Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

Domenica, 12 Luglio 2020 - 11:21

trovo aziende

 

nocidallaltoNOCI (Bari) - Saluto il 2018 sperando che vada via una nuova prepotenza. Saluto il 2018 sperando che entri presto nelle nostre vite un nuovo stimolo che più tardi richiamerò. Saluto il 2018 chiedendo a chi mi legge di aprire un attimo gli occhi e di prestare attenzione al mondo che ci circonda. Non che io creda che chi mi sta leggendo lo sappia fare meglio di me – ne abbiamo ancora di strada da fare – ma penso che sia arrivato il momento di chiederci che fine abbiano fatto i nostri sentimenti e la nostra interiorità. Se viviamo ogni giorno soffermandoci sulle esperienze ed i nuovi bagagli interiori da conservare nel nostro armadio che si chiama vita o se ogni esperienza debba prima necessariamente passare attraverso i social network ed essere depositato nell’archivio delle stories instagram per poi arrivare – forse – nella nostra memoria, nel nostro cervello.

L’altro giorno mi è capitato, dal parrucchiere, di prestare attenzione al comportamento di una donna, una madre, in preparazione per un matrimonio. E mi è anche capitato, di lì a qualche istante, in totale confidenza, di chiederle per quale occasione si stesse preparando, chi fossero gli sposi e dove fossero diretti per il ricevimento. Questa donna, una madre, lo ripeto, aveva già postato su instagram – nel periodo che era intercorso fra la fine dell’acconciatura ed il mio saluto – circa due o tre stories con le fotografie che ritraevano i suoi capelli. Ne sono susseguite, nel corso della giornata, altre numerose che ne raffiguravano la sua impeccabile silhouette: i suoi fianchi, le sue gambe, i suoi capelli, la sua incantevole bellezza. Degli sposi, della coppia che di li a quel momento avrebbe dato vita ad una nuova famiglia, neanche una fotografia. Nessun augurio dedicato o altro. Puro narcisismo. Post singoli che riflettevano l’immagine della propria bellezza. Esaltazioni di esteriorità che raccontano con immagini e zero parole quello che vorremmo essere o che ci piacerebbe essere ma mai quello che siamo e viviamo davvero, di pancia, o col cuore.

Grazie ai social network ho ricostruito storie giornaliere di coppie e di fidanzati che sentivano la necessità imperterrita di dire al mondo dove si trovavano, che cosa stavano guardando, cosa stavano mangiando. Ogni secondo, ogni attimo, ogni minuto, ogni ora, ogni giorno. Come fossero puzzle, ho ricostruito le loro giornate, quasi fosse un esperimento sociale. Mi sono chiesta quindi se quella coppia si fosse recata in quel determinato luogo perché lo voleva veramente o perché “faceva figo” raccontare al mondo esterno che si era appunto lì.

Ho visto finti rocker andare ai concerti rock per postare su facebook la foto del concerto senza sapere una sola parola inglese o italiana dell’artista o della band. Ho visto politici scrivere su facebook frasi di circostanza per le occasioni o mettere like perché “va bene buttarsi, può servire sempre”. Ho letto comunicati privi di sostanza arrivare in redazione, del tutto sgrammaticati, pretenziosi di pubblicazione perché “dovete parlare di noi, fateci un articolo. Parlate di tutti, fatelo anche per noi”.

Posso dire che il 2018 ha riservato per me la constatazione che il nostro mondo – quello esteriore, si badi bene - ha intrapreso sempre più la via della digitalizzazione, della connessione e della mediazione. Nulla di nuovo, mi direte commentando, ma stiamo raggiungendo livelli assurdi di pochezza interiore e ricchezza esteriore. Concetti che prima potevano apparire come semplici, addirittura scontati, come la reputazione, vengono in un certo qual modo risemantizzati alla luce della costante rivoluzione tecnologica che da anni permea il vivere quotidiano. La web reputation, studiata per i brand, ha completamente travolto anche la nostra personalità, la nostra interiorità, le nostre relazioni. Controlliamo molte più volte gli schermi dei nostri cellulari degli occhi dei nostri genitori e dei nostri amanti, o peggio ancora dei nostri figli. Ci addormentiamo solo dopo aver bloccato lo schermo del nostro cellulare e magari abbiamo dimenticato di dire buona notte a chi vive con noi.

I risultati li notiamo con i sintomi della depressione, della disperazione se ad una foto sono arrivati solo 4 likes al posto dei nostri soliti 50 standard, incapacità di comunicare davvero con il mondo esterno quando ci ritroviamo a tu per tu con un’altra persona, perdita della capacità dell'individuo di ragionare e di sviluppare una propria capacità critica. Sono sicura che non sarà questo passaggio al 2019 a rivoluzionare immediatamente le cose. Non chiedo e non spero che il mondo digitale svanisca. Chiedo solo che non influisca sul nostro io. Che non lo modifichi e non lo cancelli, ma che lo condivida soltanto. Il mondo digitale è bellissimo ed è un luogo in cui vogliamo starci tutti. Ma Dio salvi coloro i quali sapranno scegliere “come” starci, scindendo la sfera privata da quella pubblica.

Auguro un buon inizio anno a tutti voi.

 

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

La pubblicità

Pubblicità

hubberia 1
Pubblicità

Pubblicità

Ginevra
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 571 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 

FUORI CITTA'

Gioia del colle - Arrestato imprenditore per sfruttamento del lavoro

09-07-2020

GIOIA DEL COLLE (Bari) - I Carabinieri della “task force” dedicata al contrasto del fenomeno della intermediazione illecita e dello sfruttamento...

Operazione “ECLISSI” dei Carabinieri della Compagnia di Monopoli: 6 arresti

06-07-2020

BARI - Dalle prime ore dell’alba, i Carabinieri della Compagnia di Monopoli, coadiuvati dal Nucleo Cinofili e dallo Squadrone eliportato Cacciatori...

Corato - Sfruttamento della prostituzione: arrestate due donne

04-07-2020

Corato (Bari) - Sono due le donne arrestate nei giorni scorsi dalla Stazione Carabinieri di Corato, un’italiana 45enne e una marocchina...

False polizze fideiussorie e assunzioni in cambio di voti

01-07-2020

La Guardia di Finanza esegue perquisizioni disposte dalla Procura della Repubblica di Bari BARI - Nella mattinata odierna i Finanzieri del...

Triggiano - Un arresto per rapina

01-07-2020

TRIGGIANO (Bari) - I Carabinieri del Sezione Radiomobile della Compagnia di Triggiano (BA), hanno arrestato, in flagranza di reato, un noto...

Putignano - Carabinieri sequestrano armi e droga, 2 arresti

30-06-2020

PUTIGNANO (Bari) - I carabinieri del Comando Provinciale di Bari, coadiuvati da unità cinofili, dai militari dello Squadrone Eliportato Cacciatori Puglia...

NECROLOGI

E' tornato alla casa del Padre Giovanni Novembre

10-06-2020

E' tornato alla casa del Padre all'età di 71 anni Giovanni Novembre. Lo annunciano la moglie Angela, i figli Giuseppe...

Ricordo di Nicola Putignano

22-12-2019

Il 18 dicembre 2019 è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari e dell'intera città il prof. Nicola Putignano, docente...

Muore il 42enne Mirko Quarato: oggi i funerali in Chiesa Madre

24-04-2019

NOCI (Bari) - Non ce l'ha fatta a sopravvivere il giovanissimo Mirko Quarato dopo il pericoloso incidente che lo aveva...

LETTERE AL GIORNALE

Auguri nonna Stella!

04-07-2020

NOCI (Bari) - Il 1 luglio 2020 nonna Stella, per tutti Stella Palattella, per le amiche e vicine di casa "Stellina...

Offese all'ing. Conforti. La replica dei giornalisti Longo e Scagliarini

05-06-2020

Riceviamo e pubblichiamo la replica dei giornalisti Giovanni Longo e Massimiliano Scagliarini al comunicato pubblicato il 23 maggio su NOCI24.it a firma...

Morea replica a Plantone

22-05-2020

NOCI - Il consigliere comunale di minoranza Stanislao Morea (Idea Noci) ha diffuso una nota in replica al comunicato del consigliere...

Per una Scuola silenziosa ed autenticamente operante

27-04-2020

LETTERE AL GIORNALE - Nel mostrare ciò che si fa, si corre sempre il rischio che la volontà di fare...

Vito Plantone: "Andrà tutto bene"

15-03-2020

COMUNICATO - Ci sentivamo invincibili. Pensavamo che il mondo fosse controllabile semplicemente dal nostro salotto di casa e tenendo tra...

“Ed elli avea del cul fatto trombetta”

13-03-2020

LETTERE AL GIORNALE - "Perché mi serve un nemico?" chiese Paperone a Rockerduck. Il mio è la pigrizia che combatto...