Informazione pubblicitaria

Informazione pubblicitaria

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

MartedÌ, 9 Agosto 2022 - 06:36

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

03 05CHERUBINO DA NOCI 1 1Pagine di storia -  In paese, molti sanno di padre Cherubino da Noci. A lui è intitolata una corta strada di quasi periferia. Vive nella seconda metà del ‘500, è fratello del canonico don Colantonio de Blasio, che finanzia la fondazione del monastero di Santa Chiara. Nel 1588, ottenuta la canonica licenza del vescovo di Conversano Francesco Maria Sforza, fonda, a poca distanza dalle mura del paese, quasi di fronte a Porta Putignano, il convento di santa Maria degli Angeli dei Frati Cappuccini.

03 05CHERUBINO DA NOCI 1Nel versante opposto del paese, sulla strada per Alberobello, da qualche decennio, fiorisce un altro convento, quello dei Domenicani. La popolazione, però, desiderando la presenza, a Noci, non di un Ordine religioso ’possidente’, ma ‘povero’, francescano, finanzia con le proprie ‘elemosine’ la costruzione del convento, che è, comunque, più grande di quello dei Domenicani. Le celle sono venti, ma i frati che l’abitano sono sempre di meno. Il convento, un pertinente annesso orto e la chiesa non sono di riservato dominio dell’Ordine dei Cappuccini, ma appartengono alla Sede Apostolica romana.

I frati vivono di elemosine elargite anche dai Governanti del paese. Per convenzione, infatti, l’Università assicura alla povera comunità un’elemosina, detta anche pietanza, di sessanta ducati annui ivi inclusi cinque ducati per ricompensa della annuale predica dell’Avvento. Altri versamenti in varia quantità, come solito, riguardano, ogni anno, il consumo dei ceri. Tra i locali Cappuccini (ed anche tra i nocesi residenti in altri conventi) l’Università individua la terna dei predicatori nel tempo di Quaresima da sottoporre all’approvazione del Vescovo diocesano.

Alla vita religiosa e alle gesta di padre Cherubino dedicano molte pagine gli Annali dei Cappuccini, ovvero la Historia dell’Ordine dei Minori di San Francesco scritta da Zaccaria Boverio ed edita a Lugano nel 1639. A quest’opera si rifanno abbondantemente i Flores seraphici degli Uomini illustri dell’Ordine dei Cappuccini (Colonia, 1642). Sono pagine che riportano notizie sulla sua santità, sottolineano la sua grande dote di predicatore, raccontano i suoi miracolosi interventi. Dalle Relazioni sullo stato dei conventi cappuccini, invece, è possibile ricavare l’attività terrena di padre Cherubino come fondatore di molti conventi pugliesi.

Intensa è la sua attività. Più volte vicario provinciale dell’Ordine, l’11 maggio del 1566, per elezione, diviene Ministro della Provincia Idruntina, detta di San Nicola. Successivamente, riceve la nomina a Commissario generale della Provincia di Parigi.

Prima di Noci, fonda i conventi di Tricase (1578), di Ceglie Messapica (1579) e di Salve (1579) dove il popolo, riconoscente per aver allontanato la carestia, impone ai neonati maschi il nome di Cherubino e alle femminucce quello di Maria da lui invocata per la grazia.
Su sua iniziativa, i Cappuccini si insediano, anche, in Gallipoli (1583) e in Acquaviva (1585).

Padre Cherubino è autore di due devotissime opere di spiritualità: De sacramentali confessione, pubblicata a Napoli nel 1596 e De passione Domini, eiusque necessaria meditatione, pubblicata, sempre a Napoli, nel 1598. A citare i due testi sono fra Dionisio Genuensi nella sua opera Bibliotheca Scriptorum Ordinis Minorum S. Francisci (edita a Genova nel 1691) e fra Bernando a Bononia in una simile opera pubblicata a Venezia nel 1747.

03 05CHERUBINO DA NOCIMiracolosi sono i suoi frutti serafici. Ad Acquaviva, il popolo, ascoltando le sue parole, abbandona le baldorie del carnevale e si reca in chiesa. In un’altra circostanza, alcuni maghi danno alle fiamme gli strumenti del mestiere.

A Manduria, caccia dalla chiesa uno stuolo di rondini entrate per distrarre i fedeli. Ad Andria caccia i demoni dalla chiesa e da un convento di suore. A Triggiano, si solleva da terra nell’elevare il santissimo Sacramento: una donna, mentre si eleva, afferra uno sfilaccio della tonaca, lo applica sulla gola malata del figlio che immediatamente guarisce.

A Noci, dopo la sua morte, una donna, di nome Pasqua, tormentata dal travaglio per un giorno intero, partorisce un bambino di ottima salute appena le posano sul collo un pezzo della sua tonaca.

Alla sua morte, avvenuta in Acquaviva nel 1592, scoppia una furibonda contesa. La Marchesa di Acquaviva, sostenuta dal Capitolo, vuole che il corpo sia sepolto in chiesa madre, mentre i confratelli ottengono che avvenga nella chiesa del convento. La stessa Marchesa, per prevenire il trafugamento della salma esposta per quattro giorni, fa presidiare le strade che portano a Noci e a Bari. Il corpo incorrotto per secoli, lo trafuga, comunque, dopo il 1861, il nocese fra Giacomo che lo porta, nottetempo, a Noci nella chiesa del Crocifisso (abbattuta per la costruzione della strada che da Porta Putignano porta alla chiesa dei Cappuccini, ora detta via Aldo Moro).

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

 

Informazione pubblicitaria

 

Informazione pubblicitaria

La pubblicità

Informazione pubblicitaria

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 632 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 
Informazione pubblicitaria

FUORI CITTA'

Conversano - Arrestato responsabile di un furto all’interno della Cattedrale di Conversano

08-08-2022

I Carabinieri gli trovano in casa anche Marijuana e Hashish CONVERSANO - I Carabinieri del Comando Stazione di Conversano hanno tratto...

Identificati i presunti autori di una truffa consumata ai danni di una vittima ultraottantenne

30-07-2022

BARI - Ieri mattina, in Messina i Carabinieri delle Stazione di Acquaviva delle Fonti con il supporto dei colleghi della Compagnia...

Recuperato e rimpatriato dall’Austria eccezionale dipinto seicentesco di Artemisia Gentileschi

21-07-2022

L'opera era pertinente all’eredità del Conte Giangirolamo II Acquaviva di Conversano BARI - Le persone indagate, secondo l’impostazione accusatoria,  avevano presentato...

I risultati dell’attività operativa 2021 dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari

18-07-2022

BARI - Il Nucleo Carabinieri TPC di Bari, nell'ambito delle numerosissime attività investigative avviate in Puglia, Basilicata e all’estero nell’anno 2021...

Bari - Servizi dei Carabinieri anti droga e contro i furti nelle piazze e in…

15-07-2022

BARI - A seguito delle intese raggiunte in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica e nell’ambito dei...

Corato - Non erano stati invitati al matrimonio. Eseguita dai Carabinieri un’ordinanza di custodia cautelare…

15-07-2022

Corato - I Carabinieri della Stazione di Corato e dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Molfetta hanno dato esecuzione...

NECROLOGI

Ci lascia Titina Sansonetti: aveva appena compiuto 104 anni

09-04-2022

NOCI – La comunità nocese perde ancora un baluardo della sua storia. Questa mattina infatti si è conclusa l’esistenza terrena...

Lutto tra i Carabinieri Forestali di Noci

28-02-2022

NOCI - Noci e la Coreggia piangono Nicola Annese, quarantotto anni, Carabiniere Forestale presso la Stazione di Noci da parecchi anni...

Addio a Peppino Longo

31-01-2022

BARI - “Perdiamo un amico, un rappresentante della Puglia, un uomo buono, sempre al servizio della sua terra. Imprenditore di...

Addio al Maestro Ottavio Lopinto

07-01-2022

NOCI – Una grande perdita per la comunità nocese, per la sua cultura e per la sua musica folk. Ci...

Giovanni Pizzarelli: la famiglia lo ricorderà con una Santa messa in occasione del trigesimo dalla…

14-11-2021

NOCI – Essendo trascorso un mese dalla scomparsa di Giovanni Pizzarelli, ex Appuntato dei Carabinieri, la famiglia lo ricorderà con...

In memoria del prof. Tonio Palattella: uomo colto, generoso e operoso

21-09-2021

NOCI - Qualche giorno fa ci ha lasciati il prof Tonio Palattella, figlio del compianto Don Vito, fondatore del gruppo...

LETTERE AL GIORNALE

Un Comitato per l'estensione della rete idrico-fognante in Zona H

28-03-2022

LETTERA AL GIORNALE - In data 6/7 marzo 2022 è stata inviata al Comune di Noci e all’Autorità Idrica Pugliese...

Liuzzi "La Gazzetta, una lunga pausa salutare"

24-02-2022

NOCI - Una lunga pausa salutare. E non solo per il giornale e per i giornalisti ma anche, paradossalmente, per i...

IIS "Da Vinci - Agherbino": doverose precisazioni

07-01-2022

COMUNICATO - A seguito di notizie di stampa che rappresentano infedelmente la realtà dei fatti, l’Istituto “Da Vinci – Agherbino”...

Una rete virtuale per il “Green sentiment pubblico”

07-09-2021

LETTERA AL GIORNALE - Sono proprietario di un trullo in agro di Noci in Località Monte Verde dal 2013 -...

Senatrice Liliana Segre, cittadina onoraria di Noci

22-07-2021

Il 15 luglio il Consiglio Comunale di Noci ha deliberato la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre, presidente della Commissione...

Comitato per la cittadinanza onoraria nocese a Liliana Segre: punto di partenza e non di…

01-07-2021

NOCI - Pubblichiamo di seguito un comunicato da parte del Comitato per il conferimento della cittadinanza nocese alla senatrice Liliana Segre a...