Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

Sabato, 26 Settembre 2020 - 09:53
 

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

03 07 antonio mansuetoNOCI(Bari) – Il forte legame con le proprie origini e la famiglia può spesso tradursi nella volontà di fare piccole rinunce professionali, cercando di coniugare la carriera all’amore per le proprie radici. Antonio Mansueto oggi vive e lavora in Abruzzo, dove ricopre il ruolo di primo chef. Dopo diverse esperienze importanti all’estero, infatti, Antonio ha deciso di dare una nuova possibilità al nostro Paese, accettando una buona proposta di lavoro e dando ampio spazio alla volontà di sentirsi più vicino a casa. Ancora oggi, infatti, pur non escludendo la possibilità di un ritorno a Noci, unisce la passione per il suo lavoro con la volontà di trasmettere in ogni suo piatto l'attenzione alle nostre tradizioni.

Dopo il diploma presso l’Istituto alberghiero di Castellana, ti sei subito dedicato al settore della ristorazione nel nostro paese. Cosa ti ha avvicinato a questo mondo?

Fin da quando ero bambino, aiutavo spesso mia madre a preparare i pasti. È stata proprio mia madre a trasmettermi la passione per la cucina e a consigliarmi di frequentare l’Istituto alberghiero, credendo in me e capendo che avevo delle qualità in questo settore. A distanza di anni, ancora oggi mi racconta aneddoti di quando l’aiutavo in cucina.

Numerose sono le tue esperienze in questo campo, tra cui anche all’estero. In particolare dove sei stato e quali ruoli hai svolto?

Dopo aver lavorato in diversi locali di Noci, dove ho avuto la grande possibilità di conoscere persone importanti per la mia crescita professionale come gli chef Sebastiano D’Onghia e Pasquale Fatalino, ho lavorato ad Alberobello fino a quando mi sono trasferito in Abruzzo. Ho avuto anche diverse esperienze all’estero: in Svizzera, a Saint Moritz e a Lussemburgo. Ho iniziato all’estero come responsabile della partita dei primi piatti, poi ho lavorato come chef e ho collaborato con il proprietario all’apertura e organizzazione del ristorante.

Cosa ti ha spinto a decidere di tornare in Italia, nonostante la ristorazione sia molto redditizia come attività all’estero?

Dopo la mia esperienza all’estero, ho deciso di rientrare in Italia, sia perché ho avuto un’ottima offerta lavorativa e anche per riavvicinarmi alla famiglia e agli amici. Nonostante a Lussemburgo abbia lasciato nuovi e vecchi amici con i quali tutt’ora sono in contatto e anche se all’estero gli stipendi sono sicuramente più alti, sono una persona legata ai principi e ai valori della famiglia e della vita, principi trasmessi dai miei genitori e dai miei nonni.

Dal 2001 vivi e lavori in Abruzzo nel ruolo di primo chef. Qualora ti fosse offerta una possibilità lavorativa altrettanto importante nel nostro paese, valuteresti di tornare a Noci?

Anche se tutt’oggi lavoro lontano da casa, non escludo la possibilità di rientrare a Noci o nelle vicinanze, considerando anche il mio orgoglio e lo stretto legame che ho con le mie radici. Infatti, in tutti i piatti che propongo ci sono sempre riferimenti alla tradizione pugliese.

Secondo quella che è la tua esperienza, ritieni che quella di partire sia diventata per i giovani una scelta “obbligata” dalle poche possibilità che il nostro paese offre?

Secondo la mia esperienza lavorativa, anche l’Italia offre molte possibilità di lavoro ai ragazzi; infatti, non bisogna mai dimenticare che il nostro è un lavoro particolare, nel quale serve passione e professionalità, bisogna soddisfare i palati dei molteplici clienti, considerando anche che il mercato è in crescita e non dimenticando i criteri della cucina tradizionale. Non penso assolutamente che l’Italia non offra possibilità di crescita, anzi credo che la società stia cambiando: quando io ero un ragazzino, durante le vacanze scolastiche mio padre mi ha sempre aiutato a trovare un lavoretto stagionale sin da quando avevo 11 anni; oggi questo non accade, ci sono più controlli e i ragazzi sono meno propensi al sacrificio e alle responsabilità.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Per il futuro intendo continuare ad affermarmi nella mia professione e a realizzarmi nella famiglia. A loro voglio trasmettere la mia esperienza e i valori che mi sono stati insegnati.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

La pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 636 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 

FUORI CITTA'

Bari, cambio al vertice del Comando Legione Carabinieri “Puglia”

13-09-2020

BARI - Nella Caserma “Chiaffredo Bergia” si è tenuta giovedì sera, alla presenza del Comandante Interregionale Carabinieri “Ogaden”, Generale di...

Operazione “Prometeo”: truffa aggravata per il conseguimento di incentivi statali al fotovoltaico

13-09-2020

BARI - I Finanzieri del Comando Provinciale e del Reparto Operativo Aeronavale di Bari hanno dato esecuzione al provvedimento emesso...

Scoperto laboratorio di amfetamine: due arresti

25-08-2020

CONVERSANO - I Carabinieri della Tenenza di Mola di Bari hanno arrestato in flagranza di reato G.A., di anni 45 e...

Toritto - I Carabinieri arrestano un pluripregiudicato 42enne per resistenza a P.U. e sequestrano apparecchiature…

14-08-2020

Toritto - Nella tarda mattinata di ieri i militari della Sezione Radiomobile di Modugno hanno rintracciato e tratto in arresto F...

Spinazzola - Operazione anti-caporalato: arrestati 3 imprenditori

14-08-2020

Spinazzola - I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari e del Nucleo Ispettorato del Lavoro, da diversi giorni impegnati sul territorio...

Operazione “#Cheguaio!”: perquisizioni della GDF di Bari

07-08-2020

BARI - Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari ha eseguito perquisizioni domiciliari in Puglia, Campania...

NECROLOGI

E' tornato alla casa del Padre Giovanni Novembre

10-06-2020

E' tornato alla casa del Padre all'età di 71 anni Giovanni Novembre. Lo annunciano la moglie Angela, i figli Giuseppe...

Ricordo di Nicola Putignano

22-12-2019

Il 18 dicembre 2019 è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari e dell'intera città il prof. Nicola Putignano, docente...

Muore il 42enne Mirko Quarato: oggi i funerali in Chiesa Madre

24-04-2019

NOCI (Bari) - Non ce l'ha fatta a sopravvivere il giovanissimo Mirko Quarato dopo il pericoloso incidente che lo aveva...

LETTERE AL GIORNALE

DS Chiara d’Aloja: lettera aperta alla Comunità Educante

28-08-2020

LETTERE AL GIORNALE - Il nuovo anno scolastico è alle porte anche per l’Istituto Comprensivo Gallo-Positano e sarà un anno speciale...

Piero Liuzzi: "Zavoli e la sua fame di Sud"

06-08-2020

NOCI - Riceviamo e pubblichiamo questo breve ricordo del sen. Piero Liuzzi sul suo originale rapporto con Sergio ZAVOLI, parlamentare...

Auguri nonna Stella!

04-07-2020

NOCI (Bari) - Il 1 luglio 2020 nonna Stella, per tutti Stella Palattella, per le amiche e vicine di casa "Stellina...

Offese all'ing. Conforti. La replica dei giornalisti Longo e Scagliarini

05-06-2020

Riceviamo e pubblichiamo la replica dei giornalisti Giovanni Longo e Massimiliano Scagliarini al comunicato pubblicato il 23 maggio su NOCI24.it a firma...

Morea replica a Plantone

22-05-2020

NOCI - Il consigliere comunale di minoranza Stanislao Morea (Idea Noci) ha diffuso una nota in replica al comunicato del consigliere...

Per una Scuola silenziosa ed autenticamente operante

27-04-2020

LETTERE AL GIORNALE - Nel mostrare ciò che si fa, si corre sempre il rischio che la volontà di fare...