Pubblicità

Pubblicità pub noci24 01

Pubblicità Assinotar 2017 luglio 1

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

- -

temperamenteTemperamente - Non è un caso che il titolo della seconda raccolta poetica* di Antonio Lillo sia Viva Catullo: i parallelismi col poeta latino sono numerosi, primo fra tutti quell'odi et amo che efficacemente chiarisce la natura contraddittoria del sentimento di Lillo/Catullo (casuale consonanza?) nei confronti della sua crudele musa.

 

Il fil rouge della raccolta, difatti, è la fine di un amore tormentato: l'intensità del sentimento ch'è stato e non è più emerge violentemente da ogni parola, la stessa che [...] domani certo non tornerà uguale / non con la stessa intensità, sarà vecchia / e densa e ponderata ogni sua sillaba / non avrà più poteri per spalancarci mondi / in cui noi saremmo stati eterni, come chiarisce la lirica incipitaria.

Ai versi Lillo si aggrappa ostinatamente per lasciare traccia del suo dolore d'amante ferito, conscio tuttavia della loro inafferrabilità; alle parole è affidata la memoria del tormento, e per la loro stessa natura di testimoni della delusione stridono con il contesto lirico cui sono chiamate a dar vita. Sono proprio loro a evocare la figura della compagna fedifraga che tanta pena causa al poeta: ogni verso è un colpo di scalpello; l'enorme statua fredda, marmorea, immobile di lei – padrona della storia – fa ombra sulle liriche, aleggia come un fantasma anche lì dove sembrerebbe assente.

Il poeta, tuttavia, sa che potrebbe soccombere al tormento e solo in ultimo reagisce: per non morire deve dare la morte, rispondendo a una sorta di mors tua vita mea. È per questo che nell'ultima poesia "uccide" metaforicamente la musa, con l'intenzione di non dedicarle neppure un altro verso; e lo fa con una frase perentoria: Musa, sei morta. Qui lo dichiaro pubblicamente, verso seguito da un modernissimo Restiamo comunque amici. Segue, difatti, una breve parte in prosa che racconta gli stratagemmi di una vita che avanza a fatica, avendo cura di nascondere attentamente le sue cicatrici.

Antonio Lillo ha il coraggio del poeta, si mette a nudo e racconta la sua sensibilità attraverso la crudeltà dell'altra. Non teme di esporre in fiera la propria intimità e scoperchia così i vasi delle emozioni più profonde, riflettendo su ciò che più lo attrae e lo annienta: l'amore e la parola, come in Fine d'un amore / difficile, di parole dette d'amore / e d'amicizia. A volte ripenso, per ore / al loro significato, al loro potere traditore. / Ma non trovo soluzione alle parole / (sono così mie) né all'amicizia, né all'amore. Non c'è spazio per l'artificio nei suoi versi, perché tutto ciò che nasce dalla sua penna è autentico e vissuto per davvero.
Ed è questa la poesia che ci piace.

Antonio Lillo, Viva Catullo, Favia, 2011

Altre recensioni su "Temperamente.it"

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

Dalla prima pagina

Pubblicità

Pubblicità

Dulciar Natale 2017

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

Ginevra
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 211 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 
master-noci24-ballottaggio
promemoria

CONTRATTI DI QUARTIERE II

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 1-4-2004

Avvio lavori P.zza Garibaldi: 11-4-2012

Fine lavori P.zza Garibaldi: 30-4-2013

Approvazione convenzione: 15-07-2014

Avvio lavori per le case: ???

Sono trascorsi:

 

MUSEO DEI RAGAZZI

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 30-11-2005

Primo stralcio: 7-06-2011

Secondo stralcio: 7-04-2014

Avvio Terzo stralcio: 29-12-2015

Conclusione Terzo stralcio: ???

Sono trascorsi:

 

Twitter

PUMS

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 19-12-2014

Affidamento: 8-09-2016

Sito web dedicato al PUMS: 17-09-2016

Chiusura prima fase del PUMS: 22-12-2016

Adozione ed attuazione PUMS: ???

Sono trascorsi:

 

Facebook