ADV

 

Antonio Annese: “Chi indossa la divisa dovrebbe pensare solo a difendere gli altri”

12 15 antonio anneseNOCI (Bari) – Dal 1999 Antonio Annese ha iniziato la sua carriera militare e oggi, dopo non pochi spostamenti, presta servizio presso il Nucleo Operativo dei Carabinieri di Signa (FI). La sua è una passione nata dalla volontà di aiutare gli altri, difendere i più deboli, pur con la consapevolezza dei rischi ai quali chi indossa la divisa va incontro. Noci nella sua vita rappresenta il punto di partenza, il trampolino di lancio, il luogo dove sa di poter trovare sempre la giusta tranquillità per allontanarsi dai ritmi frenetici della propria quotidianità, ma nonostante l'amore per le proprie origini, forte è anche la consapevolezza che vivere in realtà completamente diverse aiuta ad abituarsi anche alle distanze.

 

Durante il periodo vissuto a Noci hai avuto un'esperienza per certi aspetti insolita: tre anni vissuti all'interno del Seminario Vescovile di Conversano...

L'esperienza fatta all'età di quindici anni all'interno del seminario Vescovile di Conversano possiamo definirla insolita ma ad oggi posso dire che mi è servita tanto.
Sin da piccolo ho sempre frequentato la Parrocchia dei "Cappuccini", dove insieme ai miei amici d'infanzia abbiamo passato buona parte della nostra adolescenza e in quel periodo, credo come tutti, ho cominciato a pormi alcune domande, tra le quali il voler scoprire qual'era la mia strada: da qui è scaturita la voglia di voler meglio comprendere sensazioni che sentivo dentro di me.
Infatti, in questi tre anni il seminario è servito proprio a questo, a darmi delle risposte e nello stesso tempo a darmi delle basi solide per il mio futuro insegnandomi a saper convivere e condividere tutto con gli altri, oltre che a rafforzare la mia Fede, che è alla base di tutto.

Dopo il diploma conseguito presso la Scuola Magistrale, nel 1999 inizi la tua carriera militare. Da cosa nasce la volontà di seguire questa strada?

La mia carriera militare è iniziata con il servizio di leva durato due anni. Dopo questo periodo, avendo apprezzato il servizio svolto, ho scelto di provare a intraprendere questa carriera, perché il mettermi a disposizione della gente, consapevole di svolgere anche servizi a rischio, mi gratificava molto.

La carriera militare ti ha portato inevitabilmente a viaggiare e a vivere in diversi posti dell'Italia. Quali sono stati i ruoli e le esperienze più importanti vissute in questi anni?

I luoghi in cui ho prestato servizio sono stati numerosi: Reggio Calabria, Roma, Campobasso, Lecce, Grumo Appula e in fine la Toscana dove attualmente presto servizio presso il Nucleo Operativo dei Carabinieri di Signa (FI).
Posso dire che l'esperienza che non dimenticherò mai, è quando da Gioia del Colle insieme a tanti altri ragazzi, siamo partiti in treno per Reggio Calabria, luogo in cui ho indossato per la prima volta la divisa.
Durante questi anni ho vissuto tante esperienze importanti, molte emozionanti, altre sconvolgenti, ma tutte che ti lasciano segni dentro e insegnamenti di vita.

Lontano da Noci già dall'età di 19 anni, come hai vissuto questa tua distanza dal tuo paese d'origine e dai tuoi affetti?

Sicuramente tutt'oggi c'è sempre un po' di nostalgia, perché a Noci vive tutta la mia famiglia nativa, i miei amici e vivono soprattutto i ricordi.
All'inizio non è stato facile, ma il tempo ti fa abituare alla routine giornaliera e soprattutto ai rapporti a distanza.

Attualmente la tua vita professionale e privata si svolge a Prato. Quanto ti ritieni soddisfatto della tua attuale posizione e di quella che oggi è la tua quotidianità?

Vivo a Prato insieme a mia moglie e al nostro bimbo di un anno, Andrea. La mia quotidianità si divide, come quella della maggior parte delle persone mie coetanee, tra lavoro e famiglia.
Devo ammettere che, sia grazie al fatto che svolgo un lavoro che mi piace sia per la serenità familiare, mi ritengo molto soddisfatto della mia quotidianità.
La vita in una città come Prato è sicuramente molto diversa dalla vita nocese, sia in senso positivo che negativo.
Tra i lati positivi c'è per esempio l'offerta di servizi pubblici efficienti (cosa da non sottovalutare in contesti come questi) e la consapevolezza che mio figlio avrà (spero) più opportunità di studio e lavoro; tra i lati negativi vi è senza dubbio la conduzione di una vita più frenetica e qualitativamente inferiore. Quanto mi piace tornare a Noci e fare tutto con estrema calma!

Se potessi individuare degli aspetti positivi e negativi della tua professione, quali sarebbero?

L'essere Carabiniere comporta sia aspetti negativi che positivi, ma a mio parere, chi indossa la divisa, sapendo cosa significano quelle fasce rosse poste sui lati dei pantaloni, dovrebbe pensare solo a difendere gli altri e a tornare a casa la sera soddisfatto di quanto fatto.

Noci: semplice punto di partenza e trampolino di lancio o anche il posto dove speri un giorno di poter tornare a vivere?

Noci è stato il mio punto di partenza verso una vita che tutt'oggi ringrazio di aver vissuto e spero di continuare a vivere nel migliore dei modi. Sarà molto difficile tornarci a vivere soprattutto per motivi lavorativi (miei e di mia moglie), ma sicuramente il nostro dialetto e le nostre tradizioni non le dimenticherò mai.
Sono fiero di rappresentare questa piccola città la quale, alle persone a cui l'ho fatta conoscere, ha dato sempre sensazioni positive e tanta tranquillità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

ADV

 

 

Informazione pubblicitaria

tatulli noci24 ok

 

 

Informazione pubblicitaria La pubblicità

 

 

ADV

FUORI CITTA'

GdF Bari: evasione fiscale - Sequestri di beni per un valore di circa 5 milioni…

20-02-2024

BARI - I Finanzieri del Comando Provinciale di Bari hanno dato esecuzione a decreti di sequestro preventivo di beni, per un...

Castellana Grotte - Maltrattamenti in famiglia. Notifica di un provvedimento di allontanamento dalla casa familiare…

15-02-2024

CASTELLANA GROTTE - I Carabinieri della Stazione di Castellana Grotte hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare, emessa...

Esecuzione di una ordinanza di misura cautelare personale per detenzione e porto illegale di armi

06-02-2024

MONOPOLI - I Carabinieri della Compagnia di Monopoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale –...

Associazione per delinquere dedita ai furti e rapine in abitazione. 8 misure cautelari eseguite dai…

21-01-2024

BARI - Il 17 gennaio, i Carabinieri del Comando Provinciale di Bari, coadiuvati in fase esecutiva dai militari dei reparti competenti...

GdF Roan Bari: sequestrati circa 3 quintali di oloturie

21-01-2024

BARI - Le Fiamme Gialle della Stazione Navale di Bari, nei giorni scorsi, in località Torre a Mare, nel corso...

GDF Legione Allievi Bari: giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana e di consegna delle fiamme…

12-01-2024

BARI - Nella mattinata odierna, si è svolta presso la Stadio della Vittoria di Bari, alla presenza del Generale di...

NECROLOGI

Addio a Oronzo Colucci: aveva dedicato gran parte della sua vita al volontariato

19-08-2023

NOCI – Una gravissima perdita per Noci: ci lascia Oronzo Colucci, amatissimo dalla comunità per le sue virtù di incondizionato...

Addio a Leo Morea: padre coraggio al fianco delle vittime della strada

02-08-2023

  NOCI – Ci ha lasciati il 2 agosto il nostro concittadino Leo Morea, che pur vivendo a Milano, aveva lasciato un...

Addio alla fotografa Marta Attolini: il ricordo della nipote Angela Bianca Saponari

22-07-2023

NOCI - Ci ha lasciati lo scorso 28 giugno la nota fotografa nocese Marta Attolini, figlia dell'apprezzatissimo Giovanni Attolini, da...

Ci ha lasciato Giovanni Miccolis

08-07-2023

NOCI - E' venuto a mancare all'età di 70 anni Giovanni Miccolis, dipendente comunale in quiescenza e da sempre...

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa di Patrizia Nettis

30-06-2023

Alla famiglia il sentito cordoglio della redazione di NOCI24.it. NOCI - E' scomparsa all'impovviso due giorni fa all'età di 41...

Ci lascia il diacono Pinuccio Carucci

16-03-2023

NOCI - E' venuto a mancare questa mattina dopo una lunga malattia il diacono permanente Pinuccio Carucci all'età di 67...

LETTERE AL GIORNALE

Associazioni e comitati contro la potatura drastica degli alberi del perimetro urbano

27-02-2024

“Eco Eventi OdV” e “Comitato di quartiere via T. Fiore” hanno incontrato l’assessora Checca Tinella e il responsabile del verde Giuseppe...

Se sarà femmina chiamiamola Crimea!

26-11-2023

LETTERE AL GIORNALE - Ci sono luoghi della terra che per la loro storia, la molteplicità degli accadimenti di cui...

L'occupazione persa, una famiglia a carico e il dover ricominciare da zero dopo la pandemia:…

26-11-2023

LETTERA AL GIORNALE - Antonio (questo il nome di fantasia che gli daremo) ha voluto raccontarci la sua complessa e...

Il centrodestra in salsa nostrana

08-06-2023

LETTERE AL GIORNALE - Egregio Direttore, la ringrazio di cuore preventivamente qualora deciderà, con generosità, di pubblicare questo mio umile e...

Alluvione in Emilia-Romagna, il racconto di un nostro concittadino

21-05-2023

FORLÌ - Sono a Forlì, è martedì 16 maggio, sono le 19:00, piove ormai da circa diciotto ore ed il...

1984

19-04-2023

LETTERE AL GIORNALE - Cari concittadini, non era mia intenzione tediarvi nuovamente con le mie elucubrazioni sull'Idra a otto teste che...