ADV

 

La fede ai tempi del COVID-19 : le disposizioni della Conferenza Episcopale Pugliese e il messaggio di speranza di Don Mazzarisi

03 08 LaFedeAiTempiDelCoronavirus 2NOCI (Bari) - Coronavirus: unico argomento di cui, in questi giorni si parla in ogni luogo. Il COVID-19 sta tristemente condizionando e mettendo in crisi ogni singolo aspetto della vita sociale. Non è esente neanche la prassi di fede. Dalla segreteria della Conferenza Episcopale Pugliese, a nome di Mons. Donato Negro, giunge un dettagliato comunicato ai confratelli Vescovi, diffuso anche tramite i social da tutte le diocesi, compresa quella di Conversano-Monopoli. Anche durante le Celebrazioni Eucaristiche, tanto i parroci quanto i fedeli, devono attenersi a determinate regole, atte a contenere la diffusione del virus. Vediamo quindi cosa cambia e quali sono le reazioni dei parroci. Noi di Noci24 abbiamo raccolto le dichiarazioni di Don Stefano Mazzarisi. Noci riscopre intanto con maggior fede il culto del suo Patrono, San Rocco, da sempre invocato contro le pestilenze.

 03 08 LaFedeAiTempiDelCoronavirus 1Stando alle disposizioni varate dalla Conferenza Episcopale Pugliese, le scuole cattoliche e i seminari chiuderanno i battenti fino al 15 marzo. Le attività di catechesi, così come i relativi eventi che comportano un certo affollamento e nel cui svolgimento non si possa garantire la distanza di almeno un metro tra i presenti, saranno annullati. Stessa cosa vale per gli incontri di preghiera che scandiscono il tempo Quaresimale. Nessuna interruzione predisposta per le Celebrazioni Eucaristiche. Vuote le acquasantiere e abolito il tradizionale “segno della pace” mediante stretta di mano. No anche alle condoglianze al termine di riti funebri o ricorrenze come trigesimi o anniversari. Quanto all’Eucarestia, i parroci la distribuiranno esclusivamente sulla mano dei fedeli. Noi di Noci24 abbiamo però voluto raccogliere alcune dichiarazioni di Don Stefano Mazzarisi, per capire come i parroci stiano vivendo questa situazione decisamente inusuale.

“La partecipazione dei fedeli alle Celebrazioni Eucaristiche, ad oggi, non ha subito alcun calo, anzi, quelle del mattino hanno visto perfino qualche fedele in più!”- ci dice Don Stefano, che specifica inoltre: “Stiamo attenendoci rigorosamente alle disposizioni ricevute, facendo costante invito ai fedeli a rispettarle. Sono stati annullati gli incontri previsti durante il tempo Quaresimale, a cominciare dalla Stazio zonale prevista per ieri 7 marzo, che è stata rinviata a data da destinarsi. Leggevo che in un’altra zona pastorale hanno rinviato le cresime. Con la sempre crescente diffusione del virus anche in paesi limitrofi come Putignano e Turi, potrebbero giungerci ulteriori disposizioni. Il clima, per ora è pieno di fiducia. Se mai dovessimo giungere alla chiusura delle chiese, non mancheremo di animare una ‘preghiera pandemica’.

Secondo Don Stefano, la fede della comunità deve essere, in questi tempi bui, una “fede responsabile e intelligente”.
Egli ci dice infatti: “Le persone di fede non aggirano le disposizioni! E’ un invito che rivolgo soprattutto ai giovani. Ben comprendo che la loro vitalità e le loro energie hanno costante bisogno di esprimersi anche attraverso l’interfacciarsi con i loro coetanei, ma c’è un tempo casalingo da scegliere per custodire tutti”.

Abbiamo parlato con Don Stefano anche del “dopo”, di quando questa difficile situazione (vicina all’assumere la denominazione di pandemia) sarà ormai alle spalle.
“Dovremo dare prova di una fede attiva: ora nel senso di responsabilità e fraternità e in seguito nel senso di comunità, per ripartire. Occorrerà essere una comunità davvero unita, in cui nessuno faccia mancare il suo sostegno all’altro. Lasciamo che la fede accarezzi la paura" - ci dice il parroco.

Noci, intanto, riscopre con forza ancora maggiore il culto del suo Santo Patrono: il nome di San Rocco, invocato contro pestilenze ed epidemie, continua a risuonare forte nel sussurro di una sentita preghiera. In questi giorni una lampada arde all’altare di San Rocco dove era abitualmente  conservata l’effige del pellegrino di Montpellier, attualmente in fase di restauro. Al suo posto, una bella tela che raffigura il Santo taumaturgo a cui, un gruppo di fedeli, al mattino presto, sta dedicando un triduo di preghiera, per Noci e per il mondo. Anche la reliquia del patrono è stata esposta alla venerazione dei fedeli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

trovo aziende

ADV

 

 

Informazione pubblicitaria

tatulli noci24 ok

 

 

Informazione pubblicitaria La pubblicità

 

 

ADV

FUORI CITTA'

Truffa di 12.000 euro in danno di un anziano. I Carabinieri di Modugno arrestano una…

31-05-2024

MODUGNO - Questa mattina, i Carabinieri della Compagnia di Modugno hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare “agli arresti domiciliari”, emessa...

Sigilli ad autodemolitore abusivo: sequestrata area di 11.000 mq

10-05-2024

GIOIA DEL COLLE – Nei giorni scorsi, i militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (NIPAAF) del...

Altamura: rifiuti tombati in cava

30-04-2024

ALTAMURA - I militari coordinati dal Gruppo Carabinieri forestale di Bari, con l’ausilio del Reparto Carabinieri Parco Nazionale dell’Alta Murgia e...

Bari - Scoperto un deposito di sostanze stupefacenti. Arrestato un 24enne

23-04-2024

BARI - I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari San Paolo hanno arrestato in flagranza di reato un 24enne...

Bari e Capurso: custodia cautelare nei confronti di otto persone per i reati di lesioni…

15-04-2024

BARI E CAPURSO - Nella prima mattinata di sabato i Carabinieri della Compagnia di Bari San Paolo e della Stazione CC...

GdF Bari: ordinanza di misure cautelari nei confronti di 7 persone per corruzione, turbata libertà…

10-04-2024

BARI - I finanzieri del Comando Provinciale di Bari stanno dando esecuzione a Bari e provincia a un’ordinanza applicativa di misure...

NECROLOGI

Addio a Nicola Giacovelli: lo “scalpellino" nocese che fu internato nei lager nazifascisti

11-04-2024

NOCI – La comunità nocese dice addio a Nicola Giacovelli, padre del dott. Francesco Giacovelli, uno dei nostri architetti più...

Addio a Oronzo Colucci: aveva dedicato gran parte della sua vita al volontariato

19-08-2023

NOCI – Una gravissima perdita per Noci: ci lascia Oronzo Colucci, amatissimo dalla comunità per le sue virtù di incondizionato...

Addio a Leo Morea: padre coraggio al fianco delle vittime della strada

02-08-2023

  NOCI – Ci ha lasciati il 2 agosto il nostro concittadino Leo Morea, che pur vivendo a Milano, aveva lasciato un...

Addio alla fotografa Marta Attolini: il ricordo della nipote Angela Bianca Saponari

22-07-2023

NOCI - Ci ha lasciati lo scorso 28 giugno la nota fotografa nocese Marta Attolini, figlia dell'apprezzatissimo Giovanni Attolini, da...

Ci ha lasciato Giovanni Miccolis

08-07-2023

NOCI - E' venuto a mancare all'età di 70 anni Giovanni Miccolis, dipendente comunale in quiescenza e da sempre...

Mondo del giornalismo in lutto per la scomparsa di Patrizia Nettis

30-06-2023

Alla famiglia il sentito cordoglio della redazione di NOCI24.it. NOCI - E' scomparsa all'impovviso due giorni fa all'età di 41...

LETTERE AL GIORNALE

"Contratti di Quartiere", l'opposizione contraria all'aumento del prezzo degli alloggi di edilizia convenzionata

15-06-2024

LETTERE AL GIORNALE - Riceviamo e pubblichiamo una nota politica dell'opposizione in merito all'aumento del prezzo di vendita degli alloggi...

Appuntamento mensile in biblioteca: come innamorarsi dei libri e dei luoghi che li custodiscono

30-05-2024

NOCI - Riceviamo da parte della maestra Dora Intini (e pubblichiamo con grande entusiasmo) il resoconto di una emozionante e...

Assolti dall’accusa di diffamazione “perché il fatto non sussiste”

27-05-2024

REPLICA DI PAOLO CONFORTI del 29 maggio 2024 Riceviamo e pubblichiamo. Apprendo del comunicato di Scagliarini e Longo ed al fine di...

Associazioni e comitati contro la potatura drastica degli alberi del perimetro urbano

27-02-2024

“Eco Eventi OdV” e “Comitato di quartiere via T. Fiore” hanno incontrato l’assessora Checca Tinella e il responsabile del verde Giuseppe...

Se sarà femmina chiamiamola Crimea!

26-11-2023

LETTERE AL GIORNALE - Ci sono luoghi della terra che per la loro storia, la molteplicità degli accadimenti di cui...

L'occupazione persa, una famiglia a carico e il dover ricominciare da zero dopo la pandemia:…

26-11-2023

LETTERA AL GIORNALE - Antonio (questo il nome di fantasia che gli daremo) ha voluto raccontarci la sua complessa e...