Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

LunedÌ, 21 Settembre 2020 - 15:35
 

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

09-22-manuel intiniNOCI (Bari) – A tratti "giullaresco" ma sempre preciso e "scrupoloso", Manuel Intini è ben riuscito a conciliare la sua professione con la passione per la musica e il teatro, passione che lo tiene fortemente legato a Noci, dal quale è lontano ormai da sei anni. Dopo esser partito in Australia e aver preso parte ad un progetto congiunto presso il CSIRO, noto centro di ricerca sulle energie rinnovabili, Manuel è tornato in Italia, a Milano, dove attualmente ricopre il ruolo di ricercatore Postdoc presso il Politecnico di Milano, con l'unico obiettivo di concedere una nuova possibilità al nostro Paese, sfruttando tutte le capacità e l'esperienza maturate sino ad oggi.


Quali sono stati gli ostacoli più grandi che hai incontrato durante il tuo percorso, sia sotto il profilo personale che professionale?

Sicuramente il mio percorso ha beneficiato di una certa continuità con quella che era la mia vita da studente, ma il passaggio non è stato indolore. Penso che l'ostacolo più grande sia stato la consapevolezza di esser solo: per la prima volta mi sono sentito privo di una guida nel prendere delle scelte, individuare un filone di ricerca e costruire un percorso partendo da zero. Se da un lato è un'opportunità unica, poiché la piena libertà di scelta è un vantaggio che nessun'altro tipo di lavoro può offrire, dall'altro comporta il rischio di smarrirsi lungo strade che portano a risultati al di sotto delle aspettative, specie in mancanza di un'adeguata supervisione.

Nel 2012 l'ex ministro dell'Istruzione Francesco Profumo ha dichiarato di vergognarsi in Europa a causa della mediocrità della ricerca in Italia. Quando ti sei trasferito all'estero hai provato la stessa sensazione? Il futuro dei ricercatori italiani è all'estero?

Pur essendo convinto che la ricerca in Italia non sia affatto mediocre, è evidente che il divario con gli altri paesi è ampio. Si sente parlare spesso di carenza di fondi, io credo invece vi sia un problema di pianificazione. Per quello che può valere la mia esperienza, condurre un progetto di ricerca all'estero non significa investire cospicue risorse, ma utilizzare al meglio quelle di cui si dispone. Niente viene lasciato al caso, ogni attività è finalizzata al conseguimento di obiettivi ben precisi e le singole responsabilità possono essere individuate in maniera molto trasparente. Oggi un ricercatore non può prescindere da un periodo di lavoro all'estero, e su questo posso dire che i meccanismi per incentivare lo scambio tra ricercatori italiani e stranieri sono numerosi. Credo anche però che sia un compito quasi "morale" di ogni ricercatore reinvestire l'esperienza di cui si è fatto tesoro nel proprio paese.

Come spieghi la scarsa sensibilità dei tuoi coetanei verso le tematiche ambientali?

Forse non sono la persona più indicata per rispondere a questa domanda, ad ogni modo credo sia il frutto di uno scarso senso civico e di una mancanza di educazione al rispetto dell'ambiente, che dovrebbe partire prima dalla famiglia e poi dalla scuola.

Fuori dal laboratorio suoni e reciti. Come riesci a conciliare interessi apparentemente così diversi?

Trovo, invece, che questi interessi siano del tutto naturali. Chi mi conosce sa benissimo della mia indole un po' giullaresca (la ricerca richiede sempre creatività e un desiderio di scoperta un po' fanciullesco) ma anche del mio modo di fare le cose, scrupoloso e attento ai dettagli. Suonare in una band o recitare al fianco di una persona richiede prove intense e soprattutto la costruzione di un rapporto di intima simbiosi con i tuoi compagni. Tutte cose che ritrovo nel mio lavoro.

Spesso si associano i luoghi dell'anima con delle canzoni. Hai vissuto a Noci, Milano e in Australia, con quale brano descriveresti ognuno di questi posti?

Per l'Australia mi viene in mente "I've been loving you too long" di Otis Redding. È, un brano che nulla ha a che vedere con l'Australia se non per un luogo che ho frequentato spesso, dove mi piaceva mettere questa canzone su un vecchio giradischi.
Per Milano direi "L'inutilità della puntualità" degli Afterhours per il ritmo travolgente, il senso di invivibilità che trasmette, ma anche per gli sprazzi di bellezza che vi si possono scovare.
Infine per Noci scelgo "Moonlight serenade" di Glen Miller, delicata e lievemente malinconica, mi ricorda molto le sonorità che ascoltavo a casa da bambino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

La pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 957 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 

FUORI CITTA'

Bari, cambio al vertice del Comando Legione Carabinieri “Puglia”

13-09-2020

BARI - Nella Caserma “Chiaffredo Bergia” si è tenuta giovedì sera, alla presenza del Comandante Interregionale Carabinieri “Ogaden”, Generale di...

Operazione “Prometeo”: truffa aggravata per il conseguimento di incentivi statali al fotovoltaico

13-09-2020

BARI - I Finanzieri del Comando Provinciale e del Reparto Operativo Aeronavale di Bari hanno dato esecuzione al provvedimento emesso...

Scoperto laboratorio di amfetamine: due arresti

25-08-2020

CONVERSANO - I Carabinieri della Tenenza di Mola di Bari hanno arrestato in flagranza di reato G.A., di anni 45 e...

Toritto - I Carabinieri arrestano un pluripregiudicato 42enne per resistenza a P.U. e sequestrano apparecchiature…

14-08-2020

Toritto - Nella tarda mattinata di ieri i militari della Sezione Radiomobile di Modugno hanno rintracciato e tratto in arresto F...

Spinazzola - Operazione anti-caporalato: arrestati 3 imprenditori

14-08-2020

Spinazzola - I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari e del Nucleo Ispettorato del Lavoro, da diversi giorni impegnati sul territorio...

Operazione “#Cheguaio!”: perquisizioni della GDF di Bari

07-08-2020

BARI - Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari ha eseguito perquisizioni domiciliari in Puglia, Campania...

NECROLOGI

E' tornato alla casa del Padre Giovanni Novembre

10-06-2020

E' tornato alla casa del Padre all'età di 71 anni Giovanni Novembre. Lo annunciano la moglie Angela, i figli Giuseppe...

Ricordo di Nicola Putignano

22-12-2019

Il 18 dicembre 2019 è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari e dell'intera città il prof. Nicola Putignano, docente...

Muore il 42enne Mirko Quarato: oggi i funerali in Chiesa Madre

24-04-2019

NOCI (Bari) - Non ce l'ha fatta a sopravvivere il giovanissimo Mirko Quarato dopo il pericoloso incidente che lo aveva...

LETTERE AL GIORNALE

DS Chiara d’Aloja: lettera aperta alla Comunità Educante

28-08-2020

LETTERE AL GIORNALE - Il nuovo anno scolastico è alle porte anche per l’Istituto Comprensivo Gallo-Positano e sarà un anno speciale...

Piero Liuzzi: "Zavoli e la sua fame di Sud"

06-08-2020

NOCI - Riceviamo e pubblichiamo questo breve ricordo del sen. Piero Liuzzi sul suo originale rapporto con Sergio ZAVOLI, parlamentare...

Auguri nonna Stella!

04-07-2020

NOCI (Bari) - Il 1 luglio 2020 nonna Stella, per tutti Stella Palattella, per le amiche e vicine di casa "Stellina...

Offese all'ing. Conforti. La replica dei giornalisti Longo e Scagliarini

05-06-2020

Riceviamo e pubblichiamo la replica dei giornalisti Giovanni Longo e Massimiliano Scagliarini al comunicato pubblicato il 23 maggio su NOCI24.it a firma...

Morea replica a Plantone

22-05-2020

NOCI - Il consigliere comunale di minoranza Stanislao Morea (Idea Noci) ha diffuso una nota in replica al comunicato del consigliere...

Per una Scuola silenziosa ed autenticamente operante

27-04-2020

LETTERE AL GIORNALE - Nel mostrare ciò che si fa, si corre sempre il rischio che la volontà di fare...