Informazione pubblicitaria

Informazione pubblicitaria

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

Sabato, 1 Ottobre 2022 - 22:17

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

05 07 Guaio della Madonna

NOCI (Bari) - Lo storico Pasquale Gentile ha nei giorni scorsi innescato un vivo e interessante dibattito, all'insegna della più assoluta libertà di pensiero e di espressione in merito ad una delle credenze popolari più in voga nella Noci che fu.

Tutti, almeno una volta nella vita, avremo sentito parlare del cosiddetto "Guaio della Madonna", ovvero l'ernia che affliggeva i neonati e che la Vergine della Croce si diceva guarisse dopo aver fatto passare per tre volte l'infante tra i rami intrecciati di uno degli alberi che adornavano il perimetro esterno del Santuario. Come interpretare le fantomatiche "guarigioni" ottenute? Alla luce di una  fede totale, che ringrazia e nulla chiede in più, o in virtù della razionalità e di una scienza che oggi è in grado di spiegare ciò che ieri non si conosceva? A questo ha cercato di rispondere il dibattito svoltosi in maniera intelligente su una chat di messaggistica, in cui le idee di chi crede nei miracoli e di chi si affida razionalmente alla scienza hanno goduto del medesimo rispetto.

Ecco le parole dello studioso di storia locale nell'introdurre il dibattito: "Da tempo cerco di inseguire, definire, rivalutare, rinforzare, rilanciare la nostra identità ‘paesana’. Noci ha molto da mostrare. La sua secolare quotidiana vitalità chiede di essere codificata. I ‘temi’ sono tanti. Affiorano all’improvviso. Tocca a tutti raccoglierli e salvaguardarli con il proprio contributo di esperienze, idee e proposte. Ognuno con il proprio sapere, con la propria ‘capacità’, con la propria disponibilità, con il proprio mestiere, con la propria arte, con la propria passione. Così cresce una comunità. Cresce nel riscoprire la propria ‘storia’, nel rinverdire le proprie tradizioni, nell’analizzare i vari relativi aspetti. L’antico rito del ‘guaio della Madonna’, abbinato alla festa del 3 maggio, meglio una mia rievocazione giornalistica ed il racconto di una mamma hanno offerto l’occasione di un colto e aperto dibattito. L’abbiamo rendicontato in due ‘puntate’. Questa è la terza. Una semplice, cronologica trascrizione di una istintiva chattata tra amici. Prima in maniera semianonima. Stasera, aperta, come suol dirsi con tanto di firma. Dunque, in molti commentano il rito e il racconto di L.D , mamma di un bambino ‘graziato’. Fede, scienza, credenza, miracolo, etc.. "

P. B. dice la sua: "Una riflessione medico-scientifica che conviene ritrascrivere per meglio comprendere i successivi interventi: ... Nel 1992 facemmo a Noci un convegno di Pediatria e Neonatologia che sulla copertina degli atti riportava il rito del 3 maggio a Noci. In realtà tutto basava su una diagnosi sbagliata fra idrocele (il vero guaio della Madonna) e ernia inguinale o inguino scrotale. L'idrocele è solo siero peritoneale che scende per il canale inguinoscrotale per ritardata chiusura. L'ernia si determina per uno scivolamento di anse intestinali fuori della parete addominale. Il primo può regredire spontaneamente, la seconda no. Da qui il miracolo. Lo dico non per fare dispetto alla Madonna ed ai Santi ma per riportare il tutto nella giusta dimensione, ferma restando l'atmosfera che si realizza!".

Immediata, istintiva la considerazione di O. C. "Non mi può smontare così la leggenda, per me restano miracoli".

All’istante, s’inserisce M. D.: "Pur da credente, condivido la riflessione scientifica di P.B. All'epoca purtroppo le diagnosi sbagliate erano molto frequenti. La scienza non aveva ancora la precisione odierna!"

A ritmo serrato,  G. D.: "Aggiungo solo una considerazione: chi crede non ha bisogno di vedere il miracolo. In realtà la fede è ben misera cosa se si fonda sull'evento miracoloso. Chi ha fede crede a prescindere da ogni possibile spiegazione scientifica degli eventi, anche i più pittoreschi e certamente arcaici come il rito della’ passata'!".

M. D. , un minuto dopo: "Esattamente! Una riflessione che condivido a pieno. Lo disse lo stesso Gesù: “beati quelli che senza vedere crederanno”.

Ribatte O. C: "Vero, io ti posso testimoniare che credo e riesco a ricevere in cambio segni tangibili, forse perché il Signore mi conosce abbastanza ed essendo molto simile a San Tommaso, ho necessità di toccare per credere. Lui mi conosce bene e sa come "prendermi".

M. D.: "È proprio vero ... stessi segnali che spesso ricevo anche io. Il Signore ci conosce tutti e sa quello di cui ciascuno di noi ha bisogno".

P. B: "La fede è ciò che ti fa andare oltre ...la ragione...ma io non ci riesco. Per questo mi confermo nell'idea che sia un dono...che io non ho avuto".

N. M.: "Perché non diciamo che merita uguale rispetto chi crede al miracolo e chi invece alla scienza? È fuori dubbio che il fascino di alcuni racconti è straordinario! Fa parte della nostra infanzia e delle nostre tradizioni!

Ed eccoci a L. D. la mamma del bambino che con il racconto della sua esperienza ha innestato il dibattito. Si inserisce doverosamente: "Io da bambina ero molto credente e pregavo ogni sera prima di dormire. Ovviamente però era (come per tanti bambini) una credenza ‘imposta’. Ma ero anche una che non dava per scontato quello che le si diceva. Le mie domande me le ponevo, perché ero curiosa...sognatrice... Con l’età non sono più andata a messa come prima, non ho più praticato tutti i riti che la religione e la fede prevedono, non ho più seguito così tanto i gruppi, il coro, la chiesa... Poi questa ‘cosa’, dopo tanti anni, mi ha lanciato un segno. Io (ripeto) non so cos’è stato... Le ‘coincidenze’ sono rare, ma in quel ‘frangente’ sono state troppe, tutte insieme. E quindi? E quindi ho dato una spiegazione all’evento: la mia ‘personale’ spiegazione. Ognuno darà la sua, in base alle sue esperienze di vita, all’intensità della propria fede, alla propria cultura, alla propria educazione... Ognuno gli darà un nome: miracolo, scienza, caso... Io, se proprio ci devo pensare, so che, in fondo, più il nostro inconscio è forte, tanto più “realizza” il nostro pensiero ragionevole e di conseguenza, i nostri desideri ...le nostre “richieste”. E quindi alla fine, ognuno di noi, se ben connesso, si metterà in contatto con sè stesso e con un Dio personale, riuscendo a realizzare quello in cui crede...senza neppure rendersene conto".

A G. D. la chiusura: "Francamente, non credo che tutti i miracoli siano tali, così come non lo sono tutti i santi (chi non ricorda ser Cappelletto di Boccaccio), molte reliquie custodite e venerate un po' avventatamente e, naturalmente tante manifestazioni della religiosità popolare. Le leggende, popolari e non solo, si intrecciano tra loro e spesso risalgono agli antichi predicatori che per arrivare al cuore di popoli incolti avevano la necessità di rendere "tangibile" la fede con racconti (eventi miracolosi) e "prove" (reliquie) tali da essere in qualche modo inoppugnabili. La stessa idea di oltretomba è influenzata "materialmente" dalla Commedia di Dante. Tuttavia non si tratta solo di letteratura o di narrazioni popolari. E in ogni caso non ci sono solo quelle. Io credo nel "miracolo" inteso come esperienza interiore e profonda. Non sempre l'inspiegabile è un miracolo ma non è detto che tutto ciò che è "spiegabile" non lo sia. La fede è un percorso di per sé non spiegabile. Se lo fosse sarebbe scienza!"

Nulla da aggiungere. Noci sa essere colta, viva, libera. In fondo è la sua identità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

 

Informazione pubblicitaria

 

 

Informazione pubblicitaria

La pubblicità

Informazione pubblicitaria

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 511 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 
Informazione pubblicitaria

FUORI CITTA'

Cambio al vertice del Reparto Operativo e del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale Carabinieri di…

26-09-2022

BARI - Il 19 settembre, il Colonnello Vincenzo Di Stefano ha lasciato l’incarico di Comandante del Reparto Operativo di Bari, per...

Bari e Monopoli - I Carabinieri arrestano 4 rapinatori

21-09-2022

MONOPOLI - Continuano senza sosta i servizi di controllo del territorio disposti dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Bari su tutto...

Mola di Bari - Carabinieri sventano un tentato suicidio

17-09-2022

Mola di Bari - Un intervento risolutivo quello operato dai Carabinieri della Tenenza di Mola di Bari nel pomeriggio del 12...

GdF Bari: i finanzieri della tenenza di Putignano hanno scoperto 111 lavoratori irregolari, di cui…

15-09-2022

BARI - Numerosi sono stati gli interventi di polizia economico-finanziaria svolti, nel corso del corrente anno, dai Reparti dipendenti dal Comando...

Polignano a Mare - Rinvenuti circa 100 gr di cocaina: eseguiti due arresti dai Carabinieri

17-08-2022

POLIGNANO A MARE - In queste giornate di ferragosto, i Carabinieri del Comando Provinciale di Bari, impegnati su tutto il territorio...

Gravina in Puglia -  Avrebbe minacciato i Carabinieri con una pistola e poi si sarebbe…

15-08-2022

Gravina in Puglia - I Carabinieri di Gravina in Puglia, coordinati dal Comando Compagnia di Altamura, hanno arrestato un pregiudicato...

NECROLOGI

Ci lascia il giovane concittadino Domenico: un lutto inaspettato per Noci

18-08-2022

NOCI – Una settimana di Ferragosto amara per Noci, che ha appreso con dolore la notizia della tragica scomparsa di...

Ci lascia Titina Sansonetti: aveva appena compiuto 104 anni

09-04-2022

NOCI – La comunità nocese perde ancora un baluardo della sua storia. Questa mattina infatti si è conclusa l’esistenza terrena...

Lutto tra i Carabinieri Forestali di Noci

28-02-2022

NOCI - Noci e la Coreggia piangono Nicola Annese, quarantotto anni, Carabiniere Forestale presso la Stazione di Noci da parecchi anni...

Addio a Peppino Longo

31-01-2022

BARI - “Perdiamo un amico, un rappresentante della Puglia, un uomo buono, sempre al servizio della sua terra. Imprenditore di...

Addio al Maestro Ottavio Lopinto

07-01-2022

NOCI – Una grande perdita per la comunità nocese, per la sua cultura e per la sua musica folk. Ci...

Giovanni Pizzarelli: la famiglia lo ricorderà con una Santa messa in occasione del trigesimo dalla…

14-11-2021

NOCI – Essendo trascorso un mese dalla scomparsa di Giovanni Pizzarelli, ex Appuntato dei Carabinieri, la famiglia lo ricorderà con...

LETTERE AL GIORNALE

Nino Vaccalluzzo e Noci: un tributo al maestro dell’Arte pirotecnica tragicamente scomparso

15-09-2022

Nell'immagine: Antonio Labate e Tonino D'Onghia accompagnati da Nino Vaccalluzzo (a sinistra) durante la visita all'azienda del 25 giugno 2010...

Un Comitato per l'estensione della rete idrico-fognante in Zona H

28-03-2022

LETTERA AL GIORNALE - In data 6/7 marzo 2022 è stata inviata al Comune di Noci e all’Autorità Idrica Pugliese...

Liuzzi "La Gazzetta, una lunga pausa salutare"

24-02-2022

NOCI - Una lunga pausa salutare. E non solo per il giornale e per i giornalisti ma anche, paradossalmente, per i...

IIS "Da Vinci - Agherbino": doverose precisazioni

07-01-2022

COMUNICATO - A seguito di notizie di stampa che rappresentano infedelmente la realtà dei fatti, l’Istituto “Da Vinci – Agherbino”...

Una rete virtuale per il “Green sentiment pubblico”

07-09-2021

LETTERA AL GIORNALE - Sono proprietario di un trullo in agro di Noci in Località Monte Verde dal 2013 -...

Senatrice Liliana Segre, cittadina onoraria di Noci

22-07-2021

Il 15 luglio il Consiglio Comunale di Noci ha deliberato la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre, presidente della Commissione...