Bari e Capurso: custodia cautelare nei confronti di otto persone per i reati di lesioni…

15-04-2024

BARI E CAPURSO - Nella prima mattinata di sabato i Carabinieri della Compagnia di Bari San Paolo e della Stazione CC...

GdF Bari: ordinanza di misure cautelari nei confronti di 7 persone per corruzione, turbata libertà…

10-04-2024

BARI - I finanzieri del Comando Provinciale di Bari stanno dando esecuzione a Bari e provincia a un’ordinanza applicativa di misure...

NECROLOGI

Addio a Nicola Giacovelli: lo “scalpellino" nocese che fu internato nei lager nazifascisti

11-04-2024

NOCI – La comunità nocese dice addio a Nicola Giacovelli, padre del dott. Francesco Giacovelli, uno dei nostri architetti più...

Addio a Oronzo Colucci: aveva dedicato gran parte della sua vita al volontariato

19-08-2023

NOCI – Una gravissima perdita per Noci: ci lascia Oronzo Colucci, amatissimo dalla comunità per le sue virtù di incondizionato...

Addio a Leo Morea: padre coraggio al fianco delle vittime della strada

02-08-2023

  NOCI – Ci ha lasciati il 2 agosto il nostro concittadino Leo Morea, che pur vivendo a Milano, aveva lasciato un...

Addio alla fotografa Marta Attolini: il ricordo della nipote Angela Bianca Saponari

22-07-2023

NOCI - Ci ha lasciati lo scorso 28 giugno la nota fotografa nocese Marta Attolini, figlia dell'apprezzatissimo Giovanni Attolini, da...

Ci ha lasciato Giovanni Miccolis

08-07-2023

NOCI - E' venuto a mancare all'età di 70 anni Giovanni Miccolis, dipendente comunale in quiescenza e da sempre...

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa di Patrizia Nettis

30-06-2023

Alla famiglia il sentito cordoglio della redazione di NOCI24.it. NOCI - E' scomparsa all'impovviso due giorni fa all'età di 41...

LETTERE AL GIORNALE

"Contratti di Quartiere", l'opposizione contraria all'aumento del prezzo degli alloggi di edilizia convenzionata

15-06-2024

LETTERE AL GIORNALE - Riceviamo e pubblichiamo una nota politica dell'opposizione in merito all'aumento del prezzo di vendita degli alloggi...

Appuntamento mensile in biblioteca: come innamorarsi dei libri e dei luoghi che li custodiscono

30-05-2024

NOCI - Riceviamo da parte della maestra Dora Intini (e pubblichiamo con grande entusiasmo) il resoconto di una emozionante e...

Assolti dall’accusa di diffamazione “perché il fatto non sussiste”

27-05-2024

REPLICA DI PAOLO CONFORTI del 29 maggio 2024 Riceviamo e pubblichiamo. Apprendo del comunicato di Scagliarini e Longo ed al fine di...

Associazioni e comitati contro la potatura drastica degli alberi del perimetro urbano

27-02-2024

“Eco Eventi OdV” e “Comitato di quartiere via T. Fiore” hanno incontrato l’assessora Checca Tinella e il responsabile del verde Giuseppe...

Se sarà femmina chiamiamola Crimea!

26-11-2023

LETTERE AL GIORNALE - Ci sono luoghi della terra che per la loro storia, la molteplicità degli accadimenti di cui...

L'occupazione persa, una famiglia a carico e il dover ricominciare da zero dopo la pandemia:…

26-11-2023

LETTERA AL GIORNALE - Antonio (questo il nome di fantasia che gli daremo) ha voluto raccontarci la sua complessa e...