Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

MercoledÌ, 2 Dicembre 2020 - 23:22

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

10-04-giannina_milliNOCI (Bari) - Si conclude il prossimo mercoledì 5 la 10. edizione di “Settembre in Santa Chiara”. Nel Chiostro delle Clarisse a Noci, con inizio alle ore 18.30, è in programma l’ultimo appuntamento intitolato “Le nostre patriote: Antonietta e le altre”. Interverranno, presentate da Giuseppe Basile (direttore della Biblioteca comunale), CRISTINA MARTINELLI (scrittrice e studiosa di storia locale) e GIULIA BASILE (scrittrice). 

Porgerà un indirizzo di saluto FRANCESCA GIGANTE, presidente della Commissione pari opportunità del Comune di Noci Il ciclo di conversazioni storiche è organizzato dal Centro culturale “Giuseppe Albanese” di Noci e dal Comitato di Bari dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano con il Comune di Noci e la Biblioteca comunale “Mons. A. Amatulli”. E’ patrocinato dalla Presidenza della Giunta e dall’Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia e dalla Provincia di Bari.

Cristina Martinelli si occuperà di Antonietta de Pace. La De Pace nasce a Gallipoli nel 1818 da famiglia benestante. Il padre, banchiere, è anche il sindaco della città, noto perché ardente oppositore delle ingiustizie sociali. La morte del padre porta la famiglia al dissesto economico. Antonietta viene mandata in convento e successivamente seguì a Napoli la sorella sposata. Fu nella città partenopea che entrò in contatto con i circoli mazziniani e partecipò alle barricate del 1848.
Anche lei, come molte patriote del tempo, fu costretta a vestire da uomo. Il ritorno dei Borbone costò caro ad Antonietta: 18 mesi di carcere, che però non bastarono a spegnere il suo entusiasmo patriottico. È noto, infatti, che dopo lo sbarco garibaldino di Marsala contribuì ad organizzare le adesioni locali all'impresa dei Mille. Era vicino a Garibaldi quando entrava trionfalmente a Napoli, liberandola dall'oppressore.

Giulia Basile, così anticipa il contenuto del suo intervento: Una storia scritta con l’inchiostro invisibile quella delle donne nell’Unità d’Italia. Nonostante le donne contribuiscano al processo risorgimentale con coraggio e con scelte di libertà, bisogna arrivare alla Costituzione repubblicana per avere alla pari, almeno di fronte alla Legge, le Sorelle insieme ai Fratelli d'Italia.
Le biografie femminili si moltiplicano nell'800, ed è grazie a questa produzione biografica che, accanto allo stereotipo della madre educatrice, si delineano figure di eroine, di patriote, filantrope ed artiste, che irrompono nella storia con una carica trasgressiva rispetto al modello tradizionale imposto dalla cultura del tempo. Sono le nobildonne che aprono i loro salotti a letterati, patrioti e artisti contribuendo in modo sostanziale alla creazione di un humus fertile alla diffusione dei fervori unitari e risorgimentali. Sono le simpatizzanti delle idee mazziniane, o vicine alla Carboneria, sulle barricate a colpi di moschetto o al lavoro per la costruzione del paese civile. Filantrope e patriote, hanno fondato ospedali, organizzazioni per l’assistenza alle minorenni, hanno aperto asili e scuole per affrancare le donne da quella povertà di cultura che si traduceva in mancanza di libertà.
Alcune entrano nei libri di scuola, come Anita Garibaldi, Giulia Beccaria, delle altre è difficile far emergere singole individualità.
Molte sono le figure che sono finite troppo presto nel dimenticatoio. La storia ha restituito solo il nome delle aristocratiche, ma furono migliaia, nell'Italia preunitaria, le borghesi e le popolane mandate sotto processo, talvolta in esilio, in carcere, anche sul patibolo.
Ricorderemo la Sangiovannara, che si  spese moltissimo per preparare l’entrata di Garibaldi a Napoli, e la moglie di Luigi Settembrini Raffaella, detta Gigia. Ricorderemo da Milano: Cristina Trivulzio di Belgioioso, Bianca de Simoni Rubizzo. Da Napoli: Enrichetta Caracciolo, e la giornalista inglese Jessie White Mario. Dal Piemonte Virginia Oldoini, la contessa di Castiglione, cugina di Cavour, la donna più bella d'Europa; Anna Grassetti Zanardi da Bologna; Sara Levi Nathan, Giuditta Tavani Arquati e Colomba Antonietti da Roma. E da Brescia, Carolina Santi Bevilacqua; Elisabetta Michiel Giustinian e Teresa Perissinotti Manin da Venezia etc etc; e tra le letterate ci fermeremo su Giannina Milli (in foto sopra) , poetessa abruzzese ("la poesia dell’anima italiana brillava nell’estro di Giannina Milli per il trionfo degli ideali patriottici").

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

La pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 404 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 

FUORI CITTA'

Covid19 - Monopoli: 161 positivi

21-11-2020

MONOPOLI - In Sindaco di Monopoli Angelo Annese questa sera ha comunicato i dati aggiornati sui contagi da Sar-Cov2 a Monopoli:...

Covid19 - Putignano: 99 positivi

21-11-2020

PUTIGNANO - Nel pomeriggio la sindaca Luciana Laera ha comunicato i dati, aggiornati ad oggi, dei putignanesi positivi al Coronavirus. Sono...

Modugno - Sorpresi quattro minorenni che posizionavano sassi lungo la linea ferroviaria

17-11-2020

MODUGNO - I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Modugno hanno denunciato in stato di libertà i genitori di...

Castellana Grotte - Sospesa l’attività didattica da domani in due istituti scolastici

15-11-2020

CASTELLANA GROTTE - Sospesa l’attività didattica da domani in due istituti scolastici per casi accertati di Covid-19 tra i docenti a...

Bari - Minore denunciato per rapina sul Lungomare

14-11-2020

BARI - I Carabinieri della Stazione di Bari Principale, al termine di attività investigativa, hanno deferito in stato di libertà...

Castellana grotte - Evade dai domiciliari per rubare in chiesa, arrestato dai carabinieri

14-11-2020

CASTELLANA GROTTE - I Carabinieri della Stazione di Castellana Grotte hanno tratto in arresto, in esecuzione di ordinanza di custodia...

NECROLOGI

E' tornato alla casa del Padre Giovanni Novembre

10-06-2020

E' tornato alla casa del Padre all'età di 71 anni Giovanni Novembre. Lo annunciano la moglie Angela, i figli Giuseppe...

Ricordo di Nicola Putignano

22-12-2019

Il 18 dicembre 2019 è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari e dell'intera città il prof. Nicola Putignano, docente...

Muore il 42enne Mirko Quarato: oggi i funerali in Chiesa Madre

24-04-2019

NOCI (Bari) - Non ce l'ha fatta a sopravvivere il giovanissimo Mirko Quarato dopo il pericoloso incidente che lo aveva...

LETTERE AL GIORNALE

DS Chiara d’Aloja: lettera aperta alla Comunità Educante

28-08-2020

LETTERE AL GIORNALE - Il nuovo anno scolastico è alle porte anche per l’Istituto Comprensivo Gallo-Positano e sarà un anno speciale...

Piero Liuzzi: "Zavoli e la sua fame di Sud"

06-08-2020

NOCI - Riceviamo e pubblichiamo questo breve ricordo del sen. Piero Liuzzi sul suo originale rapporto con Sergio ZAVOLI, parlamentare...

Auguri nonna Stella!

04-07-2020

NOCI (Bari) - Il 1 luglio 2020 nonna Stella, per tutti Stella Palattella, per le amiche e vicine di casa "Stellina...

Offese all'ing. Conforti. La replica dei giornalisti Longo e Scagliarini

05-06-2020

Riceviamo e pubblichiamo la replica dei giornalisti Giovanni Longo e Massimiliano Scagliarini al comunicato pubblicato il 23 maggio su NOCI24.it a firma...

Morea replica a Plantone

22-05-2020

NOCI - Il consigliere comunale di minoranza Stanislao Morea (Idea Noci) ha diffuso una nota in replica al comunicato del consigliere...

Per una Scuola silenziosa ed autenticamente operante

27-04-2020

LETTERE AL GIORNALE - Nel mostrare ciò che si fa, si corre sempre il rischio che la volontà di fare...