ADV

 

25 aprile: storia di liberazione. Ieri come oggi.

04 25partitodemocratico25aprileCOMUNICATO - “Cittadini, lavoratori! Sciopero generale contro l’occupazione tedesca, contro la guerra fascista, per la salvezza delle nostre terre, delle nostre case, delle nostre officine. […] ponete i tedeschi di fronte al dilemma: arrendersi o perire”.
È il 25 aprile 1945 e a parlare, attraverso i microfoni di Radio Milano Liberata, Sandro Pertini. Partigiano, esponente del Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI). Ne fanno parte comunisti, socialisti, democristiani, anarchici, azionisti. Parti politiche di destra e di sinistra accomunate da due soli imperativi categorici: Antifascismo e Resistenza.

Il 19 aprile il Comitato di Liberazione Nazionale aveva diramato un ultimatum alle forze armate e ai funzionari della Repubblica Sociale Italiana (RSI): “Che nessuno possa dire che, sull’orlo della tomba, non è stato avvertito e non gli è stata offerta un’estrema ed ultima via di salvezza”.
Benito Mussolini rinunciò anche all’ultimo baluardo di redenzione spirituale, che poco o nulla avrebbe inciso sull’espiazione delle terribili colpe di cui fu foriero. E optò per la soluzione più codarda, pusillanime e degradante che un uomo di potere potesse assumere: evasione e fuga. Tutto così all’altezza di quelle leggi razziali firmate, da un suo ministro, il 5 settembre 1938! che conferirono all’Italia un primato abietto, quello di prima nazione a espellere «persone di razza ebraica» dalle scuole di ogni ordine e grado, dalle università e dalle accademie, studenti e docenti (la Germania lo avrebbe fatto solo due mesi dopo).

Il nemico: lo straniero. Ieri come oggi.
È il 25 aprile 1945. Milano insorge, inizia la ritirata nazi-fascista e Mussolini fugge nei panni troppo grandi di un gendarme nazista, pensando di farla franca ancora una volta nel suo bizzarro gioco di ruolo in cui vittima e carnefice s’identificano e confondono. Tre giorni dopo sarà catturato e fucilato in pubblica piazza.

Il Fascismo finiva a Milano lì dove era nato. E attraverso quella parte della fine della guerra l’Italia riconquistava la sua integrità territoriale e la possibilità di diventare finalmente DEMOCRATICA. Nulla avrebbe impedito all’Italia di essere spartita come sarebbe capitato alla Germania o di essere messa sotto un regime autoritario di tutela. La resistenza partigiana e la lotta per la liberazione evitarono all’Italia il processo di Norimberga e il processo al Fascismo.

Questi sono i fatti e non possono essere messi in discussione, perché sono storici e quindi documentabili.
Non possono essere ignorati, né tanto meno vilipesi. Anche quando a farlo è un eminente esponente del governo, che tra un selfie e una degustazione amministra e deride un popolo.
Così pensa di fagocitare la Storia e la memoria di donne e uomini, servendosi di una comunicazione puntuale e grossolana, studiatamente semplicistica, superficiale; tentando di attuare una vera e propria distorsione semantica di una delle date simbolo della nostra democrazia. E così strumentalizza la lotta alla Mafia, uno dei compiti caratterizzanti il suo ministero. Una missione intrinseca al suo mandato. 365 giorni l’anno. Se ci riuscirà avrà fatto bene il suo lavoro.

La delegittimazione del 25 aprile, apostrofata come “sfilata di fazzoletti rossi, verdi, neri, gialli e bianchi”, come anacronistico derby tra fascisti-comunisti è delegittimazione dei valori, della cultura politica su cui è fondata la nostra Costituzione. La stessa su cui il lucido Ministro leghista e il suo confuso alter ego Cinque Stelle (che festeggia la Liberazione e governa con chi la ripudia. Caso Diciotti docet) hanno giurato.
E nel grottesco tentativo di semplificazione della realtà si crede di sgretolare la coscienza morale e civile di un popolo che oggi, forse più di ieri, ha l’obbligo etico di non abbassare la guardia.
Partigiano, letteralmente “di parte”, persona schierata con una delle parti in causa.
È facile capire da che parte stare.
Il 25 aprile è tutt’altro che superato.

 

Mariarosaria Lippolis
Consigliera Comunale Partito Democratico

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

ADV

 

 

Informazione pubblicitaria

tatulli noci24 ok

 

 

Informazione pubblicitaria La pubblicità

 

 

ADV

FUORI CITTA'

GdF Bari: evasione fiscale - Sequestri di beni per un valore di circa 5 milioni…

20-02-2024

BARI - I Finanzieri del Comando Provinciale di Bari hanno dato esecuzione a decreti di sequestro preventivo di beni, per un...

Castellana Grotte - Maltrattamenti in famiglia. Notifica di un provvedimento di allontanamento dalla casa familiare…

15-02-2024

CASTELLANA GROTTE - I Carabinieri della Stazione di Castellana Grotte hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare, emessa...

Esecuzione di una ordinanza di misura cautelare personale per detenzione e porto illegale di armi

06-02-2024

MONOPOLI - I Carabinieri della Compagnia di Monopoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale –...

Associazione per delinquere dedita ai furti e rapine in abitazione. 8 misure cautelari eseguite dai…

21-01-2024

BARI - Il 17 gennaio, i Carabinieri del Comando Provinciale di Bari, coadiuvati in fase esecutiva dai militari dei reparti competenti...

GdF Roan Bari: sequestrati circa 3 quintali di oloturie

21-01-2024

BARI - Le Fiamme Gialle della Stazione Navale di Bari, nei giorni scorsi, in località Torre a Mare, nel corso...

GDF Legione Allievi Bari: giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana e di consegna delle fiamme…

12-01-2024

BARI - Nella mattinata odierna, si è svolta presso la Stadio della Vittoria di Bari, alla presenza del Generale di...

NECROLOGI

Addio a Oronzo Colucci: aveva dedicato gran parte della sua vita al volontariato

19-08-2023

NOCI – Una gravissima perdita per Noci: ci lascia Oronzo Colucci, amatissimo dalla comunità per le sue virtù di incondizionato...

Addio a Leo Morea: padre coraggio al fianco delle vittime della strada

02-08-2023

  NOCI – Ci ha lasciati il 2 agosto il nostro concittadino Leo Morea, che pur vivendo a Milano, aveva lasciato un...

Addio alla fotografa Marta Attolini: il ricordo della nipote Angela Bianca Saponari

22-07-2023

NOCI - Ci ha lasciati lo scorso 28 giugno la nota fotografa nocese Marta Attolini, figlia dell'apprezzatissimo Giovanni Attolini, da...

Ci ha lasciato Giovanni Miccolis

08-07-2023

NOCI - E' venuto a mancare all'età di 70 anni Giovanni Miccolis, dipendente comunale in quiescenza e da sempre...

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa di Patrizia Nettis

30-06-2023

Alla famiglia il sentito cordoglio della redazione di NOCI24.it. NOCI - E' scomparsa all'impovviso due giorni fa all'età di 41...

Ci lascia il diacono Pinuccio Carucci

16-03-2023

NOCI - E' venuto a mancare questa mattina dopo una lunga malattia il diacono permanente Pinuccio Carucci all'età di 67...

LETTERE AL GIORNALE

Associazioni e comitati contro la potatura drastica degli alberi del perimetro urbano

27-02-2024

“Eco Eventi OdV” e “Comitato di quartiere via T. Fiore” hanno incontrato l’assessora Checca Tinella e il responsabile del verde Giuseppe...

Se sarà femmina chiamiamola Crimea!

26-11-2023

LETTERE AL GIORNALE - Ci sono luoghi della terra che per la loro storia, la molteplicità degli accadimenti di cui...

L'occupazione persa, una famiglia a carico e il dover ricominciare da zero dopo la pandemia:…

26-11-2023

LETTERA AL GIORNALE - Antonio (questo il nome di fantasia che gli daremo) ha voluto raccontarci la sua complessa e...

Il centrodestra in salsa nostrana

08-06-2023

LETTERE AL GIORNALE - Egregio Direttore, la ringrazio di cuore preventivamente qualora deciderà, con generosità, di pubblicare questo mio umile e...

Alluvione in Emilia-Romagna, il racconto di un nostro concittadino

21-05-2023

FORLÌ - Sono a Forlì, è martedì 16 maggio, sono le 19:00, piove ormai da circa diciotto ore ed il...

1984

19-04-2023

LETTERE AL GIORNALE - Cari concittadini, non era mia intenzione tediarvi nuovamente con le mie elucubrazioni sull'Idra a otto teste che...