Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

GiovedÌ, 9 Luglio 2020 - 03:02

trovo aziende

 

blog tommaso turi

Per Aldo Moro (Maglie, 23 settembre 1916; Roma, 9 maggio 1978), il 25 aprile 1945 coincide con una liberazione speciale che sta tra il “già” e il “non  ancora” ovvero con una liberazione che sta tra la luna storica e il Sole che non conosce tramonto. Per questo motivo storico-concreto (Maritain, 1936) e storico-teologico (Turi, 1994), la concezione che “lo statista di Maglie” (Campanini, 1982) ha della libertà contingente e la libertà eterna è una concezione plenaria e solidale (cf A.Moro, Scritti e discorsi, I, Roma 1982, 209-210). “Siamo tutti in attesa – esordisce Moro – di una liberazione. Questa richiesta, questa speranza, che corrono per tutta la vicenda della storia e danno ad essa un’ansia dolorosa, una perenne inquietudine, un bisogno di rivelazioni buone, sono soprattutto di questa tragica ora. Noi sentiamo il peso grave di mille oppressioni e la ferocia storia umana senza umanità ci prende in una morsa alla quale non è possibile sfuggire” (p.209).

Il senso dell’attesa di una liberazione contingente (25 aprile 1945) e di una liberazione definitiva (25 aprile dell’anno della gloria) proviene, in Moro, dalla sua tersa e adamantina spiritualità e testimonianza cristiana, giunta sino al martirio: testimonianza, personale e comunitaria, vissuta, sempre, alla luce dell’ascolto della Parola di Dio, dell’alimentazione eucaristica e dell’amore civile e politico, posto in essere nei confronti del popolo italiano e della Repubblica democratica. La cifra etica ed escatologica è, per il nostro autore e in sostanza, una “cifra globale” poiché non ci può essere la cifra immutabile della liberazione senza che ci sia o ci siano le liberazioni mutabili nel tempo delle oppressioni e della ferocia disumana (=seconda guerra mondiale, con circa 55 milioni di morti). “Se la vita – continua Moro – non è condannata ad un dolore senza intervallo e senza scampo, noi dobbiamo essere liberati. Ne abbiamo il diritto, perché siamo uomini che la morte non ha preso ancora; uomini ai quali la vita sorride, malgrado tutto, come una cosa bella e buona. Bellezza e bontà, certo, nascoste in un fondo impenetrabile quasi, ma che affiorano irresistibili, vincendo il dolore, con una promessa che non vuol cedere, essa, al dolore” (p.209).

La prosa morotea si fa sempre più avvitante e profonda, incanzante e pertinente: dalla scuola di Mons. Giovanni Battista Montini (1897-1978), egli ha imparato che l’ordine morale delle famiglie, delle società civili e delle comunità politiche si rivela attraverso il diritto alla verità, alla libertà, alla giustizia e alla carità. E’ dalla verità che scaturisce la libertà ed è dalla libertà che promana la giustizia: la carità teologale, invece, nasce dall’Amore e sfocia nell’amore verso il prossimo. “In questo mondo cattivo – prosegue Moro – noi aspettiamo una liberazione dal mondo. Questo, cui rinunciammo nella saggezza innocente del Battesimo, ci ha preso ancora e pesa su di noi. Vogliamo esserne liberati. Ma questo mondo è fatto da noi, uomini che andiamo intrecciando assurdi rapporti di odio, che andiamo disperdendo la vita che dovremmo salvare e svolgere in tutto il suo valore. Non possiamo essere liberati dal mondo, se non ci liberiamo da noi stessi” (p.209).

La liberazione del 25 aprile 1945 è, quindi, una vera liberazione se gli uomini e le donne si libereranno dal peso del mondo e del peccato, della superbia e dell’egoismo, dell’indvidualismo e del consumismo, del materialismo e dell’idolatria neopagana: su questo aspetto particolare della sua visione della vita umana e dei popoli, Moro evidenzia una chiarissima inflessione agostiniana e neoagostiniana, caratterizzata dal primato della grazia divina nella storia e della verità antropologica, nello spazio e nel tempo. L’orizzonte cristocentrico e laico della sua interpretazione totale della storia, gli fa sottolineare, in virtù del principio della laicità, che, per l’ideale della libertà, gli uomini “[…] hanno preso le armi (armi raffinate e micidiali di una tecnica sapiente), hanno preso le armi in tutti i paesi del mondo, per liberarci dalla paura e dal bisogno, per liberarsi dalla ferocia e dal dolore. Per liberarsi dal bisogno, gli uomini lo accrescono smisuratamente e il terrore domina dove passano eserciti che son fatti di uomini; l’uno contro l’altro, fremendo alla vista del volto umano dell’avversario da uccidere. Per liberarsi dal dolore, gli uomini ne moltiplicano all’infinito la tragica esperienza” (p.210).

Quest’ultima riflessione di Moro – espunta dal vocabolario giuridico di Giuseppe Capograssi (1889-1956) – introduce nel perimetro della sua idea umanistica dell’umanità fraterna e filiale: gli uomini e le donne che abitano il mondo non sono nemici ma amici, non sono polemici ma pacifici, non sono competitivi ma collaborativi, non sono asimettrici ma simmetrici, sono uguali perché sono diversi ma non avversi. L’umanesimo plenario e solidale di Moro è, infine, un umanesimo che libera la libertà: è, cioè, un umanesimo “Dove giungono gli eserciti nel gioco alterno della vicenda di guerra, è come se fosse giunta la libertà. La vita vorrebbe sorridere ancora invitante. Tuttavia noi aspettiamo una liberazione. L’aspettiamo ancora, perché dove gli uomini si uccidono, la vita è sospesa e attende, per tanto insopportabile dolore, una liberazione” (p.210). Per Moro, la guerra, come il peccato, è una contraddizione interna della vita umana e dell’amore: la liberazione del 25 aprile 1945 – che conclude, in Italia, il secondo conflitto mondiale (1939-1945) – è, quindi, soltanto la premessa della libertà del popolo dello Stivale: libertà che non è soltanto la mancanza di guerra armata ma è, soprattutto, la rivelazione definitiva e anticipata della Verità fattasi persona umana in Gesù Cristo, centro e vertice della storia e del cosmo.- 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

La pubblicità

Pubblicità

hubberia 1
Pubblicità

Pubblicità

Ginevra
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 591 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 

FUORI CITTA'

Operazione “ECLISSI” dei Carabinieri della Compagnia di Monopoli: 6 arresti

06-07-2020

BARI - Dalle prime ore dell’alba, i Carabinieri della Compagnia di Monopoli, coadiuvati dal Nucleo Cinofili e dallo Squadrone eliportato Cacciatori...

Corato - Sfruttamento della prostituzione: arrestate due donne

04-07-2020

Corato (Bari) - Sono due le donne arrestate nei giorni scorsi dalla Stazione Carabinieri di Corato, un’italiana 45enne e una marocchina...

False polizze fideiussorie e assunzioni in cambio di voti

01-07-2020

La Guardia di Finanza esegue perquisizioni disposte dalla Procura della Repubblica di Bari BARI - Nella mattinata odierna i Finanzieri del...

Triggiano - Un arresto per rapina

01-07-2020

TRIGGIANO (Bari) - I Carabinieri del Sezione Radiomobile della Compagnia di Triggiano (BA), hanno arrestato, in flagranza di reato, un noto...

Putignano - Carabinieri sequestrano armi e droga, 2 arresti

30-06-2020

PUTIGNANO (Bari) - I carabinieri del Comando Provinciale di Bari, coadiuvati da unità cinofili, dai militari dello Squadrone Eliportato Cacciatori Puglia...

GIOIA DEL COLLE - Sequestro di circa 2,5 milioni di euro nei confronti di imprenditore…

23-06-2020

GIOIA DEL COLLE - Finanzieri della Tenenza di Gioia del Colle hanno eseguito a Bari, Gioia del Colle, Policoro (PZ)...

NECROLOGI

E' tornato alla casa del Padre Giovanni Novembre

10-06-2020

E' tornato alla casa del Padre all'età di 71 anni Giovanni Novembre. Lo annunciano la moglie Angela, i figli Giuseppe...

Ricordo di Nicola Putignano

22-12-2019

Il 18 dicembre 2019 è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari e dell'intera città il prof. Nicola Putignano, docente...

Muore il 42enne Mirko Quarato: oggi i funerali in Chiesa Madre

24-04-2019

NOCI (Bari) - Non ce l'ha fatta a sopravvivere il giovanissimo Mirko Quarato dopo il pericoloso incidente che lo aveva...

LETTERE AL GIORNALE

Auguri nonna Stella!

04-07-2020

NOCI (Bari) - Il 1 luglio 2020 nonna Stella, per tutti Stella Palattella, per le amiche e vicine di casa "Stellina...

Offese all'ing. Conforti. La replica dei giornalisti Longo e Scagliarini

05-06-2020

Riceviamo e pubblichiamo la replica dei giornalisti Giovanni Longo e Massimiliano Scagliarini al comunicato pubblicato il 23 maggio su NOCI24.it a firma...

Morea replica a Plantone

22-05-2020

NOCI - Il consigliere comunale di minoranza Stanislao Morea (Idea Noci) ha diffuso una nota in replica al comunicato del consigliere...

Per una Scuola silenziosa ed autenticamente operante

27-04-2020

LETTERE AL GIORNALE - Nel mostrare ciò che si fa, si corre sempre il rischio che la volontà di fare...

Vito Plantone: "Andrà tutto bene"

15-03-2020

COMUNICATO - Ci sentivamo invincibili. Pensavamo che il mondo fosse controllabile semplicemente dal nostro salotto di casa e tenendo tra...

“Ed elli avea del cul fatto trombetta”

13-03-2020

LETTERE AL GIORNALE - "Perché mi serve un nemico?" chiese Paperone a Rockerduck. Il mio è la pigrizia che combatto...