Informazione pubblicitaria WoomItalia
Informazione pubblicitaria

 

Informazione pubblicitariaWoom Italia

 

 

Settembre in Santa Chiara: l’incontro conclusivo fa luce sulla “rivoluzione dimenticata” del 1820

10 02 SettembreInSantaChiara 1NOCI - Si è svolto lo scorso 1 ottobre, nella consueta cornice del Chiostro delle Clarisse, l’ultimo dei quattro incontri previsti nell’ambito dell’annuale ciclo di conversazioni storiche “Settembre in Santa Chiara”. La XIX edizione della manifestazione, patrocinata dal Comune di Noci è stata organizzata da Centro Culturale “Giuseppe Albanese” e dalla Biblioteca comunale “Mons. Amatulli”, in collaborazione con Società di Storia Patria per la Puglia – Sezione sud-est barese di Conversano, Gruppo Umanesimo della Pietra di Martina Franca, I.I.S. Da Vinci-Agherbino di Noci-Putignano, associazioni “Terra Nucum” e Puglia Trek&Food di Noci.


L’ultimo incontro è stato forse il più complesso da punto di vista storico, perché ha minuziosamente analizzato un momento caratterizzato da eventi a cui spesso non è stata prestata la giusta attenzione. Le tematiche della serata hanno riguardato infatti la nascita della Costituzione Liberale Napoletana (di cui ricorrono quest'anno i 200 anni dalla fondazione) , i moti rivoluzionari del 1820 e la guerra patriottica a Noci. Relatori della serata sono stati il professor Carmine Pinto, docente all’Università degli studi di Salerno e Antonello Roberto, appassionato e studioso di storia locale.

10 02 SettembreInSantaChiara 2Dopo la consueta e completa introduzione da parte di Giuseppe Basile, direttore della Biblioteca Comunale, la parola è passata al professor Pinto, che con gran dovizia di particolari storici, ha fatto un discorso globale su quella che era la situazione nel napoletano alle soglie della fatidica data del 1 ottobre 1820, in cui si insediò il Parlamento napoletano (o delle Due Sicilie) che fu il primo parlamento italiano eletto a suffragio universale maschile. Si trattò di un evento storicamente importante, perché sanciva un accordo tra la monarchia Borbonica da una parte e un rivoluzionario (Matteo Galdi) dall’altra. Nel luglio dello stesso anno, re Ferdinando era stato praticamente costretto ad approvare la costituzione. Senza spargimenti di sangue, senza deporre categoricamente il re, si era riusciti a convincere quest’ultimo ad accettare di dividere il suo potere, un tempo assoluto, con i membri del nascente parlamento e ad accettare il costituzionalismo. Mettendola in questi termini, potrebbe apparire un momento decisamente idilliaco, segnato da una concordia e da una modernità politica senza precedenti. L’idillio però non durò a lungo, in quanto i Borboni non si erano mai realmente identificati con il regime costituzionale, da sempre risultato per loro indigesto. Sua maestà, in Parlamento, chiese di potersi recare al Congresso della Santa Alleanza. Una minoranza aveva perfettamente inteso che il re stesse tramando qualcosa e si mostrò estremamente restia a concedergli di partire, ma la maggioranza ripose invece in lui piena fiducia, sbagliando di grosso. Il sovrano, cercava in effetti proprio una strada per tornare in auge. Avvenne infatti l’invasione da parte degli Austriaci, che restaurarono la monarchia. La costituzione tanto indigesta ai Borboni, pertanto decadde.
E a Noci? Quali ripercussioni ebbe l’eco degli eventi verificatisi nel napoletano? Su ciò ha conferito lo studioso di storia locale Antonello Roberto, spiegando la sostanziale differenza con i moti rivoluzionari del 1799. A Noci si trattò sostanzialmente di una faida tra famiglie (i Palazzi e gli Albanese) nata per questioni economiche e di potere. Noci fu occupata dalle truppe francesi, che ovviamente introdussero determinati ideali e non poche innovazioni. Concomitantemente, i nocesi si trovarono a fare i conti con la carestia. Nel 1800 c’era già stato il colpo di Stato di Napoleone Bonaparte. I francesi iniziarono ad appropriarsi dei beni ecclesiastici (e i più “colpiti” in questo senso furono certamente i ricchissimi domenicani). Vennero istituite a Noci anche le scuole pubbliche e ben tre soldati nocesi fecero parte della guardia d’onore di Napoleone. Anche Noci ebbe le sue società segrete, e una delle più note fu quella di Neottolemo, ispirata al mitologico figlio di Achille. Una società che vantava ben 78 iscritti: un nunero decisamente considerevole per quell'epoca. Gran maestro ne era Francesco Paolo Brisacani; primo assistente Michele Mandoy; secondo assistente Vito Gabrieli; tesoriere Vito Cesare Sansonetti; guardabolli e sigilli Mario Palazzo e covrittore Cesareo Morea.

Il 9 luglio, in piazza, qualcuno urlò "Viva il re e viva la Costituzione". L'entusiastico esempio venne seguito anche dai comuni limitrofi. Poter votare, cosa che oggi spesso e volentieri ci dà noia, allora era un qualcosa di nuovo, una grande conquista. Significava infatti scegliere qualcuno che desse voce al popolo, che ne rappresentasse e tutelasse i diritti. Il 14 febbraio, Stefano Gabrieli venne eletto sindaco di Noci. Lo ritroveremo poi nella storia locale del 1860, coinvolto nella querelle relativa a Pietro Gioia, il quale venne costretto a dimettersi con infamia. Frattanto, in ogni cittadina nacque un piccolo esercito di volontari. Quello nocese era formato da 48 soldati, ma nulla potè contro le più robuste e meglio organizzate formazioni austriache.  Venne comunque  gettato il germe dell'Unità d'Italia. Se questi moti di rivolta e questi ideali raggiunsero anche un piccolissimo centro come Noci, è facile immaginare quale forza ebbero a livello generale. Settembre in Santa Chiara tornerà il prossimo anno, con i riflettori sicuramente ben puntati su altri sentieri della marco e micro storia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

Pubblicità

 

 

Informazione pubblicitaria

tatulli noci24 ok

 

 

Informazione pubblicitaria La pubblicità

 

 

Informazione pubblicitaria

FUORI CITTA'

Bari - Controlli sulla circolazione delle armi nel barese: un arresto e 3 pistole sequestrate

15-11-2023

BARI - Continuano i controlli dei Carabinieri del Comando Provinciale di Bari in materia di detenzione abusiva di armi da sparo...

Bari: assenteismo, dieci denunciati e tre misure cautelari eseguite dai Carabinieri

14-11-2023

BARI - I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare interdittiva del divieto di...

Furti in abitazione scoperti dai Carabinieri: tre arresti fra Monopoli ed Acquaviva delle Fonti

10-11-2023

MONOPOLI - I Carabinieri della Stazione di Monopoli hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misura cautelare, emessa dal Giudice...

Pratica dell’uccellagione con trappole per cardellini

09-11-2023

Torre a mare: Carabinieri forestali liberano i volatili catturati BARI – Nei giorni scorsi, i militari del Nucleo Carabinieri Forestale di...

GdF Bari: in esecuzione un’ordinanza applicativa di misure cautelari nei confronti di 11 soggetti per…

07-11-2023

BARI - Nella mattinata odierna, i finanzieri del Comando Provinciale di Bari - con il supporto di personale del Servizio...

Molfetta - Campagna olearia 2023/2024, cinque persone denunciate per furto di olive

01-11-2023

Molfetta - La Compagnia Carabinieri di Molfetta sta attuando mirati servizi straordinari di controllo del territorio, programmati dal Comando Provinciale di...

NECROLOGI

Addio a Oronzo Colucci: aveva dedicato gran parte della sua vita al volontariato

19-08-2023

NOCI – Una gravissima perdita per Noci: ci lascia Oronzo Colucci, amatissimo dalla comunità per le sue virtù di incondizionato...

Addio a Leo Morea: padre coraggio al fianco delle vittime della strada

02-08-2023

  NOCI – Ci ha lasciati il 2 agosto il nostro concittadino Leo Morea, che pur vivendo a Milano, aveva lasciato un...

Addio alla fotografa Marta Attolini: il ricordo della nipote Angela Bianca Saponari

22-07-2023

NOCI - Ci ha lasciati lo scorso 28 giugno la nota fotografa nocese Marta Attolini, figlia dell'apprezzatissimo Giovanni Attolini, da...

Ci ha lasciato Giovanni Miccolis

08-07-2023

NOCI - E' venuto a mancare all'età di 70 anni Giovanni Miccolis, dipendente comunale in quiescenza e da sempre...

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa di Patrizia Nettis

30-06-2023

Alla famiglia il sentito cordoglio della redazione di NOCI24.it. NOCI - E' scomparsa all'impovviso due giorni fa all'età di 41...

Ci lascia il diacono Pinuccio Carucci

16-03-2023

NOCI - E' venuto a mancare questa mattina dopo una lunga malattia il diacono permanente Pinuccio Carucci all'età di 67...

LETTERE AL GIORNALE

Se sarà femmina chiamiamola Crimea!

26-11-2023

LETTERE AL GIORNALE - Ci sono luoghi della terra che per la loro storia, la molteplicità degli accadimenti di cui...

L'occupazione persa, una famiglia a carico e il dover ricominciare da zero dopo la pandemia:…

26-11-2023

LETTERA AL GIORNALE - Antonio (questo il nome di fantasia che gli daremo) ha voluto raccontarci la sua complessa e...

Il centrodestra in salsa nostrana

08-06-2023

LETTERE AL GIORNALE - Egregio Direttore, la ringrazio di cuore preventivamente qualora deciderà, con generosità, di pubblicare questo mio umile e...

Alluvione in Emilia-Romagna, il racconto di un nostro concittadino

21-05-2023

FORLÌ - Sono a Forlì, è martedì 16 maggio, sono le 19:00, piove ormai da circa diciotto ore ed il...

1984

19-04-2023

LETTERE AL GIORNALE - Cari concittadini, non era mia intenzione tediarvi nuovamente con le mie elucubrazioni sull'Idra a otto teste che...

Non si può dividere ciò che è già diviso, non si può unire ciò che…

13-04-2023

LETTERE AL GIORNALE - Cari concittadini, gli ultimi avvenimenti relativi all’adesione di alcune liste afferenti all’area Nisi al progetto del candidato Intini...