“Diaconato femminile” e vita della chiesa cattolica, oggi

blog tommaso turi

Papa Francesco annuncia la costituzione di una commissione ufficiale che possa studiare la questione del primo grado del sacramento dell’ordine alle donne  

 

Il 12 maggio 2016, nell’Aula “Paolo VI”, in Vaticano, Papa Francesco ha incontrato, nell’Anno Santo della Misericordia, l’Unione Internazionale delle Superiore Generali (UISG). Ebbene, nel dialogo tra il Santo Padre e alcune rappresentanti delle ottocento superiore degli istituti femminili di vita apostolica (cf L’Osservatore Ronamo, 13.5.2016,1) sono stati sottolineati, dal Santo Padre, alcuni princìpi cristiani ed ecclesiologici assolutamente innovanti per la Chiesa cattolica e per le comunità diocesane e parrocchiali (cf Papa Francesco, Discorso all’UIGS, in Google, Santa Sede): princìpi, inoltre, molto importanti per l’immagine pubblica del “ministero del Vescovo di Roma” e molto rilevanti dal punto di vista sociale, culturale e valoriale.

Papa Bergoglio, alla luce dell’esistenza cristiana raccontata dal Nuovo o Secondo Testamento e del vissuto contemporaneo di gran parte del popolo di Dio, dice che le fedeli donne del laicato femminile non possono più essere emarginate dal processo di discussione, di elaborazione e di decisione delle azioni ecclesiali: ciò non significa che il ministro ordinato (=diacono, presbitero, vescovo, tutti “al maschile”; Castellucci; Romanello; Maffeis; Petrà; Citrini; Mazzolato; Dianich; 2004) debba subire un ridimensionamento funzionale ma significa, invece, arricchire il loro servizio (=diaconìa, in lingua greca; ministero, in lingua latina) affinché la Chiesa del nostro tempo sia più conforme alla Chiesa apostolica delle origini e sia più capace d’affrontare le sfide globali, educative, economiche, politiche e telematiche dell’odiernità planetaria. Da questo principio, d’apertura decisiva nei confronti della presenza della donna nella vita della Chiesa cattolica (Galot, 1977; Congar, 1973; Goldie, 1983), deriva il convincimento che, nel nuovo popolo di Dio del terzo millennio cristiano, bisogna stare lontani sia dal femminismo sia dal clericalismo, che finiscono per estremizzare e vanificare la verità sulla ministerialità comunionale di tutte le componenti vive della struttura unitaria del “corpo di Cristo e del tempio dello Spirito Santo” (Ratzinger, 1971; De Lubac, 1982; Forte, 1988; Montan, 2000; Militello, 2003).

La liceità e la legittimità del  processo di decisione della donna nella vita della “vigna del Signore” non può, quindi, limitarsi a livello di chiese particolari e parrocchiali ma deve estendersi pure alla Chiesa universale tant’è che di recente, è stata costituita, d’intesa, col Santo Padre, la Consulta femminile del Pontificio consiglio per la Cultura: Consiglio presieduto dal Card. Gianfranco Ravasi, che guarda con attenzione pure al nuovo mensile de L’Osservatore Romano, intitolato significativamente Donne-Chiesa-Mondo. Lungo questo versante generale, il Pontefice ha altresì evidenziato che, spesso, si verifica una strana forma d’aiuto delle religiose nei confronti dei preti: la stranezza consiste nel confondere, sul piano della Rivelazione, il servizio con la servitù: servitù che degrada la vocazione e la missione della donna nella Chiesa e nella società e compromette il necessario discernimento comunitario, che tutto il laicato adulto nella fede ha il dovere di coedificare (Marinelli, 1981, in collaborazione con lo Spirito del Risorto, coi ministri ordinati (Noceti, 2010). Dalla confusione tra la servitù e il servizio scaturisce, dice Papa Bergoglio, un altro grave fenomeno anticristiano che ha a che fare, nella Chiesa cattolica, con  il commercio dei soldi: la vita cristiana, invece, è gratuita come la salvezza ovvero come l’annuncio della Parola, la celebrazione eucaristica e la carità dell’Amore pasquale.

Il carisma delle religiose implica, tra l’altro, anche  il voto della povertà che, è bene ribadirlo, continua il Papa, non s’immedesima con la miseria: “Se la povertà diventa miseria – suggerisce il Vescovo di Roma – anche questo fa male” (p.8) perché è vero che la vita religiosa è un cammino di povertà ma questo non significa che tale cammino debba trasformarsi in un cammino verso il suicidio. La prova provata di questi enunciati magisteriali di Papa Francesco, che si collega direttamente ai suoi predecessori, è, soprattutto, la constatazione storico-salvifica che la Chiesa è donna perché la donna consacrata è un’icona di Maria di Nazareth. “La Chiesa è femminile – sostiene Francesco -; la Chiesa è donna; non è ‘il Chiesa’, è ‘la Chiesa’”(p.10).

Sono queste, allora, le cause cristiane ed ecclesiali dell’apertura del Sommo Pontefice al “diaconato femminile” (Goldie, 1984; Tardoni, 2002; Hauke, 2010). Diaconato già adombrato dal Concilio Vaticano II (Messaggio del Concilio alle donne, 8.12.1965; Apostolicam actuositatem n.9;32; Ad Gentes n.17; Gaudium et spes n.8;9;29;31;49;60), da Paolo VI (Ministeria qaedam, 1972; Evangelii nuntiandi, 1975) e da Giovanni Paolo II (Mulieris dignitatem, 1988; Christifideles laici, 1988). Si tratta, in sostanza, di ripristinare un’antica tradizione cristiana (Concilio di Nicea, 325; Concilio di Calcedonia, 451) che sia nella Chiesa ortodossa (Gerardi, 2002; Malnati, 2008) sia nella Chiesa cattolica porterà benefici sostanziali.

Per pura informazione canonistica (1983) è bene ricordare, infine, che prima di giungere al “diaconato femminile”, analogo a quello maschile, è necessario superare  la mascolinità esclusiva anche dei due ministeri istituiti del “lettorato” e dell’”accolitato” che, prima del Vaticano II, appartenevano ai cosiddetti “ordini minori”. Inoltre, dal punto di vista della teologia cattolica aperta ai “segni dei tempi” e dell’ecclesiologia cattolica di tipo storico-dinamico, si comincia a parlare,  sempre più e da qualche decennio, di sacerdozio battesimale (o comune e matrimoniale)) e di  sacerdozio ministeriale (riservato agli uomini per quanto concerne l’episcopato e il presbiterato; riservato, fino ad oggi, ai soli uomini e, forse, esteso anche alle donne, nel futuro prossimo venturo, per quanto concerne il diaconato).- 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

ADV

 

 

Informazione pubblicitaria

tatulli noci24 ok
ADV

FUORI CITTA'

Sigilli ad autodemolitore abusivo: sequestrata area di 11.000 mq

10-05-2024

GIOIA DEL COLLE – Nei giorni scorsi, i militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (NIPAAF) del...

Altamura: rifiuti tombati in cava

30-04-2024

ALTAMURA - I militari coordinati dal Gruppo Carabinieri forestale di Bari, con l’ausilio del Reparto Carabinieri Parco Nazionale dell’Alta Murgia e...

Bari - Scoperto un deposito di sostanze stupefacenti. Arrestato un 24enne

23-04-2024

BARI - I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari San Paolo hanno arrestato in flagranza di reato un 24enne...

Bari e Capurso: custodia cautelare nei confronti di otto persone per i reati di lesioni…

15-04-2024

BARI E CAPURSO - Nella prima mattinata di sabato i Carabinieri della Compagnia di Bari San Paolo e della Stazione CC...

GdF Bari: ordinanza di misure cautelari nei confronti di 7 persone per corruzione, turbata libertà…

10-04-2024

BARI - I finanzieri del Comando Provinciale di Bari stanno dando esecuzione a Bari e provincia a un’ordinanza applicativa di misure...

Bari: i Carabinieri scovano centinaia di reperti archeologici nell’abitazione di due pensionati

10-04-2024

BARI - I Carabinieri della Stazione di Bari Carbonara, in collaborazione con militari del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale e del NIPAAF...

NECROLOGI

Addio a Nicola Giacovelli: lo “scalpellino" nocese che fu internato nei lager nazifascisti

11-04-2024

NOCI – La comunità nocese dice addio a Nicola Giacovelli, padre del dott. Francesco Giacovelli, uno dei nostri architetti più...

Addio a Oronzo Colucci: aveva dedicato gran parte della sua vita al volontariato

19-08-2023

NOCI – Una gravissima perdita per Noci: ci lascia Oronzo Colucci, amatissimo dalla comunità per le sue virtù di incondizionato...

Addio a Leo Morea: padre coraggio al fianco delle vittime della strada

02-08-2023

  NOCI – Ci ha lasciati il 2 agosto il nostro concittadino Leo Morea, che pur vivendo a Milano, aveva lasciato un...

Addio alla fotografa Marta Attolini: il ricordo della nipote Angela Bianca Saponari

22-07-2023

NOCI - Ci ha lasciati lo scorso 28 giugno la nota fotografa nocese Marta Attolini, figlia dell'apprezzatissimo Giovanni Attolini, da...

Ci ha lasciato Giovanni Miccolis

08-07-2023

NOCI - E' venuto a mancare all'età di 70 anni Giovanni Miccolis, dipendente comunale in quiescenza e da sempre...

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa di Patrizia Nettis

30-06-2023

Alla famiglia il sentito cordoglio della redazione di NOCI24.it. NOCI - E' scomparsa all'impovviso due giorni fa all'età di 41...

LETTERE AL GIORNALE

Associazioni e comitati contro la potatura drastica degli alberi del perimetro urbano

27-02-2024

“Eco Eventi OdV” e “Comitato di quartiere via T. Fiore” hanno incontrato l’assessora Checca Tinella e il responsabile del verde Giuseppe...

Se sarà femmina chiamiamola Crimea!

26-11-2023

LETTERE AL GIORNALE - Ci sono luoghi della terra che per la loro storia, la molteplicità degli accadimenti di cui...

L'occupazione persa, una famiglia a carico e il dover ricominciare da zero dopo la pandemia:…

26-11-2023

LETTERA AL GIORNALE - Antonio (questo il nome di fantasia che gli daremo) ha voluto raccontarci la sua complessa e...

Il centrodestra in salsa nostrana

08-06-2023

LETTERE AL GIORNALE - Egregio Direttore, la ringrazio di cuore preventivamente qualora deciderà, con generosità, di pubblicare questo mio umile e...

Alluvione in Emilia-Romagna, il racconto di un nostro concittadino

21-05-2023

FORLÌ - Sono a Forlì, è martedì 16 maggio, sono le 19:00, piove ormai da circa diciotto ore ed il...

1984

19-04-2023

LETTERE AL GIORNALE - Cari concittadini, non era mia intenzione tediarvi nuovamente con le mie elucubrazioni sull'Idra a otto teste che...