NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

MercoledÌ, 18 Settembre 2019 - 15:41
Pubblicità

trovo aziende

Storia locale

Jose-KeltzNOCI - Si è da poco concluso il secondo incontro organizzato dal Comune di Noci per discutere della shoah in occasione della Giornata della Memoria che ricorre il 27 gennaio di ogni anno. L’anno scorso il comune aveva realizzato solo alcune locandine sparse un po’ per tutto il paese con le parole di Primo Levi  da “Se questo è un uomo”. Oggi, invece, il dibattito con i ragazzi degli istituti superiori per discutere della più grande mattanza mondiale della storia dell’uomo.

manifesto_bassaNOCI - Il Comune di Noci celebrerà la Giornata della memoria venerdì 30 gennaio p.v. con due incontri-dibattito dal titolo "La cifra del genocidio: il caso di una famiglia ebrea polacca attraverso i ricordi del superstite diventato nocese".

 

 

La manifestazione è organizzata in collaborazione con l'Istituto di istruzione superiore "Leonardo da Vinci", l'Istituto di istruzione superiore "A. Agherbino", il Centro culturale "Giuseppe Albanese", l'assocazione DARF (Donne Associate nel Rinnovamento Femminile) e la UTEN (Università della Terza Età Noci).

 

 

 

NOCI - Oggi 27 gennaio 2009 si commemora la Shoah. Per non dimenticare il drammatico olocausto riportiamo integralmente un articolo del prof. Vito Antonio Leuzzi, già direttore dell'IPSAIC (Istituto per la Storia dell'Antifascismo e dell'Italia Contemporanea) tratto dalla Gazzetta del Mezzogiorno, nel quale si fa rifemento, alla fine, anche a fatti accaduti nella nostra cittadina. La redazione.

Il «Giorno della Memoria» Nel '43 gli ebrei in esilio in Puglia.

Il diffuso desiderio di rendere testimonianza del destino degli ebrei scampati allo sterminio nazista è uno degli aspetti più interessanti connessi alle diverse iniziative del «Giorno della memoria». Diari, lettere, testimonianze irrompono nella produzione editoriale e sulle pagine culturali di quotidiani, di settimanali e di trasmissioni televisive, alimentando un vero e proprio laboratorio della memoria che conferisce alla Shoah qualcosa di incomparabile ed unico. In Puglia dopo l’8 settembre 1943, si determinò una situazione per certi versi unica nel contesto di una Europa ancora in guerra. Iniziarono infatti ad affluire dagli ex campi di internamento fascisti e dall’altra sponda dell’Adriatico, ebrei jugoslavi e di diverse altre nazionalità (soprattutto famiglie in fuga dal terrore nazista che dilagava nella penisola balcanica). Nei campi profughi allestiti in provincia di Bari e nel Salento, si ricostituirono comunità ebraiche, alimentate - soprattutto dopo la fine della guerra - dall’arrivo di migliaia di sopravvissuti dai «campi di morte» hitleriani. Gli ebrei si organizzarono per favorire l’emigrazione verso la Palestina e, al contempo, per dare un contributo attivo alla guerra di liberazione contro il nazifascismo. È importante all’uopo ricordare la straordinaria vicenda di Enzo Sereni, fratello di Emilio (storico ed esponente del Pci), emigrato in Palestina negli anni Venti, che si trasferì a Bari nei primi mesi del 1944 per organizzare la partecipazione degli ebrei alla resistenza italiana. Nell’estate del 1944 si fece paracadutare a Nord di Firenze. Venne, però, catturato dai tedeschi e deportato a Dachau, dove morì il 18 novembre di quell’anno.

NOCI - Si è svolto ieri presso la sala conferenze di via Pio XII, un dibattito organizzato dall'Uten di Noci sulla carta costituzionale dal titolo: "La Costituzione: ipotesi di modifica e revisione".

2008_12_13 Barsento (2)

Su una delle colline più verdi delle Murgia, si trova la ridente cittadina di Noci. Il profilo urbano è reso inconfondibile per la presenza dei due campanili e la torre dell'orologio che si alzano audacemente sopra il borgo.

La tradizione storiografica vuole che le origini della cittadina pugliese siano da ricondurre al 565 d. C, dando origine ad un piccolo castrum, che aveva preso il nome di "Castellum Nucum". Aumentò le sue dimensioni grazie all'arrivo degli sfollati abitanti dei casali vicini. Entrò a far parte del Principato di Taranto e, sotto gli Angioini, diventò "Universitas Regia". Successivamente appartenne a Giulio Antonio Acquaviva e fece parte della contea di Conversano. Divenne Ducato e seguì le vicissitudini del Regno di Napoli e del Regno d'Italia.

Tra linde viuzze sarà possibile ammirare le bellezze di questo centro storico, singolare per le architetture di antiche dimore, soprattutto di contadini. Fantasiosi comignoli in pietra ci regalano ancora atmosfere e profumi arcaici, scopriremo le tipiche edicole votive, piccoli spaccati di una profonda religiosità e dedicate soprattutto a S. Rocco. Passeggiando nel centro antico si incontrano le gnostre, piccoli spazi tra le viuzze, piene di vita, colori e profumi. La loro peculiarità è la presenza di tre lati chiusi e di un solo lato aperto verso la strada principale, a delimitare un'area che è al tempo stesso semi-pubblica e semi-privata.

Da piazza Garibaldi si entra nel ben conservato centro storico, giungendo nella piazza Plebiscito, dove si scorge la mirabile Torre dell'Orologio, eretta nel 1825, alla quale s'innesta il cinquecentesco Palazzo della Corte. Qui si affaccia la Chiesa Matrice, fondata nel XII secolo con la facciata gotico- romanica, che domina col suo campanile il centro storico. Da ammirare al suo interno il gruppo scultoreo della Madonna con il Bambino.

Per apprezzare Noci bisogna spostarsi nelle sue campagne. I muretti a secco testimoniano la mano paziente dell'uomo per addomesticare la terra alle sue esigenze per la coltivazione. Su una collinetta incontriamo la suggestiva chiesetta di S. Maria di Barsento (nella foto sopra), fatta costruire secondo la leggenda per i monaci di Sant'Equizio dal Papa Gregorio Magno nel 591.

Fuori dal centro abitato troviamo il convento benedettino della Madonna della Scala con una chiesa romanica del XII sec. Il santuario della Madonna della Croce fu fatto edificare nel 1483 in onore della Madonna, il cui affresco fu rinvenuto, secondo la tradizione, nella grotta esistente poco distante.

Numerose sono le masserie, grandi abitazioni del passato, disseminate in mezzo alle campagne, tra ulivi e mandorli in fiore. Centro della vita agraria del passato, sono veri gioielli culturali. Caratteristiche strutturali delle masserie sono gli jazzi, le corti, le cortaglie (recinti in pietra a secco per la custodia degli animali), le fogge per la raccolta dell'acqua e i tratturi per la viabilità.

Il legame con la terra passa direttamente sulla tavola: le abbondanti produzioni casearie, gli eccellenti prodotti e la riscoperta di antiche paesane ricette sono sapientemente riproposte dagli ottimi ristoranti locali,

Il vasto territorio di Noci propone molti percorsi, il più suggestivo è certamente quello denominato "I percorsi dei briganti" che segue le scorrerie dei noti banditi Scarola e Vardarelli.

04_2008_11_giornata_delle_forza_armateNOCI - Alla presenza delle autorità civili, religiose e militari si è svolta la Giornata delle Forze armate 2008. Nonostante la pioggerellina la celebrazione del 90° anniversario della fine della Grande Guerra si è svolta in maniera composta dipanandosi nei luoghi cittadini che ricordano i caduti nocesi: la lapide con i nomi di tutti i caduti nocesi posta sulla facciata della chiesa del Purgatorio e il monumento ai caduti di via Cavour.

vedi le altre foto >>

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

Altri hanno letto anche:

 

Dalla prima pagina

Necrologi

Necrologi - Sabato, 23 Febbraio 2019

Cordoglio

Necrologi - Lunedì, 11 Giugno 2018

A Liliana

Necrologi - Lunedì, 26 Febbraio 2018

Muore il Cav. Francesco Ferulli

Necrologi - Martedì, 20 Febbraio 2018

Simone Martucci, i funerali

Auguri

Auguri - Domenica, 15 Luglio 2018

Congratulazioni a Sabrina Silvestri

Auguri - Venerdì, 15 Novembre 2013

I tuoi auguri a...

Auguri - Martedì, 03 Gennaio 2012

Buon anno con il calendario di NOCI24.it

Pubblicità

Cerca nel sito

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

Ginevra

FOTO24

Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 1092 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

Pubblicità
 
 

CONTRATTI DI QUARTIERE II

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 1-4-2004

Avvio lavori P.zza Garibaldi: 11-4-2012

Fine lavori P.zza Garibaldi: 30-4-2013

Approvazione convenzione: 15-07-2014

Avvio lavori per le case: ???

Sono trascorsi:

 

FUORI CITTA'

Putignano - Deteneva illegalmente armi. Arrestato censurato del luogo.

11-08-2019

PUTIGNANO (Bari) - I Carabinieri della Stazione di Putignano in collaborazione con i militari del dipendente Nucleo Operativo e Radiomobile...

Assenteismo presso l'Ospedale San Giacomo di Monopoli: 13 arresti e decine di indagati

18-07-2019

MONOPOLI (Bari) - Nella giornata di oggi militari della Stazione Carabinieri di Monopoli e della Compagnia Carabinieri di Monopoli hanno...

Triggiano – Fermato il 6° componente della banda della BMW

06-07-2019

TRIGGIANO (Bari) - Solo 4 giorni or sono i Carabinieri della compagnia di Triggiano avevano notificato a 5  suoi congiunti...

Bari - Tre borseggiatori seriali arrestati dai carabinieri

05-07-2019

BARI - I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari Centro, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in...

Triggiano - Arrestati i componenti della banda della Bmw

02-07-2019

I Carabinieri eseguono 5 fermi di indiziato di delitto per associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti, ricettazione e...

Molfetta - Uccide a colpi di pistola un pitbull che aveva aggredito il suo cagnolino: arrestato…

31-05-2019

Molfetta (Bari) - I Carabinieri della Compagnia di Molfetta, la scorsa mattinata, hanno arrestato  un 59enne del luogo, custode in un...

MUSEO DEI RAGAZZI

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 30-11-2005

Primo stralcio: 7-06-2011

Secondo stralcio: 7-04-2014

Avvio Terzo stralcio: 29-12-2015

Conclusione Terzo stralcio: ???

Sono trascorsi:

 

PUMS

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 19-12-2014

Affidamento: 8-09-2016

Sito web dedicato al PUMS: 17-09-2016

Chiusura prima fase del PUMS: 22-12-2016

Adozione ed attuazione PUMS: ???

Sono trascorsi:

 

Facebook