ADV

 

Latte, Cia Puglia: “Pronti alla mobilitazione”

LATTEBARI - Al supermercato, un litro di latte fresco costa fino a 1,65 euro. Lo stesso litro di latte viene pagato all’allevatore, primo anello della filiera, 40 centesimi. Il prezzo riconosciuto ai produttori è lo stesso di 24 anni fa, anzi è addirittura leggermente inferiore, poiché nel 1997 un litro di latte munto in stalla aveva una quotazione di 900 lire (che corrispondono agli attuali 45 centesimi).

Questo spiega solo in parte la crisi degli allevatori, perché ad azzerare la redditività delle loro aziende non c’è soltanto un compenso al ribasso, ma anche l’aumento dei costi di produzione causato  dall’incremento del prezzo dei mangimi, il rialzo delle tariffe inerenti al gasolio e all’energia elettrica, i costi aggiuntivi determinati dagli eventi climatici estremi degli ultimi due anni. “Il sottosegretario alle Politiche Agricole Francesco Battistoni è stato in Puglia, dove ha giustamente lodato l’esempio di uno dei più grandi caseifici pugliesi che negli ultimi anni è passato da 15 a 96 milioni di fatturato e da 60 a 260 dipendenti, soprattutto grazie all’exploit della burrata, un prodotto sempre più apprezzato in tutto il mondo.

SENZA LATTE LA FILIERA SI FERMA. Il segreto di quel successo sta nella qualità del latte fornito dagli allevamenti della Murgia barese e tarantina, che fornisce qualità organolettiche a prodotti  che ci vengono riconosciuti a livello internazionale e che sono esportati in tutto il mondo. Non si comprende, dunque, come mai da un quarto di secolo agli allevatori vengono dati solo riconoscimenti morali ma non economici. Il valore aggiunto, infatti, va a finire soltanto nelle tasche dei restanti anelli della filiera. Gli stessi anelli sono cresciuti negli ultimi decenni grazie al latte di qualità pugliese e anche grazie a risorse economiche pubbliche. Senza il latte prodotto dagli allevatori non c’è burrata, non ci sono mozzarelle e formaggi, la filiera si ferma. A quel latte, al buon latte pugliese, e al lavoro necessario per ottenerlo (dalla nutrizione e cura degli animali alla gestione degli impianti, fino agli stipendi dei dipendenti) deve essere riconosciuto il giusto valore”, ha dichiarato Raffaele Carrabba, presidente di CIA Agricoltori Italiani della Puglia, l’organizzazione che per oltre un anno si è battuta affinché si arrivasse, lo scorso 7 ottobre, alla sottoscrizione del Protocollo per la stabilità, la sostenibilità e la valorizzazione della filiera lattiero-casearia pugliese. “E’ passato quasi un mese da allora”, ha aggiunto Carrabba, “e nell’intesa sottoscritta da tutti, anche dalle associazioni che difendono gli interessi di caseifici e Gdo, ogni parte si era impegnata a riconoscere prezzi non inferiori ai costo di produzione, tanto sul versante della produzione primaria che su quello della trasformazione, in considerazione di elaborazioni oggettive di istituzioni quali ISMEA,  Università, riconosciuti Centri di studio e ricerca”, ha ricordato il presidente di CIA Puglia.    

L’IMPEGNO A UN MESE DALLA FIRMA DEL PROTOCOLLO. Il Protocollo sottoscritto lo scorso 7 ottobre 2021, infatti, consta di tre articoli fondamentali: nel primo, i sottoscrittori si impegnano a “garantire un rapporto equilibrato tra gli operatori della filiera”, basato sulla “remuneratività” “per ciascuna componente” attraverso la condivisione del “principio etico che il mercato riconosca prezzi non inferiori ai costi di produzione, tanto sul versante della produzione primaria che su quello della trasformazione, in considerazione di elaborazioni oggettive di istituzioni quali ISMEA,  Università, riconosciuti Centri di studio e ricerca”. Nel secondo articolo, vengono fissati gli impegni delle organizzazioni per “definire e condividere”, entro un mese dalla sottoscrizione del protocollo, “meccanismi di indicizzazione dei prezzi basati su parametri rappresentativi dei mercati nazionali, che costituiranno parte integrante del contratto standard”.

LA MOBILITAZIONE. L’assessore regionale all’Agricoltura, Donato Pentassuglia, ha dichiarato che – se le violazioni all’accordo dovessero continuare – è pronto a sostenere anche una decisione drastica da parte degli allevatori, come quella di fermare le consegne del latte. “Siamo al suo fianco e al fianco degli allevatori, l’anello debole della filiera ma anche quello più importante. Se la piena operatività dell’intesa raggiunta col Protocollo del 7 ottobre dovesse continuare ad essere tradita e aggirata, a tutto svantaggio dei produttori primari di latte, CIA Puglia è pronta a mobilitarsi e a mobilitare i suoi associati con le forme di protesta da concordare. Troppe aziende rischiano di scomparire, la situazione è realmente critica e gravissima”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

ADV

 

 

Informazione pubblicitaria

tatulli noci24 ok

 

 

Informazione pubblicitaria La pubblicità

 

 

ADV

FUORI CITTA'

Truffa di 12.000 euro in danno di un anziano. I Carabinieri di Modugno arrestano una…

31-05-2024

MODUGNO - Questa mattina, i Carabinieri della Compagnia di Modugno hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare “agli arresti domiciliari”, emessa...

Sigilli ad autodemolitore abusivo: sequestrata area di 11.000 mq

10-05-2024

GIOIA DEL COLLE – Nei giorni scorsi, i militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (NIPAAF) del...

Altamura: rifiuti tombati in cava

30-04-2024

ALTAMURA - I militari coordinati dal Gruppo Carabinieri forestale di Bari, con l’ausilio del Reparto Carabinieri Parco Nazionale dell’Alta Murgia e...

Bari - Scoperto un deposito di sostanze stupefacenti. Arrestato un 24enne

23-04-2024

BARI - I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari San Paolo hanno arrestato in flagranza di reato un 24enne...

Bari e Capurso: custodia cautelare nei confronti di otto persone per i reati di lesioni…

15-04-2024

BARI E CAPURSO - Nella prima mattinata di sabato i Carabinieri della Compagnia di Bari San Paolo e della Stazione CC...

GdF Bari: ordinanza di misure cautelari nei confronti di 7 persone per corruzione, turbata libertà…

10-04-2024

BARI - I finanzieri del Comando Provinciale di Bari stanno dando esecuzione a Bari e provincia a un’ordinanza applicativa di misure...

NECROLOGI

Addio a Nicola Giacovelli: lo “scalpellino" nocese che fu internato nei lager nazifascisti

11-04-2024

NOCI – La comunità nocese dice addio a Nicola Giacovelli, padre del dott. Francesco Giacovelli, uno dei nostri architetti più...

Addio a Oronzo Colucci: aveva dedicato gran parte della sua vita al volontariato

19-08-2023

NOCI – Una gravissima perdita per Noci: ci lascia Oronzo Colucci, amatissimo dalla comunità per le sue virtù di incondizionato...

Addio a Leo Morea: padre coraggio al fianco delle vittime della strada

02-08-2023

  NOCI – Ci ha lasciati il 2 agosto il nostro concittadino Leo Morea, che pur vivendo a Milano, aveva lasciato un...

Addio alla fotografa Marta Attolini: il ricordo della nipote Angela Bianca Saponari

22-07-2023

NOCI - Ci ha lasciati lo scorso 28 giugno la nota fotografa nocese Marta Attolini, figlia dell'apprezzatissimo Giovanni Attolini, da...

Ci ha lasciato Giovanni Miccolis

08-07-2023

NOCI - E' venuto a mancare all'età di 70 anni Giovanni Miccolis, dipendente comunale in quiescenza e da sempre...

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa di Patrizia Nettis

30-06-2023

Alla famiglia il sentito cordoglio della redazione di NOCI24.it. NOCI - E' scomparsa all'impovviso due giorni fa all'età di 41...

LETTERE AL GIORNALE

"Contratti di Quartiere", l'opposizione contraria all'aumento del prezzo degli alloggi di edilizia convenzionata

15-06-2024

LETTERE AL GIORNALE - Riceviamo e pubblichiamo una nota politica dell'opposizione in merito all'aumento del prezzo di vendita degli alloggi...

Appuntamento mensile in biblioteca: come innamorarsi dei libri e dei luoghi che li custodiscono

30-05-2024

NOCI - Riceviamo da parte della maestra Dora Intini (e pubblichiamo con grande entusiasmo) il resoconto di una emozionante e...

Assolti dall’accusa di diffamazione “perché il fatto non sussiste”

27-05-2024

REPLICA DI PAOLO CONFORTI del 29 maggio 2024 Riceviamo e pubblichiamo. Apprendo del comunicato di Scagliarini e Longo ed al fine di...

Associazioni e comitati contro la potatura drastica degli alberi del perimetro urbano

27-02-2024

“Eco Eventi OdV” e “Comitato di quartiere via T. Fiore” hanno incontrato l’assessora Checca Tinella e il responsabile del verde Giuseppe...

Se sarà femmina chiamiamola Crimea!

26-11-2023

LETTERE AL GIORNALE - Ci sono luoghi della terra che per la loro storia, la molteplicità degli accadimenti di cui...

L'occupazione persa, una famiglia a carico e il dover ricominciare da zero dopo la pandemia:…

26-11-2023

LETTERA AL GIORNALE - Antonio (questo il nome di fantasia che gli daremo) ha voluto raccontarci la sua complessa e...