ADV

 

La stagione d’oro di Vincenzo Laera tra la promozione in Serie A Gold e i trionfi da allenatore

07 09 vincenzo laera intervista camerano

NOCI - Una stagione da incorniciare quella del pallamanista nocese Vincenzo Laera che ha conquistato la promozione in Serie A Gold con il Camerano ed ha collezionato diversi successi da allenatore in Serie B e con le formazioni under della società marchigiana.

Il classe ‘98 da due anni ha deciso di sposare il progetto della Pallamano Camerano diventando una colonna portante della società sia in campo che fuori. In questa stagione i marchigiani hanno conquistato la promozione nella massima categoria nazionale grazie alla decisiva vittoria nei play-off contro il San Giorgio Molteno dopo aver chiuso la regular season al primo posto. Laera è stato anche capocannoniere della stagione regolare grazie alle 172 reti segnate ed è stato protagonista anche nella fase play-off in cui ha siglato 25 reti. Non solo campo, però, per il nostro concittadino, che quest’anno ha diretto la formazione impegnata nel campionato di Serie B con cui è riuscito ad ottenere la promozione in Serie A Bronze ma anche con le squadre under. Con l’under 17 si è laureato vice campione d’Italia, con l’under 13, invece, ha vinto lo scudetto durante le finali svolte al Festival della Pallamano dal 2 al 7 luglio. In seguito a questi importanti traguardi, Laera ha risposto alle nostre domande.

Da quanto tempo giochi a Camerano e cosa ti ha spinto ad andare in questa società?
“Gioco a Camerano da due anni e mi accingo a giocare la terza stagione qui. Per me è stato totalmente nuovo conoscere questa società, dato che qualche anno fa non se ne sentiva parlare moltissimo. Ѐ stato un amore a prima vista. Tutto è cominciato grazie a Davide Campana che da parte mia ha trovato sin da subito un riscontro positivo nel venire a Camerano. Sono arrivato spinto dalla voglia di una nuova esperienza e dal fatto di andare in una società piena di passione e di giovani ragazzi”.

Quando vi siete resi conto della possibilità di ottenere la promozione in Serie A Gold?
“Questo anno si è disputata per la prima volta la seconda serie nazionale a girone unico, ci aspettavamo quindi grandi difficoltà e maggiore intensità nelle partite durante la stagione e così è stato. Abbiamo fatto un percorso netto con due sole sconfitte in tutta la stagione ma tutte le partite sono state dure e non ci sono quasi mai stati match dal risultato scontato. Infatti ci sono state molte sfide vinte di poco margine. Non ci aspettavamo di fare questo campionato ad inizio anno ma l'appetito vien mangiando e quindi grazie alla fame accumulata partita dopo partita, grazie al duro lavoro con cui il gruppo giovanissimo è cresciuto esponenzialmente e grazie ad un pizzico di fortuna il sogno è diventato realtà”.

Sei pronto il prossimo anno a sfidare altri 3 nocesi sui campi di serie A?
"Sì, sono pronto ad incontrare i miei migliori amici che cito: Ignazio Degiorgio, Riccardo Fasanelli e Daniele De Luca nonché miei fratelli. Li cito perché i fratelli sin da piccoli sono i nostri primi avversari nelle sfide giornaliere. Non vedo l'ora che inizi il campionato per poterli affrontare".

Oltre a giocare alleni anche. Quando hai iniziato questa avventura?
“Ho iniziato l'avventura da allenatore quando sono andato via dalla Puglia. Il mio primo anno fuori casa, a Benevento, ho allenato qualche volta dei ragazzi ma senza un impegno fisso. Poi il primo anno a Camerano ho voluto allenare il gruppo under 17 per tutta la stagione, all'inizio come tutto ciò che viene fatto per la prima volta ero un po' contratto, ma ho trovato un gruppo fantastico e siamo cresciuti insieme, poi sono un ragazzo che trae sempre dagli insegnamenti e dalle esperienze che vive quindi da tutti gli allenatori che ho avuto”.

Il ricordo più bello di questa stagione da allenatore?
“I ricordi più belli che ho da allenatore sono molteplici a partire da quando dopo due anni di lavoro con i ragazzi dell'under 17 eravamo nel campo di Chieti a cantare l'inno nazionale prima che iniziasse la finale scudetto. La finale è stata contro Cassano Magnago e per me è stato un piccolo ritorno al passato perché esattamente il 2 giugno di 10 anni prima da giocatore avevamo vinto con il Noci lo scudetto della stessa categoria proprio contro il Cassano Magnago. Siamo arrivati secondi, ma il percorso fatto è stato un piccolo puzzle dove tutti i pezzi coincidevano perfettamente e ringrazio appunto tutti i ragazzi che mi hanno ascoltato tutti i giorni durante l'anno. Poi emozioni enormi le ho vissute anche con il gruppo under 13 che ha vinto lo scudetto a Misano, non sono il loro allenatore perché ho sostituito in corsa il loro mister alle finali, ma mi sono subito affezionato al gruppo e si è creata la giusta sinergia anche in pochi giorni, sono stati dei soldatini e si è vinto lo scudetto nonché il primo della società. Ricordo anche il terzo posto Under 20 da secondo allenatore e la promozione in Bronze da primo”.

Preferisci più giocare o allenare?
“Per adesso preferisco giocare ma allenare devo dire che mi sta piacendo tanto. Tra giocare e allenare c'è molta differenza, ma entrambe le cose mi regalano emozioni che mi fanno sentire veramente soddisfatto. Giocare a questo sport da 17 anni mi spinge ad essere da esempio nei confronti dei più piccoli quando sono nelle vesti di giocatore”.

Torneresti mai a Noci?
“Noci è la città in cui sono cresciuto e quel palazzetto è stato il luogo del primo scudetto di questa società. Quel palazzetto è stato punto di riferimento di tanti miei coetanei, perché Noci fa ed ha fatto sempre rima con la parola pallamano. Non chiudo mai le porte con nessuna società, se ci fossero giuste condizioni e buone idee e progetti, magari , un giorno, le strade potrebbero rincontrarsi”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

ADV

 

 

Informazione pubblicitaria

tatulli noci24 ok

 

 

Informazione pubblicitaria La pubblicità

 

 

ADV

FUORI CITTA'

Truffa di 12.000 euro in danno di un anziano. I Carabinieri di Modugno arrestano una…

31-05-2024

MODUGNO - Questa mattina, i Carabinieri della Compagnia di Modugno hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare “agli arresti domiciliari”, emessa...

Sigilli ad autodemolitore abusivo: sequestrata area di 11.000 mq

10-05-2024

GIOIA DEL COLLE – Nei giorni scorsi, i militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (NIPAAF) del...

Altamura: rifiuti tombati in cava

30-04-2024

ALTAMURA - I militari coordinati dal Gruppo Carabinieri forestale di Bari, con l’ausilio del Reparto Carabinieri Parco Nazionale dell’Alta Murgia e...

Bari - Scoperto un deposito di sostanze stupefacenti. Arrestato un 24enne

23-04-2024

BARI - I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari San Paolo hanno arrestato in flagranza di reato un 24enne...

Bari e Capurso: custodia cautelare nei confronti di otto persone per i reati di lesioni…

15-04-2024

BARI E CAPURSO - Nella prima mattinata di sabato i Carabinieri della Compagnia di Bari San Paolo e della Stazione CC...

GdF Bari: ordinanza di misure cautelari nei confronti di 7 persone per corruzione, turbata libertà…

10-04-2024

BARI - I finanzieri del Comando Provinciale di Bari stanno dando esecuzione a Bari e provincia a un’ordinanza applicativa di misure...

NECROLOGI

Addio a Nicola Giacovelli: lo “scalpellino" nocese che fu internato nei lager nazifascisti

11-04-2024

NOCI – La comunità nocese dice addio a Nicola Giacovelli, padre del dott. Francesco Giacovelli, uno dei nostri architetti più...

Addio a Oronzo Colucci: aveva dedicato gran parte della sua vita al volontariato

19-08-2023

NOCI – Una gravissima perdita per Noci: ci lascia Oronzo Colucci, amatissimo dalla comunità per le sue virtù di incondizionato...

Addio a Leo Morea: padre coraggio al fianco delle vittime della strada

02-08-2023

  NOCI – Ci ha lasciati il 2 agosto il nostro concittadino Leo Morea, che pur vivendo a Milano, aveva lasciato un...

Addio alla fotografa Marta Attolini: il ricordo della nipote Angela Bianca Saponari

22-07-2023

NOCI - Ci ha lasciati lo scorso 28 giugno la nota fotografa nocese Marta Attolini, figlia dell'apprezzatissimo Giovanni Attolini, da...

Ci ha lasciato Giovanni Miccolis

08-07-2023

NOCI - E' venuto a mancare all'età di 70 anni Giovanni Miccolis, dipendente comunale in quiescenza e da sempre...

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa di Patrizia Nettis

30-06-2023

Alla famiglia il sentito cordoglio della redazione di NOCI24.it. NOCI - E' scomparsa all'impovviso due giorni fa all'età di 41...

LETTERE AL GIORNALE

Concluso l'anno associativo dell' Asd Movida

25-06-2024

LETTERE AL GIORNALE - C'è una squadra di piccole grandi atlete che per mesi hanno coltivato le proprie passioni...

“Buon viaggio, Nonna Annina":  il saluto di Tetta a Nonna Annina Lippolis

19-06-2024

LETTERE AL GIORNALE – Pubblichiamo con grande coinvolgimento emotivo la lettera che la signora Tetta, sua vicina e amica, ha...

"Contratti di Quartiere", l'opposizione contraria all'aumento del prezzo degli alloggi di edilizia convenzionata

15-06-2024

LETTERE AL GIORNALE - Riceviamo e pubblichiamo una nota politica dell'opposizione in merito all'aumento del prezzo di vendita degli alloggi...

Appuntamento mensile in biblioteca: come innamorarsi dei libri e dei luoghi che li custodiscono

30-05-2024

NOCI - Riceviamo da parte della maestra Dora Intini (e pubblichiamo con grande entusiasmo) il resoconto di una emozionante e...

Assolti dall’accusa di diffamazione “perché il fatto non sussiste”

27-05-2024

REPLICA DI PAOLO CONFORTI del 29 maggio 2024 Riceviamo e pubblichiamo. Apprendo del comunicato di Scagliarini e Longo ed al fine di...

Associazioni e comitati contro la potatura drastica degli alberi del perimetro urbano

27-02-2024

“Eco Eventi OdV” e “Comitato di quartiere via T. Fiore” hanno incontrato l’assessora Checca Tinella e il responsabile del verde Giuseppe...